Anteprima PlanetSide

di Tiscali News
Il mondo degli sparatutto 3D è in continua evoluzione. In molti forse ricorderanno che furono proprio questo tipo di giochi a trainare, in un certo senso, lo sviluppo e l'evoluzione delle schede grafiche, dei chip di accelerazione 3d e con esse in generale il mondo dell'hardware PC. Oggi, dopo praticamente dieci anni dal titolo che inaugurò questo filone (Wolfenstein 3-D), gli sparatutto in soggettiva hanno esteso le loro potenzialità spostando l'attenzione non tanto sulla grafica (sempre molto curata) ma sull'enorme longevità garantita dal multiplayer; con l'espansione di Internet, è facile intuire come proprio la possibilità di affrontarsi in sfide a più giocatori faccia la differenza fra uno shooting game e l'altro. Ovviamente però, non tutti i tipi di multiplayer sono effettivamente validi se non supportati da un gioco che sia degno di tal nome. Ecco quindi che in testa alla classifica di gradimento, troviamo i tre titoli citati sopra; dominatori incontrastati. Per ora..

DI CHE RAZZA SEI?

In PlanetSide, la scelta del personaggio iniziale da creare, riveste un ruolo molto importante. I programmatori hanno inserito tre razze o, se vogliamo, tre imperi diversi tra cui scegliere il nostro eroe (The New Conglomerate, The Terran Repubblic, The Vanu Sovereignty); la differenza fra le tre classi risiede nelle loro caratteristiche, per così dire, fisiche. Avremo quindi la possibilità di scegliere fra veloci pionieri, abili scienziati e macchine da guerra definitive; ognuno con i propri pro e contro. La differenza delle classi si potrà notare anche dalle varie uniformi, siano esse semplici armature per garantire velocità ed un minimo di difesa, o vere e proprie corazze per essere quasi invincibili ma di una lentezza esasperante e così via

Una volta creato il nostro beniamino, potremmo subito far conoscenza della nostra abitazione; in PlanetSide avremo infatti a disposizione un appartamento tutto per noi, dove depositare i nostri oggetti, dove ripararci in caso di brutte situazioni o dove invitare qualcuno a fare una discussione. La casa, da semplice appartamento potrà evolversi a seconda del vostro grado militare, passare così da anonima costruzione a villa per un generale e così via. Nella vostra residenza non potrete essere uccisi, nessuno potrà farvi irruzione, restando così un luogo assolutamente inarrivabile e un'ottima via di fuga

COME FUNZIONA LA VITA?

Il sistema di gioco di PlanetSide è presto descritto: il mondo è diviso in tredici continenti nei quali sono disseminate diverse basi ed il nostro compito consisterà nel difendere quelle della nostra razza, o attaccare e conquistarne di nuove. Una volta che vi sarete impadroniti di una base, avrete accesso a tutte le sue strutture, siano esse fabbriche, depositi o laboratori. Effettivamente il vostro ruolo non sarà poi molto diverso da un tipo di gioco alla Red Alert per capirci, conquistare basi su basi e continenti su continenti. Ciò che rende abbastanza differente il lato pratico di tali conquiste rispetto al titolo Westwood, è lo schema con cui vengono effettuate

Il gia citato Red Alert è esclusivamente un gioco di strategia; PlanetSide è a tutti gli effetti uno sparattutto 3D con forti componenti strategiche; differenza netta e sostanziale. Quando infurierà la battaglia, noi saremo li a vederla e a prenderne parte effettivamente, dovremo saltare le difese, distruggere l'esercito che ci verrà contro, fino ad arrivare alla porta della base, da aprire mandando in corto il meccanismo di apertura; il tutto ovviamente vissuto in prima persona

