Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26
  1. #1
    Utente Bannato L'avatar di Guren
    Data Registrazione
    Mon Nov 2008
    LocalitÓ
    Pavia
    Messaggi
    3,049

    Predefinito La Giustizia Italiana colpisce ancora

    Viviamo in un Paese in cui le Forze dell'Ordine hanno licenza di torturare, di massacrare, di uccidere.

    Il Caso Aldrovandi, il ragazzo assassinato dopo essere stato orrendamente brutalizzato dagli agenti in divisa, che filmando il cadavere agonizzante sghignazzavano allegramente, ci narra anche di depistaggi, falsificazione di prove e insabbiamenti a tutti i livelli, volti a coprire gli Assassini.

    Nel frattempo ci sono stati i processi per coloro che al G8 realizzarono quella che Amnesty International descrisse come "La più grande violazione dei diritti umani in tempo di pace", il tristemente celebre "Massacro Cileno" in cui le Forze dell'Ordine davastarono, torturarono e al canto di "1 a Zero per noi" festeggiarono l'uccisione di Carlo Giuliani, arrivando persino ad infierire sul suo cadavere ancora caldo. (Tutti i fatti citati sono facilmente riscontrabili guardando i filmati su Youtube).

    Purtroppo dobbiamo tornare a parlare di un altro ragazzo, Stefano Cucchi, ferocemente ammazzato da chi dovrebbe essere preposto a gestire l'ordine e a difendere la costituzione di una Repubblica nata dalla Resistenza Antifascista.

    Questa la fredda cronaca dell'Agonia di Stefano:

    Giovedì 15 ottobre 2009 Ore 23.30: Stefano Cucchi viene fermato dai Carabinieri nel parco degli acquedotti, a Roma.

    Venerdì 16 ottobre Ore 1.30 del mattino: si presentano, con Stefano, presso l’abitazione della famiglia Cucchi, due uomini in borghese, poi qualificatisi come carabinieri e altri due carabinieri in divisa della caserma dell’Appio Claudio. Iniziano a perquisire la stanza di Stefano mentre questi tranquillizza la madre dicendole “tranquilla, tanto non trovano nulla”. Non trovano nulla nella sua stanza. I carabinieri a loro volta tranquillizzano i familiari, dicendo che Stefano è stato sorpreso con alcuni grammi di sostanza stupefacente addosso e che l’indomani si sarebbe celebrato il processo per direttissima nelle aule del tribunale.

    Alle ore 12 circa del mattino Stefano arriva in aula scortato da quattro carabinieri. Il suo volto è molto gonfio e presenta lividi assai vistosi intorno agli occhi. Durante l’interrogatorio del giudice, si dichiara colpevole di “detenzione di sostanze stupefacenti, ma in quanto consumatore”. Alle ore 14 viene visitato presso l’ambulatorio del palazzo di Giustizia, dove gli vengono riscontrate “lesioni ecchimodiche in regione palpebrale inferiore bilateralmente” e dove Stefano dichiara “lesioni alla regione sacrale e agli arti inferiori”. I carabinieri lo conducono quindi a Regina Coeli affidandolo alla custodia della Polizia penitenziaria. All’ingresso in carcere viene sottoposto a visita medica che evidenzia la presenza di “ecchimosi sacrale coccigea, tumefazione del volto bilaterale orbitaria, algia della deambulazione". Viene quindi trasportato all’ospedale Fatebenefratelli per effettuare ulteriori controlli: in particolare radiografie alla schiena e al cranio, non effettuabili in quel momento all’interno dell’istituto penitenziario. In ospedale viene diagnosticata “la frattura corpo vertebrale dell'emisoma sinistra e la frattura della vertebra coccigea”.

    Sabato 17 ottobre Nel corso della mattinata viene nuovamente visitato da due medici di Regina Coeli i quali ne dispongono nuovamente il trasferimento al Fatebenefratelli. Da qui, nel corso della mattinata (ore 13,15), viene trasferito all’ospedale Sandro Pertini. La famiglia viene avvisata del ricovero di Stefano solo alle ore 21. Alle ore 22 circa i genitori si presentano al pronto soccorso e vengono indirizzati al Padiglione detenuti. Al piantone viene chiesto se è possibile visitare il paziente, ma la risposta che viene data ai familiari è: “questo è un carcere e non sono possibili le visite”. Alla precisa domanda rivoltagli dai genitori: "come sta Cucchi Stefano?", il piantone li fa attendere per poi invitarli a ritornare il lunedì successivo.

    Lunedì 19 ottobre alle ore 12 I genitori si recano presso il padiglione detenuti e ripetono al piantone la richiesta di visitare Stefano. La risposta della sovrintendente è: “il ragazzo sta tranquillo”, ma ancora una volta viene negata ai genitori la possibilità di un colloquio con i medici, la stessa sovrintendente li invita a ripresentarsi il giorno successivo, affermando che per l’indomani l’autorizzazione sarebbe sicuramente arrivata.

    Martedì 20 ottobre Alle ore 12 i genitori si recano nuovamente al Pertini, ripetendo al piantone la richiesta di visitare Stefano. Questa volta il piantone nega loro l’ingresso, dichiarando, ed è la prima volta che viene detto esplicitamente, che “sia per i colloqui con i detenuti sia per quelli con i medici occorre chiedere il permesso del Giudice del Tribunale”.

    Mercoledì 21 ottobre Alle 12.30 il padre di Stefano , dopo una mattina passata in tribunale, ottiene il permesso del Giudice della settima sezione per i colloqui. Ma gli dicono che "Manca il Visto!"

    Giovedì 22 ottobre Stefano Cucchi muore alle 6.20 di mattina. La certificazione medica rilasciata dal sanitario ospedaliero parla incredibilmente di 'presunta morte naturale'. Alle ore 12.30 la madre di Stefano viene a sapere della morte del figlio.
    Entrambi i genitori si recano al Pertini dove il sovrintendente e il medico di turno fanno una dichiarazione allucinante quella di “non aver avuto modo di vederlo in viso in quanto si teneva costantemente il lenzuolo sulla faccia”.
    Si precipitano quindi all’obitorio dell’istituto di medicina legale dove si presenta loro un’immagine sconvolgente: il volto del figlio devastato, quasi completamente tumefatto, l’occhio destro rientrato a fondo nell’orbita, l’arcata sopraccigliare sinistra gonfia in modo abnorme, la schiena e gli arti spezzati, la mascella destra con un solco verticale, a segnalare una frattura, la dentatura rovinata.

    Venerdì 23 ottobre Viene effettuata l’autopsia. Al consulente di parte, nominato dalla famiglia, non viene consentito di scattare fotografie. Il corpo di Stefano Cucchi ora pesa 37 Kg. Segno che oltre ad essere stato ripetutamente massacrato di botte, per giorni e giorni, è stato anche privato di cibo e acqua e, di conseguenza, ucciso anche dalla denutrizione forzata.



    Fonte: RadioContro, la quale ha attinto da giornali vari






    Non trovo nemmeno doveroso commentare. Partirebbero tanti di quegli insulti e bestemmie che cancellerebbero il topic.
    Ultima modifica di Majin Broly; 01-11-2009 alle 16:53 Motivo: In caso metti un link

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Dragon Slayer
    Data Registrazione
    Thu Mar 2007
    LocalitÓ
    Reality Marble
    Messaggi
    10,906

    Predefinito

    Siamo nella solita repubblica delle banane.

    Sincere condoglianze alla famiglia e ai cari di Stefano, vittima della demenza di qualche nullità in divisa.
    M'illumino d'immenso.
    Shepard

  3. #3
    Senior Member L'avatar di Andrew Clemence
    Data Registrazione
    Wed Mar 2009
    Messaggi
    20,834

    Predefinito

    che schifo...

  4. #4
    HoldMe~ L'avatar di Meaningless
    Data Registrazione
    Fri Jun 2009
    LocalitÓ
    Hymen
    Messaggi
    2,310

    Predefinito

    Quando cazzo inizierà a girare la ruota?

  5. #5
    Red October L'avatar di Vikt°r
    Data Registrazione
    Tue Dec 2002
    LocalitÓ
    Borgo Panigale
    Messaggi
    3,056

    Predefinito

    Gli sbirri vi prenderanno prima o poi... e saranno dolori.

    Soprattutto a feleset per questo

    Citazione Originariamente Scritto da Feleset Visualizza Messaggio
    No, Ŕ stato rapito dagli emo, ma poi l'hanno liberato perchŔ li rendeva troppo felici.


    Heartbreakers and lifetakers.
    Semper Fi

  6. #6
    ElitarioÖ L'avatar di The G
    Data Registrazione
    Sat Jun 2006
    LocalitÓ
    Hell
    Messaggi
    5,906

    Predefinito

    Non si può far altro che schifarsi...molti solo con una divisa credono di acquistare poteri illimitati...

    Comunque la notizia sconcertante è che il ragazzo è morto, ma non so se avete mai sentito parlare dei Falchi...praticamente è un corpo di polizia costiuito da bestie che girano in borghese su motociclette, con i caschi scuri, sono pieni di tatuaggi e piercing. E se sanno che hai della roba addosso non si preoccupano di portarti in caserma. Prima ti rompono le ossa a forza di botte e dopo FORSE ti portano in caserma. Praticamente na roba incredibile.

  7. #7
    Siddharta L'avatar di Buddha94
    Data Registrazione
    Tue May 2008
    LocalitÓ
    Nirvana
    Messaggi
    15,701

    Predefinito

    Che schifo, non ho parole.
    Ma almeno è stato preso qualche provvedimento nei confronti di chi l'ha trattato in questo modo?

  8. #8
    Utente Bannato L'avatar di Guren
    Data Registrazione
    Mon Nov 2008
    LocalitÓ
    Pavia
    Messaggi
    3,049

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kakashi94 Visualizza Messaggio
    Che schifo, non ho parole.
    Ma almeno Ŕ stato preso qualche provvedimento nei confronti di chi l'ha trattato in questo modo?
    Ovvio che no, Alfano, il ministro della giustizia, ha detto che Ŕ morto per "Morte accidentale" perchÚ Ŕ "Caduto dalle scale". Ora, qualcuno pu˛ spiegarmi come cazzo fa uno che cade dalle scale a pesare 37 kili, avere la faccia piena di lividi e un occhio rientrato? ╚ veramente... scandaloso, mi fa schifo questo cazzo di paese, ma porca troia.

  9. #9
    Siddharta L'avatar di Buddha94
    Data Registrazione
    Tue May 2008
    LocalitÓ
    Nirvana
    Messaggi
    15,701

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Guren Visualizza Messaggio
    Ovvio che no, Alfano, il ministro della giustizia, ha detto che è morto per "Morte accidentale" perché è "Caduto dalle scale". Ora, qualcuno può spiegarmi come cazzo fa uno che cade dalle scale a pesare 37 kili, avere la faccia piena di lividi e un occhio rientrato? È veramente... scandaloso, mi fa schifo questo cazzo di paese, ma porca troia.
    Che schifo, paese di merda.
    Condoglianze alla famiglia di Stefano e auguro a coloro che lo hanno trattato in questo modo di fare la stessa fine.

  10. #10
    Senior Member L'avatar di Nappa
    Data Registrazione
    Mon Jan 2005
    LocalitÓ
    A bordo dell'Orgasmatron.
    Messaggi
    2,398

    Predefinito

    Il trattamento riservato a sto povero ragazzo andrebbe applicato su ben altra "gente", dagli spacciatori ai criminali illustri...
    http://gamesurf.tiscali.it/forum/signaturepics/sigpic4078_6.gif

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •