Pagina 1 di 17 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 170

Discussione: Mondi Paralleli

  1. #1
    Principessa di Plutone L'avatar di XeaXiwer
    Data Registrazione
    Sat Apr 2007
    Località
    momentaneamente sulla Terra, tornerò su Plutone
    Messaggi
    1,246

    Predefinito Mondi Paralleli

    Premessa: visto che ormai penso di trovarmi bene, penso di poter postare la mia fan fiction. Siate clementi, è la prima. E' una long fic. U.u

    Sono passati dieci anni da quando Goku, tornato bambino, è partito per chissà dove con il drago Shenron.


    Nostalgia, ricordi , invidia e rivoluzioni.


    Era un giorno d'estate. Non faceva particolarmente caldo: soffiava un fresco venticello che faceva danzare l'erba corta del prato curato, un sole abbagliante si era fatto spazio tra le rade nuvole. Metteva di buon umore tutti, tranne Chichi.

    Lei, nella sua stanza, nella stanza che era stata anche di Goku, sedeva sull'ampio letto matrimoniale. Un sospiro, un altro. Era davvero preoccupante. Se ne stava lì per ore e ore, tutti i giorni, poi di notte andava a dormire in un'altra stanza, quella che era appartenuta a Gohan, quando era ancora un cucciolo. Quel giorno stava pensando ancora a lui, al suo Goku, che aveva preferito rimanere bambino e andarsene con il drago Shenron. A lei non aveva mai pensato. La sua vita era fatta solo di combattimenti, morti frequenti, mangiate da barbari e atti d’eroismo. Non aveva mai amato Chichi. Non l'aveva mai amata. Le voleva bene, certo, aveva pensato a lei nei momenti difficili, ma era vero che aveva preferito alla moglie il drago, aveva preferito a lei il fatto di rimanere bambino, quando poteva chiedere a Shenron di restituirgli le sue forme originali. Era lei che lo aveva costretto a sposarlo, quel giorno, quando si batterono e lei perse; lui non aveva nessuna voglia di fondare famiglia. Aveva fatto una promessa, lui, ingenuo bambino. Non sapeva cosa volesse dire amare, cosa fossero i sentimenti di una donna.

    Goku era sempre stato così. Nella vita di un terrestre non avrebbe avuto successo. Pensava a combattere, ignorava i rischi e nello stesso tempo manifestava l'amore per la Terra correndo in suo soccorso anche a costo della sua vita. Un "amore", un "tesoro". Solo questo le diceva Goku, e forse non comprendeva nemmeno il significato profondo di quelle parole. Era un padre buono, certo, pensava sempre a far dei figli combattenti eccellenti, e con Gohan c’era riuscito davvero bene. Ma lei, Chichi, in tutti questi cambiamenti faceva solo la parte della premurosa e antipatica madre, che Gohan aveva accontentato tornando agli studi, come lei stessa aveva da sempre desiderato. Lei, nel cuore di Goku, che ruolo aveva? Moglie noiosa, che urlava dietro di far studiare i figli, un’eccellente cuoca? Sicuramente non bastava questo.

    Ormai sapeva bene di essere avanti con l'età, esattamente come sapeva che il suo uomo non sarebbe più tornato da lei. MAI più. E lei sarebbe morta vecchia, molto vecchia, ma lui sarebbe rimasto ancora lì, con il drago, spensierato e con la stessa voglia di divertirsi di un bambino. Sinceramente neanche sapeva se era vivo o morto.

    Prese sulle ginocchia un vecchio album di fotografie, dove racchiudeva i pochi scatti della sua vita. L'immagine che prese per prima fu quella di una bambina cicciotta vestita con pochi abiti strani. Sorrise. Era lei, la principessa Chichi. Vicino a lei, un basso e paffuto bambino che indossava una tuta rossa, fermata da una cintura di stoffa terminante con un grosso fiocco, e in mano teneva un bastone scarlatto. I capelli probabilmente non avevano mai toccato pettine, ma gli davano un'aria curiosa, come quegli occhioni scuri e profondi. La prima volta che aveva conosciuto Goku era stato tutto davvero splendido. La sua natura simpatica la aveva colpita molto e i viaggetti sulla nuvola d'oro le avevano fatto capire quanto amasse l'avventura. Con gli occhi che stavano per riempirsi di lacrime, passò ad una nuova fotografia. Un ring, migliaia di spettatori, un cronista dalla bocca spalancata, e loro due. Goku imbarazzato, che si grattava la testa, e lei aggrappata al suo braccio. Un risolino le scappò, forse perchè era buffo, forse per scacciare la nostalgia. Era così zuccone, lui, ingenuo e ignorante: non sapeva cosa significasse sposarsi. Ricordò tutti quei momenti magici, le espressioni del suo futuro sposo. Poi fece scorrere le dita sullo scatto fatto nel giorno del loro matrimonio. Fissò intensamente il suo vestito, il vestito che era appartenuto a sua madre, la donna che suo padre aveva amato. Era bianco, come quello di Goku, due lunghi guanti le coprivano gran parte delle braccia, un velo dai fiori candidi gettato dietro le spalle. In quel momento, noncurante della faccia dello sposo, stringeva affettuosamente il suo braccio, come le era capitato di fare molte volte prima delle nozze. Sospirò e passò ad un altro ricordo. Questa volta stava rimproverando Goku perchè non voleva ficcarsi nella testa che il pannolino non si cambiava in quel modo. Una foto scattata tradimento da Crilin, che poi aveva fatto la meritata fine. Un'altra, invece, era l'unica fotografia intima che aveva. (Cioè, capiamoci, non in quel senso.) Stavano nel centro della stanza, in canottiera, abbracciati, lei che si allungava per raggiungere la sua bocca. Strinse la foto e lasciò andare le lacrime.

    Nessuno aveva mai pensato che potesse soffrire così. Be...forse era stata troppo dura e distaccata, non aveva dimostrato il suo amore come avrebbe dovuto fare, forse non era troppo severa. Tutto cioè non era colpa sua. Il compito di mantenere in ordine la famiglia era sempre stato suo, perché Goku non ne era capace, perché a lui non importava, perché...Ci sarebbero stati oltre mille perché. Solo lei si occupava della loro istruzione, del cibo che lui divorava come un morto di fame; lei lavava, stirava, sistemava, puliva. Ma non si prendeva cura di se stessa. Toccò le rughe sul viso. Ormai, ormai era vecchia e non avrebbe trovato un compagno. Sempre che avesse avuto il coraggio di mettere da parte Goku.

    Serrò le labbra per non farsi scappare altri lamenti, che avrebbero dato via ad altre lacrime, lacrime di poco conto, lacrime con non sarebbero mai state asciugate. Non da Goku. Nell'istante stesso in cui deponeva l'album carico di ricordi, la porta fu scossa da battiti incessanti.
    - Chichi!!! Sono cinque minuti che busso alla porta. Sei sicura di sentirti bene? -.
    Le venne un tuffo al cuore. Era così immersa nei pensieri che non se ne era accorta. Agitata, le gridò di entrare, mentre cercava di sistemarsi e cancellare dal volto le lacrime.
    Bulma entrò, splendida, con un vestito rosso lungo e scollato, i tacchi a spillo che battevano sonori sul pavimento. Un tatuaggio nuovo fiammante si esibiva sulla sua spalla: era un cuore trafitto da due frecce, una spessa alle punte delle quali erano incisi il suo nome e quello di suo marito, l'altra invece simboleggiava Trunks e Bra. Le scintillanti perle della collana riflettevano la luce penetrante dalla finestra. Che gusto c'era di farsi un tatuaggio, all'età di settant’anni?, si chiese Chichi. Poi, con suo sommo dispiacere, tornò a guardare il viso di Bulma. Zero rughe. Le ricerche che conduceva la avevano portata a produrre una prestigiosa crema dalle proprietà sorprendenti. Lei sì che poteva permettersi di spassarsela come una ragazzina: con quel viso adorabile e il corpo sensuale che faceva gola a non pochi uomini... Un taglio di capelli a dir poco stupendo la rendeva ancora più affascinante. Mentre lei, Chichi, non poteva permettersi certi lussi, e, sopratutto, non aveva un uomo a cui mostrare le sue bellezze.
    Una leggera risatina -che a parere della padrona di casa era di scherno- e Bulma si sedette sul letto.
    - Ah, Chichi. Ti piace il mio vestito? Veggie mi trova così affascinante, anche se non vuole ammetterlo. Con l'orgoglio che ha, quello si tiene tutto dentro. Però gli si leggeva dagli occhi -. Un'altra risatina. - Sono irresistibile, lui lo sa, e non può fare a meno di sbirciare proprio qui - indicò la scollatura. - Questi scimmioni: cosa vogliono capire loro delle donne?-.
    Chichi stava per ribattere che lei di uno scimmione si sarebbe pure accontentata, ma decise di tenersi le cose per sè. Quella Bulma si montava troppo la testa, per i suoi gusti. Dall'altro canto non la biasimava. Aveva tutto quello che poteva desiderare: un uomo, ricchezza, fama e bellezza.
    Si limitò a dire: - Sei proprio carina oggi, sai? Sono contenta che Vegeta non ti ignori più di tanto -.
    - Ma come potrebbe, con una donna come me! - Rise, rise, rise portandosi la mano sotto il mento, come per esibire le unghie scarlatte. - Tu, piuttosto, perché non ti dai una mossa a sistemarti?-. Si alzò e le pizzicò la schiena. - Hai addosso i soliti vestiti, Chichi, il solito taglio di capelli. Sempre questa faccia triste. Sei...sei...-.
    Era cosa? Cosa era Chichi?
    - Oh, Chichi. Fatti carina, dai, sei una bella donna. Forse devi trovarti un uomo, insomma, lo sai che Goku non tornerà più -.
    Le parole dell'amica le risuonarono in testa, fino a comparire, lentamente, come un eco. Non tornerà più, non tornerà, più, più, più... Fiumi di lacrime attraversarono il suo viso, si fermarono nelle rughe, poi scivolarono lungo il mento, da dove iniziarono a gocciolare, piano piano, scandendo il ritmo del suo cuore che ormai, morsa stretta del dolore, faticava a battere. Quella era la verità, solo che non avrebbe mai voluto sentirselo dire. Non ci fu bisogno di parole per fare capire alla proprietaria della Capsule Corporation che le sue parole avevano fatto traboccare un vaso colmo di dolore mescolato a vane speranze. Prevenne una possibile rovinosa caduta di Chichi e la abbracciò forte, mormorandole scuse alle orecchie. Servivano a gran poco, il danno ormai era fatto.
    Quando la situazione stava diventando imbarazzante e le sole cose che si sentivano erano i singhiozzi della signora Son, in soccorso venne Pan.
    La ragazza entrò saltellando e facendo sussultare un piccolo coniglietto pigro aggrappato al suo braccio, nella speranza di non venir catapultato dall'altra parte della stanza. Non era per niente cambiata, osservò Chichi, ritrovando il sorriso.
    Boku wa Kira dewanai! ぼくわきらでわない!(Yagami Raito).

  2. #2
    Principessa di Plutone L'avatar di XeaXiwer
    Data Registrazione
    Sat Apr 2007
    Località
    momentaneamente sulla Terra, tornerò su Plutone
    Messaggi
    1,246

    Predefinito

    - Nonna, non immagini - esclamò la ragazza, gettando le braccia sulle spalle della donna, impegnata più che altro a prendere in mano il roditore spaventato. - Oggi compio un anno con il mio ragazzo! E' il nostro anniversario!- urlò, saltando in alto. Non aveva mai avuto una relazione duratura, quella.
    - Tesoro, sono contentissima per te. E' giunto il momento che diventi bisonna, non credi?-. Sorrise. Pan si era calmata davvero molto, nei dieci anni che erano passati dalla partenza di Goku, e talvolta la sorprendeva. Era perfino più matura. Del resto, a ventiquattro anni...
    - Già, complimenti - disse Bulma, con un sorrisino strano. - Dai una svegliata anche a Bra, se ci riesci. Se un ragazzo le dura una settimana è già tantissimo -.
    Fece una smorfia così buffa che tutte e tre si buttarono giù a ridere.
    Pan, rialzandosi a fatica ( dopo aver ricevuto una incredibile serie di pugni da Bulma, che quando rideva perdeva il controllo) e asciugandosi le lacrime della risata, promise che ci avrebbe provato:
    - Dai, Bulma, Bra è solo un po' nervosa, ultimamente. I brutti periodi li ho avuti anche io. Adesso però, è il mio primo anniversario. Deve essere un giorno speciale - aggiunse - e voglio assolutamente che tu ci sia, nonna Chichi. E' a te che devo tutto questo: mi hai insegnato ad essere una donna, una brava ragazza - sottolineò, schioccando un bacio a Chichi. - Voglio ringraziarti, nonnina. Per questa speciale occasione devi rivoluzionare il tuo look. Sei un donna molto bella - disse, notando l'espressione di sconforto dipintasi sul volto della nonna. - ma triste. Lo so che soffri tantissimo per la mancanza di nonno Goku. E' una brutta e dura realtà, lo so, però devi riprenderti-.
    Pan frugò borsone che aveva messo su un tavolino. Tirò fuori degli ingranaggi che, una volta montati, diedero vita ad un enorme aggeggio minaccioso.
    Diffidente, la donna interessata fece per indietreggiare, blocca tempestivamente dalla nipote.
    - E no, mia cara - sogghignò Pan, sollevandola di peso e issandola sulla macchina. - Questa è la macchina della...-
    - Della tortura?- balbettò Chichi, in preda al panico. Le cinghie stringevano troppo, le si sarebbe arrestato il circolo sanguigno.
    Con fare da maestro, la ragazza allentò le cinghie e, per prevenire calci ulteriori, fissò bene le caviglie della vittima. - Ma no!- rise Pan, agitando un dito. - E' la macchina della Rivoluzione. Sai, non ne posso più di vederti triste e malinconica, nonnina -.
    Anche se l'idea la stuzzicava, era riluttante e non si fidava dell'aggeggio. Le parole rassicuranti della nipote, però, le fecero cambiare idea.
    - Mi sono fatta aiutare da Marron e da papà - rivelò fieramente. - Marron ha imparato un sacco di cose, da quando si è fidanzata con Trunks. Lei ha così tante idee in testa, come la ammiro! E papà si è occupato di studiare i mutamenti della pelle dopo il trattamento...-.
    Agghiacciata, Chichi cacciò un urlo. - Quali mutamenti? Cosa hai intenzione di fare al mio corpo? Non vorrai mica...-.
    Ombre malefiche coprirono la faccia della nipote che, misteriosa, sibilò tra i denti: - Lo scoprirai al tuo dolce risveglio, nonna. Deve essere tutto perfetto, tu devi essere perfetta -.
    Furono quelle le ultime parole che udì. Appena la nipote si fece avanti con una siringa, perse conoscenza.


