Preview 3D Ultra Pinball: Thrillride

di Tiscali News
3D Ultra Pinball: Thrillride è un videoggioco di flipper ideato da Sierra, che lo ha voluto ambientare in un parco dei divertimenti realmente esistente in Pennsilvania: il parco di Hershey. Come in ogni parco che si rispetti, ci sono le giostre, le montagne russe, le macchine a scontro, più una serie di attrazioni peculiari che affronteremo cercando di indirizzare al meglio le palline del nostro flipper

UNA VISITA AL LUNA PARK

Appena si lancia il gioco, si avverte che la massima cura è stata posta dagli sviluppatori nel creare un interfaccia credibile e gradevole, sufficientemente realistica per poter identificare con precisione un luogo geografico realmente esistente: il parco di Hersey, per l’appunto. La grafica è curata a livelli maniacali, e moltissimi sono i dettagli che si scoprono man mano che si va avanti nel gioco

E’ presente la grande ruota, la biglietteria, due macchine da scontro fungono da respingenti, i bonus arrivano grazie all’imbarco della pallina su una canoa: tutto il gioco gira davvero intorno a una ambientazione di un parco dei divertimenti minuziosamente riprodotto. Ogni tanto, durante il gioco, si potrà andare al bar per prendere una bibita e qualcosa da mangiare e tra tutto questo ben di Dio non poteva mancare il classico zucchero filato!

Se riusciremo ad attivare la fun-zone, proiettando la pallina oltre il muro d’acqua della cascata principale, si materializzerà di fronte ai nostri occhi una torre girevole che dovremo colpire ripetutamente per far giungere gli spettatori fino alla vetta, guadagnando d0altro canto un bel po’ di punti

TECNICAMENTE PARLANDO

Purtroppo tanta grafica, e per giunta di buona qualità, si paga: di tanto in tanto, sono avvertibili dei "saltelli" della pallina, invero rari, ma estremamente fastidiosi in un gioco che ha nella prontezza di riflessi il suo momento centrale. La situazione si è verificata provando una versione dimostrativa del gioco su un iMac a 400 MHz con 8 MB VRAM: speriamo che la versione finale sia ulteriormente ottimizzata

La colonna sonora, e la voce fuori campo risultano estremamente coinvolgenti, e anche piuttosto incalzanti. Del resto, non potrebbe essere altrimenti, dato che è una caratteristica peculiare tipica del gioco con un flipper quella di dover prestare sempre il massimo dell’attenzione. Quando la pallina entrerà all’interno di ciascun’area di gioco, vedremo le diverse attrazioni animarsi: i suoni mielosi della giostra e le urla dei poveretti aggrappati alle loro macchinine sulle montagne russe sono riprodotti perfettamente

ARCADE O SIMULAZIONE?

Gli appassionati del genere rimprovereranno forse a 3D Ultra Pinball: Thrillride di allontanarsi dai canoni tradizionali del flipper in ferro e vetro: il gioco infatti strizza l'occhio piuttosto a quel nuovo filone di flipper "virtuali" in cui il rispetto rigoroso delle regole fisiche e la rispondenza a canoni reali sta lentamente scemando in favore di una maggiore immediatezza e interattività del gioco

In alcuni casi, infatti, la pallina compie virtuosismi che sarebbero difficilmente ipotizzabili su un flipper vero. Capita per esempio che acceleri notevolmente una volta incanalata all’interno di qualche percorso obbligato, probabilmente al fine di ridurre al minimo i tempi cosiddetti morti - quelli che nel flipper reale mettono in salvo il giocatore, permettendogli, di tanto in tanto, di respirare

In effetti, sarebbe veramente difficile implementare in un flipper vero la possibilità di attraversare le cascate, o tratti fluviali in canoa, o di compiere prodezze similari senza che l’acqua rischi da un momento all’altro di schizzare, mandando in tilt l’intero circuito elettrico. O anche è difficile da ipotizzare realisticamente di dare al giocatore la possibilità di intercettare al volo con la pallina il tragitto di un treno delle montagne russe..

Stesso discorso sulla scarsa verosimiglianza vale per gli elementi tridimensionali che di tanto in tanto, conquistati bonus e obbiettivi, saltano fuori dal nulla nel bel mezzo del tavolo da gioco. Da questo punto di vista, 3D Ultra Pinball: Thrillride non è certo adatto a quei giocatori tradizionalisti che dalle simulazioni si aspettano una replica ultrafedele del proprio flipper preferito

Anzi, viene offerta persino la possibilità di cambiare tavolo di gioco durante la partita, perché accumulando punti e raggiungendo in successione i diversi obbiettivi, il giocatore potrà accedere istantaneamente a quadri del tutto nuovi, da giocarsi in successione. Per esempio, se si riesce a superare il livello Thrill, che si trova in alto a sinistra nello schema di gioco iniziale, si accede praticamente a un nuovo flipper

Il fattore acqua acquisisce via via un peso crescente (c’è anche uno schema che impegna il giocatore sul letto di un torrente), comunque l’obiettivo di tutti i quadri resta fondamentalmente quello di assicurare il divertimento dei visitatori del nostro Luna Park virtuale facendo scorrazzare le nostre palline in lungo e in largo per lo schermo

Non è una simulazione da puristi, l'abbiamo detto e sottolineato, si tratta piuttosto un titolo arcade: senza dubbio 3D Ultra Pinball: Thrillride sarà molto divertente per il numeroso pubblico delle famiglie, risultando potenzialmente piacevole sia per i ragazzi, sia per i genitori, che potranno anche prodursi in sfide incrociate grazie alla possibilità di far giocare fino a quattro giocatori contemporaneamente

Che il target del gioco sia prevalentemente quello familiare, emerge anche dalla semplicità degli schemi: pur scegliendo il livello più difficile, è facile che accada di giocare per diversi minuti con la stessa pallina, il che ovviamente limita molto la giocabilità in multiplayer, a meno che non abbiate la pazienza di aspettare anche una buona mezz’ora che giunga il vostro turno

Tra gli aspetti curiosi di 3D Ultra Pinball: Thrillride, è da citare la possibilità che viene offerta di giocare in notturna (opzione non attivabile nella demo da noi provata), alla luce dei fuochi artificiali. Apputamento, a breve, con la recensione del prodotto completo.