Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23

Discussione: Dragonball Sagas

  1. #1
    The Head L'avatar di Radium
    Data Registrazione
    Tue Mar 2009
    Località
    Nowhere...
    Messaggi
    1,163

    Predefinito Dragonball Sagas

    Ariecchime sul foro Sono stato via per un bel po', ma sono tornato! Forse per la febbre di Dragonball che è ritornata per via della nuova messa in onda dello Z, forse perché mi mancavate, chi lo sa?

    Comunque una cosa è certa, una mia nuova FanFiction è in cantiere e si svolgerà un anno dopo Majin Bu. Regà, tenetevi forte perché i colpi di scena sono dietro l'angolo

    Posterò il primo episodio domani, e ho aperto il thread giusto per vedere se raccoglievo lettori prima di iniziare con la FF vera e propria. (o forse solo per attirare l'attenzione sul mio ritorno? )

    Episodio 1 – Il compleanno di Goten

    È passato un anno dalla sconfitta di Majin Bu per mano di Goku, e tutti si godevano la pace. Gohan, per la gioia della madre, aveva ripreso gli studi e si era fidanzato con Videl, mentre Goku e Goten avevano preferito continuare ad allenarsi, così come Vegeta e Trunks. Il tempo scorreva placido e tranquillo, ed era arrivato il giorno dell’ottavo compleanno di Goten, il quale sonnecchiava tranquillo nel suo letto.
    "Auguri, fratellino!" urlò Gohan entrando nella camera del fratello.
    Goten si svegliò di soprassalto e si guardò intorno, assonnato.
    "Grazie, fratellone" disse.
    I due Saiyan scesero in soggiorno.
    "Buongiorno, Goten!" disse Videl allegra.
    Era seduta sul divano con Chichi, chiacchierando a tutto spiano.
    "’Giorno, Videl!" rispose Goten.
    Il secondogenito di Goku entrò in cucina per fare colazione, e trovò il padre intento a spazzolarsi una ciotola enorme di cereali.
    "Fame, eh?" disse ridacchiando.
    "Da morire!" rispose Goku.
    Goten si sedette di fianco al padre e cominciò a dare fondo alla dispensa come solo il migliore dei Saiyan sa fare. Dopo mezz’ora Chichi fece capolino nella cucina.
    "State ancora mangiando?! Uscite immediatamente di qui, ingordi!" urlò esasperata picchiando Goku e Goten con un cucchiaio di legno.
    "Ahio! Chichi, smettila!" si lamentò Goku cercando di proteggere la sua testa.
    I due uscirono di casa e si sedettero sul prato.
    "Che dici, papà, ci sgranchiamo un po’ le ossa?" propose Goten al padre.
    "Ci sto!" rispose Goku, alzandosi in volo insieme al figlio.

    Intanto, nell’Aldilà, nell’ufficio di Re Yammer c’era il solito caotico viavai di anime.
    "Tu, negli Inferi!" gridò a una delle nuvolette che si affollavano alla sua scrivania.
    "Inferi? Ma io…" balbettò questa.
    "Niente obiezioni, ti ricordo che qui comando io!" gridò Re Yammer.
    All’improvviso si presentò alla scrivania un defunto che aveva conservato il suo corpo. Indossava una tuta da combattimento nera e aveva i capelli neri lunghi fino in vita.
    "A chi tocca?" gridò Yammer cercando di sovrastare il frastuono provocano dal vociare delle varie anime.
    "A me." rispose l’individuo.
    "Bene, vedo che hai conservato il tuo corpo…" disse il gigante viola.
    L’individuo annuì.
    "Nome?" chiese Yammer.
    "Radish" rispose il figuro.
    "Ra…di…" scandì Yammer scrivendo il nome sul registro. All’improvvisò però si fermò.
    "Cosa?" disse sgranando gli occhi e guardando meglio l’individuo che aveva davanti.
    Era proprio Radish, il fratello di Goku. Il Saiyan sorrideva beffardo osservando l’espressione incredula di Re Yammer.
    "Ma…secondo il registro, tu sei morto più di dieci anni fa! Che ci fai nel mio ufficio?" chiese il gigante.
    "Volevo chiedervi un piccolo favore… in privato, possibilmente." rispose Radish accennando con la testa alla porta alle spalle di Yammer.
    "Io…io non posso lasciare questa scrivania! Tutte queste anime aspettano di essere assegnate dove gli spetta." disse Yammer.
    "Suvvia" disse Radish "Solo cinque minuti."
    Yammer guardò Radish negli occhi, pensieroso.
    "E sia" disse alzandosi "Ehi, tu! Sostituiscimi cinque minuti, per cortesia" aggiunse rivolto a uno dei suoi assistenti.
    "Certo, Re Yammer!" obbedì questi.
    Re Yammer e Radish uscirono dalla porta, ritrovandosi sul retro dell’ufficio.

