Guillemot: ''Abbiamo imparato da Watch Dogs''

Il boss di Ubisoft sul ridimensionamento delle demo

di Tommaso Alisonno

Intevistato da TheGuardian, Yves Guillemot di Ubisoft ha rivelato che per l'ultimo E3 la società ha deciso di ridimensionare il livello tecnico delle Demo dei giochi presentati. Il motivo è semplice: sebbene fino a qualche anno fa fosse "normale" presentare al pubblico dei "Target Render" che mostrano il gioco in una qualità che mai potrà avere sulle piattaforme definitive (qualcosa che, per esempio, è stata imputata anche a Sony con la prima Demo di Killzone 2, ben diversa dal gioco finale), dopo le critiche ricevute per Watch Dogs era il caso di cambiare registro.




"Con l'E3 2015 - afferma Guillemot - ci siamo detti: 'OK, assicuriamoci che i giochi siano giocabili, che girino sulle macchine definitive.' Quando mostriamo qualcosa, chiediamo ai team: 'Assicuratevi che sia giocabile, assicuratevi che i giocatori possano immediatamente vedere esattamente quello che è'. Questo è quanto abbiamo imparato dall'esperienza con Watch Dogs: se non può essere giocato sulla macchina finale, può essere un rischio."