Recensione Grouch

di Tiscali News
Mentre questo anno 2000 sta ormai giungendo al termine i ragazzi della Revistronic decidono di portare a termine e di dedicarci la loro ultima fatica! E visto che siamo in periodo di feste decidono di farci uno stupendo regalo, infatti mettendosi d'accordo con la Dinamic decidono di allargare la distribuzione del gioco non solo ai negozi specializzati ma anche a tutte le edicole della nostra amata Italia offrendocelo, rispetto agli ormai avvezzi standard, ad un prezzo veramente competitivo!!!!

Beh... tornati a casa dopo il nostro acquisto, scartiamo con barbara foga (...dobbiamo stare in tema no?) l'involucro della confezione e inseriamo il CD di Grouch nel nostro PC, sopportiamo la noiosissima attesa, superiamo le solite rogne d'installazione per far capire al programma che noi la scheda 3D ce la abbiamo sul serio e siamo subito pronti ad immergerci nell'atmosfera "barbaro-fantasy". Una simpatica e abbastanza ben realizzata introduzione ci aggiorna sugli ultimi fatti della storia "politica" dell'ambientazione ovvero un regno minacciato dall'incombere di Orde del Caos composte principalmente dai soliti elementi: Orchi, Orchetti, Goblin, scheletri, insomma... la solita banda capitanata dal solito supercattivone! Direte voi: "E noi cosa c'entriamo in tutta questa storia..."

Beh, se non lo avevate ancora immaginato, noi in tutto questo prendiamo le parti di un mastodontico Barbaro alto due metri e passa che impugna uno spadone a due mani usando una mano sola come se fosse un fuscello! Beh... noi ce ne stavamo buoni buoni con la nostra ragazza a contemplare il rosso tramonto, quando all'improvviso quel sopraccitato cattivone decide che la sua orda sta messa davvero male "geneticamente" e quindi sia il caso di rapire una dolce pulzella che sia genitrice di una nuova specie! Indovinate un po' chi dovevano andare a cercare?!?!? Appunto... Mentre osserviamo il rosso cerchio che scende dietro l'orizzonte ed adoriamo la nostra bella, a tradimento viene rapita dai cattivi grazie ad un marchingegno infernale che assomiglia tanto ad una carrozza senza cavalli!

Non possiamo piangerci addosso! Non ci resta altro che impugnare la nostra affilatissima spada e correre dal supercattivo per spiegargli a suon di lama con chi ha a che fare!

Beh, Iniziamo il gioco impugnando soltanto il nostro fido spadone e ci ritroviamo a controllare un barbaro veramente grossissimo in una visuale in soggettiva in terza persona e appena ci apprestiamo a giocare impattiamo subito col motore grafico di Grouch: che in fin dei conti svolge egregiamente il suo lavoro: forse non darà troppo spazio ai dettagli e forse i fondali potranno sembrare un po' "cubettosi" ma almeno il gioco ne risulta fluido e scorrevole anche con le macchine più umili che non costano un milione di dollari. Punto di forza invece sono le divertenti animazioni dei vari personaggi che "pesteremo" durante le nostre scorribande: infatti durante i combattimenti potrà capitare che lasciandoci trasportare dalla nostra barbarica forza, mozzeremo ed amputeremo arti qua e la ai nostri malcapitati avversari, che comunque non si perderanno d'animo! Infatti anche se orribilmente sfigurati continueranno sempre a combattere e anche se ridotti senza braccia continueranno a ronzarci in torno cercando addirittura di morderci (...ehm, e non bisogna sottovalutarli visto che alcuni cavalieri del Caos sembrano più pericolosi a testate che quando sono armati!).

Inoltre, una volta battuto il nostro avversario, potremo derubarlo della sua arma, spazziando così tra goffe, ma allo stesso tempo dannosissime Mazze fino ad impugnare Asce gigantesche; peccato che in fin dei conti l'arma migliore sia proprio quella dell'inizio, infatti si presenta meglio bilanciata per quanto riguarda la velocità e il danno, ma è pur sempre bello poter roteare sopra la testa un'ascia di 30 Kg. Per il resto la scelta dei colori della palette sembra quanto mai azzeccata e riesce a rendere l'atmosfera ed a trasportarci nelle foreste, nelle montagne, nei villaggi di un divertentissimo fantasy gonfio di umorismo.

Mentre ci troveremo immersi fino al collo nelle nostre avventure, un delizioso sottofondo musicale ci allieterà e quando saremo coinvolti in combattimento svolgerà il suo compito di farci aumentare il ritmo cardiaco ai più consoni 230-240 battiti per minuto.

Per quanto riguarda invece la giocabilità di Grouch, mentre all'inizio, quando muoveremo i primi passi ci troveremo un po' in difficoltà con gli innumerevoli tasti che gestiscono il nostro avvenente Barbaro, dopo pochissimo tempo invece prenderemo subito confidenza e saremo in grado di eseguire una complicatissima danza di lame combinando gli sforzi di tastiera e mouse. In ogni caso i più esigenti non si devono spaventare infatti tutti i controlli sono completamente riconfigurabili a nostro piacimento! È inoltre presente la possibilità di giocare con una periferica joypad anche se il controllo ne risulta molto più impreciso, senza contare poi che svanisce nel nulla il vantaggio che il mouse ci dava sulla visuale!Cosa pensare della longevità di questo titolo? Devo dire che la difficoltà è settata veramente a livelli più alti degli standard alla quale siamo abituati. Questo è dato non tanto dalla difficoltà dei combattimenti, dal risolvere le mischie, o dal venire a capo degli enigmi, ma la difficoltà viene purtroppo dalle repentine e ripetute morti che sopraggiungono dal precipitare in "fossi, pozzanghere e precipizi" oppure dall'essere schiacciati o smembrati da strane trappole che colpiscono a tradimento!!!

Questa per così dire "estrema" difficoltà comunque deve essere giudicata soltanto da voi, ovvero può in fin dei conti risultare una cosa a voi gradita oppure no. Sta a voi, amici miei, infine giudicare!Per il resto Grouch non si presenterà estremamente difficoltoso e ci ritroveremo a gironzolare per 8 divertenti e colorati livelli a pestare e sminuzzare svariati mostri fantasy carichi di umorismo... Detto questo non posso che concludere dicendo che Grouch è un titolo adatto veramente a tutti: un "platform" 3D in soggettiva che sarà capace di farci trascorrere varie ore allegri e spensierati e se pensiamo che "triturare" mostriciattoli sia uno passatempo che fa per noi, allora questo è proprio il gioco che stiamo cercando!!!

Francesco Podda

Tutto sommato, credo di essermi abbastanza divertito a Grouch! Come in tutti i giochi, passeremo dei momenti felici ridendo a tutto spiano (...quando il nostro barbaro si mette a fare le forme da culturista fa veramente spaccare dal ridere!) e dei momenti in cui vorremo lanciare gioco, confezione e computer per battere il record olimpico di lancio del peso! Infatti, nota dolente che ho riscontrato giocando, è la &quot;frustrazione&quot; che da il cadere in buchi voragini e persino pozze d'acqua sparse senza senso in tutte le locazioni. Ma che ci fanno delle voragini profonde come la pozza delle Marianne proprio in mezzo a dei villaggi? E poi, è mai possibile che un barbaro grande e grosso sprofondi nell'acqua come un sasso?<br />Comunque tolto questo particolare Grouch saprà regalarci divertimento e grasse risate e credo che per un prezzo simile sia giusto non farselo scappare!!!