    Intanto, sulla Terra, a casa di Goku, tutti i guerrieri erano accorsi per il compleanno di Goten.
    "Ehi, Goku, è permesso?" disse Yamcha affacciandosi alla porta d’ingresso aperta.
    "Certo, Yamcha! Entra, entra!" disse Goku facendo cenno di entrare.
    Insieme a Yamcha entrarono Pual, Jaozi e Tenshinhan, e, per la sorpresa di Goku, Lunch.
    "Ehi, Lunch!" esclamò stupito Goku "È una vita che non ci si vede!"
    "Già!" disse Lunch sorridendo.
    Goku la osservò. Era nella sua versione tranquilla, mora e occhi castani. Goku sperò vivamente che quel giorno non fosse in vena di starnuti.
    "Come mai da queste parti?" chiese Chichi a Lunch.
    Yamcha intervenne cingendo Lunch con il braccio.
    "Beh…io…noi…sai…" balbettò il terrestre paonazzo "Capisci, no?" aggiunse poi.
    "Sì, ho capito" disse Chichi sorridendo.
    "Mi ha chiesto di sposarlo" disse Lunch "E io ho accettato."
    "Complimenti vivissimi!" esclamò Chichi raggiante.
    "Hai compiuto il primo passo verso la rovina, Yamcha!" intervenne Vegeta, che aveva udito la discussione.
    Il Saiyan venne punito da un pugno dietro la testa della moglie.
    "Cosa ti salta in mente, donna!?" strepitò Vegeta massaggiandosi la testa. I presenti ridacchiarono sommessamente.
    "Fatti gli affari tuoi!" rispose Bulma.
    Dopo pochi minuti, Chichi entrò con un enorme torta a quattro piani ricoperta di panna, e Piccolo e Crilin dovettero fare uno sforzo enorme per trattenere Goku dall’assaggiarla in anticipo. Dopo il consueto “Tanti auguri a te” tutti mangiarono allegramente la torta (Goku ne ingollò una porzione esagerata) e andarono via. Goten, data l’ora tarda, si avviò in camera sua, dove la madre gli rimboccò dolcemente le coperte.
    "Ti sei divertito?" chiese Chichi.
    "È stato il miglior compleanno del mondo!" rispose allegro Goten.
    Chichi sorrise e spense le luci.
    "Buonanotte, tesoro."
    "Notte, mamma!"
    __________________________________________________

    Qui sotto trovate gli altri episodi:

    Episodio 2 - Notizie dall'Aldilà
    Episodio 3 - I guerrieri si preparano
    Episodio 4 - Il nuovo nemico
    Episodio 5 - L'incredibile potenza di Rokan
    Ultima modifica di Radium; 15-10-2011 alle 15:54

  2. #2
    The Head L'avatar di Radium
    Data Registrazione
    Tue Mar 2009
    Località
    Nowhere...
    Messaggi
    1,163

    Predefinito

    nessun commento?
    Dragonball Sagas La mia FanFiction

  3. #3
    Senior Member L'avatar di Emis~
    Data Registrazione
    Tue May 2007
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    3,910

    Predefinito

    Niente male, descrivi un po' di più gli avvenimenti

  4. #4
    Demente precario L'avatar di Final Goku II
    Data Registrazione
    Mon Mar 2006
    Località
    Da nessuna parte
    Messaggi
    4,291

    Predefinito

    E' scritta bene e lo stile è semplice e scorrevole. Mi piace.
    In questo capitolo non è avvenuto ancora nulla però sono curioso di vedere da dove sbuca questo nuovo Radish e che cosa vuole fare.

  5. #5
    Yay L'avatar di Feleset
    Data Registrazione
    Thu Jun 2007
    Località
    Castello errante
    Messaggi
    12,180

    Predefinito

    Concordo con Final, lo stile semplice è sempre un aspetto positivo per chi vuol destreggiarsi nella scrittura.

    Avrei delle osservazioni da farti per migliorare il capitolo e in generale le tue capacità, solo che aspetto il tuo consenso perché so per esperienza che alcuni prendono i consigli per una stroncatura, e non vorrei che pensassi male. XD

  6. #6
    The Head L'avatar di Radium
    Data Registrazione
    Tue Mar 2009
    Località
    Nowhere...
    Messaggi
    1,163

    Predefinito

    Grazie per i commenti Comunque Feleset, dimmi pure, accetto consigli

    EDIT: Stasera posto il secondo episodio
    Dragonball Sagas La mia FanFiction

  7. #7
    Yay L'avatar di Feleset
    Data Registrazione
    Thu Jun 2007
    Località
    Castello errante
    Messaggi
    12,180

    Predefinito

    Beh, per quanto riguarda i dettagli più "tecnici", io ti consiglierei di non usare i segni maggiore e minore per le virgolette (<<; >>), ma i segni specifici («; »). In alternativa puoi usare le virgolette alte ("Ciao!").
    Altra cosa: il punto alla fine del discorso diretto ci va solo se poi non c'è altro testo. Esempio:
    "Ciao, sono Goku" disse il saiyan. (senza punto dopo Goku)
    Il saiyan si presentò: "Ciao, sono Goku." (con il punto perché la frase è conclusa)
    Se non è chiaro mi spiego meglio.

    Per quanto riguarda i contenuti, ho alcune perplessità. Le metto numerate così fai prima a rispondermi.
    1) Come fa Gohan a 17 anni a essere già avvocato? Ho capito che Dragon Ball è ambientato in un mondo inventato, ma è impossibile che dopo un anno lui abbia finito le superiori, preso la laurea e fatta tutta la procedura per diventare avvocati (che non so come sia nel mondo di Dragon Ball, ma presumo ci sia almeno un tirocinio e/o un esame da sostenere). Se il liceo di Satan City è come i normali licei giapponesi (che da quel che ricordo mi pare la cosa più probabile), a Gohan dovrebbero mancare due anni al diploma.
    2) Come conseguenza del punto 1, è anche poco probabile che Gohan e Videl si siano già sposati. Secondo me si sposano almeno dopo il diploma.
    3) Nella fan fiction usi i nomi del manga o quelli dell'anime? Perché se usi Yamcha (e non Yamco) allora dovresti usare Lunch (e non Laura). In teoria una scelta vale l'altra, ma bisogna mantenerla coerente per tutti i nomi.
    4) Questa forse è una fissa mia, quindi non te la prendere. XD Vegeta si riferisce a Bulma chiamandola "donna" solo nell'anime nel periodo prima dei cyborg. Nel manga e in generale dalla saga di Majin Bu in avanti la chiama sempre "Bulma". Quindi boh, non ho mai capito perché nelle fan fiction fossero tutti fissati con "donna", escludendo quelle demenziali (praticamente lo perdono solo a Final Goku ).

    Spero di esserti stata utile, se hai qualche dubbio o domanda non esitare a chiedere.

  8. #8
    The Head L'avatar di Radium
    Data Registrazione
    Tue Mar 2009
    Località
    Nowhere...
    Messaggi
    1,163

    Predefinito

    Cercher&#242; di seguire i consigli, grazie Feleset

    Comunque sul fatto di Gohan avvocato, ora che mi ci fai pensare hai ragione ho fatto un bell'errore comunque rimane del primo episodio perch&#233; d'ora in poi non sentirai pi&#249; parlare del lavoro di Gohan. Poi credevo che Laura si chiamasse cos&#236; anche nel manga. Poi Vegeta che dice "donna" mi &#232; sempre piaciuto e mi &#232; sembrato diciamo "divertente" farglielo dire anche qui, perch&#233; vedrai che ci saranno altri "tormentoni" dei personaggi andando avanti nella storia
    Ultima modifica di Radium; 03-10-2011 alle 15:43
    Dragonball Sagas La mia FanFiction

  9. #9
    Yay L'avatar di Feleset
    Data Registrazione
    Thu Jun 2007
    Località
    Castello errante
    Messaggi
    12,180

    Predefinito

    Di niente. ^^

  10. #10
    The Head L'avatar di Radium
    Data Registrazione
    Tue Mar 2009
    Località
    Nowhere...
    Messaggi
    1,163

    Predefinito

    Visto che stasera non credo di essere disponibile, ecco il secondo episodio Enjoy


    Episodio 2 – Notizie dall’Aldilà

    Il giorno dopo Goku si alzò di buon’ora, massaggiandosi l’addome.
    "Cavoli, che mal di pancia!" gemette scendendo le scale.
    "Te l’avevo detto io: troppa torta." disse Chichi andando incontro al marito.
    "Ma dai!" esclamò Goku "Per dieci fettine!"
    "Fettine?! Ti ricordo che ogni “fettina” a stento entrava nel piatto!" lo rimproverò la moglie.
    "Forse hai ragione!" ridacchiò il Saiyan, poi si avviò verso la porta.
    "Dove vai?" chiese Chichi.
    "Faccio un giro dal Maestro Muten per vedere come va" rispose Goku.
    "D’accordo, ma non fare tardi!" disse Chichi.
    Goku si chiuse la porta alle spalle e partì in volo verso l’isola di Muten.

    Intanto, nell’Aldilà…
    "Cosa?! Sei impazzito, per caso?" strillò Yammer esterrefatto.
    "Sono serissimo, caro il mio gigantesco amico" disse tranquillo Radish.
    "Mi stai chiedendo di farti tornare sulla Terra? Non posso!" disse Yammer.
    "Puoi eccome! Mio fratello è potuto tornare per un giorno."
    "Ho permesso a Goku di tornare per gli enormi servigi resi all’umanità. E poi…"
    "Basta blaterare!" sbottò il Saiyan adirato.
    Yammer ammutolì.
    "Ti ho chiesto di tornare sulla Terra per dodici ore. È per una cosa importante!" disse Radish.
    Yammer continuava a fissarlo in silenzio.
    "E sia" disse.
    Il gigante schioccò le dita e un portale si aprì tra le nuvole dorate. Il Saiyan si lanciò verso di esso, ma Yammer lo acchiappò per la coda.
    "Ma bada! Se entro dodici ore non avrai risolto nulla verrai lo stesso riportato qui nell’Aldilà" lo informò Yammer.
    "Non ti preoccupare, so stare ai patti" lo rassicurò Radish liberandosi con uno strattone.
    Si lanciò verso il portale e scomparve al suo interno. Dopo qualche istante si ritrovò sulla Terra, non lontano dall’Osservatorio del Supremo.
    "E ora…" disse chiudendo gli occhi "...vediamo dove sei."
    Si concentrò un attimo, poi riaprì gli occhi.
    "Eccoti!"

    Intanto Goku era arrivato sull’isola e stava chiacchierando con Crilin, anche lui in visita da Muten. Ad un certo punto un bambino di circa dieci anni si avvicinò ai due con un vassoio su cui c’erano due bicchieri.
    "Limonata?" chiese il bambino.
    "Grazie piccolino!" ringraziò Goku prendendo il bicchiere. Lo stesso fece Crilin.
    "E tu chi sei?" chiese poi Crilin.
    "Beh… io…" balbettò il bimbo.
    "Lui è Kobi, il mio nuovo allievo!" annunciò Muten.
    "E così è tornato a insegnare, maestro?" chiese Goku.
    "Non ho mai smesso" rispose il vecchio dando una pacca sulla spalla di Kobi.
    "Ma non è troppo vecchio per…" cominciò a dire Crilin.
    Muten lo guardò con uno sguardo che avrebbe fatto evaporare la limonata nel bicchiere che aveva in mano. Crilin ammutolì immediatamente.
    "Scherzavo, ovviamente!" si affrettò a dire il terrestre.
    Kobi osservava visibilmente divertito la discussione tra Muten e Crilin, quando ad un certo punto la sua espressione divertita si mutò in terrore puro.
    "C-c-chi è quello?" chiese tremante puntando un dito avanti a sé.
    Goku si voltò e rimase pietrificato come Kobi per lo stupore. Il bicchiere gli cadde di mano andando in frantumi.
    "No!" disse "Non è possibile! Tu sei morto!"
    Radish era lì, di fronte a Goku, Crilin, Muten e il piccolo Kobi. Goku tornò indietro coi ricordi a quando, circa tredici anni prima, suo fratello Radish aveva rapito Gohan, che allora aveva appena quattro anni, per costringere Goku a uccidere cento terrestri. Radish avanzò verso di loro. Kobi mollò il vassoio su cui aveva servito la limonata e corse a nascondersi dietro una delle palme.
    "Sono ancora morto, Kakaroth!" esclamò Radish indicando l’aureola sulla sua testa.
    "E cosa ci fai qui?" chiese Crilin.
    "Ho chiesto un piccolo favore. Tu sai di cosa parlo, vero, fratellino?" disse Radish sogghignando.
    Goku ricordò che anche a lui fu concesso un anno prima, in occasione del 25° Torneo di Arti Marziali.
    "Sì, lo so..." rispose Goku "…ma per quale motivo sei qui?"
    Radish mosse qualche passo, per poi sedersi su una roccia.
    "Voglio avvisarvi…" cominciò il Saiyan.
    "Di cosa?" chiese Goku.
    "…del pericolo che correrete di qui a qualche giorno" terminò Radish.
    Crilin lanciò a Goku un’occhiata tra lo scettico e lo spaventato. Goku non proferì parola.
    "Che c’è, Kakaroth? Hai perso la lingua?"
    Goku strinse i pugni.
    "Cosa sta succedendo?" chiese.
    Radish si alzò e mosse qualche altro passo.
    "Niente di che" rispose "Diciamo che negli Inferi la situazione si è fatta alquanto scottante!"
    "Quanto?" chiese Crilin.
    "Diciamo che una certa persona ha deciso di…come dire…" Radish stette in silenzio per qualche istante, come se lasciare il fratello sulle spine in quel modo lo divertisse "...evadere!"
    "Che cosa?!" esclamò Muten, che fino ad allora era rimasto in silenzio ad ascoltare "Non si può evadere dagli Inferi! È impossibile!"
    "Diciamo che questa persona ha cancellato la parola impossibile dal suo vocabolario da almeno 200 anni!" spiegò Radish tra il serio e il divertito.
    "Chi è?" chiese Goku.
    Radish gli spiegò tutto. Crilin e Goku vennero così a conoscenza di Rokan, un alieno proveniente dal pianeta Uron, che più di 200 anni prima, seminava il terrore tra i pianeti della galassia, Terra compresa, e che proprio sulla Terra si sarebbe scontrato con un certo Lutan, un maestro di arti marziali e difensore del pianeta in quei tempi, e fosse stato sconfitto.
    "Lutan?" disse Muten pensieroso.
    "Lo conosce?" chiese Crilin.
    "Certo che lo conosco! Era il mio trisnonno: il maestro Lutan della Tartaruga!" esclamò Muten "Uno dei terrestri più forti degli ultimi due secoli!"
    "E così Rokan è stato sconfitto dal suo trisavolo?" chiese Goku.
    "Beh, non conosco bene questa storia" spiegò Muten "So solo che era fortissimo e sulla Terra tutti si guardavano bene dallo sfidarlo."
    "Spiacente di interrompere la parentesi nostalgica, ma vorrei ricordarvi che in questi 200 anni, Rokan non è certo rimasto con le mani in mano" disse Radish.
    Seguì un lungo silenzio, interrotto solo dai passi di Kobi che, fattosi coraggio, si stava riavvicinando a Goku e gli altri.
    "Dobbiamo prepararci!" disse Goku "Prepararci al peggio!"
    Dragonball Sagas La mia FanFiction

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •