Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
  1. #1
    imma a huge fahget L'avatar di sentinel
    Data Registrazione
    Sat Apr 2005
    Località
    Aperture Science Cooperative Test Initiative
    Messaggi
    7,806

    Predefinito La protesta - Racconto breve

    E' un brevissimo racconto che mi è venuto in mente oggi e ho voluto scrivere, perché mi piaceva molto l'idea. Diciamo che questo è il mio primo scritto spontaneo, cioé non scolastico o imposto. Quindi non si può dire che abbia un buon stile nè un grande tecnica, ma siccome mi è piaciuto scrivere, anche se per poco, affinerò il tutto.

    La protesta

    E' una settimana che non mangio. E ho tanta fame. Tanta, tanta, tanta fame. Non possiamo più andare da nessuna parte: ci hanno probito l'ingresso a ogni edificio privato e pubblico. E' cominciato un mese fa, e in poco tempo metà della popolazione si è trovata chiusa nelle proprie città, isolata, i propri cari scappati o portati via. Ogni tanto si trova qualcosa da mangiare, ma è appena sufficiente a tirare avanti. Non capiamo cosa sta succedendo. Abbiamo deciso di organizzare una protesta giù al centro commerciale, sigillato e ancora pieno di cibo. Siamo a Savannah, al Liberty Mall e stiamo facendo sentire la nostra voce. Il governo ci ha rinchiusi senza dirci il perché, togliendoci i nostri familiari e amici e lasciandoci sigillati a morire di fame. Siamo in 500.000 e le nostre grida fanno tremare le possenti mura di cemento e gli enormi finestroni ricoperti di compensato vibrano così tanto che sembrano spaccarsi in mille pezzi. Ci accalchiamo contro le porte, battendo e strepitando a più non posso, una massa brulicante di miseria, disperazione e tremenda rabbia. All'improvviso si sente uno sparo, e con un tonfo, un uomo si accascia a terra, morto. In alto, sul tetto, un cecchino dell'esercito (si riconosce facilmente dalla tuta sigillata) ha appena sparato un colpo. Scoppia la rivolta. Una protesta pacifica per ottenere del cibo e ci sparano addosso?
    Altri tre corpi si accasciano a terra. Ma siamo in troppi, e non siamo spaventati. Anzi, la repressione violenta ci ha resi ancora più determinati a sfondare le porte, e a sciamare per reclamare ciò che di diritto è nostro. Il vetro delle entrate comincia a incrinarsi e poi cede. I portoni si scardinano e sciamiamo dentro. Finalmente possiamo placare la fame, e c'è così tanta roba da cui scegliere. Adocchio subito uno stuzzichino: mi avvicino e mordo il bambino alla mano tranciandogli due dita di netto. Mmmm, il sapore di ossa, il rumore che fanno quando si spezzano sotto di denti..... Il mio pranzo cerca di scappare, ma lo afferro e con un morso gli stacco il naso, facendo uscire un fiotto di sangue saporito e rinfrescante. Poi lo blocco e arrivo alla parte migliore, gli intestini: gli strappo la pelle dallo stomaco e comincio a succhiare l'intestino come uno spaghetto. Le interiora non sono molto amate, vengono trovate un po' schifose, ma io le trovo saporitissime. E finalmente sto mangiando qualcosa di fresco e scalciante, non cadaveri immobili dagli occhi vitrei. Vedere gli occhi piangenti del bambino rende il pasto più emozionante, e l'entusiasmo scende un po' dopo che glieli cavo e li mangio. Mi rialzo satollo, con lo stomaco pieno e finalmente sazio. Intorno a me vedo meravigliosi quadretti, di famiglie che banchettano insieme su altre, fratelli che divorano sorelle, una scena che mi riscalda il cuore. Il governo non ci può più fermare, e andremo fino a Washington a far sentire la nostra voce a quegli squisiti senatori così grassi, panciuti e morbidi. Chissà, magari ci faranno pranzare col Presidente.


    Go on, spit on me, rape me, or else GTFO.
    Forse quando rimarrà solo sale e terra e le stelle cadranno, ti sentirai a casa.

  2. #2
    Dead Member
    Data Registrazione
    Fri Jan 2010
    Località
    Intermundia
    Messaggi
    5,766

    Predefinito

    Bella idea, sul serio, fino a metà racconto pensavo che i protagonisti fossero tutt'altro - e credo che il tuo intento fosse proprio quello di tenere i lettori all'insaputa fino alla fine.

    In ogni caso hai qualche rotella fuori posto.
    Ultima modifica di TOB; 15-09-2010 alle 18:17

  3. #3

    Predefinito

    O.o ma che c***o di film ti guardi la sera?? O.o sono cannibali?? O.o si hai qualche rotella fuori posto... concordo...
    Vuoi rimanere? Perchè fa male, male, male da morire.. senza te! /Tzn.


  4. #4
    Gendo Train L'avatar di Mirmidon
    Data Registrazione
    Thu Jan 2009
    Località
    Von Braun
    Messaggi
    3,382

    Predefinito

    Se vuoi ti sputo addosso un po' di acido, o magari del vomito.

    O.o ma che c***o di film ti guardi la sera?? O.o sono cannibali?? O.o si hai qualche rotella fuori posto... concordo...
    Non è che guarda film strani la sera. E' che si è fumato il dvd di left 4 dead.


    Comunque ben scritta complimenti sentinel.

  5. #5
    Seeker of Darkness L'avatar di Emis~
    Data Registrazione
    Tue May 2007
    Località
    Scala ad Caelum
    Messaggi
    3,917

    Predefinito

    E poi dicono che sono io quello che fuma.

  6. #6
    Non posto dal '64 L'avatar di mr. utente
    Data Registrazione
    Tue Jan 2008
    Messaggi
    5,791

    Predefinito

    Carino, mi associo a quello detto da Only.

  7. #7
    Ombra di DBA L'avatar di Shadow
    Data Registrazione
    Sat Oct 2007
    Località
    Nuovo Mondo
    Messaggi
    5,545

    Predefinito

    Domanda,Zombie o cannibali?

    P.S Io non ho fumato

  8. #8
    imma a huge fahget L'avatar di sentinel
    Data Registrazione
    Sat Apr 2005
    Località
    Aperture Science Cooperative Test Initiative
    Messaggi
    7,806

    Predefinito

    Lulz, zahwmbie. Potete anche fapparci sopra, ve lo concedo.
    Forse quando rimarrà solo sale e terra e le stelle cadranno, ti sentirai a casa.

  9. #9
    Non posto dal '64 L'avatar di mr. utente
    Data Registrazione
    Tue Jan 2008
    Messaggi
    5,791

    Predefinito

    Io di primo impatto ho immaginato fossero tipo i "vampiri" di I'm legend.

  10. #10
    SALVINI FOR PRESIDENT! L'avatar di jenny56
    Data Registrazione
    Sun Apr 2007
    Località
    In your nightmares!
    Messaggi
    12,676

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sentinel Visualizza Messaggio
    E' un brevissimo racconto che mi è venuto in mente oggi e ho voluto scrivere, perché mi piaceva molto l'idea. Diciamo che questo è il mio primo scritto spontaneo, cioé non scolastico o imposto. Quindi non si può dire che abbia un buon stile nè un grande tecnica, ma siccome mi è piaciuto scrivere, anche se per poco, affinerò il tutto.

    La protesta

    E' una settimana che non mangio. E ho tanta fame. Tanta, tanta, tanta fame. Non possiamo più andare da nessuna parte: ci hanno probito l'ingresso a ogni edificio privato e pubblico. E' cominciato un mese fa, e in poco tempo metà della popolazione si è trovata chiusa nelle proprie città, isolata, i propri cari scappati o portati via. Ogni tanto si trova qualcosa da mangiare, ma è appena sufficiente a tirare avanti. Non capiamo cosa sta succedendo. Abbiamo deciso di organizzare una protesta giù al centro commerciale, sigillato e ancora pieno di cibo. Siamo a Savannah, al Liberty Mall e stiamo facendo sentire la nostra voce. Il governo ci ha rinchiusi senza dirci il perché, togliendoci i nostri familiari e amici e lasciandoci sigillati a morire di fame. Siamo in 500.000 e le nostre grida fanno tremare le possenti mura di cemento e gli enormi finestroni ricoperti di compensato vibrano così tanto che sembrano spaccarsi in mille pezzi. Ci accalchiamo contro le porte, battendo e strepitando a più non posso, una massa brulicante di miseria, disperazione e tremenda rabbia. All'improvviso si sente uno sparo, e con un tonfo, un uomo si accascia a terra, morto. In alto, sul tetto, un cecchino dell'esercito (si riconosce facilmente dalla tuta sigillata) ha appena sparato un colpo. Scoppia la rivolta. Una protesta pacifica per ottenere del cibo e ci sparano addosso?
    Altri tre corpi si accasciano a terra. Ma siamo in troppi, e non siamo spaventati. Anzi, la repressione violenta ci ha resi ancora più determinati a sfondare le porte, e a sciamare per reclamare ciò che di diritto è nostro. Il vetro delle entrate comincia a incrinarsi e poi cede. I portoni si scardinano e sciamiamo dentro. Finalmente possiamo placare la fame, e c'è così tanta roba da cui scegliere. Adocchio subito uno stuzzichino: mi avvicino e mordo il bambino alla mano tranciandogli due dita di netto. Mmmm, il sapore di ossa, il rumore che fanno quando si spezzano sotto di denti..... Il mio pranzo cerca di scappare, ma lo afferro e con un morso gli stacco il naso, facendo uscire un fiotto di sangue saporito e rinfrescante. Poi lo blocco e arrivo alla parte migliore, gli intestini: gli strappo la pelle dallo stomaco e comincio a succhiare l'intestino come uno spaghetto. Le interiora non sono molto amate, vengono trovate un po' schifose, ma io le trovo saporitissime. E finalmente sto mangiando qualcosa di fresco e scalciante, non cadaveri immobili dagli occhi vitrei. Vedere gli occhi piangenti del bambino rende il pasto più emozionante, e l'entusiasmo scende un po' dopo che glieli cavo e li mangio. Mi rialzo satollo, con lo stomaco pieno e finalmente sazio. Intorno a me vedo meravigliosi quadretti, di famiglie che banchettano insieme su altre, fratelli che divorano sorelle, una scena che mi riscalda il cuore. Il governo non ci può più fermare, e andremo fino a Washington a far sentire la nostra voce a quegli squisiti senatori così grassi, panciuti e morbidi. Chissà, magari ci faranno pranzare col Presidente.


    Go on, spit on me, rape me, or else GTFO.
    ti sei ispirato ad Hannibal the Cannibal, per caso? La trama sembra la stessa... molto...truculenta e splatter...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •