Recensione Kiss Pinball

di Tiscali News
Kiss-Pinball è chiaramente un simulatore di pinball (o flipper come normalmente denominato in Italia, termine che in realtà riguarda i respingenti che si usano per colpire la pallina), creato dalla australiana WildFire Studios, già nota al popolo dei giocatori per la saga di pinball "Balls of Steel"

I tavoli a disposizione in questo prodotto sono due, con temi leggermente differenti, "Last Stop Oblivion" riguarda i Kiss come gruppo rock, i loro concerti, i gadget e quanto altro possa ricordare questa band che furoreggia da oltre 30 anni in tutto il mondo. Il secondo tavolo, molto più "mistico e spirituale" è denominato "Netherworld" e si ispira alla classica storia del bene contro il male, con i Kiss a farla da padroni

DUE TAVOLI, UN GRUPPO

"Last Stop: Oblivion" riguarda appunto i il gruppo ed i suoi concerti: i Kiss sono finalmente tornati in città pronti con i loro assoli di chitarra o di batteria, lo scopo principale è quello di riuscire a prendere l'aereo e visitare tutte le città sedi di concerti, collezionando ovviamente ogni genere di merchandise o addirittura gli autografi dei componenti della band

La struttura di questo primo pinball è decisamente ricca e complessa, la pressione dei tasti destro e sinistro muovono entrambi due flipper, oltre ai canonici due quindi con la pressione del tasto destro muoveremo un flipper situato in una zona sopraelevata in alto a sinistra, viceversa con quello a sinistra muoveremo un flipper, situato circa al centro del tavolo e fondamentale per collezionare un buon numero di bonus. I bersagli da abbattere portano i nomi dei tre Kiss Gene, Ace e Paul, Peter invece si trova in prossimità dei funghetti in alto a sinistra

Le rampe sono elementi di notevole importanza, la principale attraversa in diagonale quasi tutto il tavolo , con un apposito deviatore, mentre altre rampe minori sono utili per collezionare i bonus

Un richiamo speciale merita la faccia della statua della libertà che, colpita un buon numero di volte esploderà in mille pezzi mostrando al di sotto il Teschio distruttore (che a sua volta attiva il multiball)

Nel multiball, come nelle combo, è possibile accumulare numerosi Kiss Points da spendere nella sezione Merchandise

La sezione Merchandise, situata in basso a destra, è fondamentale nel tour, superata solo dal Pass per accedere al backstage o dal video mode, una sorta di piccolo puzzle che consiste nel ricomporre le facce dei Kiss divise in piccoli tasselli. Ogni elemento, come bersagli, spinner o rampe viene associato ad un effetto sonoro in tema: un accordo di chitarra, un colpo di batteria, o magari un fuoco d'artificio, davverp niente male!

Il tavolo è divertente da giocare e sufficientemente complesso, anche se la posizione delle rampe non sembra ottimale, la difficoltà maggiore consiste nel corretto utilizzo del flipper centrale, che di fatto dà l'accesso al Multiball, alla rampa centrale e all'assolo di batteria

I bersagli che non si possono abbattere hanno un comportamento accettabile, anche se talvolta portano a rimbalzi pericolosissimi e non è raro colpire un paletto di una rampa o un respingente e vedere cadere clamorosamente la pallina

Riguardo al secondo tavolo, Netherworld, i quattro guerrieri rock dovranno armarsi per sconfiggere il Dark Lord, i cantanti si trasformeranno nelle quattro armi Starchild, Demon, Beast e Celestial, libereranno le anime degli innocenti e combatteranno con il motto "It's all for Rock, and rock for all" (tristezza infinita... NdMattia)

UN BACIO DALL'ALDILA'

In un mondo magico e pericolosissimo il giocatore dovrà liberare anime, abbattere scheletri guerrieri nel Video Mode , uccidere demoni e scoprire i segreti celestiali. Spiccano sul tavolo le due rampe principali, colorate di verde smeraldo, che si dipanano attorno alla testa di due dei guerrieri, provvidenzialmente l'arrivo delle rampe è situato sulla canalina che porta ai flipper

Una terza rampa, colorata in giallo e rosso è situata in alto a sinistra, raggiungibile grazie al secondo flipper controllabile con il tasto destro. La quarta rampa, che porta direttamente alla "bestia" è molto ripida e difficile da affrontare, è utilizzata per il multiball, in concomitanza con il lock disponibile nella bocca di StarChild

Situati sul lato sinistro e praticamente attaccati appaiono invece due spinner, denominati Alpha ed Omega utili per accedere allo Star Conquest, e una volta conquistate tutte le locazioni per accedere alla battaglia con il Dark Lord

In questo tavolo sono presenti in numero minore i bersagli, abbattibili e non, e anche il design è più pulito e semplice

Particolarmente interessante è la simulazione della calamita rotante al centro del tavolo, presente in alcuni pinball reali e qui ricostruita con dovizia e con una notevole attenzione al comportamento delle biglie d'acciaio

In generale, le leggi fisiche sono costruite in modo più che soddisfacente, anche se la sensazione è che la gomma che riveste i flipper non sia molto elastica, per cui si rendono difficili eventuali colpi ad effetto o stop improvvisi tanto più che i tavoli sembrano molto inclinati, con la pallina che tende facilmente a prendere velocità. Le modalità di gioco disponibili sono quattro: Novice, Normal, Arcade e Tournament e si differenziano sostanzialmente per numero di palline disponibili e facilità di gioco

La vera nota dolente del prodotto, purtroppo per nulla trascurabile è quella riguardante le visuali di gioco: è possibile solamente adottare 2 tipi di visuali, entrambe dall'alto, perpendicolarmente al tavolo di gioco. La prima permette la visione completa di tutto il tavolo, occupando la metà sinistra dello schermo, la parte destra sarà occupata da un artwork coloratissimo in tema con il flipper e dal display in basso a destra, nella seconda modalità lo schermo è completamente occupato da una sezione del tavolo, grande all'incirca un terzo del totale, la telecamera seguirà la pallina in ogni momento, effettuando uno scrolling rapidissimo

Se la prima è accettabile, specie per la visione d'insieme, la seconda risulta totalmente ingiocabile, lo scrolling molto rapido stanca la vista in pochissimi minuti di gioco, e si fa notare la mancanza di una vista prospettica presente in titoli analoghi

Concludendo, se da un lato il design, la colonna sonora, e la fisica di gioco sono di livello medio alto, la gestione delle telecamere risulta deficitaria, tanto da intaccare in modo concreto la valutazione del gioco.

Una corretta simulazione di Pinball, penalizzata dalle poche visuali disponibili, il tema è divertente, i tavoli complessi e ricchi di rampe, oggetti, bersagli e luci colorate, gli effetti sonori, così come la colonna sonora sono ben realizzati anche se limitati e alla lunga ripetitivi. La fisica di gioco è più che accettabile e la difficoltà generale è medio alta.