Preview Gothic

di Tiscali News
Da tempo non rimanevamo così piacevolmente colpiti da un Gioco di Ruolo in versione elettronica. Finalmente sembra che lo spirito tipico del gioco da tavolo sia stato trasferito in una versione per computer, con la possibilità di "vivere" ore e ore di puro divertimento. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa offre di nuovo, e di vecchio, questa nuova fatica dei teutonici Piranha Bytes

2001: FUGA DA MYRTANA

No, non si tratta della trasposizione ludica del film di John Carpenter, ma non vi è dubbio che la storia che sta alla base di Gothic sia stata fortemente ispirata dalle mirabolanti avventure di Iena (o Snake) Plinskin. Infatti, a Myrtana, il mondo in cui si svolge l'azione di Gothic, per risolvere gli annosi problemi dovuti al gran numero di persone ospitate nelle patrie galere, si decide, con l'intervento di potenti maghi, di circondare un'area cospicua del pianeta, con un'impenetrabile cupola d'energia. Questa cupola permette il passaggio di qualsiasi cosa, animata o inanimata che sia, dall'estreno verso l'interno, ma il percorso inverso è possibile solo per materiali inorganici

All'interno della cupola vengono così rinchiusi tutti coloro che si sono macchiati di un qualche crimine e quindi lasciati al loro destino. All'interno di questa "bolla" si è dunque formata una società nuova, con le sue regole e le sue gerarchie: riuscire a convivere con questa realtà è la differenza che passa tra morire o sopravvivere. L'ambientazione è tradizionalmente fantasy, un modello che si conferma ancora una volta come il tipo di mondo che meglio si adatta al Gioco di Ruolo

UN VERO GIOCO DI RUOLO

Lo sforzo principale che hanno compiuto i progettisti di Gothic è di riuscire a traspondere, in formato elettronico, lo spirito e il fascino di quanto si vive intorno a un tavolo, con la presenza di un Master umano, in un Gioco di Ruolo. Di giochi per computer belli e divertenti ce ne sono stati molti, ma è indubbio che nessuno è mai riuscito a ricreare la tensione che si avverte con un Gioco di Ruolo tradizionale. Forse Gothic non riuscirà nell'impresa, ma sicuramente ci va molto vicino. L'intelligenza artificiale che muove i personaggi che partecipano alla storia, consente il massimo coinvolgimento possibile: ogni essere senziente è dotato di una sua personalità e il nostro modo si rapportarci con lui può condizionare notevolmente la storia e il suo evolversi

Non vi è una sola soluzione, anzi forse non vi è proprio soluzione: ci si muove in questo mondo e si sopravvive. Certo ci sono le missioni, ci sono gli enigmi e i misteri da risolvere, ma il modo per raggiungere un obiettivo può essere diverso a seconda di come ci si rapporta con il mondo circostante. Per esempio, se ci facciamo un nemico, tutti i suoi amici saranno nostri nemici. Oppure si può incorrere nella situazione opposta e trovare preziosi alleati solo perché si hanno buoni rapporti con altri personaggi dello stesso clan. Un altro esempio: proviamo a entrare in una baracca; se il suo proprietario è li vicino, tirerà fuori la spada e ci concederà pochi secondi per uscire prima di passare alle vie di fatto

Entrando in un villaggio, invece, vedremo decine di persone intente nel loro lavoro quotidiano: è un sistema spettacolare che simula il trascorrere del tempo, oltre a fornire i corretti colori e la giusta luce, ci presenta una differente vita sociale a seconda dell'ora del momento, tutto in sintonia con l'incedere, monotono o meno che sia, della vita in questo particolare mondo. Inizialmente ci si muove con circospezione, ma presto saremo costretti a schierarci e a decidere cosa veramente vogliamo fare della nostra vita. In Gothic esiste un vero e proprio sistema sociale a cui noi dobbiamo dare la scalata coscienti di essere, almeno all'inizio, l'ultima ruota del carro

FACCIAMO ESPERIENZA

Come abbiamo visto in Gothic si è cercato di rendere al massimo lo spirito del Gioco di Ruolo. Ciò è dimostrato anche dal fatto che, una volta lanciato il gioco, si entra subito nel vivo dell'avventura. Non bisogna creare nessun personaggio, non bisogna rispondere all'annosa domanda se essere maghi o guerrieri. Quello siamo e quello saremo. Anche il sistema di crescita del personaggio è decisamente "spontaneo": qualunque oggetto rinvenuto può subito essere utilizzato, anche se probabilmente all'inizio riusciremo a gestire meglio uno spadone arrugginito piuttosto che una spada dotata di mille accessori magici. L'esperienza cresce con sistemi tradizionali, ma non dovremo, a ogni superamento di livello, assegnare punti o competenze

Queste vengono, per così dire, guadagnate sul campo. Per interagire con i personaggi abbiamo il classico sistema di domande predefinite e chiuse, sono comunque utilizzate con arguzia e bisogna stare molto attenti a quello che si chiede e si dice. Questo mondo, come d'altronde il nostro, è pieno di persone decisamente suscettibili!

UNA GRAFICA IMPECCABILE

Il gioco è mosso da uno spettacolare motore grafico tridimensionale. Il personaggio si muova a 360 gradi nell'ambiente e, con il mouse, è possibile girare lo sguardo tutt'intorno, sino a creare delle "viste" spettacolari e mozzafiato. Il mondo è ricreato nei minimi particolari e anche i colori sono estremamente realistici ed efficaci. Realismo è ancora una volta il termine che più si addice a Gothic. I castelli, i villaggi, le montagne e la natura in genere, sono stati disegnati in maniera ineccepibile; ovviamente per apprezzare tutti i particolari bisogna essere dotati di un computer di fascia medio alta, ma anche con un Pentium II a 400 MHz è possibile godere dei fantastici panorami offerti dal gioco

I personaggi sono finalmente espressivi e muovono tutto il corpo in sintonia con gli accadimenti. Le labbra e la mimica facciale esprimono i sentimenti del momento, gioia, rabbia, odio: guardando un avversario in volto capiremo subito le sue intenzioni. E di personaggi è possibile incontrarne più di cinquecento! I movimenti, sono fluidi e, pur non potendosi definire cinematografici, risultano comunque soddisfacenti. Per esempio il nostro personaggio può camminare, correre, nuotare, immergersi, tutto con una buona e gradevole fluidità di movimento. I combattimenti sono ovviamente in tempo reale e i movimenti risultano plastici e credibili; per combattere non c'è bisogno di una mira particolarmente curata, diciamo che bisogna più o meno essere girati verso l'avversario ed averlo a gittata dell'arma utilizzata al momento

Per migliorare la velocità e la grafica è stato utilizzato un geniale espediente, anche questo estremamente realistico: l'occhio umano non distingue bene i dettagli lontani. Trasposto nel gioco ciò ha permesso di diminuire il numero dei poligoni degli oggetti 3D lontani aumentando realismo, velocità e diminuendo la quantità di memoria necessaria alla gestione del sistema. Peccato che ancora non sia stato risolto il problema, tipico della grafica 3D, che si ha quando, per esempio, si raccoglie un oggetto. Il personaggio si china e lo raccoglie, senza che vi sia contatto fisico tra mano e oggetto. Stessa cosa quando si apre una porta o comunque si interagisce con l'ambiente

Tutti i dialoghi sono "parlati" oltre che sottotitolati. I suoni d'ambiente contribuiscono efficacemente a coinvolgerci nell'azione. Le musiche di sottofondo sono realmente tali, mai invadenti, ma sempre in grado di creare la giusta atmosfera

UN'INTERFACCIA FARRAGGINOSA

Non convince del tutto il sistema di comandi utilizzato nel gioco. In particolare alcune importante azioni, come raccogliere oggetti o il combattere, prevedono di dover usare il pulsante sinistro del mouse in combinazione con i tasti cursore. Il loro uso non è immediato e all'inizio ciò potrebbe comportare qualche problema. Una volta che il sistema è stato ben rodato, le cose migliorano, anche se avremmo preferito qualcosa di più rapido ed intuitivo. E' anche vero che grazie a questo sistema aumentano le possibilità di compiere azioni e ciò è sicuramente una cosa positiva

Gothic è un gioco che farà molto parlare di se. L'ottima grafica, ma soprattutto la sensazione di essere parte di un mondo e di poter interagire con esso partecipando alla sua costruzione, lo rende appagante e giocabile. Attendiamo con ansia di poter provare la versione definitiva che attualmente ci è preclusa da una barriera linguistica e distributiva: il gioco, infatti, non solo è pronto, ma è già uscito in Germania (patria degli sviluppatori) solo in lingua tedesca. I Piranha Bytes sono attualmente impegnati nel lavoro di localizzazione in lingua inglese (così era la versione demo provata per stendere questo articolo) e soprattuto per trovare un editore che porti il meravilgioso mondo di Gothic fuori dai soli confini tedeschi. Incrociamo le dite insieme a loro!

Un bravo ai Piranha Bytes per quest'ottimo Gioco di Ruolo. L'ambientazione è affascinante e coinvolgente e il sistema di gioco e di interazione con l'ambiente e gli altri personaggi lo avvicinano molto al Gioco di Ruolo da tavolo. Spettacolare la grafica 3D ricca di dettagli e di colori. Un gioco che vale la pena di attendere con trepidazione.