    _____________________________
    Fine primo capitolo. ^^. Sono graditi i commenti costruttivi.
    Boku wa Kira dewanai! ぼくわきらでわない!(Yagami Raito).

  3. #3

    Predefinito

    è a dir poco fantastica... strepitosa... qualcosa di pazzesco... ma spero che poi ci saranno dei combattimenti e dei nemici vero???
    Vivi, corri per qualcosa, corri per un motivo…
    Che sia la libertà di volare o solo di sentirsi vivo…




  4. #4
    Senior Member L'avatar di super gogeta91
    Data Registrazione
    Thu Aug 2006
    Località
    a casa di vegeta
    Messaggi
    553

    Predefinito

    è spettacolare la tua capacità di esprimere emozioni...

  5. #5
    I'm the best! L'avatar di vincenzopan
    Data Registrazione
    Fri Dec 2006
    Località
    On the bed with Mai
    Messaggi
    4,370

    Predefinito

    bellissima,a dir poco fantastica
    #1926 #ForzaNapoliSempre

  6. #6
    Member L'avatar di rani91
    Data Registrazione
    Wed Feb 2007
    Località
    Somewhere in this galaxy!
    Messaggi
    57

    Predefinito

    Mi è piaciuto molto questo capitolo e sei stata molto brava a descrivere i sentimenti di Chichi, spero che i seguenti capitoli siano all'altezza di questo.
    La vita non va mai presa sul serio, vivi e lascia vivere!

  7. #7

    Predefinito

    ma i combattimenti?????
    Vivi, corri per qualcosa, corri per un motivo…
    Che sia la libertà di volare o solo di sentirsi vivo…




  8. #8
    Senior Member
    Data Registrazione
    Sun Nov 2006
    Messaggi
    1,366

    Predefinito

    nn penso ke c siano i combattimenti in questa fanfic.in fondo nn tutte le fanfic sn a sfondo combattivo.

    cmq complimenti xeaxiwer:linguaggio di alto livello,lunghezza ottima x le puntate.e sopratutto la dote ke s evidenzia d +,la capacità d trasmettere le emozioni.veramente brava!

  9. #9

    Predefinito

    come niente... ma che senso ha però fare una fanfiction sulle rughe di chichi
    a proposito di fanfiction non la segui più la mia???????
    Vivi, corri per qualcosa, corri per un motivo…
    Che sia la libertà di volare o solo di sentirsi vivo…




  10. #10
    Angel girl. L'avatar di Layla
    Data Registrazione
    Fri Dec 2006
    Messaggi
    4,959

    Predefinito

    bella ff!!!
    mi disp soltanto ke l'hai ambientata troppo avanti negli anni (intendo cn chichi e bulma 70enni!!)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •