Preview Age of Mythology

di Tiscali News

SMAU 2002 è stato l'occasione ideale per vedere il nuovissimo Age Of Mytholgies all'opera ed è stato in pratica il preludio di questa demo che ci ritroviamo tra le mani. Age of Mythology, ci spiega il product manager italiano del titolo, nasce dall'esigenza dei giocatori stessi di inserire all'interno della saga di Age Of Empires un elemento "magico" che prima di adesso mancava quasi completamente. Da qui parte appunto l'idea di Age of Age of Mythology (AOM da questo momento), ovvero quello di inserire all'interno del gameplay, l'elemento mitologico (da qui appunto il nome) e di dare il via quindi ad uno sviluppo di alcune argomentazioni ancora estranee all'universo di Age of Empires.

Al contrario dei titoli precedenti, AOM presenta meno civiltà da sviluppare, anche se con l'inserimento delle divinità, il gioco aumenta sicuramente in profondità e completezza. Le tre uniche civiltà presenti: Egizia, Greca e Nordica, dovranno non solo pensare a sviluppare tecnologie da battaglia e commerciale, ma dovranno anche badare ad ingraziarsi i favori dei propri dei. Ogni civiltà avrà ovviamente delle divinità differenti da adorare, così come differenti saranno i metodi di adorazione e differenti saranno i modi con cui gli dei renderanno grazie ai propri sudditi.

Alcune civiltà dovranno per esempio semplicemente costruire un tempio per il proprio dio, mentre altri vorranno essere costantemente adorati fino ad arrivare agli dei nordici che pretenderanno un continuo coinvolgimento in battaglia dei propri sudditi per dare loro i favori richiesti.

Questo aspetto del gioco è decisamente interessante perché costringerà i giocatori a differenziare di non poco le proprie strategie di guerra a seconda della civiltà scelta. A seconda quindi di quanto adoreremo i nostri dei, aumenteremo infatti il valore di ingraziamento degli dei, valore che va ad affiancarsi a quelli usuali di cibo, oro e legno e che ci consentirà di produrre e gestire i vari eroi che gli dei ci metteranno a disposizione. Non ci sarà da stupirsi quindi se affianco alle usuali legioni di fanteria e arcieri, vedremo anche ciclopi, scarabei, cavalli alati e quant'altro, con tutto quello che ne consegue dal punto di vista strategico. Graficamente parlando AOM si discosta nettamente da quelli che sono stati i suoi predecessori, puntano sul moderno 3d reale e abbandonando la bidimensionalità in isometrica che ha sancito fino ad ora il successo non solo del capolavoro Microsoft.

L'abbandono del 2d è uno scoglio su sui molti giochi di strategia hanno cozzato (chi ha parlato di Warcraft 3 ?), ma anche su questo versante sembra proprio che la casa di Redmond abbia vinto la sfida. Edifici, scenari e modelli poligonali dei personaggi sono stati ricostruiti in maniera dettagliatissima e al contempo realizzati in modo da non appesantire il sistema durante le inevitabili mischie che andremo ad affrontare. Notevole per esempio la realizzazione del mare e delle coste, con le onde che si infrangono sulla spiaggia in modo del tutto realistico. Il lato multiplayer è stato senza dubbio uno dei punti di forza di tutti gli Age of Empires, espansioni comprese, anche se in questo caso sarà curioso vedere come la community di AOE prenderà il passaggio dalla grafica 2d a quella tridimensionale. Come sempre lo svolgimento delle campagne sarà suddivise in piccoli capitoli che pian piano sveleranno la trama della campagna stessa.

Ovviamente saranno presenti le componenti di espansione delle tecnologie dei vecchi episodi, così da permettere al nostro popolo di progredire il proprio status tecnologico con il dipanarsi delle missioni svolte.

Insomma, le prerogative per l'ennesimo successo in casa MS ci sono tutte. Resta da vedere se nella versione completa del gioco verranno mantenute le ottime premesse viste in questa demo e soprattutto se il lato multiplayer, su cui abbiamo ricevuto non poche rassicurazioni in merito riscuoterà gli stessi favori della community che fino ad oggi ha continuati a giocare con Age Of Empires 1 e 2.

Non ci resta che aspettare l'uscita definitiva del gioco, prevista tra qualche giorno, per parlare in maniera più completa di questo attesissimo AOM, Dei permettendo, ovviamente.

Luca 'Lord Axl' Gambino

AOM sarà sicuramente l'ennesimo centro di casa Microsoft. Il sapiente mix di strategia e mitologia, sempre che la versione finale rispetti le ottime impressioni avute da questa demo, porteranno ancora una volta una ventata d'aria fresca sul mondo degli RTS. Il cambio grafico da 2d a 3d sembra non aver portato scompensi o squilibri all'interno di un gameplay ormai collaudato.<br />Ancora qualche giorno di pazienza e avremo un verdetto finale.