Hands On Skylanders SuperChargers

Abbiamo toccato con mano i nuovi mezzi dedicati agli Skylanders!

di Roberto Vicario
Il brand Skylander è ormai uno dei più proficui in assoluto nel mondo del gaming. Gran parte del successo non deriva esclusivamente dalla maniacale e compulsiva voglia di collezionare tutte le varie action figure da parte dei giocatori, ma anche dalla bravura degli sviluppatori.

Ogni anni i ragazzi che prendono in mano le redini dello sviluppo riescono ad inventarsi qualcosa di valido e divertente, in grado di dare quel boost positivo che spinge sempre più in la le vendite. E' così che dopo Giganti, Skylander componibili e trappole magiche, è arrivato il momento si salire in sella a dei veri e propri bolidi…

Skylanders kart!

La presenza di nuove action figure dedicate ai mezzi di trasporto è una cosa ormai risaputa. Come è altrettanto ben noto il fatto che in una struttura di gioco abbastanza classica i mezzi avranno delle sezioni dedicate in cui il loro utilizzo si rivelerà fondamentale.

In quel di Colonia, durante la GamesCom 2015, abbiamo avuto però la possibilità di toccare con mano la sorprendentemente divertente modalità multigiocatore, scoprendo di avere tra le mani un gioco nel gioco.

La prova che abbiamo effettuato all'interno di una vivace e affollata stanzetta ci ha permesso di girare all'interno di tre differenti circuiti dedicati in maniera specifica alle tre tipologie di mezzi che potremo utilizzare: kart, sommergibili e aerei.

La struttura, senza girarci troppo attorno, ricalca in tutto e per tutto quella già vista in tanti altri kart game, Mario Kart su tutti. Otto sfidanti si combattono la prima posizione sulla distanza di tre giri a suon di poteri, abilità e power up.

La prima selezione è ovviamene quel del binomio skylanders-mezzo. In base al personaggio che decideremo di utilizzare per quella gara avremo dalla nostra un'arma primaria e un potere del personaggio che potrebbe variare tra offensivo e difensivo.

Una volta fatta la nostra scelta ci siamo gettati nella mischia, assaporando sin da subito una certa dimestichezza con i comandi, grazie alla loro semplicità e ad una struttura che come già detto ricalca molto da vicino quella di molte altre produzioni “kartistiche”.

Con un tasto spareremo, con l'altro attiveremo il nostro potere specifico, mentre con uno dei grilletti effettueremo la derapata, utile per acquistare dei piccoli boost di velocità. Tutto questo ovviamente è solo la punta dell'iceberg.

Ogni tracciato possiede infatti casse disseminate per il percorso che una volta raccolte ci daranno diversi power up da utilizzare su noi stessi o da lanciare contro i nostri avversarsi per ostacolare la loro gara. Ovviamente gli sviluppatori hanno pensato anche ad una componente difensiva, e questo si traduce nel fatto che ogni tipologia di mezzo avrà particolari manovre per evitare il fuoco nemico. Il sottomarino ad esempio potrà immergersi sott'acqua, l'aereo potrà compiere potenti virate, mentre il kart si dovrà accontentare della singola derapata.

Come se non bastasse, i ragazzi di Vicarious Vision hanno pensato di mettere ulteriore pepe alla disputa spargendo qua e la per il percorso diversi ostacoli, diciamo naturali. Nel tracciato sui kart un dispettosissimo drago di ghiaccio lasciava lastre ghiacciate in alcuni punti della pista, ed era nostra premura evitarle con cura, oppure, nella gara aerea una pericolosa nebbia ci ha obbligato a viaggiare per una discreta porzione di gara completamente a vista. Infine, non mancheranno i classici sprint che potremo dare al nostro mezzo passando sopra degli appositi segnali posizionati in acqua, mare o nel cielo.

Tutti questi elementi, rendono estremamente dinamiche e casuali le partite, ma nonostante questo l'ottimo level design dei circuiti e la presenza di tantissime varianti che possono influire in qualsiasi momento sulla nostra performance, ha trasformato ogni singola prova in un momento divertente, ricco di adrenalina e spensierato. Poco importata se abbiamo vinto o siamo arrivati ultimi, il divertimento è valso il prezzo del biglietto.

Ovviamente, parlando qualche minuto con gli sviluppatori, ci è stato confermato che queste due modalità (singolo e multi) non vivranno totalmente di vita loro, ma avranno qualche punto in comune. Tra questi ci è stata menzionata la possibilità di spendere la valuta del gioco per cambiare i mezzi di trasporto e molto altro ancora.

La modalità multigiocatore di Skylanders SuperChargers ci ha davvero divertito, e il fatto che sia stata una delle prove più casiniste e chiassose dell'intera GamesCom è la dimostrazione del fatto che questa variante funziona e diverte parecchio.

Se anche quest'anno la parte singolo/cooperativa del gioco dovesse rivelarsi all'altezza delle aspettative, con molta probabilità i fan della serie si troverebbero davanti al capitolo più completo dell'intera serie…senza dimenticare i due personaggi in esclusiva per la versione Wii U...appuntamento alla recensione per le considerazioni finali.

La componente multigiocatore di Skylanders SuperChargers si è rivelata una componente decisamente valida e divertente, in grado di coinvolgere a pieno tutti i presenti nel corso dell'hands on. Senza troppa paura di affermare il falso, se tutti i tracciati dovessero rivelarsi all'altezza di quelli che abbiamo provato, anche quest'anno ci potremmo trovare davanti ad un capitolo estremamente solido in termini di contenuti. Staremo a vedere.