Anteprima The Darkness

Altro gioco ispirato ai fumetti americani, questa volta schierato con l'Oscurità.

di Tommaso Alisonno
Non solo Marvel e DC: nelle fumetterie di tutta America esistono una moltitudine di opere "minori" che non sempre riescono ad emergere, e soprattutto molto di rado sono esportate nel resto del mondo, complice la mancanza di un colosso economico alle spalle. Uno di questi è The Darkness, ideato da Paul Jenkins per la Top Cow, e che narra le avventure di Jeckie Estacado, un mafioso al soldo della famiglia Franchetti, il quale al compimento dei ventun anni vede risvegliarsi in lui determinati poteri collegati all'oscurità, intesa non tanto come "forze del male" ma bensì proprio come assenza di luce. In un mondo dalle tinte molto gotico-dark, Jackie si lancia alla scalata della "famigghia", contrastando così i biechi obiettivi dell'attuale capo, suo zio Paulie.

Tradotto in videogioco, sviluppato dal medesimo team di The Chronicles of Riddick: Escare from Butcher Bay, The Darkness porrà il giocatore nei panni di Jackie e, con un'interfaccia in prima persona, sarà per lo più incentrato sull'azione lasciando però aperti numerosi spiragli dedicati all'interpretazione e all'iterazione con la gente circostante. Oltre ad avvalersi di armi convenzionali come fucili e pistole, l'anti-eroe protagonista avrà naturalmente a disposizione i suoi poteri oscuri, i quali per il momento prevedono due differenti utilizzi. Il primo consiste nella creazione dei cosiddetti "Darkling", esseri umanoidi bestiali che serviranno Jackie con la fedeltà di un tenero cagnolino e la ferocia di un lupo idrofobo; una delle caratteristiche più interessanti dei Darkling è il fatto che vengano creati cannibalizzando letteralmente i corpi degli avversari uccisi (evviva la morbosità), e che pertanto potrebbero mantenere alcune caratteristiche della loro precedente esistenza, come per esempio anche solo i semplici vestiti.

Il secondo potere, su cui probabilmente ci saranno ancora da attendere ulteriori delucidazioni, consiste nel generare dei lunghi e zannuti tentacoli che potranno essere protratti come fruste contro gli avversari o utilizzati per sollevare grossi pesi (automobili, cassonetti, camioncini) da scagliare contro nemici o strutture demolibili. Ancora, un tentacolo potrà essere separato dal resto del corpo ed essere inviato tramite collegamento telepatico in luoghi altrimenti inaccessibili, costituendo così una preziosa fonte di informazioni. Entrambi i poteri (Darkling e tentacoli) si ricaricheranno man mano che Jeckie trascorrerà del tempo nell'assoluta oscurità, ed in essa saranno a prescindere più potenti ed efficaci. L'ambientazione, oltre ad una visione molto tenebrosa di New York, dovrebbe inoltre permettere di "immergersi" in una sorta di mondo etereo di oscurità, dov'è perlomeno auspicabile che i poteri di Jeckie debbano confrontarsi con entità paritarie. Tutta la trama, ad ogni modo, è stata realizzata in collaborazione con il creatore del fumetto, garantendo pertanto il "seal of Quality" nello storyboard della serie originale.

Previsto per il primo trimestre dell'anno venturo, The Darkness sarà disponibile tanto su Xbox360 quanto sulla nascente PS3: aspettatevi pertanto quanto prima nuove delucidazioni su un gioco che potrebbe risultare sinceramente interessante.

In un periodo in cui i Tie-In di fumetti più meno noti si susseguono su tutte le piattaforme di gioco, un titolo forse un po' meno conosciuto ambientato in un mondo gotico-dark potrebbe costituire un'interessante diversivo: il personaggio dell'anti-eroe, dai modi e gli ideali oscuri quasi quanto quelli dei suoi avversari e dotato di poteri a dir poco demoniaci, suscita l'interesse del pubblico e rende perlomeno carica di aspettative l'attesa di una release definitiva.