Dead Island 2 in mano a Techland? ''Basta chiedere''

Il team che ha creato il brand non chiede di meglio

di Tommaso Alisonno

Dead Island è un brand di proprietà di Deep Silver, e pertanto sta alla società - etichetta di Koch Media - la decisione sul team a cui affidare un qualsiasi capitolo o spin-off della serie. Ciò non di meno, il primo capitolo è stato realizzato dal team Techland, il quale può a ragione considerarlo un suo "figlio". Per questo motivo, Tymon Smektala dello studio ha dichiarato ai microfoni di Videogamer che se Deep Silver volesse affidare a loro lo sviluppo di Dead Island 2 tutto quello che dovrebbe fare sarebbe chiederlo.




"Personalmente mi piacerebbe tornare su Dead Island perché amo veramente tanto quel gioco - afferma Smektala - Penso ci sia posto sia per Dead Island sia per Dying Light sul mercato. Fintanto che qualcuno sarà in grado di trovare qualcosa che li differenzi, quello sarà un confine chiaro, e penso sia fattibile."




Dead Island 2 è stato per alcuni anni in mano a Yager, finché Deep Silver non ha annunciato il divorzio ed è ora privo di data di release. A questo proposito, Smektala ha espresso rammarico per la sorte del devteam, specificando che non fa mai piacere sentire di simili sitauzioni nell'industria: "Sarebbe potuto capitare anche a noi - dice - Quando qualcosa del genere succede nell'industra dello sviluppo è sempre una notizia triste. Non sei mai contento quando un altro sviluppatore fallisce. Spero che vedremo ancora Dead Island in futuro e spero che Yager non sia danneggiata quanto sembra al momento."




Techland è al momento al lavoro per ultimare l'espansione The Following di Dying Light, di cui abbiamo pubblicato un Hands-On.