Pagina 1 di 7 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 64
  1. #1
    Implied Facepalm L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Messaggi
    6,775

    Predefinito Motomondiale, GP Malesia

    Va beh, tanto per portare un po' di click al forum (perchè sarei mod, se no ), propongo la discussione su quanto successo in Malesia, in MotoGP.

    Non credo che ci sia bisogno di video o di fonti, se poi qualcuno sino a questo pomeriggio era ancora sulla luna, può sempre farsi un giretto su siti specializzati e su Youtube.
    Comunque, in breve: durante una serie di sorpassi, Rossi e Marquez si toccano, Marquez finisce per terra, e la direzione di gara alla fine penalizza Rossi... per la prossima gara, dove partirà ultimo. A mettere pepe su tutto, la situazione in classifica (dove Rossi è a 7 punti da Lorenzo) ad una gara dal termine e, ancora di più (cosa incredibile in questa situazione) l'uscita di Rossi su Marquez in conferenza stampa giovedì, dove ha platealmente accusato lo spagnolo di rallentarlo per favorire Lorenzo.
    Insomma, la tensione si taglia col coltello (cit.), Rossi sembra lontanissimo da quel genio della strategia e pilota fortissimo mentalmente che è stato dipinto negli anni, anche Marquez sta subendo ripercussioni a livello di immagine pubblica. E naturalmente la cosa più importante di tutte: tra 2 settimane si decide il campionato, con Rossi che rischia seriamente di perderlo: basta che Lorenzo faccia 2° e Rossi sia fuori dal podio, perchè il campionato sia di Lorenzo.

    Di spunti di discussione ce ne sono, a voi la parola.

  2. #2
    solid L'avatar di enzo680
    Data Registrazione
    Fri Mar 2009
    Località
    "casa del gaudio"
    Messaggi
    7,520

    Predefinito

    Visto gara e soprattutto ho sentito il dopo gara.
    Alla fine il colpevole è Marquez reo di non levarsi dai c..mentre gli altri si giocano il mondiale,cioè altri stà per Rossi,ma se i punti li leva a Lorenzo è bravo.
    Mi fermo giusto per non stare a dire le solite cose.
    "Non è grave il clamore chiassoso dei violenti,bensì il silenzio spaventoso delle persone oneste".
    cit M.L.KING

  3. #3
    Re-build L'avatar di Lorenzo GOV
    Data Registrazione
    Tue Oct 2006
    Località
    Wonderland
    Messaggi
    16,126

    Predefinito

    Rossi è caduto nel tranello, e ha sbagliato. Semplicemente è successo questo.

  4. #4

    Predefinito

    Ho seguito la moto gp per poco tempo molti anni fa, quindi probabilmente dirò una cazzata. Io so solo che il fan medio di Rossi sia un perfetto imbecille (basti vedere cosa hanno detto a Iannone settimana scorsa) e che lui non si sia dimostrato molto superiore con quella azione.

  5. #5
    Re-build L'avatar di Lorenzo GOV
    Data Registrazione
    Tue Oct 2006
    Località
    Wonderland
    Messaggi
    16,126

    Predefinito

    Anche il giornalista medio è rossiano al midollo, quindi per definizione fazioso e stupido.

  6. #6
    San Andreas Videogames L'avatar di ObsCorey89
    Data Registrazione
    Sun Feb 2008
    Località
    Gallowere
    Messaggi
    9,111

    Predefinito

    Sul fatto che Marquez lottasse con il coltello tra i denti non ci vedo nulla di male. Però doveva farlo con tutti invece di lasciare un corridoio a Lorenzo per poi battagliare con Valentino. Era solo questione di tempo prima che uno dei due cadesse, anzi guardandolo live per un'istante ho avuto l'impressione che fossero caduti entrambi. Si poteva intervenire prima per evitare quell'epilogo. Dire che Valentino doveva stargli dietro con il senno di poi è troppo facile, anche perchè in quel momento Vale voleva andare a prendere Lorenzo, non classificarsi terzo.
    ObsCorey89
    Citazione Originariamente Scritto da Phantasmagoria detto "Milf Hunter" Visualizza Messaggio
    è chiaro che la descrizione "milf hunter" è puramente goliardica, serve solo non essere handicappati per capirlo

  7. #7
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,797

    Predefinito

    Per giudicare, o quantomeno cercare di scrivere qualcosa di non troppo insensato in relazione a ciò che è accaduto domenica, bisogna conoscere a fondo sia la storia di questo sport, sia il substrato con il quale il circus del motomondiale si è affacciato all'appuntamento malese.

    Premetto che, a mio parere, una verità assoluta non c'è; ne è la prova l'enorme disparità di opinioni, non certo frutto della consueta partigianeria ottusa ed aprioristica che ha da sempre accompagnato le gesta di quello che anche Jorge Lorenzo ha riconosciuto come il pilota più forte del motociclismo moderno.

    La stessa gente che gridava in segno di approvazione quando Simoncelli quasi uccideva Barberà al Mugello (2008), giusto per fare un esempio.

    E non credo nemmeno che quel "Your ambition outweighed your talent" fosse completamente centrato; o meglio, di certo Marc Marquez non è meno ossessivo, ambizioso ed ossessionato del biker di Tavullia.

    Di certo, il 2015 ha visto un netto progresso della Yamaha; progresso che non sempre il pilota numero uno della casa dei tre diapason, ovvero Jorge Lorenzo, ha saputo sfruttare al massimo.

    Il maiorchino ha dimostrato di essere di gran lunga il più veloce e costante, ma ha buttato via un sacco di punti preziosissimi, sia per scarsa flessibilità in gara, sia per scelte poco avvedute.

    Di questo ha magistralmente approfittato un Rossi che, è bene sottolinearlo immediatamente a scanso di equivoci, non è quasi mai stato più veloce del proprio compagno di squadra; ma che ha saputo ottimizzare realmente il proprio campionato (ed anche questa sua abilità è stata rimarcata dal compagno di squadra nel corso della stagione).

    Un Rossi che, improvvisamente, ha scelto nel post gara di Phillip Island di andare contro se stesso, iniziando ad accusare Marquez di averlo ostacolato con lo scopo di favorire Lorenzo.

    Nel caso che un'opzione del genere fosse anche solo minimamente percorribile, non si può non domandarsi perché.

    E, malgrado la testa di uno come Marquez segua dei meccanismi a noi praticamente sconosciuti, credo sia davvero troppo astratta la chiave di lettura che vorrebbe un Marquez agevolare Lorenzo per non rischiare di finire ineluttabilmente obnubilato dalla leggenda di un eterno trentaseienne e dal suo decimo titolo mondiale.

    Molto più banalmente, se qualcosa a Phillip Island c'è stato, è da ricondurre a motivazioni più semplici e pragmatiche; più brutali e basse, se vogliamo.

    Che poi, anche qualora l'idea del cabroncito fosse stata più o meno quella, i cinque punti tolti a Lorenzo sono stati pesantissimi e rischiavano di essere realmente decisivi; inoltre, il quarto posto di Rossi è unicamente frutto del super motore Ducati e della sua incapacità di scrollarsi di dosso un Iannone in palla.

    Il fatto poi che Iannone sia stato accusato di tradimento restituisce istantaneamente lo spessore del contesto in cui ci muoviamo, nostro malgrado.

    Certo, Lorenzo non era più veloce di Rossi in Australia, nonostante, in ogni caso, il recupero da dietro del pesarese fosse stato enormemente favorito dal punto di riferimento rappresentato dal traino di Marquez.

    Ma la domanda da porsi è se fosse realmente lecito e soprattutto sensato presentarsi al giovedì di Sepang e dare in mondovisione a Marquez del ladro venduto.

    Ciò che è successo dopo, giorno dopo giorno, è andato progressivamente fuori controllo (ed in questo si poteva fare MOLTO di più) e ci si è presentati in gara con delle fazioni ben delineate.

    Perché il comportamento in gara di Marquez è stato oggettivamente incommentabile e ha gettato più di un'ombra su un ragazzo dipinto troppo frettolosamente come il pilota perfetto (da tutti i punti di vista).

    Rossi ha sbagliato, ma in questo caso non si tratta dell'ossessione di cui sopra, fedele compagna del campione del mondo, bensì dell'incapacità di leggere una situazione che lui stesso aveva dapprima creato, in seguito alimentato ed infine fatto esplodere irrimediabilmente.

    La sanzione è ovviamente giusta ed appropriata ed il mea culpa che deve recitare è indubbiamente sostanziale; con una maggiore lungimiranza, in ogni passaggio di questo brutto pasticciaccio, adesso la sua situazione sarebbe potuta essere ben diversa.


    Nota di merito per tutti coloro che sulle pagine facebook danno libero sfogo alla loro ignoranza e stupidità, non ricordando ovviamente ciò che successe tra Marquez e Lorenzo a Jerez 2013; e per coloro che dopo Laguna Seca dello stesso anno erano convinti di aver trovato l'erede del loro idolo e facevano paragoni privi di alcun senso, con gare che non avevano nulla in comune con quella appena corsa se non la pista, con il solo fine di svilire un pilota peraltro già ritirato.
    Ultima modifica di Grifis; 26-10-2015 alle 21:02

  8. #8
    Implied Facepalm L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Messaggi
    6,775

    Predefinito

    Dico la mia.

    Innanzitutto comincerei con due cose che non dovrebbero neanche essere messe in discussione: Marquez in gara non ha fatto assolutamente niente di scorretto, è stato Rossi che ha fatto tutto quello che ha potuto per fare in modo che Marquez non gli togliesse dei punti preziosissimi in classifica, c'è riuscito buttandolo fuori e, in QUESTA gara, non è stato neanche penalizzato.
    Ed è almeno la terza porcata conclamata che fà in carriera senza subire effetti concreti nell'immediato. Sì, perchè se la prossima gara sarà sul bagnato, il vantaggio della moto di Rossi sul 95% del resto dei figuranti in griglia sarà ancora più accentuato, e diventerà così una penalità ancora più morbida di quanto già non lo sia.
    Il tutto dà la misura sia di Rossi che di come vanno le cose nel motomondiale. Poco importa quale sia il vero motivo (lui o il campionato), non hanno avuto le palle di penalizzarlo subito e questo è solare.

    Del resto è stato Rossi a fare tutto da solo. Addirittura è cominciato tutto dal giovedì, dopo la più ridicola conferenza stampa che si ricordi nel mondo dei motori, è proseguito il venerdì con quella partenza tagliando la strada a Lorenzo, con l'apoteosi della domenica in cui oltretutto, a fare l'analisi dei tempi e di quei giri, è stato addirittura lui a rallentare il suo "erede" sbagliando una curva ad intermedio quando era davanti, prima di buttarlo direttamente fuori. E che avvertisse fin troppa pressione, l'ha ammesso candidamente lui stesso il sabato.
    La cosa più delirante di tutto questo è che Rossi non si è nemmeno scusato per la porcata fatta: anzi, ha continuato con il suo teatrino fatto di accuse senza alcun fondamento e di uscite patetiche (del tipo "l'ho fatto perchè Marquez mi aveva rotto i coglioni", il tono era quello), secondo i suoi classici metodi. Del resto anche il tono di chi lo sostiene è quello (si è arrivati a "Marquez dà una testata al ginocchio di Rossi", tra la merda più sciolta che ho letto), con l'aggravante (sì, l'aggravante) di appassionati di vecchia data che continuano a sostenerlo per quello che è stato ormai mezzo decennio fa (cosa su cui fra l'altro ci sarebbe da discutere sino a notte fonda).

    Sembrava ormai maturato, io stesso pensavo che finalmente era in grado di battagliare con altri piloti senza mezzucci, insomma senza comportarsi come quella puerile e gonfiata primadonna che nel decennio passato ha esasperato e avvelenato il clima, ogni qualvolta un pilota si permetteva di rubargli la scena in pista... invece niente, ha restituito tutto in un solo weekend e con gli interessi, come se la sua era non fosse stata ampiamente superata da piloti del calibro di Stoner, Lorenzo e Marquez, e come se i piloti di vertice attuali potessero ancora subire lo stesso trattamento (cioè, infamate) che riservava a Gibernau.
    E il fatto che se la sia presa con uno che non era neanche il suo rivale in classifica, la dice lunga: Marquez è il pilota più indicato perchè diventi il suo "erede" e batta i suoi "record", sostanzialmente Rossi ha cercato di mettere una pietra tombale sul futuro mediatico del motomondiale, prima ancora che regolare i conti con uno che evidentemente non ha mai sofferto dal primo momento con cui ha condiviso il paddock.

    E comunque vada a finire, dopo tutto quello che è successo, questo qui non merita neanche la dicitura di campione, figuriamoci di vincere il campionato.

  9. #9
    solid L'avatar di enzo680
    Data Registrazione
    Fri Mar 2009
    Località
    "casa del gaudio"
    Messaggi
    7,520

    Predefinito

    Ma cosa dice il regolamento della motogp,cioè c'è un codice etico non scritto?
    Marquez doveva far passare Rossi tranquillamente? Non conosco la storia di questo sport,ma è per capire se Marquez è stato scorretto o ha fatto semplicemente il suo.
    "Non è grave il clamore chiassoso dei violenti,bensì il silenzio spaventoso delle persone oneste".
    cit M.L.KING

  10. #10
    San Andreas Videogames L'avatar di ObsCorey89
    Data Registrazione
    Sun Feb 2008
    Località
    Gallowere
    Messaggi
    9,111

    Predefinito

    Ha fatto semplicemente il suo.

    In altre circostanze e non al termine della stagione, senza stimoli, sicuramente le cose sarebbero andate diversamente, Marquez non avrebbe battagliato in quel modo per paura di cadere, almeno a mio avviso. Cosa che poi inevitabilmente è accaduta. Inoltre alcuni lamentano una poca sportività per trattamenti differenti ai rivali. Basta guardare il sorpasso fatto da Lorenzo e confrontarlo con quanto accaduto quando invece doveva essere Vale a passarlo.
    ObsCorey89
    Citazione Originariamente Scritto da Phantasmagoria detto "Milf Hunter" Visualizza Messaggio
    è chiaro che la descrizione "milf hunter" è puramente goliardica, serve solo non essere handicappati per capirlo

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •