Recensione Asterix - Sulle Tracce di Idefix

di Tiscali News
Nel 50 avanti Cristo tutta la Gallia è stata occupata dai romani. Tutta? No, un piccolo villaggio abitato da irriducibili galli resiste ancora e sempre all'invasore. E la vita non è facile per le guarnigioni negli accampamenti romani di Babaorum, Aquarium, Laudanum e Petibonum, come testimoniano le numerose avventure affrontate vittoriosamente dai galli nei confronti dei romani. Ma una nuova minaccia turba la tranquillità del piccolo villaggio: Asterix e Obelix perdono il piccolo Idefix durante una scampagnata nella foresta armoricana per la consueta caccia di cinghiali. La preoccupazione assale Obelix per la triste sorte del suo piccolo amico e ovviamente parte alla sua ricerca accompagato da Asterix. Insieme dovranno affrontare molte peripezie ai quattro angoli dell'Impero Romano alla ricerca di indizi che possano aiutare il ritrovamento di Idefix

I due galli apparsi per la prima volta nel primo numero della rivista francese "Pilote" e creati nel 1959 dai francesi Uderzo e Goscinny si trovano così protagonisti nella loro seconda avventura sul gameboy color e questo è soltanto un assaggio di ciò che ci attenderà in futuro: sono in lavorazione un secondo titolo per la piccola console nintendo intitolato "Asterix & Obelix", una sua conversione per PC e un altro titolo "Asterix il guerriero gallo" che sbarcherà su PC e PSX

Asterix: Alla ricerca di Idefix, si presenta come un generico platform con alcune interessanti caratteristiche che ne aumentano la godibilità. L'avventura si articola in sei diverse località dalla foresta armoricana fino a giungere alle porte di Roma attraversando tutto il mondo allora conosciuto. Ogni località a sua volta viene suddivisa in cinque livelli più la locanda. In quest'ultima è possibile riposarsi dalle fatiche: un Panoramix più magro del solito è pronto a dare i propri consigli ad Asterix mentre Obelix può rivolgere la sua attenzione ai magnifici esemplari di cinghiali arrosto. Oltre a tutto ciò, nella locanda è pure possibile acquistare le password; ognuna di queste costa infatti ben dieci sesterzi e si deve dire che con questo metodo si riesce perfettamente a coniugare longevità con godibilità. Oltre alla locanda ci sono i vari livelli da affrontare, ma diverse sono le missioni a cui Asterix o Obelix dovranno compiere: dai generici livelli a platform, a livelli "a tempo" in cui si dovrà evitare un certo nemico e correre a perdifiato per salvare la pelle. Un esempio: all'accampamento romano di Babaorum troveremo l'intera guarnigione in pieno assetto da guerra che cercherà di catturare Asterix (solo questi potrà infatti affrontare questo tipo di missioni) rincorrendolo per tutto il campo. Quest'ultimo dovrà raggiungere l'uscita il più in fretta possibile

Infine, una volta che si è riusciti a recuperare tutte le lettere (sparse in ogni livello) che compongono i nomi di Asterix o Obelix si potrà accedere a particolari sottogiochi dove si potrà guadagnare qualche sesterzo in più. A Massilia ad esempio Obelix potrà cimentarsi nel tanto amato lancio del romano (i giavellotti sono sconosciuti ai galli, preferiscono usare i romani) con lo scopo di centrare una botte posta a parecchi metri di distanza. Mentre ad esempio a Roma si avrà a che fare con una più tranquilla ricostruzione di un mosaico raffigurante una veduta della città eterna

Infine abbiamo i livelli con i boss finali, contraddistinti da un ghignante teschio posto nella mappa della località; anche in questo caso la forza bruta non è sufficiente a vincere: si dovrà essere abili nello schivare gli attacchi nemici e al tempo stesso trovare il punto debole dell'avversario. Una volta sconfitto il cattivo di turno passerete alla successiva località e così via finchè non riuscirete a riportare Idefix al suo preoccupatissimo padrone

A tutto ciò si aggiunge la possibilità di poter giocare ancora ai vari sottogiochi nella "modalità spasso": infatti ogni volta che si riuscirà a "sbloccare" uno di questi sottogiochi durante l'avventura, questi sarà immediatamente disponibile per una veloce partita. Un totale di ben trenta livelli aspetta un qualsiasi giocatore che si rispetti e 500 sesterzi son pronti a essere raccolti da chiunque abbia l'ardore di cimentarsi in questo titolo

In ogni località cambiano i nemici da affrontare, ma potremo sempre trovare delle fiaschette con la famosa pozione magica in grado di rendere invincibile per un breve periodo di tempo il prode Asterix. Solo questi infatti potrà beneficiare della famosa bevanda, Obelix quando era piccolo è caduto nel paiolo della pozione e altre sorsate farebbero male alla sua salute

I due protagonisti si distinguono anche dai diversi tipi di movimento che possono realizzare: mentre Obelix può menar le mani in maniera sicuramente più potente di Asterix quest' ultimo può lanciare delle piccole pietre in grado di attaccare nemici fisicamente lontani. Ad incrementare leggermente la difficoltà è il fatto che non si possa conservare la quantità di monete da una località all'altra rendendo così più difficile il comprare le password

Insomma, un titolo che propone davvero molte avventure ben variegate tra loro e con difficoltà davvero molto ben calibrata: non siamo in presenza di un videogioco che si finisce entro breve tempo ma che riesce a coinvolgere il giocatore per un discreto periodo di tempo. Anche i particolari tecnici sono a un ottimo livello: la grafica è ben curata e riesce vittoriosamente nell'intento di confrontrarsi coi fumetti, e anche il sonoro si pone a un alto livello: proponendo musiche mai monotone e davvero gradevoli da ascoltare

Il titolo si presenta in italiano comprendendo inoltre: inglese, francese, tedesco, olandese e spagnolo, mentre il manualetto in allegato è sia in italiano che spagnolo.

Questo primo titolo per Gameboy Color con protagonisti Asterix e Obelix è davvero ben sviluppato, la grafica, la giocabilità e la tecnica rendono pienamente onore alle 280 milioni di copie dei fumetti del gallo vendute in tutto il mondo. Difficile credere che tutto funzioni con un "misero" ma glorioso processore Z80. Soprattutto è veramente divertente da giocare e non delude certamente tutti i fan della gloriosa serie a fumetti. Finchè il cielo non cadrà sopra la nostra testa (una delle grandi preoccupazioni del capo del villaggio, Abraracourcix), quest'ultima fatica Infogrames sa certamente rallegrare e divertire gli animi di chi vorrà affrontare quest'avventura.