Gosho Aoyama la sta veramente tirando troppo per le lunghe e ho la sensazione che voglia continuare ancora per molto. Io continuerò la collezione perchè non mi va di troncare così all'improvvisto dopo più di quaranta volumi e poi il prezzo non è eccessivo. Comunque prefirirei casi lunghi e complessi come il già citato caso della "Sonata al chiaro di luna" al posto di quella miriade di piccoli casi che vengono risolti in un batter d'occhio. Inoltre abolirei i giovani detective (fatta eccezione per Ai ovviamente).