Anteprima Duke Nukem Forever

di Tiscali News
L’epico duello tra questi due personaggi prende il via alla fine degli anni ’80, con l’uscita di un platform entrato ormai nella storia, Duke Nukem

Il personaggio, vagamente somigliante a Rick Flair (come? Non sapete chi sia?…), si trovava a dover combattere contro le orde di Xenomorfi al comando del perfido androide. Lo scopo principale del gioco, oltre ovviamente a quello di eliminare il cattivo, era quello di liberare le giovani fanciulle tenute prigioniere, armato di una semplice mitragliatrice e di un forte sarcasmo. Il successo del primo titolo venne ripetuto anche dal suo seguito, Duke Nukem II, che fondamentalmente riprendeva la saga da dove si era interrotta. Punto di svolta assoluto fu il terzo episodio della serie, Duke Nukem 3d

Uscito nel 1995, utilizzava un motore grafico 3d apparente, sull’onda che nacque in seguito al rivoluzionario Doom. Ciò che decretò maggiormente il successo del gioco, oltre che l’ottimo sistema di combattimento, soprattutto nella modalità multiplayer, e le armi particolarmente divertenti, come la granata ad attivazione laser, che produceva "esilaranti" ed esplosivi risultati quando passava un avversario, fu la sagace ironia del personaggio. Alcune delle battute sono entrate nel linguaggio comune di molti giovani, soprattutto nel mondo anglosassone. "Hail to the King, baby" o "I’m here to kick asses and chew bubble gum", sono solo alcuni esempi di frasi "storiche" di Duke Nukem

Componente fondamentale di questo titolo fu la presenza delle pollastrelle che si trovavano anche nei punti più impensabili dell’avventura. Chi ha dimenticato la fantastica sequenza all’interno del cinema, o le foto sui calendari sparsi un po’ ovunque nel gioco? E così anche in questo nuovo titolo della serie questo aspetto della vita ludica del protagonista non sarà trascurato

Il "parto" di quest’ultima produzione della Apogee, team di sviluppo alle dirette dipendenze della 3d Realms, è decisamente molto lungo. Già nell’aprile del 1997 il team di sviluppo aveva scioccato i suoi numerosissimi fans annunciando che il seguito di Duke 3d avrebbe utilizzato il motore grafico di Quake 2. Alcuni screen shot davano già un’idea di come sarebbe stata la versione definitiva e molti ne aspettavano l’uscita già nella primavera dell’anno successivo. Nel mese di Giugno del ’98 George Broussard, project Leader, annunciò al mondo che c’era stato un cambiamento e che gli sviluppatori della Apogee avevano deciso che il motore grafico di Unreal si adattava meglio alle caratteristiche del gioco, in quanto consentiva di sviluppare ambienti esterni molto vasti, cosa che invece il motore di Quake 2 non prevedeva. Ed infatti le ambientazioni di questo nuovo prodotto sembrano proprio aver bisogno di tale possibilità

Si partirà dalla città di Las Vegas, liberandola dai perfidi Xenomorphi agli ordini del Dottor Proton e da lì si esploreranno la famigerata Area 51, in Nevada, Hoover Dam, il Grand Canyon, Morningwood, un piccolo villaggio di minatori in Arizona, ed altri siti ancora che non ci è dato sapere. Nella creazione dei livelli i programmatori hanno voluto mantenere più realistico il paesaggio rispetto al suo predecessore. La principale innovazione di questo titolo, oltre all’ovvio avanzamento grafico, sembra essere la maggiore interattività. Nella creazione dell’interfaccia è stato aggiunto il tasto "use", che da qualche anno a questa parte era completamente scomparso nei giochi "Shoot’em up", e che promette di rivelarsi molto utile. Già in alcuni screen shot, Duke Nukem era apparso a bordo di una Harley, su un razzo che sfrecciava nel cielo o su una jeep con tanto di mitragliatrice

Inoltre sembra ormai sicuro che ci saranno diversi personaggi con cui interagire. Tra questi spicca la figura di Bombshell, una ragazza che riaffiora da una vecchia produzione della stessa casa. Questa ragazza è stranamente l’unica a non essere attratta dal fascino dell’eroe, e per questo Duke, nutrito dal suo forte egocentrismo, è decisamente convinto che sia lesbica

La componente sexi che ha reso celebre il titolo precedente è componente fondamentale anche in questo gioco. Un altro personaggio si chiamerà Gus, e sarà un minatore, i cui scopi non ci sono ben chiari. Le musiche sono uno dei punti forti, e tra queste vi è pure il Duke Nukem Theme suonato dai Megadeth! Le armi a disposizione dell’eroe saranno dieci, più o meno distruttive, ma egualmente divertenti. Per ora accertate sicuramente sono il fucile, il lanciarazzi e la Chain Gun, una delle armi preferite di molti dei giocatori di "prima generazione". Per quanto riguarda la grafica sembra che il motore sviluppato dal team della Epic Megagames sia stato sfruttato al meglio e che persino la faccia di Duke sia animata e reagisca alle varie situazioni nel gioco, cosa sicuramente innovativa

Alla 3dRealms non hanno dimenticato che un titolo di questo genere vede come sbocco principale il multiplayer, che per ora prevede fino a 10 giocatori. I programmatori promettono tonnellate di nuovi nemici, una storia coinvolgente, centinaia di nuove battute pronte ad entrare nella leggenda e soprattutto molta, molta lapdance

Le richieste hardware sembrano al momento non essere troppo esose: per farlo girare dovrebbe essere sufficiente un Pentium 200 mmx e non è previsto (per ora!) l’obbligo di una scheda accelerata, anche se sembra sarà caldamente consigliata. L’unica data che si ha per quanto riguarda l’uscita prevista è che sarà sugli scaffali dei negozi "quando sarà pronto", risposta ufficiale del team della 3dRealms.