Visualizza Risultati Sondaggio: Credete nalla Reincarnazione

Partecipanti
20. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Si

    4 20.00%
  • No

    10 50.00%
  • Neutro

    6 30.00%
Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456
Risultati da 51 a 56 di 56

Discussione: "Reincarnazione"

  1. #51
    Re-build L'avatar di Lorenzo GOV
    Data Registrazione
    Tue Oct 2006
    Località
    Wonderland
    Messaggi
    16,126

    Predefinito

    Sta di fatto che o conferiamo un anima agli animali e alle piante, o la reincarnazione non ha senso.

  2. #52
    .I know I'm not sleeping. L'avatar di SpikeAlex
    Data Registrazione
    Thu Aug 2006
    Località
    ΠεϬκαϱα
    Messaggi
    2,166

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Davyl Visualizza Messaggio
    Il ragionamento in sé non è errato (anche se...), ma quest'esempio non calza, in quanto qui fai uso due oggetti entrambi percettibili e misurabili fisicamente.
    Lo so benissimo, ma non avevo il tempo nè la fantasia per pensare a qualcos'altro :xlol:

    Facciamo... Mmm...

    Ah sì, come se dicessimo che una circonferenza contiene tutti i punti del piano.
    Take a look at Neo elite.

    With life, there's still hope.


  3. #53
    Mahamanvantara L'avatar di Garrincha
    Data Registrazione
    Sat Dec 2006
    Messaggi
    1,959

    Predefinito

    Non ho voglia di sprecare fiato. Panpsichismo, tanto per dirne una.


    IISNT: legare strettamente memoria e coscienza conduce a paradossi improbabili.
    Se la tua teoria fosse corretta non esisterebbe alcuna differenza tra due gemelli monozigoti
    In realtà, questo avverrebbe se la tua teoria fosse corretta. Stai dicendo che io = memoria, il che significa che sarebbe teoricamente possibile fare crescere due "io" identici — con tutti i paradossi susseguenti, visto che dovrebbe esistere una identica coscienza in due persone— sottoponendo i due gemelli ad una serie identica di esperienze (che sia materialmente e attualmente possibile o meno, non è importante, a meno che tu non voglia addentrarti ad un livello quantistico). Lui sta semplicemente dicendo che la coscienza ha una sua continuità, del tutto indipendente dai ricordi: altrimenti non diremmo che il te di 30 secondi fa è un'altra persona rispetto al te attuale (magari sì...ma l'hai percepito?) o, se preferisci, che il te neonato conteneva in potenza (che non vuol dire niente, fucking Aristotle!) tutti i ricordi e le esperienze che avresti fatto in futuro.

    Io non so se l'anima esiste. Devo ancora elucubrarci sopra; ritengo però certo che essa non può essere immortale, e di conseguenza che non può reincarnarsi. Com'è possibile inserire l'immortale e quindi infinito nella contingenza (il nostro corpo fisico)? Sarebbe come dire che posso ficcare nel mio stomaco 185.000 angurie intere.
    Zio, non fare il positivista, stiamo trattando di metafisica. Prima di tutto, la tua idea di "inserimento" nel corpo è semplicemente una illusione "spaziale" che ti deriva dal tuo modo di guardarti intorno: se fosse il corpo ad essere contenuto nell'anima? Per giunta, non esiste oggetto che possa dirsi "immortale" o "infinito", se non virtualmente; per definire qualcosa "immortale", devi trascorrere la sua immortalità, il che costituisce una contraddizione in termini.

    Ma comunque pensate a scopare, è più divertente.
    Una corda scese sinuosa. La afferrai fra gli spruzzi e dal ponte si levò un grido di incoraggiamento, sguaiato e scellerato, il cui fetore era un affronto al cielo.

  4. #54
    Mahamanvantara L'avatar di Garrincha
    Data Registrazione
    Sat Dec 2006
    Messaggi
    1,959

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SpikeAlex Visualizza Messaggio
    Ah sì, come se dicessimo che una circonferenza contiene tutti i punti del piano.
    Sei un ente geometrico e inesistente nella realtà? No, perché io non vorrei essere paragonato ad una circonferenza

    Piuttosto, è come se tutto l'universo fosse contenuto nel mio dito indice. Perché non potrebbe essere possibile?
    Una corda scese sinuosa. La afferrai fra gli spruzzi e dal ponte si levò un grido di incoraggiamento, sguaiato e scellerato, il cui fetore era un affronto al cielo.

  5. #55
    Senior Member L'avatar di Mystic Leon™
    Data Registrazione
    Fri Sep 2007
    Messaggi
    3,868

    Predefinito

    Secondo le Conoscenze e le Scienza attuali, no.

  6. #56
    Moderatore Viandante L'avatar di IISNT
    Data Registrazione
    Tue Dec 2002
    Messaggi
    3,221

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Garrincha Visualizza Messaggio
    Non ho voglia di sprecare fiato. Panpsichismo, tanto per dirne una.


    IISNT: legare strettamente memoria e coscienza conduce a paradossi improbabili.
    Ho infatti specificato che c'è una differeza netta tra l'individuo già adulto che ha solo perduto la memoria e l'individuo che nasce da zero senza memoria.

    In realtà, questo avverrebbe se la tua teoria fosse corretta. Stai dicendo che io = memoria, il che significa che sarebbe teoricamente possibile fare crescere due "io" identici — con tutti i paradossi susseguenti, visto che dovrebbe esistere una identica coscienza in due persone— sottoponendo i due gemelli ad una serie identica di esperienze (che sia materialmente e attualmente possibile o meno, non è importante, a meno che tu non voglia addentrarti ad un livello quantistico).
    Ci sono due problemi a riguardo:
    1) Geneticamente questa identità totale non esiste, anche volendo mettere in atto una clonazione perfetta con trapianto nucleare ci sarebbero ugualmente differenze, seppur minime, dovute al sangue presente nell'ovocitai in cui si inserisce il nucleo con il corredo cromosomico completo (nucleo asportato dalla cellula somatica)
    2) è impossibile far vivere a due persone le stesse identiche esperienze

    Lui sta semplicemente dicendo che la coscienza ha una sua continuità, del tutto indipendente dai ricordi: altrimenti non diremmo che il te di 30 secondi fa è un'altra persona rispetto al te attuale (magari sì...ma l'hai percepito?) o, se preferisci, che il te neonato conteneva in potenza (che non vuol dire niente, fucking Aristotle!) tutti i ricordi e le esperienze che avresti fatto in futuro.
    Confondi una persona viva e i suoi successivi 30 secondi a una persona che muore o che perde totalmente la memoria. Non centra nulla l'argomento della potenzialità.
    Innanzitutto è molto pericoloso e discutibile affermare che nell'anima è contenuta una coscienza di base, il carattere si costruisce con l'esperienza, c'è poco da fare. E anche volendo supporre fantascientificamente che questa coscienza esiste, ovvero, che a prescindere dalla combinazione genetica e a prescindere da qualunque esperienza vi possa essere una benevolenza/maleficenza di base (cosa assolutamente campata per aria) non si riesce a capire che importanza possa avere nella reincarnazione quest'astratta possibilità metafisica. Perchè dare valore a una cosa del genere?
    Per me la reincarnazione sarebbe oltremodo negativa, non ci sarebbe alcuna speranza per il mondo di veder diminuire le cattiverie una volta migliorata la coscienza e la condizione sociale. A prescindere da tutto, il male sarebbe comunque uguale, certo, più contenibile, ma in molti animi umani ci sarebbe ugualmente una cattiveria di fondo da tenere buona. Un ipotesi del genere, degna del peggior cartone animato Disney, non rende giustizia al FATTO che tutti i "cattivi" della storia hanno avuto particolarità psicologiche o eventi problematici nella loro esistenza. Tu puoi dirmi giustamente che alcuni, in situazioni di estrema tragicità hanno reagito in maniera molto diversa da altri, persino diametralmente opposta e mi puoi dire che questo dipende da quest'anima di base. Ora a questo punto sorgono due problemi:
    1) devi fare i conti con le predisposizioni caratteriali propri della genetica
    2) dovresti analizzare perfettamente ogni loro singolo istante di vita, perchè a volte anche un semplice dialogo può illuminarti e fare la differenza
    A questo punto, per dare un minimo di senso alla credenza della reincarnazione devi farmi capire che importanza possa avere questa coscienza di base e perchè grazie a questa la reincarnazione dovrebbe avere un qualche valore visto che varrebbe per gli animi buoni così come per quelli cattivi e visto che comunque l'io vero e proprio, quello che ci interessa, che ci fa sentire soggetti , il nostro "auto principio di individuazione" viene comunque perso

    Posso essere d'accordo sul triste fatto che di base nell'animo umano ci sono componenti fortemente negative che non permetteranno mai un umanità decente anche se sicuramente migliore (vedi i progressi della democrazia e dei diritti umani). Tuttavia non capisco in quale modo questa base possa essere immaginata fuori dai caratteri ereditari combinati all'esperienza e non capisco in quale modo una possibile componente estranea a questo, presente nell'anima possa avere un qualche valore anche minimo, tanto da sperarci e dire "sarebbe bello"
    Ultima modifica di IISNT; 15-04-2009 alle 17:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •