Recensione Raimbow Six: Eaglewatch

di Tiscali News
Il 1998 ci ha portato numerosi giochi alla Quake perciò distinguersi dalla mischia non era facile, specie in un momento in cui il fenomeno Unreal ha fatto da lezione, ovvero varietà di motori grafici e soprattutto nuove modalità di gioco che non siano necessariamente il solito spara a qualsiasi cosa si muova, oppure trova la chiave. Rainbow Six di Tom Clancy's è stato un fenomeno, forse non recepito abbastanza in Italia, ma altrove è un vero best-seller. In effetti, un motivo per spaventarsi davanti a questo titolo c'è, ovvero tutta la parte del piano, che se mal congegnato non ti fa passare il livello, e per uno come me (e come penso molti di voi) che ama solo la parte "pratica" non appena presa confidenza con il menu e tutte le altre fasi di preparazione mi sono sentito come uno dell'A-Team, (un noto film televisivo d'azione degli anni 80) e sfornare piani ed aggiustarli in un secondo tentativo mi ha sorprendentemente divertito

Rainbow Six è una squadra dei reparti speciali di polizia alle dipendenze dell'ONU (questo vuol ricordare che i membri vengono da tutte le polizie del mondo) con uomini specializzati in vari campi d'azione (tiratori di precisione, esplosivi, intrusioni elettroniche etc.), perfettamente addestrati a sgominare qualsiasi terrorista od organizzazione malavitosa. Solitamente il loro campo d'intervento sono i sequestri di persona, disinnesco di bombe ma anche silenziosissime azioni di controspionaggio. Come dicevo all'inizio la parte preparatoria del piano d'azione è importantissima. Una volta preso atto delle sporadiche informazioni sull'accaduto potrete scegliere gli uomini che prenderanno parte all'azione e dividerli in un massimo di quattro squadre (è importante sapere che se uno di questi "crepa" risulterà deceduto e di conseguenza non selezionabile nelle missioni successive), quindi scegliere vestiario (ce ne sono di diversi tipi e colori, si sceglie in base al luogo ma anche in base all'azione, un poliziotto veloce non può di certo correre più veloce con una corazza!) e le sue armi nonché riempire le tasche in dotazione con bombe o munizioni di scorta, vi sarà utile sapere che potrete effettuare queste scelte anche per singolo militare. Passate queste velocissime operazioni, vi ritroverete davanti alla mappa, qui deciderete il da farsi. La pianificazione avviene per squadre, in altre parole queste si muoveranno per waypoint e potranno effettuare varie azioni quali scortare o fare un blitz, a video sono segnati dove potrebbero essere i terroristi e dove sono presumibilmente gli ostaggi

Purtroppo la mappa anche con il supporto 3D (in pratica la potrete vederla tridimensionalmente) spesso non rende l'idea su quello che è la "realtà", e quindi non si comprende esattamente quando siete su un terrazzo o se dovete aprire una porta, sempre che ce ne sia una. In ogni caso il piano è li per essere perfezionato, l'azione ovviamente è tutt'altra cosa. Mentre i vostri uomini fanno quello che voi avete programmato un minuto prima, voi dovrete fare la vostra parte. Ricordatevi che non state giocando a Quake, non potete permettervi il lusso di essere colpiti se non lievemente di striscio, qua non esiste la vita al 100 o 50% ma un solo colpo e siete fritti, ed è anche questo un aspetto elettrizzante del gioco. Personalmente sono stato ad ascoltare eventuali movimenti e a muovermi più furtivamente possibile, ma state certi che anche i vostri avversari non si faranno vedere tanto facilmente, tanto che ho fatto più di qualche salto sulla sedia per lo spavento!

Le armi sono varie ma ne potrete portare due per volta, una pesante (di solito un mitra con silenziatore) e una pistola, nonché due alloggiamenti per bombe a mano, munizioni o flashbang (sono dei mortaretti che accecano momentaneamente l'avversario) oppure qualcosa di più artificioso come un sensore di battiti cardiaci o kit elettronici per l'apertura rapida delle porte bloccate, sempre che non vogliate far saltare in aria rumorosamente le stesse con una bella carica al plastico!!

Riguardo al sensore di battiti cardiaci vi consiglio di "farlo" usare al vostro secondo uomo, quello che vi segue, si perché selezionando da due sino a quattro componenti per squadra, in azione sarete seguiti come ombre dai restanti membri del team. Questo si traduce in vantaggi e svantaggi, ovvero se dovete fare retromarcia veloce qualcuno la dietro vi ostacolerà la strada, ma se sarete attaccati alle spalle o da altre direzioni i vostri fedeli amici vi proteggeranno, e comunque con un apposito comando potrete "parcheggiare" il resto del gruppo per muoversi liberamente da soli, attenti che per richiamarli dovrete ritornare dinanzi a loro e impartirgli il comando

Graficamente il gioco è molto appagante, il mondo 3D è parecchio curato specie le località dell'Add-on che riprendono luoghi reali come la casa bianca. Mancano gli effetti ombra e qualche altra chicca che sicuramente gusteremo nel seguito previsto per l'autunno di quest'anno, ma comunque sono tutti particolari che non "pesano" sul giudizio finale del prodotto. Le skin sono realistiche, anche se quasi tutti i personaggi sembrano "spilungoni" alti due metri, le divise sono ben realizzate con dovizia di particolari, e quando verrete feriti la zona interessata sarà macchiata di sangue, mentre gli avversari sono quasi tutti somaticamente diversi anche come corporatura e tipo di vestiario (in un'azione ho visto un terrorista con le somatiche tipiche del medio oriente vestito con una tuta dell'Adidas)

Il gioco dopo la patch (durante l'installazione d'Eagle Watch, procedente automaticamente al controllo ed eventuale "patchaggio" del prodotto originale) e' esente da bug, il tempo di caricamento della pretattica e dei livelli sono accettabile, l'unica cosa che veramente non mi è piaciuta riguarda il fatto che quando vi accucciate in azione (comando crunch) non potrete muovervi in avanti o indietro, costringendovi ad uscire allo scoperto oppure a "cangureggiare" pericolosamente mi auguro proprio che nel seguito rivedano questo comando... La sezione multiplayer presenta un'altra piacevolissima sorpresa. Ovviamente manca di tutta la parte della pianificazione a "tavolino" e si accede direttamente a quella pratica. Si può comandare un uomo solo oppure una squadra di quattro Rainbow, sono supportate oltre al cooperative il deathmatch e nuovi mod come l'Assassin, lo Scatter, Scatter Assassin, Team Terrorist Hunt, Scatter Team Terrorist Hunt e Save the Base simile al Capture the Flag di Quake. Da notare che, esattamente come nel single player, anche qui basta un colpo per restare Gibbati o gibbare quindi niente medicine o palliativi simili. Il gioco è supportato in Internet da servizi gratuiti come Mplayer http://www.mplayer.com/ e Zone http://www.zone.com/. Ho provato per voi personalmente entrambi i servizi, ma purtroppo le infrastrutture telematiche italiane, non ci consentono di giocare con una latenza accettabile presso questi server, un vero peccato anche perché gli appassionati di questo titolo erano veramente tanti...

7
Quest'Add-on non fa altro che confermare la bontà del prodotto originale, personalmente credo la seconda miglior realizzazione del 98... dopo Half Life ovviamente. Lo consiglio vivamente a tutti i quakers ma anche a chi, di quel genere, non ne sopporta la continua pressione data dai continui eventi che si susseguono nel gioco, oppure a chi piace la simulazione reale, senza contare la soddisfazione che avrete quando il piano che avete congegnato per far rispettare la legge ha funzionato come un orologio svizzero.<br /><br />Personalmente mi sono gasato parecchio quando mi sono trovato ad entrare in una stanza, mentre da un'altra entrata arrivano in copertura i miei compagni, il tutto in pure stile film americano, addirittura se le operazioni si svolgono senza intoppi un livello potrebbe essere risolto in un minuto o poco meno, oppure protrarsi per quasi un'ora se un malvivente riesce a dare l'allarme, ragazzi non perdetevi questo best-seller dei videogame!!