Ogni arma che avremo in nostro possesso ci garantirà dei punti di esperienza, che col procedere del gioco, diverranno indispensabili per sbloccare abilità varie: avremo così la possibilità di imparare rudimenti dell'hacking per bloccare radar o per aprire porte più facilmente, nuove armi molto più potenti e precise come fucili con mirini laser e così via. I programmatori hanno inserito qualcosa come 70 differenti abilità, per garantire una longevità davvero imponente. Ovviamente queste capacità verranno tutte sfruttate nelle battaglie; così se avremo giocatori in grado di bloccare un radar, potremo fare tutto con molta più calma prima di venire scoperti e così via

Una volta in possesso di una base, avrete l'accesso ad uno degli aspetti più importanti del gioco: i respawn. Come i giocatori di Ultima Online sapranno, questi respawn, vi permetteranno di riportare in vita il vostro personaggio e rigettarlo nei fasti della guerra in corso. I programmatori stanno pensando di introdurre una sorta di penalizzazione per chi farà troppo ricorso a questa opzione, ma per ora niente è stabilito

L'arsenale di PlanetSide sarà molto vasto, più di quaranta armi saranno pronte per essere usate da voi, ognuna con il suo specifico compito in base alle sue caratteristiche. Il sistema di puntamento assomiglia tantissimo a quello gia visto in Counter Strike; in caso di corsa con un fucile d'assalto ad esempio, il vostro mirino si ingrandirà per indicare una potenza di fuoco maggiore, ma ovviamente meno precisa; caso opposto invece se camminerete abbassati o resterete addirittura fermi; mirino piccolissimo ad indicare una precisione molto alta

Altra caratteristica importante di PlanetSide, è quella relativa agli impianti. Avrete a disposizione infatti una vasta quantità di parti cibernetiche da impiantare nei vostri soldati; ne potrete usare un numero limitato alla volta, non è nemmeno chiaro come farete ad usarne alcuni e smontarne altri, ma è sicuramente un punto interessante da sviluppare

Ovviamente tantissimi oggetti faranno da cornice a questi impianti, dalle svariate armi descritte sopra, ai classici oggetti come medicinali e altri ancora

DOVE HAI LASCIATO LA MACCHINA?

Un'altra caratteristica interessante di questo PlanetSide, è l'uso dei veicoli; dalle semplici jeep, ai fuoristrada, al reparto aereo, ai veri e propri caccia bombardieri. Ogni macchina avrà su di se diverse armi da difesa ed attacco, per evitare di finire distrutte dalle difese delle varie basi o per eliminare chi si parerà davanti; ogni veicolo avrà il suo comportamento realistico

Se da una parte sarà facile controllarli con i classici tasti direzionali, dall'altra dovremmo prestare molta attenzione; se ci troveremo a guidare una jeep su delle collinette di sabbia simili a quelle di un deserto infatti, non sarà impresa facile riuscire a rimanere sempre perfettamente e saldamente al comando

Sbalzi, impennate, testacoda, tutto per contribuire ad un maggiore realismo. I programmatori insistono sul fatto che questi veicoli saranno molto importanti all'interno del gioco, sia nella componente della battaglia in sé per sé, sia nella semplice esplorazione, o avanscoperta che sia. Da quanto si è visto, c'è da dire che effettivamente si nota come questo aspetto dei veicoli sia molto importante per tutto il gioco, perché realizzato davvero con cura (e si trattava di un demo nemmeno avanzatissimo) e perché consentirà veloci spostamenti e anche frenetiche battaglie a mano a mano che si procederà con le conquiste. In generale è comunque da registrare come un'ottima innovazione che porterà sicuramente vantaggio al titolo Sony

ENTRA NEL MIO TEAM

Come detto all'apertura dell'articolo, PlanetSide da il suo massimo nel gioco multiplayer; ovviamente questa modalità di gioco non è, come in altri shooting game, esente da difetti e da, potremmo chiamarle, "piaghe". Un problema che i programmatori responsabili del titolo hanno voluto affrontare immediatamente è costituito dal "friendly fire". Molti fra i videogiocatori saranno caduti sotto i colpi di un proprio compagno di team mentre giocavano a Counter Strike; in PlanetSide si sta tentando di porre un argine a questo. In che modo? Semplice, se un membro di un team verrà ucciso da un suo "commilitone", potrà lanciare un avvertimento a quest'ultimo in modo che arrivi su di lui una barra molto simile a quella energetica, che servirà, per l'appunto, a misurare questi "warning". Un giocatore che per sbaglio ucciderà un altro suo amico, potrà liberarsi presto di questa penalità, chi lo farà abbastanza spesso avrà gravi limitazioni, quali ad esempio l'impossibilità di aumentare di livello ed infine chi ucciderà continuamente i propri compagni avrà delle brusche punizioni da parte dei GM

PERCHE' ASPETTARLO?

Quello che un po' tutti si chiedono è se valga la pena o meno attendere con ansia questo titolo o guardarsi in giro per cercare altri e migliori videogiochi; la risposta è che PlanetSide merita tutte le attenzioni possibili, perché trattasi di un titolo che potrebbe portare una forte ventata di innovazione a questo genere ormai impiantato su canoni precisi e che, alla lunga, potrebbero risultare monotoni. L'uso dei veicoli, le irruzioni nelle basi, le abilità, gli impianti cibernetici, il respawn, le centinaia di armi presenti, l'intelligenza artificiale dei nemici... è solo un breve ma significativo elenco di una parte delle novità introdotte dal titolo Sony

Discorso a parte merita invece la realizzazione grafica. Ottime texture, fluidità elevatissima (come detto sopra si nota particolarmente nei vari punti in cui guiderete uno dei veicoli messi a disposizione) e pochissime scalettature; colori ottimi, fisionomia dei vari personaggi curata in maniera quasi maniacale, effetti di luce davvero ben realizzati e così via. Probabilmente per muovere tutta questa mole di lavoro sarà necessario un signor PC, anche se i programmatori stanno facendo di tutto per riportare il gioco in ambito terrestre, così da poter far partecipare più videogiocatori possibili. Scontata la necessità di GeForce come scheda video entry level, mentre per il processore ancora nulla è dato sapere. Purtroppo non moltissime sono state le cose mostrate, ma per quel che si è visto, il gioco, dal punto di vista tecnico, promette davvero molto bene

Tutto questo però, dovrà essere realizzato in maniera pressoché perfetta, perché non dimentichiamoci che, una delle cose che più ha fatto scalpore, PlanetSide per essere giocato in multiplayer avrà bisogno di un abbonamento mensile da pagare. Riuscirà nell'impresa di portare a sé un gran numero di videogiocatori abituati anche a giocare gratuitamente a pur sempre ottimi titoli quali CounterStrike o Unreal Tournament? Non ci resta che aspettare.

La vera forza di PlanetSide, sembra essere la sua enorme potenzialità di gioco in rete. Il condizionale è d'obbligo perché siamo ancora di fronte a un demo, nemmeno molto avanzato, in cui ben poco di quanto detto viene effettivamente mostrato. Lo sviluppo, assicurano alla Sony, è in veloce progresso ma nessuna data di uscita è stata annunciata. Se PlanetSide manterrà tutte le promesse, ci potremmo trovare davanti ad un nuovo standard negli sparatutto in prima persona, soprattutto per quanto concerne la modalità multigiocatore. Resta da vedere se tutto questo sarà confermato nella versione finale; l'unico modo per saperlo è, ovviamente, attendere la versione finale, prevista nel corso del 2002. L'unico punto interrogativo resta un aspetto del multiplayer: riuscirà PlanetSide a vincere la diffidenza per quanto riguarda i giochi online a pagamento? A Sony (e, soprattutto, ai giocatori) l'ardua sentenza. Dal canto nostro non possiamo che dirvi: stay tuned!