Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23
  1. #1
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,795

    Predefinito Il gotha dello sci alpino (MASCHILE)

    Visto che parlare adesso della stagione 2015 della Moto GP è un po' tardivo e che, as usual, la vittoria iridata di Sagan sarà passata sotto silenzio, mi è venuta voglia di porre una domanda all'utenza su uno sport che, a memoria, in questa sezione non ha mai trovato spazio.

    Chi è, a vostro giudizio, il più grande sciatore (sci alpino) di sempre?

    Estendiamo un po' la domanda.

    Il più grande discesista, supergigantista, gigantista, slalomista di sempre?

    Si accettano anche top 3 o top 5 XD


    Inizio io.


    Discesa libera:

    Un solo nome: Franz Klammer

    Supergigante:

    Anche qui supremazia assoluta ed incondizionata; quella di Hermann Maier

    Menzione d'onore per Aamodt, Miller e Svindal

    Slalom gigante:

    Non si può non citare Ingemar Stenmark; indubbiamente il più grande di tutti, con la vittoria olimpica di Lake Placid nel 1980 e quella mondiale di Garmisch nel '78, oltre ad 8 otto coppette di specialità.

    Ma alle sue spalle non c'è che un solo nome (contrariamente a quanto veicolato da una corretta disinformazione), e cioè quello di Ted Ligety, capace di vincere per tre volte consecutive un mondiale (Garmisch 2011, Schladming 2013 e Vail 2015), oltre che trionfare a Sochi 2014 e conquistare per ben cinque volte la coppa di specialità.

    Nella rassegna mondiale 2013, addirittura l'americano vinse tre ori (supergigante e combinata, oltre al già citato gigante), impresa che non si vedeva da 45 anni.

    Da ricordare anche che il successo dell'ultimo mondiale è arrivato con quattro chiodi nella mano destra e nella stagione migliore di sempre di Hirscher.

    Alle sue spalle, a mio avviso abbiamo la coppa Tomba - von Grünigen, due artisti supremi della disciplina, anche se allo svizzero manca l'oro olimpico.

    Slalom speciale:

    Anche in questo caso Stenmark è re indiscusso, nonostante la supremazia espressa dal miglior Tomba è stata quasi imbarazzante.

    Marcel Hirscher ha la possibilità di avvicinarsi molto ai due, anche se nella valutazione complessiva sull'austriaco pesa la sua enorme fragilità nei momenti importanti (a Sochi ha buttato via la prima manche, facendosi battere da un pimpante trentacinquenne di nome Mario Matt, mentre quest'anno ha inforcato nella seconda, incidente rarissimo per lui, regalando la vittoria a Grange, che era ormai un ex di lusso).

    Ha una continuità imbarazzante, ma prima di poter pensare di entrare tra i grandissimi di sempre dello sci alpino, deve necessariamente colmare questa sua lacuna; anche se vincesse sette coppe del mondo generali di seguito XD

    Overall:

    Indiscutibilmente Stenmark, che ha vinto "solo" tre coppe del mondo generali, a causa di un regolamento eufemisticamente demenziale, esplicitamente creato allo scopo di penalizzarlo.

    Alle sue spalle il gigantesco Hermann Maier, che, soltanto a causa di un infortunio che avrebbe posto la parola fine alla carriera di qualsiasi sciatore, non ha in bacheca almeno due coppe in più ed una quantità notevole di titoli mondiali e di vittorie.

    Alle loro spalle tanti nomi (Tomba, Girardelli, Zurbriggen, Aamodt, Miller, Raich, Thoeni), ai quali Hirscher potrebbe aggiungersi nel medio termine.


    A voi la parola!

  2. #2
    Junior Member
    Data Registrazione
    Tue Oct 2015
    Messaggi
    16

    Predefinito

    un 3d bello, ke nessuno seguirà. lo sci è kome lo snooker: se lo kagano in due.

  3. #3
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,795

    Predefinito

    Ti ringrazio.

    In realtà, il problema è proprio inerente alla (non) cultura sportiva di questo paese.

    Un surrogato che, a parte due o tre discipline che hanno da tempo trasceso il loro status originario, fa avvicinare la moltitudine, non curante praticamente di nulla, solo e soltanto quando compare un catalizzatore di enorme portata.

    Come, nel caso di specie, è stato Tomba, capace di catalizzare l'attenzione del nostro paese in una maniera mai vista prima di allora (celeberrimo il famoso episodio del 1988, quando, alle Olimpiadi Invernali di Calgary, per la seconda manche dello speciale, si interruppe addirittura il Festival di Sanremo).

    E sono praticamente certo che il 95% di quella gente non conosce né la sua carriera, né tanto meno le sue prerogative tecniche.

    Qualcuno ricorda ancora oggi la seconda manche pazzesca in speciale a Lillehammer '94 (capace di oscurare abbondantemente il trionfo storico della staffetta italiana del fondo), qualcun altro la coppa lanciata dopo un terzo posto in Badia ad un fotografo reo di averlo immortalato nella sua privacy.


    Ma, in fin dei conti, a noi piacciono questi personaggi qua.

    Accadde sempre negli stessi anni con Marco Pantani e, poco dopo, con Valentino Rossi.

    E la cosa più di triste di tutti è che nessuno (o comunque davvero troppo pochi) ne riconosce le capacità tecniche, o comunque le individua correttamente (i fanboy o coloro che dicono/scrivono cose a caso non riesco proprio a conteggiarli, sorry XD), trovandoci di fronte a tre dei più grandi talenti che la storia sportiva italiana abbia mai partorito.

  4. #4
    solid L'avatar di enzo680
    Data Registrazione
    Fri Mar 2009
    Località
    "casa del gaudio"
    Messaggi
    7,520

    Predefinito

    Io ho seguito questo sport solo durante l'epopea Tomba,non potrei essere obiettivo.
    Questo sport non mi ha mai acchiappato,anche se devo dire che il biathon (si scrive così?) è simpatico.
    Ultima modifica di enzo680; 12-10-2015 alle 10:58
    "Non è grave il clamore chiassoso dei violenti,bensì il silenzio spaventoso delle persone oneste".
    cit M.L.KING

  5. #5
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,795

    Predefinito

    Lascia perdere, che da quando Bjorndalen ha superato Daehlie nella storia dei medagliati alle Olimpiadi Invernali, mi è crollato il mondo addosso

  6. #6
    Dancing Dude L'avatar di foppa21
    Data Registrazione
    Fri Apr 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,612

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da enzo680 Visualizza Messaggio
    Io ho seguito questo sport solo durante l'epopea Tomba,non potrei essere obiettivo.
    Questo sport non mi ha mai acchiappato,anche se devo dire che il biathon (si scrive così?) è simpatico.
    Praticalo anche una volta sola, poi torna qui e dimmi se lo trovi ancora "simpatico"!

  7. #7
    solid L'avatar di enzo680
    Data Registrazione
    Fri Mar 2009
    Località
    "casa del gaudio"
    Messaggi
    7,520

    Predefinito

    Dici che dopo una gara,lo maledico?
    "Non è grave il clamore chiassoso dei violenti,bensì il silenzio spaventoso delle persone oneste".
    cit M.L.KING

  8. #8
    Implied Facepalm L'avatar di Red
    Data Registrazione
    Fri Nov 2002
    Messaggi
    6,778

    Predefinito

    Ho seguito lo sci alpino per un po' di stagioni, mollandolo poi progressivamente.
    L"era Tomba" diciamo che l'ho seguita abbastanza poco, ho vaghi ricordi risalenti ad Albertville e qualcosa meglio ricordo degli anni seguenti, specie di quella stagione pazzesca che gli diede la Coppa del Mondo. Direi che credo di aver seguito più gare di Giorgio Rocca che di Tomba, il che la dice lunga

    Poi vabbè, quando ho smesso completamente di seguire, Ligety era uno che non vinceva quanto il suo talento gli avrebbe permesso, e Hirscher faceva parlare di sè quasi più per le sue cavolate che per il talento (enorme) che aveva messo in mostra già allora. Insomma, trovarmeli in questo tipo di discorso mi lascia abbastanza spiazzato, perchè le cose sono parecchio cambiate da quando ho smesso di guardare (per non citare altri nomi qui fatti come Svindal, tutto sommato).
    E per quanto riguarda quei nomi che sono acqua passata... mah, non saprei. A me è sempre piaciuto indagare nel passato di ogni sport che guardo... ma i nomi che farei, tra quelli messisi in luce nella giovane storia della Coppa del Mondo, sono più o meno quelli... ed è un discorso che non saprei approfondire. Sinceramente per questo e per altri sport invernali non è mai scattata davvero la scintilla, e crescendo mi sono sembrati ancora più lontani dei 1000 chilometri che mi separano dai luoghi in cui si praticano. Se mi devo guardare qualcosa da semplice spettatore passivo che guarda qualche gara, senza capire granchè di quello che c'è dietro... a sto punto mi guardo un buon serial, almeno quello nasce e muore con l'obiettivo dichiarato di proporre una storia, dei personaggi e di fartici emozionare perdo anche meno tempo ad informarmi per capirlo.

    Per il resto, voglio scrivere un pensiero personale: non so quanta considerazione abbia lo sci alpino attualmente, ma è risaputo che l'interesse verso tutti gli sport sia ormai cementato verso quelli che rivestono (anche loro malgrado) un carattere sociale, mentre altri ricevono interesse ormai quasi solo per mere questioni campanilistiche (soprattutto gli sport individuali, per tutta una serie di motivi).
    Sono tendenze che si riscontrano non solo in Italia ma in tutto il mondo, tendenze che lo sport nel suo complesso può solo subire, purtroppo... di certo considerarlo come sino a 20-30 anni fa non ha più senso, oggi siamo nell'era dell'informazione e della tecnologia informatica diffusa, un'era in cui persino i videogame hanno allontanato il pubblico potenziale dallo sport (e ci sarebbe da ridere da qui all'eternità, se non fosse una verità condivisa tra gli addetti ai lavori). Se lo sport vuole recuperare il ruolo che rivestiva una volta può solo trasformarsi ed interpretare altro, tra quello che rappresenta... anche perchè quell'aria da circo iperpagato che ha ormai assunto presso le solite nullità, chiaramente non gli fa bene per niente.

  9. #9
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,795

    Predefinito

    Beh, il 2005/2006 di Rocca in speciale è stato un grandissimo anno, culminato poi con la conquista della coppetta di specialità.

    Peccato per le Olimpiadi, nelle quali era il naturale favorito (fino a quando era rimasto in gara, aveva il miglior tempo ).

    Sul discorso relativo ai campioni attuali, il cambio degli sci avvenuto nel 2012 ha avuto un peso determinante.

    Ligety, che era già un signor gigantista, ha iniziato a fare differenze esponenziali (celeberrimo fu il distacco rifilato a Moelgg nel 2012 a Solden, due secondi e 75 centesimi) attraverso le sue proverbiali carvate ed i giganti sono diventati di una lentezza quasi insopportabile


    Visto che l'attualità ci supporta, diamo un occhio alla stagione appena cominciata (come dice il titolo, mi limiterò a seguire il circus maschile; non me ne voglia la Brignone ).

    Hirscher si è presentato al via di questa stagione con sei chili in meno, evidentissimi, rispetto all'anno scorso, mentre Ligety, che ha finalmente superato i problemi alla mano che lo hanno afflitto nella scorsa edizione, ha cambiato preparazione ed esibisce una struttura fisica decisamente più possente e rinnovate ambizioni di classifica generale.

    Con il pettorale 16 e 17 Jansrud ed il rientrante Svindal possono soltanto limitare i danni (nonostante fino a qualche anno fa i due norvegesi erano ottimi gigantisti - Jansrud addirittura fu argento a Vancouver 2010 dietro a Janka).

    Oggi sul ghiacciaio austriaco di Solden, tradizionale sede di apertura del circo bianco, abbiamo assistito ad uno spettacolo enorme.

    Prima manche con distacchi contenuti; in quattro in soli sei decimi, con Roberto Nani a caccia del primo podio in carriera.

    L'azzurro, dopo moltissimi segnali incoraggianti (non ultimo il secondo posto nella prima manche del gigante mondiale dello scorso anno a Beaver Creek), cerca di entrare nel primo gruppo di merito (coloro che partono dall'uno al sette) e nel gotha della specialità.

    Un po' appannati Pinturault e Neureuther, due degli avversari più accreditati di Hirscher per la Coppa Del Mondo generale.

    Nella seconda, Thomas Fanara, uno che non ha mai vinto in carriera ma che quando trova ripido e ghiaccio si esalta come non mai, sfodera un "muro" da brivido e piazza una manche che non può non mettere pressione ai due mostri sacri al cancelletto.

    Ed infatti sua maestà Hirscher finisce dietro, anche se solo per un paio di centesimi, mentre Ligety dimostra che dopo Stenmark è effettivamente lui il più grande gigantista di tutti i tempi, sfruttando nel piano finale le sue grandi doti di scivolatore.


    Quest'anno, da suo enorme tifoso, mi auguro che possa conquistare la sesta coppetta di specialità; per quanto riguarda la classifica generale, Hirscher rimane il netto favorito.

    Appuntamento fra una ventina di giorni in Finlandia, con lo speciale di Levi (dove l'anno scorso vinse Kristoffersen, oggi soltanto sesto).
    Ultima modifica di Grifis; 26-10-2015 alle 09:24

  10. #10
    Senior Member L'avatar di Grifis
    Data Registrazione
    Mon Aug 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    3,795

    Predefinito

    Lo slalom speciale maschile di Levi in programma domani è stato cancellato per mancanza di neve, anche se non è ancora stato deciso dove e quando verrà recuperato.

    Cancellato ovviamente anche quello femminile che verrà recuperato ad Aspen, sabato 28 novembre.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •