Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 42
  1. #21
    Senior Member L'avatar di sssebi
    Data Registrazione
    Thu Jan 2008
    Località
    Catania
    Messaggi
    7,446

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Feleset Visualizza Messaggio
    Ehm, un bambino adottato per definizione non avrebbe comunque una madre. °_°
    Non avrebbe una madre biologica, ma pur sempre una donna che gli fa da madre, una che si comporterà esattamente come una madre e gli vorrà bene proprio come fosse suo figlio.
    Parlo delle conseguenze che una mancata donna (che si comporti come madre) possa avere sul neonato.
    Nelle coppie etero e nelle coppie lesbiche è un conto, nelle coppie gay è un altro conto. Bisogna approfondire l'influenza che una madre (non per forza biologica) possa avere sul bambino e se quest'influenza è tanto determinante nella buona crescita del bambino allora sarà d'accordo a vietare l'adozione alle coppie gay.

  2. #22
    Yay L'avatar di Feleset
    Data Registrazione
    Thu Jun 2007
    Località
    Castello errante
    Messaggi
    12,180

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sssebi Visualizza Messaggio
    Non avrebbe una madre biologica, ma pur sempre una donna che gli fa da madre, una che si comporterà esattamente come una madre e gli vorrà bene proprio come fosse suo figlio.
    Parlo delle conseguenze che una mancata donna (che si comporti come madre) possa avere sul neonato.
    Nelle coppie etero e nelle coppie lesbiche è un conto, nelle coppie gay è un altro conto. Bisogna approfondire l'influenza che una madre (non per forza biologica) possa avere sul bambino e se quest'influenza è tanto determinante nella buona crescita del bambino allora sarà d'accordo a vietare l'adozione alle coppie gay.
    Non hai capito: i bambini che non vengono adottati restano negli orfanotrofi dei paesi del Terzo Mondo. Non solo non crescono con una madre, ma fanno la fame, prendono malattie spesso mortali e possono venire a contatto con la criminalità e con le armi.

    E mi spiace, ma nessuno studio potrà mai convincermi che questo sia meglio che crescere in una famiglia omosessuale.

  3. #23
    A.
    Data Registrazione
    Sun Oct 2007
    Messaggi
    3,550

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Feleset Visualizza Messaggio
    Non hai capito: i bambini che non vengono adottati restano negli orfanotrofi dei paesi del Terzo Mondo. Non solo non crescono con una madre, ma fanno la fame, prendono malattie spesso mortali e possono venire a contatto con la criminalità e con le armi.

    E mi spiace, ma nessuno studio potrà mai convincermi che questo sia meglio che crescere in una famiglia omosessuale.
    Sì ma in questo momento ci stai andando tu OT, visto che nel primissimo post ho spiegato che questo tipo di ragionamento esce fuori dal seminato della discussione. Che crescere con una famiglia gay possa essere "il male minore" rispetto ad un'altra serie di cose tremende NON LO SI METTE IN DUBBIO, solo, il perno della discussione è un altro.

    Che sia "il male minore" non lo si può mettere in dubbio. La domanda più concretamente è: "È o NON È come una famiglia eterosessuale?" e non "È o NON È peggio che vivere sotto le bombe in un'inutile guerra fra poveri?"

    Nel caso la domanda fosse quest'ultima potresti anche chiudere il thread, visto che solamente un pazzo direbbe che è meglio vivere in Rwanda con la guerra civile piuttosto che con due padri.

  4. #24
    your worst nightmare L'avatar di Prince GAS Vegeta
    Data Registrazione
    Thu Nov 2003
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,965

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Feleset Visualizza Messaggio
    @PGV: qui si sta parlando di adozioni, il discorso della fecondazione è OT.
    Il servizio delle iene citato nel primo post parlava di figli generati con una madre surrogato per una coppia gay.

    Il topic si intitola "Figli a coppie omosessuali", non "Adozioni per coppie omosessuali".

    Come è già stato compreso da qualcuno che vede più in la del proprio naso il discorso era una premessa inevitabile e necessaria per esplicare il mio punto di vista sulle adozioni.

  5. #25
    Prince L'avatar di Alessandro330
    Data Registrazione
    Sun Apr 2006
    Località
    Lisidranda
    Messaggi
    10,791

    Predefinito

    Sono sempre stato contrario alla cosa, e ho giù avuto modo di dirlo in altre occasioni.

    Per quanto un uomo si possa sentire una donna, specialmente agli occhi di un bambino piccolo non lo è.
    Partendo da questo presupposto, si ritroverà in una situazione già più complessa dei suoi coetanei con una famiglia etero, e in più una volta cresciuto dovrà continuamente confrontarsi con la società.

    I ragazzini sanno essere piuttosto fantasiosi nel denigrare il diverso, il che potrebbe portarlo ad escludersi e a sviluppare dei problemi di interazione sociale.
    E questo non lo risolvi con una "evoluzione della società", perchè fin quando un bambino nascerà da una donna e avrà un padre, guarderà sempre con curiosità e diffidenza chi invece di padri ne ha due.

    Ovviamente quanto detto sopra non è sicuro che accada, però se valutiamo la cosa in ogni suo aspetto, una infanzia del genere porta rischi maggiori, che potrebbero avere un certo peso nella formazione caratteriale del bambino e quindi dell'adulto.

    E' una cosa che le coppie omosessuali tanto desiderose di avere un figlio dovrebbero considerare maggiormente, perchè non riguarderà più solo loro, ma sarà un'imposizione della loro diversità sul figlio che cresceranno.
    Ultima modifica di Alessandro330; 13-02-2013 alle 11:34

  6. #26
    Senior Member L'avatar di !gohanssj2!
    Data Registrazione
    Tue Oct 2006
    Messaggi
    5,707

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sssebi Visualizza Messaggio
    In che senso la pensi diversamente da me? Abbiamo più o meno detto la stessa cosa. L'evoluzione della società può avvenire solo se le adozioni sono ammesse, no?
    Sul fatto che siano motivazioni deboli. Solo su quello, tranquillo

  7. #27
    Senior Member L'avatar di sssebi
    Data Registrazione
    Thu Jan 2008
    Località
    Catania
    Messaggi
    7,446

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Feleset Visualizza Messaggio
    Non hai capito: i bambini che non vengono adottati restano negli orfanotrofi dei paesi del Terzo Mondo. Non solo non crescono con una madre, ma fanno la fame, prendono malattie spesso mortali e possono venire a contatto con la criminalità e con le armi.

    E mi spiace, ma nessuno studio potrà mai convincermi che questo sia meglio che crescere in una famiglia omosessuale.
    Ah sorry, avevo capito diversamente, solo che posta in questo modo resto ancora più contrariato di prima
    Lasciamolo allora ad una coppia di barboni ubriaconi che maltrattano i bambini, sempre meglio di stare dove stanno, no?
    Cioè, non trovo il senso di questo discorso, semmai uno studio dovesse confermare che il bambino non cresca bene con due padri allora non vanno dati ai gay, ma mi sembra ovvio. Non si può pensare semplicemente come un male minore darlo a loro, è pur sempre un male certo, in questo modo condanni per sempre il bambino ad una crescita negativa, invece se resta in attesa di adozione gli lasci la speranza di trovare una famiglia giusta per crescere bene.
    C'è un principio fondamentale da tenere in considerazione dove tutti sono d'accordo e sarebbe quello secondo il quale l'interesse superiore da tutelare prioritariamente è quello del bambino, quindi bisogna pensare a garantire il meglio per il bambino e se il meglio è quello di farlo crescere almeno con una madre allora il bambino verrà adottato da una coppia in cui è presente almeno una madre, se no resterà in attesa di avere una coppia con quei requisiti, senza pensare di lasciarlo a chi sa chi, solo perché si troverà in condizioni meno peggiori.

    Poi ovviamente se degli studi confermano che il bambino non avrà nessuna influenza negativa nel crescere con due padri allora ben venga l'adozione alle coppie gay.

  8. #28
    Yay L'avatar di Feleset
    Data Registrazione
    Thu Jun 2007
    Località
    Castello errante
    Messaggi
    12,180

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sssebi Visualizza Messaggio
    Poi ovviamente se degli studi confermano che il bambino non avrà nessuna influenza negativa nel crescere con due padri allora ben venga l'adozione alle coppie gay.
    Infatti da quel che so è così.
    Tutto il resto a me paiono luoghi comuni che lasciano il tempo che trovano. A meno che non vogliamo davvero dire che tutte le persone cresciute senza madre (perché ne esistono, eh) sono cresciute "male".
    Senza contare che l'adozione spesso e volentieri viene fatta con bambini già più grandi, non appena nati.


    Per quanto riguarda il resto, ricordatevi che il mod sono io, anche se a volte qualcuno se lo dimentica. Posso aver sbagliato a interpretare il topic (che io fin dall'inizio avevo visto diretto alle adozioni, e così mi pare tutti quelli che hanno risposto), ma questo non significa che si debba passare a rimproveri più o meno velati sulla mia persona o sul mio metodo di moderazione. Discorso chiuso, se avete dei problemi mandatemi un mp, ma non rispondete qui.

  9. #29
    Senior Member L'avatar di Dragon Slayer
    Data Registrazione
    Thu Mar 2007
    Località
    Reality Marble
    Messaggi
    10,906

    Predefinito

    Noto che molti di voi non capiscono come dovrebbe funzionare la legge: è l'accusa che deve presentare delle prove, non la difesa.
    Gli omosessuali sono persone che devono godere di pari diritti in quanto cittadini liberi dello Stato Italiano.

    La questione quindi non è "Ci sono degli studi socialpsicologici che assicurano l'integrità della famiglia gay?", bensì "Ci sono degli studi socialpsicologici che provano la destabilizzazione di un bambino in una famiglia gay?".
    L'adozione è un diritto innanzitutto del bambino, a cui viene data la possibilità di crescere una famiglia, poi dei genitori ovviamente.
    Chi siete voi per dire per due persone non sono idonee alla crescita di un figlio per via dei loro gusti sessuali? Fino a quando non ci saranno prove scientifiche univoche e riconosciute dagli organi competenti sui danni che potrebbe creare questa tipologia di adozione [e sottolineo prove scientifiche, non chiacchiere da salotto], trovo questa privazione anticostituzionale.

    Per quanto riguarda le implicazioni culturali, lì è tutta una questione di educazione: crescete bene i vostri figli, insegnate loro che il razzismo è una cosa sbagliata.
    Ultima modifica di Dragon Slayer; 17-02-2013 alle 15:20
    M'illumino d'immenso.
    Shepard

  10. #30
    Yay L'avatar di Feleset
    Data Registrazione
    Thu Jun 2007
    Località
    Castello errante
    Messaggi
    12,180

    Predefinito

    A parte il fatto che sono d'accordo al 100% con Dragon Slayer, visto che non mi piace che si continui a parlare di aria fritta ho chiesto consigli direttamente a una persona che conosco che si occupa di queste cose.

    Di ricerche sulla crescita dei bambini nelle famiglie omosessuali ne sono state fatte tante, perlopiù in America, e finora nessuna di queste ha fornito dati credibili su delle presunte "difficoltà di crescita" del bambino, anzi tutte paiono dimostrare che non ci sia alcun problema di sorta.

    Vi riporto qualcosa a cui ho dato un'occhiata, così se siete interessati ad approfondire la questione potete andarvi a recuperare direttamente i libri che parlano di queste ricerche. A questo punto consiglierei ovviamente di ribattere (a chi non è d'accordo) solo con delle ricerche altrettanto valide, visto che fino a prova contraria qui nessuno si occupa in prima persona di psicologia infantile nelle coppie omosessuali e quindi si tratterebbe solo di un parere personale senza alcun supporto scientifico.

    L'American Psychological Association nel luglio 2004 ha dichiarato:

    « non esiste alcuna prova scientifica che l'essere dei buoni genitori sia connesso all'orientamento sessuale dei genitori medesimi: genitori dello stesso sesso hanno la stessa probabilità di quelli eterosessuali di fornire ai loro figli un ambiente di crescita sano e favorevole. La ricerca ha dimostrato che la stabilità, lo sviluppo e la salute psicologica dei bambini non ha collegamento con l'orientamento sessuale dei genitori, e che i bambini allevati da coppie gay e lesbiche hanno la stessa probabilità di crescere bene quanto quelli allevati da coppie eterosessuali. »
    Questa è la voce di Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Omogenitorialit%C3%A0
    Lasciando perdere la voce in sé (che ovviamente sarà stata scritta da una persona "di parte") c'è da dire che tutte le fonti citate sono appunto di studi concreti, fatte da persone che hanno analizzato davvero la questione.


    Restando agli studi italiani, vi riporto ciò che ha dichiarato l'AIP (Associazione Italiana di Psicologia) sulla questione:

    L’Associazione Italiana di Psicologia ricorda che le affermazioni secondo cui i bambini, per crescere bene, avrebbero bisogno di una madre e di un padre, non trovano riscontro nella ricerca internazionale sul rapporto fra relazioni familiari e sviluppo psico-sociale degli individui.
    Infatti i risultati delle ricerche psicologiche hanno da tempo documentato come il benessere psico-sociale dei membri dei gruppi familiari non sia tanto legato alla forma che il gruppo assume, quanto alla qualità dei processi e delle dinamiche relazionali che si attualizzano al suo interno. In altre parole, non sono né il numero né il genere dei genitori - adottivi o no che siano - a garantire di per sé le condizioni di sviluppo migliori per i bambini, bensì la loro capacità di assumere questi ruoli e le responsabilità educative che ne derivano.
    In particolare, la ricerca psicologica ha messo in evidenza che ciò che è importante per il benessere dei bambini è la qualità dell’ambiente familiare che i genitori forniscono loro, indipendentemente dal fatto che essi siano conviventi,
    separati, risposati, single, dello stesso sesso. I bambini hanno bisogno di adulti in grado di garantire loro cura e protezione, insegnare il senso del limite, favorire tanto l’esperienza dell’appartenenza quanto quella dell’autonomia, negoziare conflitti e divergenze, superare incertezze e paure, sviluppare competenze emotive e sociali.
    L’Associazione Italiana di Psicologia invita i responsabili delle istituzioni politiche, sociali e religiose del nostro paese a tenere in considerazione i risultati che la ricerca scientifica ha prodotto sui temi in discussione.”
    Quella parte l'ho presa da qui: http://www.famigliearcobaleno.org/pu...ociologico.pdf
    (non ho letto tutto, ho cercato giusto la parte che mi interessava)

    In generale questo è il sito italiano a cui potete fare riferimento sulle famiglie "alternative": http://www.famigliearcobaleno.org/


    Spero che vi basti, non avevo mai approfondito molto neanch'io la questione, ma dato che non sopporto i luoghi comuni ho ritenuto doveroso fare dei chiarimenti.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •