Recensione Starcraft

di Tiscali News
Nel mondo degli strategici l'ennesimo titolo sembrava eccessivo, ma non dimentichiamoci chi ce lo propone, la software house capace di crare la saga di Warcraft. Ricordate le guerre tra umani e orchi? (io personalmente preferivo di gran lunga i secondi...) Se avete provato uno qualsiasi di quei titoli vi troverete come a casa, tra i comandi e la gestione risorse, specie al'inizio, quando vestirete i panni dei Terran. Ma andiamo con ordine, la prima razza che potremo comandare sarà appunto quella dei Terran, eredi dei Terrestri, spediti nello spazio alla ricerca di nuove colonie, e per vari motivi obbligati ad adeguarsi ai pianeti ostili sui quali sono dovute atterrare le loro astronavi. All' inizio tutto è pacifico, ma presto le lotte interne tra i vari schieramenti politici sfoceranno nel sangue, ma visto che la situazione non è ancora abbastanza critica due specie aliene si schiereranno conntro i Terran: i viscidi Zerg e gli ipertecnologici Protoss. Vista la crescente difficoltà per l'utilizzo delle varie razze vi sarà consigliato di iniziare coi Terran, per proseguire poi con gli zerg e infine con i Protoss, ma oltre alla difficoltà anche la storia andrà avanti di pari passo con il prosieguo delle missioni. Per ogni razza le caratteristiche sono molto varie cosi' come la gestione delle risorse(cristalli e Gas) e le tattiche di gioco, scordatevi allora la vostra classica tattica: "faccio una marea di unità da 2 soldi, quando non ci stanno piu' nello schermo li invio verso la base nemica e ne faccio polpette", chiaramente puo' funzionare in alcune missioni, ma mi sono ritrovato piu' volte massacrato anche se in notevole superiorità numerica, e poi trovare la chiave di volta utilizzando solo 5 o sei unità. Le pensate non saranno da premio Nobel, ma perlomeno uno sforzo mentale è richiesto... e vi assicuro che le ultime missioni vi daranno filo da torcere

Ma vediamo dettagliatamente le razze, i Terran sono quelli piu' vicini al canone classico degli strategici, si affidano all'adattamento, con edifici mobili (molto utili), e sfruttamento delle risorse non troppo dispendioso, si possono difendere molto bene e hanno nei Siege Tank i mezzi sicuramente migliori: carri d'assalto che arrecano notevoli danni già normalmente, ma che possono all'occorrenza trasformarsi in mezzi di artiglieria fissa al suolo, difendendoli con i versatili Mech risultano una potenza distruttiva. I Terran hanno la possibilità di riparare tutti i mezzi ed edifici, con il semplice utilizzo degli SCV che al tempo stesso sono portatori di gemme e di Gas Vespene. La produzione è effettuabile tramite 2 edifici predisposti, uno per i mezzi e uno per gli umani, e la quantità di unità prodotte non deve mai eccedere la presenza di fattorie, essenziali per il sostentamento. La seconda razza con cui avremo a che fare è quella degli Zerg: i miei preferiti.. fanno della violenza e della ferocia l'arma migliore, ogni unità, mezzo ed edificio sono totalmente organici, ottenibili da mutazioni di larve primordiali, economicità al potere e sfruttamento della gran quantità di risorse organiche fanno di questa razza una delle piu' temibili. Esiste inoltre la possibilità di nascondere sotto terra quasi tutte le unità terrestri. Per le costruzioni, in questo caso non si parla di riparazioni, ma vista la natura organica, sia le unità che gli edifici possono guarire lentamente, inoltre la creazione degli stessi è molto pratica: il Vivaio produce con continuità delle larve ch possono essere mutate in una o piu' fasi in tutti i mezzi disponibili. Infine i Protoss, potere all'intelligenza e alla forza psionica, possono con poche unità scatenare forze incredibili e spazzare via interi eserciti avversari. Anche qui non è possibile curare o riparare, ma è possiblie ripristinare il potere degli scudi tramite appositi edifici, quindi una unità con un solo punto di energia, se opportunamente ricaricata potrà sostenere comunque una lunga battaglia. Gli edifici Protoss devono essere costruiti all' interno di aree energetiche costituite dai piloni Psionici

Per il dipanarsi della storia, sono notevolmente importanti gli eroi, talvolta dotati di poteri speciali, che necessariamente per essere tali devono sopravvivere ad ogni costo durante le missioni, (in pratica vi troverete a isolare in posizione decentrata e ben difesa i vostri eroi in modo da non perderli accidentalmente nel corso di uno scontro, visto che solitamente solo alla fine della missione dovrete utilizzarlo).Le missioni: sono di vario tipo , anche se simili tra razza e razza, di solito in esterni, su vari pianeti, e talvolta, ma veramente pochi in interni. Si va dal classico, "sgomina completamente tutti gli avversari", al "libera Tal dei Tali", al "distruggi il Cannone", ma la cosa relativamente nuova è la presenza di nuovi obiettivi, che si presentano solo dopo l'inizio della missione, come ad esempio una missione a tempo, che si tramuta in un distruggi tutto il possibile. Come detto a differenza dei classici giochi con due schieramenti, talvolta molto simili, in cui bastava trovare il punto debole dello schieramento e le missioni si svolgevano in modo uguale dall'inizio alla fine, qui tutto si fa piu' vario: ci troveremo a combattere tutte e tre le popolazioni, visto che sovente anche la la nostra stessa popolazione, sotto forma di ribelli e/o avversari politici, sarà nostra avversaria. Tattiche differenti saranno necessarie, perchè mentre per una razza saranno fatali alcune unità , dall'altra ce le vedremo sgominare in 2 secondi

Ma parliamo dell'intelligenza artificiale, e della forza degli avversari, qui purtroppo non mi sembra che ci siano grandi cambiamenti, le truppe tendono ad impastarsi in scenari troppo angusti, e i nemici, non sono poi troppo intelligenti, anche se talvolta vanno in clamorosa ritirata, per magari attirarci in trappole, ma è da vedere se questo è voluto o meno... Problema che mi si presenta sin dai tempi di Warcraft è quello delle unità produttive, che costruendo edifici tutto attorno rimangono intrappolate tra essi, senza possibilità di uscita, vista l'impossibilità di vendere gli edifici o di (pazzia) autodistruggerseli. Positiva pero' la scelta della difficoltà crescente di razza in razza, ma specialmente di missione in missione, tanto che le finali di ogni razza sono veramente ardue e possono impegnare per alcune ore. In altre missioni ci troveremo in situazioni di stallo nei primi momenti, tanto da rischiare la disfatta, ma poi aumentata la produzione faremo polpette degli avversari. Io ho particolarmentye apprezzato le situazioni di assedio da parte dei nemici, specie gli zerg, veramente temibili se siete un terran, o le situazioni miste nelle quali dovrete difendere ad esempio gli Zerg, che dal canto loro invece continueranno ad attaccarvi, e sgominare i Protoss

Se siete appassionati di fantascienza apprezzerete le ambientazioni, i filmati (pochi ma alcuni veramente realizzati bene)e i mezzi, nonchè le esplosioni in alcune occasioni vagamente splatter, con sangue a fiumi; non so fino a che punto le citazioni non siano volute, ma sicuramente Starship Troopers e Alien insegnano..

La grafica è di grande impatto, scenari molto colorati e di vario tipo (in finto 3D, ma veramente realizzato bene), si passa dal pianeta vulcanico, a quello ricoperto di vegetazione, passando per lande deserte abitate da strani animali (ininfluenti ai fini del gioco se non per la caratteristica di mettersi in mezzo a rompere quando state pianificando la costruzione di un edificio :) ). Le caratteristiche del terreno quali altezza o esitenza di suolo accidentato posono essere sfruttati per tattiche vincenti

Le unità sono molto belle e "cattive", con animazioni molto curate e con suoni realmente all'altezza, gli edifici, sono un po' difficili da riconoscere le prime volte, rendendo difficoltoso l'approccio con una nuova razza, ma tutto si risolve nelle prime due missioni. La colonna sonora, diversa per ogni tipo di schieramento è molto d'atmosfera, e si adatta alle caretteristiche di ognuno, alternando pezzi lenti ad altri tiratissimi. Beh che dire, vi rimando per commenti e altra amenità alle apposite sezioni, non dimenticando di ringraziare la Leader S.p.a. per la copia del gioco fornitaci.

8
Nulla di nuovo sotto il sole, ma comunque un gioco impareggiabile sia a livello di qualità grafica che di giocabilità e longevità. Oltre alle trenta missioni Single Player è possibile giocare fino a 8 in internet su www.Battle.net , il bellissimo editor incluso nel Cd poi permette di creare su misura scenari e missioni di vario tipo, con obiettivi e unità completamente configurabili. <br /><br />Tra i difetti , se vogliamo proprio trovarli, la impossibilità di selezionare piu' di 12 unità per volta, il già citato impastarsi tra gli elementi dello scenario, comunque abbastanza raro delle unità e una tendenza al suicidio di alcuni tipi di mezzi, che se attacati , inseguono il nemico fin dentro le file nemiche.Comunque nulla di grave. <br /><br />Sicuramente l'eredità della saga di Warcraft è stata raccolta, e ora aspettiamo cosa ci riserverà il futuro: la sfida degli strategici tra Blizzard e Westwood ha un nuovo concorrente. <br /><br />Dax<br /><br />Starcraft è un signor prodotto, nonostante non offra nulla di &quot;realmente&quot; nuovo e sia in definitiva un Warcraft 2 futuristico, ha dalla sua una trama di rara bellezza e un'atmosfera che si fonde col gioco in maniera magistrale. La storia si evolve non solo nei filmati (cinematograficamente perfetti) ma anche durante le missioni riuscendo a coinvolgere il giocatore con i suoi innumerevoli colpi di scena.<br /><br />L'editor è completo ed allo stesso tempo molto intuitivo. Se avete la possibilità di giocare in multiplayer fatelo, un avversario umano usa strategie molto più imprevedibili e sopratutto è molto più gustoso da sterminare ;). Se siete saturi degli strategici in tempo reale vi posso capire, anche perchè a livello di gioco vero e proprio Starcraft offre poche novità, ma la verità è che io c'ho passato le nottate e questo per me è il semaforo verde per eccellenza quando devo giudicare un gioco !!! <br /><br />P.S.<br /><br />Vi consiglio di completare in ordine le missioni delle varie razze, altrimenti vi rovinereste la trama (infatti il finale vero e proprio è quello dei Protoss). <br /><br />Ugo&quot;Boba-Fett&quot;Laviano