Recensione Sports Connection

Lo sport debutta anche su Wii U!

di Lorenzo Cortesini
Di giochi sportivi negli ultimi sei anni ne sono usciti tanti, ma nessuno è riuscito a scalzare la giocabilità (seppure le opzioni siano ridotte ai minimi termini) di Wii sport. Sarà stata la novità del sistema di controllo, ma il gioco sportivo targato Nintendo ha fatto la storia dei giochi “party casual” e ha dato il via alla produzione di tantissimi giochi dedicati alle famiglie.

Sports Connection rientra nella cerchia dedicata a questi giochi e mira a far dimenticare il titolo di casa Kyoto che ha appassionato milioni di persone.

Mii? No, grazie!

Da ormai 6 anni i nostri alterego virtuali chiamati Mii ci seguono in ogni nostro gioco Nintendo. Che sia un titolo sportivo oppure un Party Game o semplicemente un gioco di Mario loro sono sempre con noi. In “Sports connection” non è cosi! Il gioco dà all'utente la possibilità di creare avatar personalizzati con un sistema di creazione davvero magro, che potranno essere utilizzati in corso d'opera al contrario dei Mii. Non è sicuramente un punto fondamentale all'interno del gioco ma vista l'esistenza e la possibilità di poterli utilizzare nei giochi perché non farlo?

Sei sports, zero divertimento.

In Sports Connection sono presenti 6 diverse discipline: Tennis, Golf, Calcio, Kart, Football Americano e Baseball. Considerando il prezzo del gioco e le potenzialità della nuova console Nintendo gli sport presenti sono decisamente scarsi e poco originali.

Tennis

Come in tutti gli sport presenti, in Sports Connection anche il tennis si affida a due diverse modalità di gioco: Partita e Palla di cannone.

La prima opzione è la classica partita 1Vs1 o 2Vs2 da giocare in compagnia di uno o più amici o da soli contro la Cpu. Per giocare si può utilizzare sia il remote Wii sia il pad Wii U, anche se personalmente consiglio di utilizzare i remote che sono più precisi e garantiscono un divertimento maggiore. In questa configuarazione il sistema di controllo risulta, infatti, abbastanza preciso (la pallina può essere indirizzata grazie al motion plus), al contrario di quanto accade con il controller "classico" per Wii U a causa della necessità di tracciare delle linee nel Touch screen per dare la direzione alla palla. Se vogliamo eseguire una palla veloce bisogna tracciare la linea più velocemente e quando si riceve bisogna stare attenti ad azzeccare anche il tempo giusto. Come idea è sicuramente azzeccata ma non essendo molto preciso risulta alla lunga piuttosto snervante. Di tutte le discipline presenti in “Sports Connection” questa è sicuramente la più divertente anche perché utilizza un sistema già rodato dai predecessori.

Golf

Anche in questa disciplina sportiva sono presenti due differenti modalità di gioco: Partita a Colpi e Caddie.  La prima è la classica partita di golf dove il giocatore deve raggiungere con il minor numero di colpi la buca. Anche in questo sport, come nel tennis il sistema di controllo è abbastanza preciso grazie al “remote plus”.

Anche la seconda modalità è la classica partita a golf, con l'unica differenza che potrà essere affrontata in due. In questo caso, ad un giocatore uno spetterà il compito di esegue i colpi (remote plus) mentre all'altro, con l'ausilio dello schermo del controller Wii U, sarà riservato l'onere di presentare il campo da gioco, le mazze da utilizzare e gli eventuali ostacoli presenti.

Calcio

in questa disciplina sportiva possiamo cimentarci in due modalità: Partita e calci di rigore.

La prima modalità ci permette di giocare una partita di calcio a cinque contro l'IA oppure contro o insieme ad uno o più amici. Per giocare si può utilizzare sia il remote che il Wii U controller. Il sistema di controllo semplificato richiede un po' di pratica in quanto si gioca utilizzando solo due tasti più la croce direzionale (o l'analogico nel pad Wii U). Premendo rapidamente il tasto 1 il giocatore esegue un passaggio, tenendolo premuto calcia in porta e premendolo due volte in sequenza si produce nel pallonetto, mentre il tasto 2 serve solo per aumentare l'intensità della corsa.

Nella modalità calci di rigore, come dice il nome stesso, bisogna calciare o parare una serie di cinque rigori. In questo caso si può giocare solo in due: uno utilizza il remote per parare i rigori mentre l'altro utilizza il pad per calciare disegnando la traiettoria nel touch screen. L'idea sicuramente è buona ma il sistema di controllo risulta poco preciso, il remote va calibrato in continuazione e le traiettorie disegnate sul touch screen non vengono riconosciute al 100% rendendo il gioco banale e noioso.

 

Kart

Le due modalità del kart sono Gara e prova a tempo. Anche in questa disciplina si possono utilizzare sia il remote che il controller Wii U. Il remote va messo in posizione orizzontale e impugnato all'estremità, possiamo decidere se utilizzare il remote utilizzando il sensore di movimento (muovendolo come se impugnassimo un volante) oppure attraverso i controlli classici come la croce direzionale e i pulsanti 1 e 2. Anche il controller Wii U può essere utilizzato nei modi appena elencati, con la differenza che sul controller Wii U per accelerare e frenare dovranno essere utilizzati i tasti dorsali e che il gioco sarà visualizzato nello schermo presente nel pad. Il gioco risulta assai divertente e sfidarsi con gli amici lo rende più apprezzabile ma, come succede negli altri sport, il sistema di controllo non reagisce bene risultando poco preciso.

Baseball e Football americano

In questi due sport le due modalità di gioco sono le stesse: amichevole e torneo. La prima modalità consente al giocatore di giocare una partita singola contro la Cpu oppure contro un amico mentre la modalità torneo consente al giocatore di svolgere più partite cercando di vincere più gare di fila per potersi aggiudicare il trofeo finale. In entrambi gli sport si devono utilizzare i due sistemi di controllo: il remote nel baseball serve per colpire la palla con la mazza mentre nel Football americano serve per comandare il Quarterback che deve lanciare la palla. Nel baseball il controller Wii U viene utilizzato per lanciare disegnando le traiettorie nello schermo mentre nel football americano serve solamente per scegliere la tattica difensiva da utilizzare. Entrambi gli sport sono sicuramente i peggiori presenti nel gioco. Cercare di battere la palla con il remote che perde la sincronizzazione ogni pochi secondi mette alla prova anche il giocatore più paziente, ma il fondo lo si tocca quando si cerca di effettuare un lancio preciso con l'ausilio del remote: un‘impresa davvero titanica.

Grafica e Sonoro

Al pari di altri titoli del genere, anche Sports Connection non fa sicuramente della grafica il proprio punto di forza, ma un minimo di cura in più sicuramente sarebbe stata accolta a braccia aperte. Le animazioni sono scarne e con parecchi difetti, i fondali sono poco curati, ripetitivi e con effetti di luce quasi inesistenti. Gli avatar sono poco personalizzabili e disegnati male. Le musiche sono orecchiabili ma ripetitive, alla lunga stancano e vien voglia di giocare senza audio. Gli effetti sonori delle varie discipline sportive sono accettabili e sincronizzati con ciò che accade sullo schermo.

4
Sicuramente dal seguito spirituale di <strong>Wii Sport</strong> ci si aspettava decisamente di più. Il gioco fa acqua da tutte le parti e dà l'impressione che Ubisoft vedendo la mancanza di un titolo sportivo nella Line-up di lancio della Wii U abbia voluto affrettare i tempi di uscita, creando un gioco magro, senza un minimo di originalità e con una giocabilità ridotta ai minimi termini. I tempi di caricamento sono lunghi e aumentando il numero dei giocatori aumentano proporzionalmente. Il gioco è creato per le famiglie che vogliono divertirsi insieme ma gli unici giochi in grado di intrattenere i giocatori per più di 15 minuti sono il tennis (molto simile alla versione Wii sport) e il Kart. Non esiste una modalità online, che avrebbe aumentato la giocabilità dando la possibilità al giocatore di sfidare altri utenti collegati da ogni parte del mondo.