Visualizza Risultati Sondaggio: Siete favorevoli alla pena di morte?

Partecipanti
30. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Sono favorevole alla pena di morte perchè eticamente giusta

    8 26.67%
  • Sono contrario alla pena di morte perchè ogni persona ha il diritto di vivere

    15 50.00%
  • Altro

    7 23.33%
Pagina 1 di 16 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 154
  1. #1

    Predefinito Pena di morte: pro o contro?

    In molti paesi si continua a praticare la pena di morte, nonostante le tante prese di posizione contrarie. Anche in Italia l'argomento viene facilmente toccato e dibattuto.

    Voi che ne pensate? Siete pro o contro la pena di morte?

  2. #2
    A.
    Data Registrazione
    Sun Oct 2007
    Messaggi
    3,550

    Predefinito

    A mio parere in un quesito del genere vanno investite due questioni, opposte tra di loro: quella istintuale secondo la quale giustamente chi ha procurato la morte a una persona (o nel caso di pedofili, la fine di un'esistenza serena per sempre) deve pagare nel peggiore dei modi, e quella etico-morale, secondo cui invece è inconcepibile che gli uomini uccidano per legge altri uomini e che così facendo ci si abbassa a colui che ha compiuto il reato.

    Non sono molto per il "è peggio se si sente in colpa in carcere", visto che non ci credo. Nelle mie sadiche utopie compare la tortura psicologia (l'isolamento a vita ne è un esempio, tempo sei mesi e l'essere in questione si sarà suicidato) o, ancora meglio, il più totale isolamento sociale, l'impossibilità di avere un lavoro, di avere oggetti personali ed amici. Insomma, una sorta di marchio a vita.
    Sia chiaro che sono mie idee che so benissimo essere utopiche, ma tra le due questioni preferisco sempre supportare quella istintiva, affanculo l'etica.

    Comunque - per le modalità attuali - la pena di morte non mi dice nulla. Non è una morte cattiva e dolorosa, ma una morte per la maggior parte dei casi indolore. Non voto. Se fosse come dico io, sarei favorevole.

  3. #3
    Prince L'avatar di Alessandro330
    Data Registrazione
    Sun Apr 2006
    Località
    Lisidranda
    Messaggi
    10,791

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Blaze Visualizza Messaggio
    A mio parere in un quesito del genere vanno investite due questioni, opposte tra di loro: quella istintuale secondo la quale giustamente chi ha procurato la morte a una persona (o nel caso di pedofili, la fine di un'esistenza serena per sempre) deve pagare nel peggiore dei modi, e quella etico-morale, secondo cui invece è inconcepibile che gli uomini uccidano per legge altri uomini e che così facendo ci si abbassa a colui che ha compiuto il reato.

    Non sono molto per il "è peggio se si sente in colpa in carcere", visto che non ci credo. Nelle mie sadiche utopie compare la tortura psicologia (l'isolamento a vita ne è un esempio, tempo sei mesi e l'essere in questione si sarà suicidato) o, ancora meglio, il più totale isolamento sociale, l'impossibilità di avere un lavoro, di avere oggetti personali ed amici. Insomma, una sorta di marchio a vita.
    Sia chiaro che sono mie idee che so benissimo essere utopiche, ma tra le due questioni preferisco sempre supportare quella istintiva, affanculo l'etica.

    Comunque - per le modalità attuali - la pena di morte non mi dice nulla. Non è una morte cattiva e dolorosa, ma una morte per la maggior parte dei casi indolore. Non voto. Se fosse come dico io, sarei favorevole.
    Metti un uomo tra 4 mura per 50/60 anni, con 1 ora di aria al giorno e vedi se non si pente.

    Sono favorevole alla pena di morte, ma è anche la via più facile.
    A certe persone non gliene fotte niente di morire, vogliono solo assecondare il loro macabro piacere.

    Elusys

  4. #4
    Rise & Shine~ L'avatar di Lies
    Data Registrazione
    Wed Nov 2009
    Località
    Heaven beside you.
    Messaggi
    3,536

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alessandro330 Visualizza Messaggio
    Metti un uomo tra 4 mura per 50/60 anni, con 1 ora di aria al giorno e vedi se non si pente.

    Sono favorevole alla pena di morte, ma è anche la via più facile.
    A certe persone non gliene fotte niente di morire, vogliono solo assecondare il loro macabro piacere.
    Mi sa che stai cannando un pelo il concetto di pentimento. Al massimo si pente nel senso che dice "ah cazzo non avrei dovuto farlo guarda che mi è capitato", ma il pentimento vero è un presa di coscienza sincera ed un riconoscimento del fatto che le proprie azioni sono state sbagliate.

    Contrario, non per questioni di etica ma perchè considero la morte come una liberazione, meglio una vita di merda per punire di qualcuno. Poi possono esserci rari casi in cui tenere in vita qualcuno, anche se in carcere, può essere comunque pericoloso per la comunità. Che so, dittatore, un terrorista, un mafioso, che anche dalla prigione può ispirare i suoi seguaci in qualche modo, o per cui ci sono rischi per la sicurezza tipo che cercano di farlo evadere e altre menate.


    "Do you believe in God?" written on the bullet, say "yes" to pull the trigger

  5. #5
    Stardust ★ Crusader L'avatar di ~Snake Eater
    Data Registrazione
    Mon Jun 2008
    Località
    Kattelox Island.
    Messaggi
    10,092

    Predefinito

    Quante volte è stato fatto sto topic in totale?

    Too proud to show your true face, eh? But a sporting hunt, it was.
    Spoiler:
    Snake-Strife

  6. #6
    Prince L'avatar di Alessandro330
    Data Registrazione
    Sun Apr 2006
    Località
    Lisidranda
    Messaggi
    10,791

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lies Visualizza Messaggio
    Mi sa che stai cannando un pelo il concetto di pentimento. Al massimo si pente nel senso che dice "ah cazzo non avrei dovuto farlo guarda che mi è capitato", ma il pentimento vero è un presa di coscienza sincera ed un riconoscimento del fatto che le proprie azioni sono state sbagliate.

    Contrario, non per questioni di etica ma perchè considero la morte come una liberazione, meglio una vita di merda per punire di qualcuno. Poi possono esserci rari casi in cui tenere in vita qualcuno, anche se in carcere, può essere comunque pericoloso per la comunità. Che so, dittatore, un terrorista, un mafioso, che anche dalla prigione può ispirare i suoi seguaci in qualche modo, o per cui ci sono rischi per la sicurezza tipo che cercano di farlo evadere e altre menate.
    Ogni individuo è diverso, c'è chi si comporterà come dici tu, e chi si pentirà veramente.
    Ma quando ti privano della libertà per sempre, di tempo per riflettere ne hai parecchio.

    E io sfido chiunque, dopo 50 anni e passa di carcere a mantenere il comportamento che lo ha fatto schiaffare dentro.
    Si prendono la tua vita, non è cosa da poco.

    Io poi il carcere me lo immagino sul modello americano.
    Uno che si fa l'ergastolo in Italia, con il mini appartamento con cucina e tv, forse se la passa meglio.

    Elusys

  7. #7
    Elitario™ L'avatar di The G
    Data Registrazione
    Sat Jun 2006
    Località
    Hell
    Messaggi
    5,906

    Predefinito

    In linea di massima sono contrario.
    Personalmente se ci fosse la pena di morte non esiterei a fare una strage, se ne avessi i motivi. Con l'attuale situazione invece, non lo farei. Mi spaventa molto di più il carcere a vita che la morte, e credo che questo sia valido per un sacco di gente.

  8. #8
    Senior Member L'avatar di Dargil
    Data Registrazione
    Wed Aug 2009
    Messaggi
    19,065

    Predefinito

    "Hemingway ha detto che il mondo è un bel posto e vale la pena lottare per esso; condivido la seconda parte".

  9. #9
    imma a huge fahget L'avatar di sentinel
    Data Registrazione
    Sat Apr 2005
    Località
    Aperture Science Cooperative Test Initiative
    Messaggi
    7,806

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Blaze Visualizza Messaggio
    Sia chiaro che sono mie idee che so benissimo essere utopiche, ma tra le due questioni preferisco sempre supportare quella istintiva, affanculo l'etica.
    Casomai distopiche, sarebbero utopiche se fossimo in 1984.
    Contro, comunque. La pena di morte non è un deterrente, in caso di errore giudiziario è ovviamente irreversibile e mantengo un certo rispetto, che ritengo non debba sparire nel momento in cui compi un crimine, per la vita umana. Le proposte alternative che ho visto in generale (come adesso quelle di Blaze), mi fanno rabbrividire, sinceramente: si vede sempre quella vena sadistica che appare quando sappiamo che incontriamo il favore dei nostri simili. La pena di morte è comunque la riprova che l'uomo, uomo ancora non lo sia.
    Forse quando rimarrà solo sale e terra e le stelle cadranno, ti sentirai a casa.

  10. #10
    A.
    Data Registrazione
    Sun Oct 2007
    Messaggi
    3,550

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sentinel Visualizza Messaggio
    Casomai distopiche, sarebbero utopiche se fossimo in 1984.
    Contro, comunque. La pena di morte non è un deterrente, in caso di errore giudiziario è ovviamente irreversibile e mantengo un certo rispetto, che ritengo non debba sparire nel momento in cui compi un crimine, per la vita umana. Le proposte alternative che ho visto in generale (come adesso quelle di Blaze), mi fanno rabbrividire, sinceramente: si vede sempre quella vena sadistica che appare quando sappiamo che incontriamo il favore dei nostri simili. La pena di morte è comunque la riprova che l'uomo, uomo ancora non lo sia.
    Nossignore, è la riprova che l'uomo è più uomo che mai.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •