Anteprima Anachronox

di Tiscali News
Ci sono almeno un paio di buoni motivi per attendere Anachronox con ansia: da una parte c'è l'effettiva voglia di giocare a qualcosa in grado di far passare ore ed ore di divertimento, magari anche in maniera intelligente, se non chiediamo troppo. Dall'altra c'è, per coloro che seguono costantemente il mondo dei videogiochi, una sana curiosità di vedere come i programmatori della ION Storm saranno riusciti a far convivere nello stesso prodotto elementi provenienti dai generi di gioco più disparati. Anachronox, infatti, è un gdr che si preannuncia interessante sotto molti punti di vista, essendo in parole povere un gioco di ruolo con una trama degna di un'avventura che prende in prestito molte idee già viste nei Rpg giapponesi per console, il tutto sfruttando una versione riveduta del motore grafico di Quake II. Vaneggiamenti estivi o magiche alchimie dei ragazzi della ION Storm? La seconda ipotesi è notevolmente in rialzo dopo aver visto le meraviglie offerte da Deus Ex, altro videogame eclettico e difficilmente etichettabile della stessa software house, uscito di recente, ma già nei nostri cuori

IL FUTURO, PER QUANTO ANACRONISTICO

Anachronox vi catapulterà, tanto per cambiare, in un futuro abbastanza remoto (siamo all'incirca nel 2700), dove la razza umana gironzolando per la galassia si è imbattuta in simpatici satelliti alieni denominati "Sender" in grado di teletrasportare da una parte all'altra dell'universo coloro che li attraversano. Dal primo contatto con questi concentrati di tecnologia, alla scoperta di un'intera rete di "sender", non è passato molto tempo, e così fra le altre cose è uscito dall'ombra siderale anche il pianeta Anachronox, centro di questo viavai di satelliti e presto diventato covo della peggior feccia dell'universo (la terra promessa!). Il protagonista del gioco, Sly Boots, detective privato mascellone e col ciuffetto, ma ciononostante sfigato, ha la sfortuna di vivere in questo covo di bifolchi, oltre a quella di essere al verde e pieno di debitori palestrati. Manca solo Anacleto Mitraglia... Come venire fuori da questo pasticcio? Presto detto, accentando una Mission Impossible che farebbe impallidire Tom Cruise (impresa ardua a giudicare dal suo assorbimento di raggi UVA quotidiano). L'incarico, all'inizio, sarà quello di indagare su di un artefatto alieno dai poteri misteriosi, ma presto s'inizierà a parlare di "sorti dell'universo" con una naturalezza degna di Dragonball Z. Sly non sarà lasciato solo in questa situazione, ma alcuni amici e nuovi incontri lo seguiranno come cagnolini per aiutarlo nelle sue imprese. Alla fin fine il party potrà essere formato da un massimo di tre personaggi, quindi sarà necessario scegliere man mano chi includere e chi escludere dal gioco

TECNOLOGIA NON ALIENA

Anachronox, si diceva in precedenza, sfrutta una versione pompata e rivista del motore grafico di Quake II, e questo potrebbe già meravigliare più di una persona: "Ma come, un party in un gioco in soggettiva 3D?" Errore, niente soggettiva, il tutto sarà visto in terza persona, cosa che l'engine di Quake II fece molto bene con Heretic 2. I movimenti nel mondo tridimensionale saranno gestiti tramite tastiera, mentre sarà attraverso il mouse che potremo interagire col mondo circostante. Simpatico far notare che il puntatore del mouse ricoprirà per la prima volta nella storia dei videogiochi un ruolo vero e proprio. Non sorprendetevi quindi se con un paio di click il puntatore si trasformerà in un ammasso di poligoni chiamati "Fatima", la vostra segretaria. Una bell'idea, per far calare ancora di più il giocatore nel mondo virtuale, non c'è che dire. Se state già sbavando sulle immagini sparse per quest'articolo pensando a quanto renderanno bene con la vostra nuova scheda video pagata un milione (non v'invidio, al limite vi nvidio -tristezza-) alla risoluzione di 2000*esageriamo, sono spiacente di annunciarvi che la risoluzione standard e fissa del gioco sarà soltanto di 640*400. Eresia reazionaria? No, semplicemente il mondo di Anachronox, nelle intenzioni dei programmatori, dovrebbe sembrare vivo, popolato di tante persone (uguale tantissimi poligoni) indaffarate nelle loro effimere mansioni quotidiane, quindi per far girare a tutti il gioco in maniera soddisfacente si è deciso di arrivare a questo compromesso. La cosa non sarà poi così traumatica pensando che se non altro le texture sono state pensate esattamente per quello che vedrete, e non dovranno essere spalmate in maniera indecorosa come accade in molti giochi dalla risoluzione variabile. Necessitando la trama del gioco di una certa teatralità dei personaggi, i loro volti sfrutteranno il facial deforming per dare al tutto un senso di "recitazione", oltre che di sincronizzazione col doppiaggio

FINAL FUTURE

Lo stile di gioco di Anachronox risente molto sia delle sue radici occidentali, sia dell'ombra lunga del successo dei giochi alla Final Fantasy, che potremmo definire Rpg giapponesi. Fra le cose nostrane (massì, USA, Italia, siamo tutti un gran paese) possiamo annoverare l'ambiente 3D completamente esplorabile e una certa tendenza dei dialoghi ad essere non solo profondi, ma anche autoironici e stranianti. La stessa scelta di farci impersonare un detective duro ma allo stesso tempo arruffone non sarebbe stata possibile in un Gdr giapponese, dove il protagonista è sempre un pivellino che poi diventa un eroe senza macchia, tormentato da un passato incerto e da un destino segnato

Dall'est sembrano invece arrivare i sottogiochi che si troveranno in giro per i livelli, ma soprattutto il sistema di combattimento, che sarà una specie di miglioramento di quello visto in Final Fantasy 7. Turni in tempo reale quindi, ma attenzione, perché il tutto si svolgerà sempre continuativamente nel mondo di gioco reale, senza stacchi su di un utopistico "campo di battaglia". Ciò renderà possibile vedere dei nemici in anticipo, ed eviterà i noiosissimi "incontri casuali". Inoltre alla ION Storm proveranno a rendere gli scenari importanti ai fini degli scontri, quindi ci si potrà riparare dietro a delle casse, oppure spingerle, oppure usare le abilità speciali di qualche personaggio per modificare la situazione all'ultimo momento

Il sistema di crescita dei personaggi sembra essere una semplificazione di quelli usati nei Gdr occidentali, e richiamerà forse anche quello visto in Deus Ex o System Shock 2

Grande importanza nel gioco ricopriranno gli artefatti alieni misteriosi, fra cui anche le armi, che si potranno combinare in svariati modi. Narrasi che sia possibile raggiungere un numero altissimo di variabili, e se a qualcuno questo ricorda la gestione della "materia" di FF7, beh, sappia che non è il solo

In questi giorni sono circolate voci su di un possibile dimezzamento della durata di Anachronox per motivi di budget, ma repentina è arrivata la smentita dai ragazzi della ION Storm che hanno dichiarato che già da un anno avevano deciso che la trama del gioco sarebbe stata divisa a metà in quanto gli sceneggiatori avevano creato dialoghi e situazioni talmente complessi e dettagliati che alla fine si era preferito dividere il gioco (quindi aspettiamoci un seguito) piuttosto che scremare e tagliuzzare i dialoghi. Poco male, i programmatori giurano che la fine della storia chiuderà una delle quest, ma lascerà aperta un'altra tematica che sarà affrontata nel capitolo successivo

Sia i giocatori di ruolo che gli appassionati di 3D ed avventure, nonché i fan dei Jrpg dovrebbero attendere questo titolo con ansia, visto che le premesse per un piccolo capolavoro ci sono tutte. Coniugare i soli lati positivi di due culture ruolistiche diverse è senza ombra di dubbio una buona idea ed a questo punto speriamo che il titolo non sia profetico di ritardi abissali nell'uscita del gioco (già abbondantemente rinviata) che è stata fissata per questo autunno.