Risultati da 1 a 10 di 12

Visualizzazione Elencata

Messaggio precedente Messaggio precedente   Nuovo messaggio Nuovo messaggio
  1. #1
    Implied Facepalm L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Messaggi
    6,777

    Predefinito Lo strano caso dell'OAV "DBZ Gaiden"

    Con questo thread, il mio obiettivo principale è esporre un post completo di informazioni su "DBZ Gaiden: Saiyajin Zetsumetsu Keikaku", l'OAV pubblicato insieme a questo videogioco, e sulla relativa release di DBA. L'avevo già fatto qualche tempo fa, ma frettolosamente e in maniera disordinata (postando poi tutto sul forum Games ). E poi, persino il TeamFourStar ci ha recentemente basato un episodio di DBZ Abridged!

    Inoltre, siamo sul forum di un sito che si è occupato per diverso tempo di questo OAV, quindi vale la pena tornare ad approfondire il discorso sulle sue origini: in effetti, la cosa non è stata fatta nemmeno dai responsabili del sito stesso, che pure lo rilasciarono (con tanto di sub di produzione propria, di fatto l'UNICA release animata semi-inedita del sito) diversi anni fa.

    Bene, cominciamo... per comodità di consultazione, cercherò di circoscrivere tematiche ed argomenti a riguardo, tramite il formato delle FAQ.



    - Quindi ci sono due videogiochi e un OAV chiamati tutti "DBZ Gaiden: Il piano per sterminare i Saiyan". Che relazioni hanno l'uno con l'altro? E che cosa ha di particolare ognuno di loro?

    Partiamo dall'OAV, che in origine faceva parte di un'operazione particolare: non era il solito movie di DBZ, ma era in pratica una "guida strategica animata" per l'omonimo videogioco, rilasciato nell'estate del '93 sulla cara vecchia console Famicom. Sia l'OAV che il gioco sono stati infatti rilasciati più o meno nello stesso periodo, nel picco della popolarità di Dragon Ball.
    Tralasciando il gameplay (basterà dire che era un card-based RPG), questo videogioco era il primo tra quelli del franchise di Dragon Ball ad avere una storia non basata sugli avvenimenti del manga. In particolare, la storia era liberamente basata sul famoso filler dell'episodio 20 di DBZ, in cui c'era una backstory sui Saiyan e sulla loro iniziale convivenza con la razza Tsufuru sul pianeta Vegeta... backstory che a sua volta si basava liberamente su un memo di Toriyama recapitato allo staff Toei.

    OAV e videogame erano completamente collegati tra loro: la trama dell'OAV saltava pochissimi passaggi di quella del videogioco (anche a costo di liquidarli per mezzo del narratore o con scritte in sovraimpressione, soprattutto nella seconda VHS), l'OAV ha musiche che non sono quelle di DBZ e dei movie ma sono spesso quelle del videogioco (ovviamente remixate), e persino alcune scelte di montaggio sono dovute al videogioco... una su tutte i titoli di coda che partono dopo che i Saiyan hanno sconfitto Raichi, ma che si interrompono quando i guerrieri si trovano ad affrontare il mostro creato dalla macchina Hatchiyack: anche il gioco terminava normalmente con la sconfitta di Raichi, Hatchiyack era un hidden final boss che si affrontava in condizioni particolari. Anche il design dei nemici secondari era rimasto sostanzialmente immutato, nonostante fossero la rappresentazione di mostriciattoli costruiti con una manciata di sprite, come era normale in una console 8-bit.
    La più evidente prova del legame tra videogame e OAV era la presenza delle due mappe in cui si muovono i personaggi (nell'OAV infatti vediamo i personaggi spostarsi da un posto all'altro delle stesse mappe - Terra e Spazio - del videogame nella sequenza corretta); anche i titoli di coda di entrambe le VHS hanno lo stesso design e gli stessi artwork di quelli del videogame.

    - E il "remake" per Playdia? Non avevo mai sentito prima di questa console. Cosa aveva di diverso, rispetto all'originale?

    Per prima cosa, Playdia è stata una console messa in vendita dalla Bandai solo in Giappone. Fu sostanzialmente uno dei vari bidoni interattivi nel panorama videoludico di quegli anni... un flop incredibile, tanto che la versione per Playdia (nota come "Shin Saiyajin Zetsumetsu Keikaku") è praticamente l'esclusivo motivo per cui questa console è conosciuta ancora oggi.
    In questa versione (rilasciata su due CD) il giocatore doveva semplicemente far avanzare la storyline (sottoforma di filmati in FMV) facendo la scelta giusta tra diverse alternative... questo espandeva di molto ciò che era compreso nella storia e nei filmati originali, e la Toei produsse e fece doppiare nuove scene allo scopo.
    Queste nuove scene consistono nei personaggi che fanno le scelte sbagliate, come esplorare la zona senza trovare niente (al massimo altri personaggi di DB intenti a fare le attività più svariate), compiere ricerche infruttuose riguardo i macchinari del Destron Gas, ed essere picchiati dai nemici di turno (con tanto di bad ending alla fine di entrambi i CD).
    È da segnalare che, nel secondo CD, la storia è stata nettamente espansa rispetto all'OAV: così, Goku si trova a visitare i vari pianeti nelle vicinanze del Pianeta Oscuro (un passaggio della trama del videogioco Famicom, che nell'OAV era solo accennato), e da questo dipenderà l'esito della battaglia finale. Che io sappia, ci sono almeno 3 finali alternativi.

    - In che anno sono state rilasciate le varie versioni? E quando sono state pubblicate le release più note?
    Io sapevo che era venuto prima il videogioco per Playdia e poi l'OAV era stato ricavato da quello...


    Ok, in parte l'ho già scritto, ma lo ripeto essendo il tutto molto ingarbugliato. Per ulteriore comodità e per facilitare la consultazione, questa è una cronologia riguardo la diffusione di questo OAV.

    Nel 1993, il gioco per Famicom "Dragon Ball Z Gaiden: Saiyajin Zetsumetsu Keikaku" viene rilasciato in Giappone; poco dopo, viene rilasciato l'omonimo film, in due episodi. Per una convenzione usata da noi occidentali, questo film viene definito OAV (o, se si preferisce, OVA) essendo stato rilasciato appositamente per il mercato dell'home video.

    Come già menzionato, nel 1994 viene rilasciata la versione per Playdia, che utilizza come filmato proprio gran parte dell'OAV (con l'aggiunta di molti altri filmati, come già detto). Come l'OAV, viene diviso in due parti (2 CD, per la precisione), la prima chiamata "capitolo della Terra", la seconda "capitolo dello Spazio".

    È nel 2000 che l'OAV viene rilasciato, sottotitolato in inglese, dal proprietario di un fansite (tale Ramza di Dragon Ball Blast) sotto forma di VHS. I sottotitoli (di pessima qualità, come il video) vengono accreditati a "RZ Productions" (fonte: Kanzenshuu.com).

    Intorno al 2001, da queste VHS viene ricavata la versione che poi si diffonderà in rete, e tra i tanti siti che la rendono disponibile ci sarà anche Dragon Ball Arena, con gogeta che dice di aver trovato "un pezzo più unico che raro" dopo "aver rigirato internet in lungo ed in largo" (cit; come se fosse il solo ad aver pubblicato)
    Spoiler:

    Nel frattempo, sui forum si comincia a fare confusione tra le VHS rilasciate dalla Toei, quelle rilasciate da Ramza, e il gioco per Playdia con contenente il filmato dell'OAV. Un rumor sempre più insistente (quanto infondato), viene tanto per cambiare riportato su DBA e indica che "le VHS sono state realizzate a partire dal videogioco per Playdia!!!" (vd. spoiler precedente).

    Alcuni siti riportano che nel settembre 2003, in Giappone, l'OAV viene rilasciato come extra in un boxset DVD di Dragon Ball Z (il famoso "Dragon Box", un boxset DVD con contenente le puntate dell'anime).
    Paradossalmente però, il rumor che vuole che l'origine dell'OAV sia il videogioco per Playdia prende definitivamente piede: per questo, pare che si debba ringraziare principalmente una rubrica di daizex.com, il cui autore ammetterà candidamente in seguito di non sapere nulla del videogioco Famicom.

    Tra i tanti che lo seguono, direttamente o meno, su DBA ci sono i due staffer/webmaster etc. Veggie e gogeta: già avevano abboccato al rumor, poco dopo aprono un thread sul forum in cui comunicano solennemente (senza citare ovviamente NIENTE) di essere arrivati alla conclusione che la release dell'OAV che circolava non proviene dall'OAV stesso, ma dal gioco Playdia.
    Anzi, si spingono oltre, decretandolo una sorta di "filmato estrapolato dai fan e poi riversato su VHS da alcuni fan", e scartando completamente l'esistenza di un OAV: questo non so davvero se provenga dalle loro testoline (già all'epoca, il 90% delle pubblicazioni di DBA erano music videos, fanart e altra di questa paccottiglia), o se abbiano abboccato a qualche fansite ancora meno autorevole di daizex.com.

    Finalmente, nel 2004, grazie alla versione rilasciata su DVD, l'OAV viene nuovamente diffuso tramite un paio di portali. La qualità del video è INFINITAMENTE superiore alla vecchia release (ovviamente, essendo stata tratta da un DVD), RZ Productions offre inoltre nuovi sottotitoli, nettamente migliorati rispetto alla release precedente.
    I due di Dragon Ball Arena, per citare loro stessi, si sono adoperati per renderlo comprensibile al maggior numero di persone elaborando un sistema che consentisse di sottotitolarlo". Detto in italiano corrente, DBA traduce i sub in italiano e produce una propria release, con insieme sub in italiano e in inglese.
    Muxati.
    E con indispensabili sottotitoli in catalano.
    (oh, era importante; l'hanno detto loro, li seguono pure dall'Europa dell'Est)
    Naturalmente loro rimangono della convinzione che non è un OAV, ma un filmato estrapolato da un videogame, e poi "restaurato" e fatto circolare "da qualcuno" in una forma migliore. Sempre per la precisione, gogeta79 l'ha presentato definendolo "Un OAV che non è un OAV"
    Spoiler:

    Ripeto: DBZ Gaiden è stata L'UNICA release notevole prodotta da DBA. Ed è stato presentato da cani.
    Splendido. Ed è solo l'inizio.
    Ultima modifica di Red; 25-09-2019 alle 20:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •