Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 12 di 12

Discussione: Equilibri geopolitici

  1. #11
    :.:: L'avatar di Connacht
    Data Registrazione
    Thu Nov 2002
    Località
    Eos
    Messaggi
    5,444

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Andrew Clemence Visualizza Messaggio
    Io ho detto che Gli Usa favoriscono l'emergere della mafia??
    Ma figurati se uno stato in default ha come problema la mafia...

    Per il resto, dissento in massima misura. La Cina è molto ma molto espansiva. Altro che i fatti loro. Ha in pancia talmente tanti titoli di stato americani da renderli cartaigenica nel caso decida di venderli, e sta acquistando in ogni stato del terzo mondo un peso da super potenza, tutto ciò che c'è in vendita, sopratutto per una spiccatissima affidabilità negli affari. Si permettono di farlo persino nella costosissima Europa, scalando in borsa imprese a go go. La Russia pratica un aggressione in piena regola al mercato dell'energia, approvvigionando l'europa di gas e letteralmente sommergendo con azioni di dumping le estrazioni di materie prime in tutto il mondo, così come la Cina lo fa con la manifattura.. Che poi siano polveriere che possono andare a ramengo con il vento non c'è dubbio, tuttavia al momento per quanto instabili punterei su di loro se dovessi scommettere su chi costruirà (nel bene o nel male) il domani. E non sono il solo eh, visto che in moltissimi investono in Cina miliardi sonanti, mentre in Europa stiamo rendendo l'industria quasi una reliquia....

    Non capisco onestamente quali siano i dubbi. Cioè queste cose me le invento? La cina e la russia in realtà non pesano sul globo? sarà....
    In realtà intendevo proprio ciò che dici tu con "affari loro" (fra cui gli investimenti commerciali con e dall'occidente), perché avevo inteso pericolo in senso militare e quindi non mi riferivo alla situazione economica.
    Difatti, la Cina ha scaricato il paciugotto quando voleva fare il bullo con gli USA e rimane silente su Taiwan, anche se potrebbe occuparla invece di accoglierne gli imprenditori che battono bandiera col sole bianco, proprio perché sono questi interessi economici a prevalere e i cinesi NON vogliono che la loro zona d'influenza diventi una polveriera come il vicino oriente - e le guerre fanno molto male agli affari, contrariamente al pensiero britannico nella WW1.

    Sugli USA non capisco, se uno stato abdica compresi i suoi servizi (come i finanziamenti all'ordine pubblico) mi pare scontata una crescita enorme della criminalità.

  2. #12
    Senior Member L'avatar di Andrew Clemence
    Data Registrazione
    Wed Mar 2009
    Messaggi
    20,834

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Connacht Visualizza Messaggio
    In realtà intendevo proprio ciò che dici tu con "affari loro" (fra cui gli investimenti commerciali con e dall'occidente), perché avevo inteso pericolo in senso militare e quindi non mi riferivo alla situazione economica.
    Difatti, la Cina ha scaricato il paciugotto quando voleva fare il bullo con gli USA e rimane silente su Taiwan, anche se potrebbe occuparla invece di accoglierne gli imprenditori che battono bandiera col sole bianco, proprio perché sono questi interessi economici a prevalere e i cinesi NON vogliono che la loro zona d'influenza diventi una polveriera come il vicino oriente - e le guerre fanno molto male agli affari, contrariamente al pensiero britannico nella WW1.
    Io non mi allineo ne al pensiero britannico (guerra conveniente) ne a quello che dici tu ossia guerra antieconomica. La guerra può essere conveniente o sconveniente per gli affari. E spesso mobilitare una nazione contro un nemico vero o inventato che sia può essere molto terapeutico per lo scontento interno. Oppure per accaparrarsi risorse rare. Specie quando si hanno grossi interessi internazionali.

    Sugli USA non capisco, se uno stato abdica compresi i suoi servizi (come i finanziamenti all'ordine pubblico) mi pare scontata una crescita enorme della criminalità.
    Non è che il blocco dei servizi non sia una cuccagna per la criminalità. E' che bisogna capire bene cosa è il default. Insomma credo che quando come in Argentina iniziano saccheggi, stupri di massa, crack a fiumi e blocco di qualunque apparato, comprese le cure essenziali e la scuola, la criminalità non è proprio il più urgente dei problemi. Specie enti come la mafia che di solito succhiano dove c'è nettare.

    Ma ovviamente è fantascienza, è ovvio che uno stato sovrano con moneta sovrana deve proprio andar malissimo per andare in default, e ci avrei scommesso tutto quello che ho che i repubblicani bluffavano. L'america continuerà ad emettere moneta e ad aumentare l'inflazione interna ancora per tanti e tanti anni. E ora che sta via via affrancandosi dal petrolio se ne fregherà ancor di più...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •