Pagina 25 di 34 PrimaPrima ... 152324252627 ... UltimaUltima
Risultati da 241 a 250 di 336

Discussione: Black Heart

  1. #241
    Uomo Tigre
    Guest

    Predefinito

    Mi spiace ragazzi ma torno a dire sempre le solite cose.
    Purtroppo con la fine della scuola sono sempre più impegnato,lo studio aumenta e con esso le varie prove di verifica.
    Ho molti episodi pronti ma non riesco mai a trovare del tempo per postarli.
    Spero di riuscirci al più presto.

  2. #242
    Libertà viva nel cuore... L'avatar di Lynd
    Data Registrazione
    Mon Sep 2007
    Località
    Libera di andare dove lo spirito mi trasporta...
    Messaggi
    1,525

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Uomo Tigre Visualizza Messaggio
    Mi spiace ragazzi ma torno a dire sempre le solite cose.
    Purtroppo con la fine della scuola sono sempre più impegnato,lo studio aumenta e con esso le varie prove di verifica.
    Ho molti episodi pronti ma non riesco mai a trovare del tempo per postarli.
    Spero di riuscirci al più presto.
    Non ti preoccupare Tigre, capiamo i tuoi impegni (anche perché un po' tutti siam messi così...)
    Noi aspetteremo sempre pazienti, e con la speranza di rivedere presto in azione Kokuryu (bello questo soprannome, fortissimo!!)!!!
    "L'uomo non vivrà in questo modo in quanto uomo, ma in quanto in lui c'è qualcosa di divino" Aristotele Mia FF: "Al di là delle apparenze". 59° Cap!

  3. #243
    Senior Member L'avatar di Creed
    Data Registrazione
    Sat Jun 2007
    Località
    Midgar
    Messaggi
    6,556

    Predefinito

    Tranquillo mbare, ti capiamo benissimo, almeno tu riesci e recuperare, io sono ancora imputtanato con alcune materie XD.
    ''Ora il mondo è sottosopra, e sto precipitando in mezzo alle nuvole...''
    Someday the dream will end

  4. #244
    Uomo Tigre
    Guest

    Predefinito

    Che lettori gentili ^_^
    Grazie ragazzi, cercherò di postare al più presto

  5. #245
    Senior Member L'avatar di Creed
    Data Registrazione
    Sat Jun 2007
    Località
    Midgar
    Messaggi
    6,556

    Predefinito

    Fa con calma mbare, più aspettiamo di rivedere in azione Kokuryu e più eclatante sarà il suo ritorno in questo topic :yea:.
    ''Ora il mondo è sottosopra, e sto precipitando in mezzo alle nuvole...''
    Someday the dream will end

  6. #246
    Saiyan girl L'avatar di BK-81
    Data Registrazione
    Mon Jan 2006
    Località
    in missione sulla terra
    Messaggi
    1,644

    Predefinito

    mi sa che con il Kokuryu ho combinato un disastro...

  7. #247
    [p, xi, N(xi)] L'avatar di Il Nicco
    Data Registrazione
    Mon Apr 2007
    Messaggi
    5,171

    Predefinito

    ma no, ma no, tanto non me lo fa più simpatico...eppure ero convinto che nero fosse Kuro

  8. #248
    Uomo Tigre
    Guest

    Predefinito

    E finalmente dopo tanto tempo sono tornato a postare.
    Quello che vi presento oggi è un capitolo molto importante nello svolgimento della storia e a me personalmente piace molto
    Buona lettura carissimi lettori e lettrici


    C’E’ DEL BUONO IN TE


    Era totalmente sfinito,esausto,ferito sia fisicamente che nell’orgoglio.
    Con le braccia a penzoloni totalmente martoriate dai numerosi colpi ricevuti, se ne stava li, probabilmente aspettando l’assalto finale del suo avversario.
    Il sangue colava dal suo occhio al quale poteva dire addio date le condizioni in cui riversava,l’ultimo colpo glielo aveva totalmente spappolato.
    Quelle gocce rosse cadevano al suolo provocando un leggero rumore,un ticchettio che pian piano iniziava a confondersi con la pioggia che leggera bagnava le strade.
    Ben presto quelle che prima erano alcune gocce si trasformarono in un temporale,lo stesso che si stava verificando a casa di quella famiglia che ormai si stava lentamente sgretolando.
    Una voce singhiozzante e agonizzante cominciò a parlare: -ti prego figliolo risparmialo,non fare ciò di cui poi potresti pentirtene,torna in te!Non sei il Seiryu che conosco so che non vuoi realmente fare ciò che stai pensando quindi ti prego ascoltami e torna sui tuoi passi,sei ancora in tempo per farlo-
    La povera Kishimoto riversava a terra straziata dal dolore che oltre ad essere fisico era soprattutto interiore.Rivedere quel figlio dopo tanto tempo che si batteva con foga per uccidere il padre avrebbe fatto male a chiunque.
    Quasi non riusciva a capacitarsi di ciò che stava succedendo in casa sua,con gli occhi pieni di lacrime si limitava a parlare per interrompere quella brutale scena che di li a poco si sarebbe consumata.
    -Stai zitta donna!-gridò Kentaro sputando per terra un fiotto di sangue -come pensi che possa uccidermi?!Non accadrà mai un miracolo simile,ne ora ne mai!-
    A quelle provocazioni Seiryu rimase totalmente impassibile,lo sguardo di fuoco che aveva qualche istante prima era ancora presente e da esso poteva trasparire tutta la sicurezza che il guerriero possedeva.
    Non una parola, non un movimento,forse le affermazioni della madre stavano facendo breccia nel suo spirito combattuto ma ormai divorato dall’odio verso il padre.
    La madre se ne accorse e continuò il suo discorso,doveva provarle tutte pur di far placare l’ira del figlio.
    -Ryu ascoltami,sono certo che tuo nonno ti ha insegnato anche importanti lezioni di vita e tra queste sono certa che non ‘c’era l’uccidere un tuo famigliare,sarà anche una pessima persona ma è pur sempre tuo padre-
    -Mio padre?!-sbraitò a gran voce il ragazzo -come posso considerare un padre uno che non si è mai dimostrato tale?!Come posso?!-
    Gridava con quanta più forza aveva in gola e non accennava a smettere-non si può definire un padre quest’essere immondo!-gridò puntando il dito indice verso Kentaro-non mi ha mai degnato di un minimo di affetto,mai una carezza o un abbraccio,mai una parola buona!Mi ha sempre lasciato a me stesso!Non ho mai potuto contare sul suo aiuto mai!-
    A quel punto anche sul viso di Seiryu delle lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi carichi d’odio.
    Era incredibile il contrasto che facevano,un volto bruciante di rabbia lasciava uscire delle calde lacrime imbevute di tanta tristezza e malinconia.
    -A differenza dei miei amici io non ho mai potuto contare sull’affetto e il bene di un padre,il suo silenzio e i suoi tetri sguardi mi tormentano al solo pensiero!-
    -Hai ragione figlio mio ma non puoi ucciderlo,se lo farai intraprenderai una strada dal quale è quasi impossibile uscire,ascolta tua madre e smettila di combattere,ormai lo hai battuto!-
    Ci fu una breve pausa nella quale solo la pioggia comportava l’unico rumore udibile.
    -E poi pensa a quanti ragazzi come te non hanno mai avuto una famiglia,ne un padre e nemmeno una madre,almeno tu hai avuto il mio affetto sono moltissimi quelli che sono soli senza famiglia ma di certo non possono far scontare agli altri il loro dolore-
    Quelle parole portarono la mente di Kentaro indietro di moltissimi anni,potè rivedere nitidamente quel bambino che correva mentre una pioggia fredda bagnava qualsiasi cosa,la stessa che stava cadendo in quel momento.
    Non accennava a fermarsi,finchè non cadde e a quel punto il temporale che gli batteva sopra tutto il corpo sembrò farsi sempre più pesante e freddo quasi come se lo volesse schiacciare,in un mondo come quello non c’era posto per uno come lui.
    Nessuno che venne ad accoglierlo ad aiutarlo in quel frangente,non ci fu un anima di buon cuore che gli tese una mano per farlo rialzare,nessuna.
    Quell’evento lo trasformò nella persona fredda e crudele che era ora e il discorso di Kishimoto dopo averlo fatto tornare indietro nel tempo gli diede una nuova grinta ma soprattutto una nuova rabbia verso quel figlio che aveva osato ridurlo in quel modo.
    -Si invece possono!-gridò a squarciagola-non potete giudicarmi,nessuno può,il dolore che provai tanti anni fa verso questo mondo e la gente di questo mondo mi da la forza di compiere qualsiasi cosa io voglia!-
    Calcando quanto più potè il timbro della voce sull’ultima parola con le ultime forze che aveva in corpo si fiondò verso il figlio e lo colpì con un pugno tonante che lo gettò a terra.
    Non lo avesse mai fatto,un rivolo si sangue rigava il labbro di Ryu.
    Apparentemente sembrava aver riacquistato la ragione,le parole della madre erano state quel poco di luce che adesso era stata totalmente offuscata.
    Era bastato un pugno,soltanto quello per far tornare l’ira e l’odio nel cuore di Seiryu un ragazzo combattuto fra più sentimenti.
    L’odio verso Kentaro aveva preso totalmente possesso del suo essere.
    Nessuna parola e frase lo avrebbero ricondotto alla retta via,la miccia che era stata tamponata ora aveva ripreso ad ardere e per Kentaro sarebbe stata la fine.
    Dopo essersi rimesso in piedi iniziò a correre verso il padre e mentre correva gridava a gran voce come per sopprimere quel che di buono c’era in lui che gli voleva impedire di compiere quella tremenda azione.
    Mentre un occhio veniva pervaso dalla rabbia l’altro per un istante,per una frazione di secondo produsse una lacrima cristallina,piccola impercettibile quasi invisibile che in meno di un battito di ciglia evaporò come se nulla fosse.
    Balzò e distese la gamba destra con la quale colpì in pieno il torace del padre.
    Il colpo fu potente,brutale e causò un dolore indescrivibile a colui che era stato colpito il quale venne scagliato contro la finestra che dopo essersi sfondata permise a Kentaro di cadere fuori cadendo sopra ad una macchina.
    La vendetta di Seiryu aveva finalmente avuto luogo,una sensazione di gioia mista ad ancora quei residui di rabbia albergava ora nel ragazzo.
    Non era più quel guerriero che completava l’addestramento dal nonno,non era più quel bambino che apprendeva tutto con un sorriso,ora era soltanto Seiryu.
    Il drago nero che lo avvolgeva sparì come se non fosse mai esistito e a battaglia ormai conclusa il ragazzo si avvicinò a passi lenti verso la madre.
    La pioggia si era fatta sempre più impetuosa,ora anche dei potenti tuoni disturbavano l’udito del guerriero che si era seduto affianco alla madre per accertarsi delle sue condizioni di salute.
    -Madre è tutto finito-gli mormorò con una voce come se fosse senz’anima.
    -No figliolo,non è finito niente-gli rispose in lacrime-sei entrato in un tunnel dal quale è impossibile uscire,hai ucciso un essere umano e per giunta era tuo padre,non avresti dovuto-
    -Meritava quella fine-continuò rimanendo impassibile mentre asciugava il volto materno - non ci avrebbe mai lasciato in pace,il suo intero essere era corroso dall’odio,quello che provava nei miei confronti-
    -E tu nei suoi -esclamò Kishimoto lasciando di sasso il figlio- il dolore che ho provato oggi sta lentamente consumando i mie ultimi istanti di vita.Sappi soltanto che ti ho voluto tutto il bene che una madre può volere a suo figlio-
    A quelle parole l’impassibilità di Seiryu venne scossa notevolmente e il suo volto riprese per qualche attimo un aspetto molto preoccupato e soprattutto triste,molto triste.Presagiva la fine che la madre avrebbe fatto ma non voleva accettarlo.
    -No mamma non dire così,è tutto finito ora ti ristabilirai e vivremo insieme come un tempo.Nulla più turberà la nostra tristezza-
    E mentre parlava quasi senza accorgersene delle calde lacrime iniziarono a bagnargli il viso.Quella macchina da combattimento che si era dimostrato un attimo fa sembrava essere sparita,delle vive emozioni albergavano nuovamente nel ragazzo.
    Davanti a lui sua madre stava lentamente perdendo la vita,ma non per i colpi ricevuti da Kentaro bensì per il dolore che il suo cuore aveva provato.Vedere Ryu battersi con tanta violenza contro il padre per poi ucciderlo aveva stremato anche la povera donna.
    Non poteva quasi credere a quello che era successo,il figlio un essere che poteva contenere tanta bontà si era macchiato le mani di sangue.Del sangue del padre.
    -Figlio mio ascolta queste mie ultime parole-gli disse la madre mentre gli carezzava il volto con la mano-so che c’è del buono in te,non dimenticarlo,se vuoi puoi cambiare,potrai tornare il Seiryu a cui ho dato la vita e a cui ho sempre voluto bene.-
    -No mamma aspetta,non puoi lasciarmi così ho tante cose da raccontarti-affermò tra tristezza e rabbia-ti prego non te ne andare-disse stringendogli la mano-non lasciarmi,ti pregooooooooo!!-gridò con tutta la forza che aveva in corpo.
    -C’è del buono in te-
    E dopo quest’ultima affermazione la mano di Kishimoto smise di stringere quella del figlio.
    -NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!-
    L’urlo del ragazzo coincise con quello della caduta di un fulmine che abbagliò tutto nel raggio di moltissimi metri.

  9. #249
    Senior Member L'avatar di Creed
    Data Registrazione
    Sat Jun 2007
    Località
    Midgar
    Messaggi
    6,556

    Predefinito

    L'ultimo pezzo mi ricorda molto Star Wars, soprattutto per le frasi che dice Kishimoto
    Una parola: SPETTACOLO
    Davvero un capitolo emozionante, le descrizioni mi hanno fatto immaginare benissimo la scena come se la stessi vivendo, davvero, e ho provato un pò di tristezza per tutta questa situazione, cioè oramai Seiryu è solo, e chissà, magari il piano di SonoTuttoNeroErinchiusoQui era proprio quello di far scatenare la rabbia del ragazzo, in modo da farlo restare solo e poterlo adescare meglio.
    Certo ho notato molti errori grammaticali, soprattutto tantissimi pezzi dove non metti le virgole, ma sono solo errorucci facilmente evitabili.
    A questo punto posso aspettarmi qualsiasi cosa a livello di storia, complimenti mbare, un episodio molto, molto intenso
    ''Ora il mondo è sottosopra, e sto precipitando in mezzo alle nuvole...''
    Someday the dream will end

  10. #250
    Uomo Tigre
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Creed Visualizza Messaggio
    L'ultimo pezzo mi ricorda molto Star Wars, soprattutto per le frasi che dice Kishimoto
    Una parola: SPETTACOLO
    Davvero un capitolo emozionante, le descrizioni mi hanno fatto immaginare benissimo la scena come se la stessi vivendo, davvero, e ho provato un pò di tristezza per tutta questa situazione, cioè oramai Seiryu è solo, e chissà, magari il piano di SonoTuttoNeroErinchiusoQui era proprio quello di far scatenare la rabbia del ragazzo, in modo da farlo restare solo e poterlo adescare meglio.
    Certo ho notato molti errori grammaticali, soprattutto tantissimi pezzi dove non metti le virgole, ma sono solo errorucci facilmente evitabili.
    A questo punto posso aspettarmi qualsiasi cosa a livello di storia, complimenti mbare, un episodio molto, molto intenso
    Mi sono infatti ispirato a Star Wars
    Devo fare più attenzione agli errori,eppure l'ho riletto per bene prima di postarlo
    Grazie del commento Creed

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •