Recensione S.W.I.N.E.

di Tommaso Alisonno

NON AVRETE MAI LE NOSTRE CAROTE!!!

Nella repubblica dei Maiali, il dittatore Iron Task assume il potere con la forza e aggredisce in forze la vicina Carrotland, occupata dai pacifici Conigli, intenzionato a conquistare quante più piantagioni di carote possibile. Essendo l'attacco inaspettato, le prime battaglie si concludono con schiaccianti vittorie per i Suini, ma i Roditori non perdono tempo e, approfittando del fatto che l'esercito S.W.I.N.E. deve anche contrastare forze interne ribelli, passano alla riorganizzazione ed al contrattacco.

Una favoletta? Non credo: qui i simpatici animali da fattoria si vestono da strateghi e si sparano pesanti cannonate!!!

UNO STRATEGICO (semi)SERIO

S.W.I.N.E., dal nome dell'esercito Suino (in inglese "swine" è proprio un sinonimo di "pig"), è uno strategico in tempo reale (RTS). Questo significa che saremo chiamati a prendere il controllo delle nostre truppe e a condurle verso il completamento di determinate missioni muovendole su una mappa (per l'occasione in 3D) e combattendo contro le truppe avversarie assolutamente in tempo reale (cioè non a turni).

Nello specifico, il titolo dei FishTank si basa molto sull'aspetto tecnico dell'infiltrazione, fornendo al giocatore poche unità per volta ed un obbiettivo da portare a termine con estrema cautela, studiando attentamente il territorio ed i percorsi migliori in modo da poter usufruire del maggior numero di vantaggi territoriali e di non cadere in subdole trappole. Ma la libertà temporale non sarà assoluta: l'avversario pattuglierà costantemente le varie zone e saprà prendere le adeguate contromisure in casi di assalto.

Insomma: non sarà un volgare massacro, ma neppure una partita a scacchi...

LA NOVELLA BATRACOMIOMACHIA

La Batracomiomachia è un poemetto epico (attribuito ad Omero) in cui viene raccontata la guerra tra una popolazione di Rane e una di Topi, ma che in realtà vuol essere una parodia della guerra di Troia, già stravista nell'Iliade.

Allo stesso modo, S.W.I.N.E. è indubbiamente una parodia della Seconda Guerra Mondiale. Infatti, oltre ad ispirarsi ad un livello tecnologico (veicoli e strutture) proprio degli anni '40, è innegabile che le popolazioni dei Conigli (che parlano con la "R moscia" e tendendo a mettere gli accenti alla fine delle parole) e dei Maiali (che invece parlano in modo gutturale enfatizzando le consonanti) siano ispirate alle due maggiori potenze europee del Secondo Conflitto.

Anche se le similitudini si fermano qui (non vi troverete, per esempio, a ripercorrere fasi della guerra), è da lodare l'iniziativa dei FishTank di costruire un gioco ispirandosi ad un preciso periodo storico senza però riesumarne i tristi ricordi e, soprattutto, in maniera tale che nessuno possa sentirsi offeso, come invece è successo per titoli del calibro di Return to Castle Wolfenstein o RedAlert.

Dopotutto, qui i cattivi sono e restano dei Maiali dalle zanne prominenti!

INTERFACCIA DI GIOCO E UNITA'

Il gioco è estremamente immediato, e si appoggia alla più che collaudata interfaccia "punta-e-clicca": con il tasto sinistro si selezionano le unità, facendo comparire in basso a destra un menù con i possibili comandi, i quali solitamente consistono (salvo casi particolari) in "Muovi", "Attacca" e "Utilizzo Speciale". Una volta selezionato il comando desiderato, un ulteriore click sull'obbiettivo consentirà all'unità di agire. Per le azioni più elementari, vale a dire il movimento e l'attacco, è inoltre possibile, anziché perdere tempo a selezionare l'azione nel menù, cliccare direttamente sul bersaglio col tasto destro.

Il movimento delle unità è più complesso di molti altri titoli di questo genere dato che gli sviluppatori hanno scelto di renderlo il più verosimile possibile: essendo tutti dei veicoli a 4 ruote o a cigoli, non potranno girare su se stessi agevolmente né spostarsi lateralmente. Insomma: per farla breve, negli spostamenti più angusti i veicoli dovranno proprio "FARE MANOVRA", spostandosi avanti e indietro, modificando di volta in volta (automaticamente) lo sterzo. Chiunque abbia la patente sa che queste operazioni richiedono il loro tempo, pertanto cercate sempre di assicurarvi che non solo la posizione ma anche il direzionamento delle truppe sia adeguato al vostro schieramento.

Le varie unità a disposizione, per quanto uguali tra Conigli e Maiali, sono tutte peculiari ed hanno un diverso utilizzo. Per esempio, il "Light Tank" (Carro Armato Leggero) può muoversi ed attaccare tranquillamente, oppure può, con l'Utilizzo Speciale, interrarsi fino a far sporgere solo la torretta, diventando immobile ma molto più protetto. Lo stesso comando gli permetterà successivamente di riemergere, tornando così alla configurazione originale.

Alcune unità non possono attaccare, ma hanno altri utilizzi: è il caso della Jeep di Comando, che ha il miglior campo visivo ed è un ottimo ricognitore, oltre a poter richiedere un Attacco Aereo (dietro spesa di Punti Strategia, vedi oltre). Altro mezzo inoffensivo ma molto importante è la Gru, che permette di trasportare mezzi estremamente danneggiati fino alle stazioni di rifornimento o viceversa.

Le stazioni di riferimento, per quanto trainabili con una gru, sono dei mezzi "neutrali", nel senso che chiunque può appropinquarvi una sua unità e chiedere il rifornimento. Ne esistono di tre tipi: quelle che riforniscono di carburante (al termine del quale il mezzo non può muoversi), quelle che ricaricano la scorta di munizioni ed, infine, quelle che operano le riparazioni. Una stazione di rifornimento ha comunque un utilizzo limitato.

Un'unità estremamente danneggiata non può più né muoversi né attaccare, ma solo quando è completamente distrutta (colpo di grazia) è persa del tutto: fino a quel momento, la si può riparare e riportare allo stato originario.

Durante tutto il gioco, cosa da segnalare, non ci troveremo mai a dover gestire delle costruzioni o delle risorse: l'idea, molto ben realizzata, è di prendere in esame brevi scenari conflittuali, che abbiano un presupposto nella trama, un obbiettivo ben preciso da conseguire nel minor tempo possibile ed una dotazione di truppe sufficiente alla bisogna. Insomma: anche se parlando di Conigli e Maiali è difficile da credere, la simulazione è molto più realistica di tanti altri giochi.

IL GIOCO IN SINGLEPLAYER

Una volta superato il semplicissimo Tutorial (opzionale, ma come sempre consigliato) possiamo decidere se impersonare i Conigli o i Maiali. Le due campagne sono sensibilmente differenti, sia dal punto di vista delle mappe e delle missioni, sia dalla difficoltà concettuale: le missioni dei Maiali sono infatti più complesse nonché dedicate a utenti che abbiano già preso confidenza, se non con questo gioco particolare, perlomeno con un altro RTS, mentre le missioni dei Conigli hanno un approccio più immediato e progressivo. In ogni caso, è possibile scegliere il livello di difficoltà di entrambe le campagne tra tre disponibili, rendendo la campagna dei Maiali accessibile anche ai neofiti e quella dei Conigli appetibile per i più "navigati".

All'inizio di ogni missione ci verrà dato, oltre ad un obbiettivo, un certo tot di unità (non si può parlare di truppe perché sono sempre su cingoli o ruote), che solitamente sono le stesse che ci porteremo avanti sin dalla prima missione. Queste unità, a furia di vincere combattimenti, otterranno degli avanzamenti di carriera, diventando da principio "veterane" e poi via via sempre più "anziane". Un'unità più anziana sarà in grado di provocare più danno agli avversari, oltre ad altri vantaggi.

Al termine di ogni missione otterremo dei "Punti Strategia". Questi punti potranno essere spesi per avere a disposizione unità extra all'inizio della successiva missione (anche stazioni di rifornimento), o per acquistare dei power-ups per le unità (più armatura, più munizioni, eccetera), o ancora conservati per essere usati in missione per effettuare il bombardamento aereo o per richiedere altre unità (come all'inizio della missione). NB: le unità "acquistate", sia prima che durante una missione, valgono solo per quella specifica missione e sono comunque perse al termine... decidete voi se preferite avere da subito una buona armata, anche se poi potrebbe risultare eccessiva, o se preferite conservare i punti per poter correre ai ripari in un secondo momento.

IL GIOCO IN MULTIPLAYER

Il gioco supporta in MultiPlayer sino a otto partecipanti, sia esso su LAN, su server dedicato o attraverso i server di GameSpy. Le modalità di gioco sono quattro.

Il DEATHMATCH non ci vedrà, naturalmente, a rincorrerci tra tortuosi corridoi con fucili o bazooka in mano, ma il risultato è il medesimo: lo scopo sarà quello di massacrarsi a vicenda.

La modalità COUNTDOWN non differirà dal DM se non per il fatto che sarà presente un limite di tempo.

Nella modalità DOMINATION comparirà una bandiera da conquistare e mantenere per il maggior tempo possibile: così facendo si otterranno Punti Strategia per acquistare nuovi veicoli.

La CAPTURE THE FLAG è simile alla Domination, ma per ottenere punti non sarà sufficiente conquistare la bandiera ma bensì portarla sino alla propria base.

EALIZZAZIONE TECNICA

Dal punto di vista grafico, S.W.I.N.E. è bello, pur non essendo eccelso. I modelli delle varie unità, delle strutture e di tutti gli elementi scenici sono molto ben realizzati, proporzionati e con un certo non so ché di cartonoso che, data l'ambientazione, non può che far piacere. Le texture applicate sono anch'esse molto ben curate, risultando molto colorate e al tempo stesso adeguate alle strutture militari, che invece richiedono particolari colori piuttosto che altri. La mappa è realizzata interamente i 3D, ed in essa l'inquadratura può essere ruotata in tutte le direzioni (compreso il Pitch e lo zoom), permettendoci di avere ogni volta la migliore angolature per inquadrare le nostre truppe ed il mondo circostante.

Gli effetti grafici sono invece limitati: i proiettili, anche quelli grossi di artiglieria, si limitano ad essere delle scie di fumo grigiastro, e le esplosioni sono prive di fiamme. Che questo sia stato fatto per rendere il gioco adatto anche ad un pubblico più giovane? Mi sembra strano, perché il livello strategico è comunque elevato, e comunque non sarebbe stato male un Parental Lock... oltre al fatto che non vedo cosa ci sarebbe da censurare in una fiammata.

Gli effetti sonori sono ben realizzati, ma se si fa eccezione per il menù principale (in due versioni, a seconda se l'ultimo salvataggio è relativo a una o all'altra campagna) il gioco è privo di musica. Peccato, perché per quanto il cinguettio degli uccellini sia piacevole, è innegabile che qualcosa di più vario non avrebbe sicuramente guastato.

All'inizio di determinate missioni potremo gustarci dei filmati che in realtà sono delle piccole scenette semicomiche realizzate con un pregevole 3D: niente di paradossale come in Worms (il gioco tenta sempre di rimanere verosimile se non per i protagonisti), ma comunque in grado di regalarci un sottile sorriso o anche qualche bella risata (troppo bello vedere il Tank dei Maiali ignaro di essere inseguito dai Tank Conigli camuffati da case).

GIOCABILITA' E LONGEVITA'

Come ho già avuto modo di segnalare in un paio di occasioni, il gioco e decisamente accattivante: l'interfaccia semplice e immediata lo rende subito giocabile, ma la complessità, non intesa come "difficoltà", ma proprio come la cura dei particolari tattici e simulativi, lo rende altresì una sfida per l'intelletto. La possibilità di salvare a piacimento, inoltre, permette di ovviare al problema di molti strategici di dover iniziare da capo missioni durate anche intere ore per colpa di un errore banale.

Infine, la presenza di tre livelli di difficoltà, di due campagne differenti e del MultiPlayer lo rende un buon titolo anche a lungo termine. Peccato, forse, per l'eccessiva somiglianza tra Conigli e Maiali (dopotutto hanno le stesse unità), ma se non fosse stato così si sarebbe perso quel livello di realisticità che, invece, traspare in tutto il titolo.

CONCLUSIONI

S.W.I.N.E. mi ha stupito e mi ha convinto. Stupito, perché quando ne ho sentito parlare ho stolidamente creduto che un gioco coi Maiali fosse, per antonomasia, una "maialata", mentre invece è un prodotto veramente intrigante; convinto, perché nella sua semplicità e contemporaneamente accuratezza per la realisticità e la tattica ha dimostrato di essere un titolo veramente valido.

Obbligatorio per tutti gli appassionati di RTS e sinceramente consigliato anche agli altri.

7
Per quanto l'idea di schierare eserciti contrapposti di Conigli e Maiali, salvo poi scoprire che si tratta di una metafora, possa da principio far supporre ad un gioco di stampo infantile, S.W.I.N.E. si rivela in realtà un titolo estremamente curato sia sotto l'aspetto tecnico sia nelle tattiche da adottare. La mancanza di strutture da governare unità all'esiguità delle truppe a disposizione lo rende un gioco molto riflessivo: non sottovalutatelo assolutamente.