Preview Devil May Cry 2

di Tiscali News

Ammirazione. Questa parola risuona nella mente di tutti coloro che hanno potuto assistere alle performance di Dante, protagonista di Devil May Cry, mentre, dopo essersi sbarazzato di alcuni demoni con la sue fedeli pistole, sfoderava la sua spada sempre pronta a terminare l'esistenza di coloro che si ponevano davanti al suo cammino. Ammirazione e nient'altro. E questo gioco della Capcom ha molti motivi di ammirazione.

Quando ci siamo risvegliati dal sogno in cui questo seguito ci aveva proiettati, abbiamo capito molte cose. Abbiamo capito che al meglio non c'è mai fine. Nossignore. Chiunque pensasse che il primo Devil May Cry suscitasse ammirazione, si prepari a subire uno shock. Perchè Devil May Cry 2, anche se ancora al sessanta percento di completamento, è riuscito a far sembrare il suo predecessore meno di niente, un lontano ricordo (buono, questo è certo) messo in disparte.

Ma non solo. Si è creato un hype dietro a questo gioco veramente grandiosa, che i possessori di PC conosceranno bene, dato che per ogni nuovo gioco Blizzard la sensazione è la stessa. Ma quando si parla di PlayStation le cose cambiano: tanti giochi e tanto hype alla lunga danno assuefazione e non si notano più. Giochi come Devil May Cry 2, invece, sono l'eccezione.

Entriamo più nei dettagli.

Qui il segreto, in accordo con il carismatico produttore Tsuyoshi Tanaka, è raddoppiare qualunque cosa era presente nel primo capitolo della serie. E così è raddoppiata l'azione, sono raddoppiati i personaggi che potrai controllare (a Dante ora si unisce Lucia, una ragazza particolarmente in gamba con le spade), è raddoppiata la lunghezza del gioco ed è notevolmente migliorata (in questo caso non esageriamo) la grafica.

Il risultato, che del resto è apparso chiaro dallo splendido video che è stato fatto circolare, è che abbiamo a che fare con qualcosa di davvero speciale. Il background dall'aspetto gotico e oscuro, che ora presenta molte più ambientazioni esterne, risulta molto più dettagliato, così come il look dei personaggi che risultano più realistici e diversificati tra loro, grazie al notevole aumento del numero di poligoni.

Dante, palesemente invecchiato rispetto alla prima "uscita", è capace ora di compiere una nuova serie di azioni molto più realistiche oltre che stilisticamente valide. Non solo potrà effettuare le classiche rotazioni, i salti e tutta una serie di combinazioni di spari e fendenti , ma ora sarà in grado di usare la sue pistole di Ebano e Avorio in modo indipendente scegliendo quindi più di un bersaglio alla volta.

E il dinamismo mezzo umano e mezzo demone non finisce qui, dato che potrà ora arrampicarsi sui muri, per poi scaricare tonnellate di munizioni, incluse granate, con fucili e pistole più potenti, tanto che verrebbe il sospetto su dove possa tenere un tale quantitativo di piombo addosso.

Non dimentichiamo comunque la trasformazione in demone, che permette di procurare uccisioni istantanee e abilità notevolmente potenziate.

Il tutto si completa con azioni che faranno pensare a scene di Hollywood, con inquadrature decisamente più azzeccate anche in virtù di un sistema di telecamere completamente rivisto. Devil May Cry 2 si prospetta migliore del predecessore in tutti i suoi aspetti. Pur con così poco gioco ancora sviluppato, pur con così poche scene ancora rilasciate al pubblico.

È difficile dire di più, ma quel che è stato detto ha avuto i suoi buoni e meritati motivi di... ammirazione.

L'uscita è pianificata per un periodo ancora non precisato del 2003: data l'aspettativa creata, la speranza di tutti gli appassionati e di tutti i curiosi (che riteniamo saranno più che mai ripagati) è che alla Capcom abbiano in programma l'uscita per il primo trimestre del prossimo anno (e che la rispettino).E' importante da segnalare il fatto che questa volta Capcom ha anche pensato agli utenti europei, introducendo finalmente la modalità a 60 Hz , assente nel primo capitolo della serie e che aveva penalizzato e non poco il livello di difficoltà generale dello stesso.

ALTRI SCREENSHOTS NELLE PAGINE SEGUENTI
Si preannuncia un successo, si preannuncia un gran gioco. Devil May Cry aveva stupito e creato passione. Devil May Cry 2 si appresta a fare altrettanto. Anzi, di più: alla certezza di un gioco di qualità e di divertimento si aggiunge un'aspettativa che per il primo capitolo era nettamente minore. Sarà un duro erame per la Capcom, ma sappiamo già che verrà superato con il massimo risultato possibile.