Anteprima New World Order

di Manuel Orrù

In uscita nel prossimo mese di maggio, New World Order promette di diventare un notevole avversario per Counter-Strike, che attualmente detiene un incontrastato predominio nel settore dei Tactical Shooter, soprattutto in riferimento al gioco in rete.

Abbiamo analizzato per i nostri lettori le caratteristiche principali di quello che promette di essere un prodotto importante nel prossimo futuro.

New World Order rappresenta il primo progetto della Termite Games, gruppo di sviluppatori svedesi che precedentemente stavano lavorando su un FPS, Decay, abbandonato dopo la realizzazione del motore grafico per concentrarsi su un concept di gioco leggermente più complesso; infatti New World Order si propone di innovare radicalmente il settore dei Tactical Shooters, ormai da lungo tempo dominato da Counter-Strike e Operation Flashpoint: il primo, è sicuramente il prodotto a cui New World Order si avvicina maggiormente. Vediamo di illustrarne brevemente la trama...

In un non distante futuro le maggiori frange terroristiche del pianeta, si sono unite in una potente organizzazione chiamate "The Syndicate". Dedita sia alle operazioni di sabotaggio e ai rapimenti, così come ad azioni contro i civili, l'organizzazione annovera al suo interno un gran numero di "agenti" provenienti dalle realtà più disparate: agenti delle SpetzNaz (ex KGB), agenti corrotti della CIA, disertori, ex membri dei corpi speciali degli eserciti delle maggiori potenze mondiali, mercenari e fuorilegge si sono uniti per compiere le azioni che sanno fare meglio e nello stesso tempo guadagnare denaro.

In seguito alla crescita esponenziale degli atti di terrorismo riconducibili al "Syndicate", comprendendo l'inutilità di una guerra convenzionale per fermarli, i maggiori paesi del mondo hanno risposto con la formazione di squadre addestrate alla guerriglia e alla lotta al terrorismo, spesso tramite l'utilizzo di mezzi estremi per raggiungere il fine di eliminare il nemico: queste squadre rispondono agli ordini della GAT (Global Assault Team) e sono formate da personale militare e esperti dell'anti terrorismo. Le due fazioni si contrappongono ininterrottamente, dotate entrambe della propria tecnologia e dei propri metodi di azione, in una classica lotta dei buoni contro i cattivi, dell'alta tecnologia contro la brutalità e la distruzione di massa, della sicurezza contro il terrore.

MOTORE DI GIOCO

A differenza della maggior parte degli FPS usciti di recente, che utilizzano un motore di gioco già esistente (la maggior parte delle volte sono quelli di Quake 3 Team Arena, Unreal e Half Life ad essere chiamati in causa), la Termite ha deciso, per il suo ambizioso progetto, di impiegare il motore che stava precedentemente sviluppando per Decay e che sembra dotato di caratteristiche di tutto rilievo in grado di porre, da questo punto di vista, New World Order in una posizione di vantaggio rispetto ai suoi concorrenti. Il DVA (così viene chiamato il motore, da Dynamic Visibilità Analysis) ha la peculiare caratteristica di gestire (e quindi renderizzare) solo le parti che sono in vista sullo schermo, senza perdere tempo nel gestire quelle coperte da altri oggetti, riuscendo, in questo modo, ad ottenere un frame rate paragonabile a quello degli altri FPS attualmente in commercio nonostante la presenza su schermo di un numero di poligoni superiore (dalle 3 alle 5 volte secondo le stime degli sviluppatori) a quello di titoli concorrenti.

Altre caratteristiche che rendono il DVA in grado di confrontarsi anche con i motori del prossimo futuro, sono il supporto nativo per tutte le caratteristiche presenti nelle Direct-X 8.1, ad iniziare dal Texture & Lighting hardware, presente ormai su tutti gli acceleratori grafici di ultima generazione, dal rendering che è settato a 32 bit di default, dalle sorgenti di luce dinamica, volumetria delle luci e delle ombre e motion blending, fino ad arrivare a quella che sembrerebbe essere la caratteristica saliente del motore grafico della Termite: tutti gli effetti di luce, ombreggiatura e bump mapping vengono applicati ad ogni singolo pixel presente sullo schermo, rendendo possibile un estremo realismo nella ricostruzione grafica degli oggetti presenti nel gioco, siano essi animati (nemici) o inanimati (armi o edifici). Anche dal punto di vista della gestione delle animazioni New World Order è all'avanguardia supportando una gestione innovativa degli scheletri che rende possibile animare le sotto strutture (ad esempio: una mano) in maniera del tutto indipendente dalla struttura madre (il resto del corpo) e da eventuali altre strutture ad essa legate (eventuali armi che regge).

Il sonoro è in linea con le attese riposte in un prodotto di prossima uscita: il supporto all'audio 3D posizionale non è in discussione così come il filtraggio dei suoni basato sui materiali presenti nell'ambiente circostante ed una analisi delle eventuali occlusioni, il tutto, naturalmente, eseguito in tempo reale.

GAMEPLAY: GIOCABILITA' E REALISMO

Giocabilità e realismo sono sempre stati, nella storia dei videogiochi, due aspetti difficili da coniugare insieme. Da questo punto di vista New World Order ha la possibilità di prendere ad esempio dalle caratteristiche che hanno portato allo straordinario successo di Counter-Strike: realismo non assoluto, ma volto ad aumentare il divertimento durante il gioco e un gran numero di armi utilizzabili, ognuna con caratteristiche peculiari, pregi e difetti.

Anche sotto il profilo della fisica del gioco New World Order presenta elementi innovativi: ogni colpo ricevuto da un personaggio viene analizzato dal motore di gioco e attribuisce un danno variabile a seconda del punto esatto in cui esso va a segno, con una precisione che, anche in questo aspetto, è nell'ordine del pixel: in questo modo un colpo alla testa è letale, a differenza di un colpo ad un braccio o ad una gamba, che, però renderanno difficile prendere la mira e sparare con precisione o compiere dei movimenti veloci.

Per il resto ogni altra caratteristica di un buon Tactical Shooter è presente nel gioco della Termite. Le mappe di gioco saranno 12: ampie e realistiche, con la presenza di numerosi oggetti e luoghi in cui trovare copertura, saranno radicalmente diverse l'uno dall'altra con la presenza sia di ambienti a cielo aperto che locazioni più "claustrofobiche"; il gioco in multiplayer presenterà cinque diverse modalità di gioco che vanno dal Teamplay classico in stile Counter-Strike, in cui bisogna eliminare tutti gli elementi della squadra avversaria, a modalità che necessitano di una maggiore progettazione tattica, come la modalità Rescue, in cui i GAT dovranno liberare degli ostaggi.

Sarà presente nel gioco anche una modalità single-player, giocabile unicamente dalla parte dei GAT in cui si dovranno superare una serie di missioni successive e che gli sviluppatori annunciano essere di ottimo livello, ma che, in un titolo di questo genere, passa in secondo piano rispetto all'importanza del gioco in multiplayer.

La Termite si prepara a fare il suo esordio nell'industria videoludica con un prodotto che potrebbe rappresentare una vera sorpresa in un mercato che aspetta i seguiti dei grandi successi del passato. A giudicare dal grande lavoro svolto sul motore di gioco New World Order dovrebbe avere tutte le carte in regola per contrastare i vari Doom 3 e Unreal 2 che si apprestano ad uscire nei prossimi mesi garantendosi allo stesso tempo una quota degli appassionati di multiplayer e tactical shooters che in questo momento affollano i servers dedicati a Counter-Strike. Riuscirà a mantenere le promesse fatte? Ai posteri l'ardua sentenza, ma le premesse ci sono tutte.