Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: Concorso n. 2!

  1. #1
    La Belva del Condominio L'avatar di El Fundo
    Data Registrazione
    Thu Mar 2007
    Località
    Buruburu
    Messaggi
    15,472

    Predefinito Concorso n. 2!

    In questo topic potrete postare i vostri testi per il concorso numero 2!
    Ricordiamo:
    Top 5 e Flop 5 dedicate ai film tratti da videogame! Sono gradite (anzi necessarie) delle brevi spiegazioni per ogni scelta.
    Siete pregati di postare UNICAMENTE il vostro testo che, una volta postato, NON sarà editabile, pena la squalifica.

    I testi verranno giudicati da Chiara Poli, critica televisiva e cinematografica.

    Avete tempo sino al 6 Gennaio, data in cui sarà chiuso il concorso.

    Il Vincitore si porterà a casa la bambola di F.E.A.R. 2 con confezione non semplicemente a tiratura limitata... ma limitatissima! Ricordiamo che la confezione NON contiene il gioco!

    In questo topic sono vietati i commenti, che potrete fare a questo indirizzo. Qui, qualsiasi commento fuori luogo sarà cancellato e punito.

    In bocca al lupo a tutti!

  2. #2
    games addicted L'avatar di sephiroth840
    Data Registrazione
    Fri Apr 2009
    Messaggi
    1,332

    Predefinito

    per la mia personalissima top 5:

    5 posto: resident evil(il primo) ricostruisce bene l'atmosfera del gioco non tanto con i personaggi,stereotipati e dalle condotte fin troppo prevedibili,ma attraverso la scelta delle location e la scelta di alcune inquadrature che sono un tributo al gioco

    4 posto:mortal kombat: prendi alcuni personaggi simbolo del gioco buttali su una isola e dagli un pretesto piu o meno plausibile per lottare fino alla morte(e morte violenta).Il film certo non poggia su una trama cervellotica e trascinante,ma il ritmo è dato dai combattimenti adrenalinici e che emulano bene le mosse delle controparti digitali....la colonna sonora poi è decisamente azzeccata ed è ancora citata in numerosi contesti(non riguardanti solo il brand).

    3 posto: max payne....ok la scelta dell'attore poteva essere migliore(anche se mark whalberg per me è un bravissimo attore avrei preferito un'altra faccia per max) e ok il "bullet time" poteva essere proposto in maniera e in contesti molto piu convincenti,ma la new york nevosa e dark è ricreata bene e in maniera fedele allo spirito del gioco, le musiche sono anonime ma in fondo è il suono dei proiettili che conta e qui lo si sente spesso, la trama sa di gia visto ma un bel gia visto

    2 posto: prince of persia:datemi un budget milionario e vi solleverò il mondo....è quello che devono aver pensato Jerry Bruckheimer e la Disney nel produrre questo film,ma è forse un male?visivamente appagante e musicalmente fiabeggiante prince of persia è la classica avventura disneyana condita da arrampicate salti e duelli di spada, il cast s'eccezione contribuisce ad alzare il livello recitativo della produzione unico neo(sempre secondo me) è l'assortimento della coppia principe e bella tra i quali non sembra scattare quell'alchimia di sguardi e gesti che avrebbe fatto innamorare chiunque indistintamente

    1 posto: silent hill...o lo si ama o lo si odia c'è poco da dire. Il film centra in pieno i temi e le atmosfere del gioco. la trama è amara e amaro è il finale, ma questo è silent hill. silent hill è angoscia nebbia e paranoie, è creature deformi esoterismo e sedie a rotelle, è musiche tristi dialoghi appena abbozzati e continuo senso di solitudine.


    ora passiamo ai flop per cui non basterebbero mille posti in classifica dal meno brutto al peggiore della storia.

    5 tomb raider: archeologia e azione al cinema sono un mix esplosivo,ma tomb raider il gioco è altro e l'unica cosa che ci azzecca con lara è la jolie emblema della sfacciatezza e sicurezza di se il resto è poco piu che uno spara spara qua e spara spara la in sintesi bel film ma non è tomb raider

    4 posto resident evil(2,3 e 4)...stavolta si punta ad inserire i personaggi famosi della serie ma il film perde tutto il suo fascino diventando una sparatoria continua,da profani dei videogame il film si gode bene con un bel cestone di pop-corn e vale una buona oretta e mezza di switch-off del cervello,ma chiunque in sala abbia pensato per un solo secondo a cosa è la serie bhè probabilmente sarà rimasto a digiuno per il senso di disgusto

    3 posto:bloodrayne: non che il gioco fosse chissà quale capolavoro,ma difficilmente ci si fa sfuggire l'occasione di fare un film sui vampiri e cosi eccoci a guardare le avventure gotiche di pel di carota....il film è godibile,ma niente di piu,la sensazione di trovarci davanti ad un focus eccessivo sulla protagonista scredita la produzione al punto che quando a parlare sono gli altri personaggi del cast è gia tanto se si riesce a restare concentrati su quello che dicono


    2 posto: doom....fare un film su un fps è difficile,ma farlo bene è credere ancora a babbo natale...la storia è carina ma fa sbadigliare le musiche ehm.....ma è doom e credo che qualsiasi videogiocatore lo abbia almeno noleggiato solo per rispetto del mito


    1 posto alone in the dark....quando l'ho visto al video noleggio sono rimasto incredulo...ho martellato i miei amici per convincerli a vederlo quella sera... il risultato?due ore dopo erano loro che mi prendevano a martellate per aver fatto una cosa del genere....insufficiente su tutta la linea,sconsigliato anche al peggior nemico


    eccoci qua,spero di essere stato abbastanza sintetico e spero che vi piaccia ciao ciao!
    Ultima modifica di El Fundo; 27-12-2010 alle 10:10

  3. #3
    The sHoWsToPPer L'avatar di Er Pupo
    Data Registrazione
    Wed Mar 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    48

    Predefinito

    TOP 5

    1. Silent Hill - Caso più unico che raro, l'unico film che ha cambiato molto poco la trama del videogioco originale. Inoltre è palese che il regista si sia ispirato moltissimo alla regia della controparte videoludica (soprattutto a quella del secondo capitolo) e ciò ha sicuramente giovato alla pellicola. Ottima la riproduzoine della città, delle creature e delle location chiuse tipiche della serie.

    2. Mortal Kombat - Personaggi, trama e ambientazioni azzeccati. Buono in tutti i suoi elementi, soprattutto l'atmosfera...un pò cupa e lugubre come nel videogioco. Essendo un picchiaduro la trama andava inventata...e penso che, a differenza di molti altri tie-in, siano riusciti nell'intento di inventare una buona storia nel quale ogni personaggio ha il suo ruolo che si adatterebbe bene ai personaggi del videogioco.

    3. Tomb Raider - Un classico d'azione hollywoodiano, ben interpretato da una Top Actress del cinema americano. Ottime anche le ambientazioni che ricalcano la maggior parte di quelle viste nei titoli con protagonista Lara. Insomma, un buon film che potrebbe piacere a prescindere dal nome. D'altronde è molto meglio di tanti filmacci d'azione americani con il solito stereotipo dell'eroe pompato che se la cava anche nelle peggiori situazioni. In questo film l'idea dell'eroina funziona bene perchè a funzionare è l'idea del gioco, che non a caso è uno dei brand più venduti e sfruttati da più di 10 anni. Bravo il regista a non stravolgere i ruoli e le caratterizzazioni dei personaggi (come molto spesso accade in questi tie-in).

    4. Resident Evil : Apocalypse - Più del prequel, questo Resident Evil è quello che più si avvicina alla saga videoludica. Alcuni personaggi chiave e creature (oltre gli zombie ovviamente) sono presi direttamente dal videogioco, cosa che mancava assolutamente nel primo film ispiritato alla serie Horror Capcom.

    5. Street Fighter - Pur non essendo il massimo come film (come la maggior parte dei tie-in) va premiato il regista per essere riuscito a prendere tutti i personaggi del picchiaduro Capcom e dargli il giusto ruolo. E' riuscito inoltre a non sminuire i personaggi "secondari", dato che un film che in un film basato su un picchiaduro non dovrebbe avere, secondo il mio parere, troppa disparità nel protagonismo tra i personaggi.



    FLOP 5

    1. Resident Evil - Il film non è male. Peccato che come primo tie-in assoluto di un brand così seguito il regista non abbia raccolto alcunchè dal videogioco. L'unico elemento che riporta alla controparte elettronica sono gli zombie e alcune vicende della trama.Personaggi, storia, locazione temporale e ambientanzioni sono quanto di più lontano a ciò che si ha nel videogioco (perchè non hanno lasciato tutto in mano a Romero, come era da progetto inizialmente?).

    2. Final Fantasy VII Advent Children - Sequel cinematografico in Compurer Grafica del Final Fantasy più amato dai gamer, riprende quasi tutti i personaggi del videogioco, nonostante gli ottimi presupposti ci sono molti buchi nella trama, che tra l'altro sembra molto forzata. Delusione, soprattutto per i fan (e per fortuna che non è uscito al cinema! Altrimenti gli spettatori si sarebbero ribellati).

    3. Final Fantasy - L'idea di fare un film in Computer Grafica di Final Fantasy è molto azzeccata. La realizzazione tra l'altro è anche molto buona, peccato che la trama manchi di mordente e soprattutto non segue le linee guida storiche del brand Square Enix per quel che riguarda proprio il canovaccio che in genere i lavori Square seguono.

    4. Resident Evil Degenration - Altro "potrei, ma non lo faccio". Il primo film di Resident Evil tutto in Compurer Grafica. Buona la realizzazione tecnica, molto meno la trama. Un Resident Evil quasi completamente fuori dalla cognizione ambiente-tempo dei videogiochi. Se non fosse per la presenza di Leon e Claire sarebbe da ultimo/primo posto di questa FLOP 5. Trama ridicola.

    5. Super Mario- Il top dei Flop. Qualcosa di davvero vergognoso. Il più brutto,
      sfacciato e orrendo sfruttamento di un marchio. Il tutto aggravato dal fatto che stiamo parlando DEL marchio storico per eccellenza. Trama orrenda, personaggi orrendi, ambientazione orrenda e, soprattutto, nulla a che vedere con il celebre idraulico Nintendiano. Capisco che la trasposizione a film di un soggetto come Super Mario possa essere difficoltosa, ma se non si hanno idee e mezzi, è meglio lasciar stare. Uno stupro al mondo dei videogiochi.
    -Vivi come se dovessi morire subito, pensa come se non dovessi morire mai- G.Almirante.

  4. #4
    Senior Member L'avatar di michele longobardi
    Data Registrazione
    Mon Jul 2006
    Località
    Castellammare Di Stabia
    Messaggi
    4,909

    Predefinito

    Nota: Alcuni commenti sono presenti anche su un sito con cui collaboro. E' tutto mio ovviamente.

    TOP 5


    1. Hitman - L'Assassino

    Trama: Modificato geneticamente e addestrato fin da bambino ad essere un killer spietato e senza la macchia di un sentimento, l'Agente 47, facente parte di una misteriosa organizzazione chiamata The Agency, si ritrova invischiato in un colpo di stato in Russia. Inseguito dall'esercito russo si metterà in fuga in compagnia di Nika, una prostituta che si rivelerà molto importante per le sorti del paese. Grazie a lei, il freddo assassino riuscirà anche a scoprire il significato di coscienza. Non mancheranno certo scene all'insegna di frenetici inseguimenti in macchina e sparatorie fino all'ultima pallottola.

    Critica: Tratto da uno dei videogiochi più venduti al mondo, Hitman, per l'appunto, sviluppato dalla Eidos Interactive, questo film di Xavier Gens porta su schermo la vicenda di una vittima del sistema. L'Agente 47, istruito fin dall'infanzia a non avere sentimenti e a rispettare solo gli ordini dei superiori, viene lanciato nella mischia come agnello sacrificale e dovrà farsi largo tra trafficanti di droga e la feccia della peggior specie per scoprire la verità sul mondo in cui aveva vissuto come in una sorta di trance. Il film riprende molto bene l'atmosfera e i ritmi del gioco, ma la bravura di Gens è stata quella di non offrire al pubblico il solito film con un protagonista votato solo all'attacco di tutto ciò che si muove. I personaggi, tutti, sono esaminati anche sul piano psicologico e non danno l'impressione di essere passivi e indifferenti al caos che c'è intorno a loro. Encomiabile la scelta, inoltre, di far interpretare 47 a Timothy Olyphant, attore visto in Die Hard - Vivere o Morire e ne L'Acchiappasogni. La sua interpretazione è perfetta, freddo ma lucido e razionale. Il look inconfondibile: giacca nera, camicia bianca, cravatta rossa e la pelata solcata da un codice a barre fa da ciliegina sulla torta. Finalmente una trasposizione da un videogioco convincente e appagante.


    2. Silent Hill

    Trama: Film tratto dall'omonima serie horror di videogiochi, riprende quasi del tutto il primo episodio di questa saga. La protagonista Rose, dopo l'ennesimo attacco della figlia Sharon, dovuto al sonnambulismo, decide di portare la bambina a Silent Hill, una misteriosa cittadina del West Virginia, da cui la piccola sembra essere ossessionata.
    Durante il suo viaggio in macchina, Rose perde il controllo del mezzo e sviene. Al suo risveglio si ritrova in una cittadina immersa nella nebbia, Silent Hill, ma quel che è peggio non ha più tracce della figlia. Nel frattempo viene raggiunta dall'agente Cybil Bennet, che memore di fatti atroci accaduti lì, decide di seguirla. Incomincerà per loro un viaggio senza ritorno, dei mostri abominevoli le attaccano e l'oscurità porta forze maligne che attentano alla loro vita. Dietro tutto questo si celano verità scottanti, una setta, un rituale e una misteriosa bambina.

    Critica: Non è il primo e non sarà l'ultimo film tratto da un videogioco. Di esempi ce ne sono a bizzeffe e nessuno di essi supera di tanto il grado della mediocrità. Da Doom di Andrzej Bartkowiak ad Alone in the Dark di Uwe Boll, per poi finire dalla padella alla brace con la serie di Resident Evil e con il più vecchiotto e disastroso Street Fighter.
    Silent Hill poteva essere per le sue dinamiche, per la sua atmosfera e per i bellissimi personaggi che il videogioco sempre ci ha regalato, una luce nell'oscurità. Lo è a metà, è una luce molto fioca, le sensazioni che si provano giocando questo titolo su console ci sono in parte mostrate su pellicola. Il personaggio di Rose e quello di Christabella sono al di sopra della media, purtroppo gli altri non raggiungono gli stessi livelli, la nebbia che circonda la ''collina silente'' crea quel mix di insicurezza e di timore di ciò che potrebbe nascondersi dietro l'angolo. Un plauso particolare va al sonoro, ma non poteva essere altrimenti visto che le musiche sono state composte dal genio di Akira Yamaoka, compositore delle musiche del gioco.
    In sintesi, un prodotto che poteva fare la differenza, e forse la fa, rispetto al resto della produzione di tal genere, ma in maniera troppo stentata.


    3. Final Fantasy

    Trama: Il film non ripercorre la storia della saga o di un preciso capitolo di FF, ma narra della scienzata Aki Ross e del suo ''maestro'' Dr. Sid che sono alla ricerca della chiave per la salvezza del mondo. Infatti la Terra, nell'anno 2065, è sottomessa ai Phantoms, creature in grado di prosciugare l'anima degli esseri umani. I due protagonisti trovano la soluzione nel riunire degli ''spiriti'' che, appunto, una volta riuniti, dovrebbero creare un sistema di difesa efficace contro la razza aliena. Tutto si complicherà nel momento in cui anche Aki verrà ''contagiata'' da un Phantom.

    Critica: Il film è interamente girato in computer grafica e sebbene la critica sia specializzata sia del pubblico non sia stata sempre benevola nei riguardi di questa opera, non c'è dubbio che Hironobu Sakaguchi sia riuscito a inventare un nuovo modo di vedere il cinema. Si ha l'impressione di vivere in una realtà virtuale senza che noi possiamo però interagire (chissà, forse un giorno potremo) ma grazie alla quale possiamo ammirare il lavoro splendido fatto sul lato artistico (i fondali sono disegnati a mano) e anche sul piano tecnico. I personaggi non hanno nulla da invidiare a quelli in carne ed ossa e poco importa che la trama non sia inerente alla trama vera e propria o che non sia tra le migliori mai viste in una produzione cinematografica. Final Fantasy: the Spirits Within è una miscellanea di arte figurativa, videogioco e un pizzico di cinema.


    4. Lara Croft - Tomb Raider

    Trama: L'avvenente archeologa Lara Croft è alla ricerca di un manufatto, creatosi dai resti di un meteorite, che permette di manipolare il tempo. La giovane vuole riportare in vita uo padre ma dovrà vedersela con una setta, gli Illuminati, che vogliono dominare il mondo, capeggiati dal losco Manfred Powell.

    Critica: Non è una pietra miliare, trama striminzita e dialoghi non ispirati in primis, ma dalla tormenta di tie-in sbuca fuori questo film di Simon West e ne esce un pò malconcio ma vivo. Il tutto si gioca sulla bella protagonista, una Angelina Jolie assolutamente apprezzabile e in sintonia con le caratteristiche dell'eroina dei videogames. Una buona dose di azione anche se a volte rallentata da scelte registiche alquanto opinabili e un numero di effetti speciali notevole per un film discreto che ha sicuramente meno cose da mostrare rispetto alla protagonista.


    5. DOA - Dead or Alive

    Trama: Sedici combattenti, ognuno esperto di una tecnica di combattimento differente, vengono contattati e portati su un'isola segreta per partecipare al DOA, un torneo di arti marziali. Tra questi ci sono delle avvenenti ma letali ragazze, la principessa Kasumi, che partecipa al torneo per scoprire che fine abbia fatto il fratello Hayate, partecipante di un precedente DOA e poi sparito, la wrestler Tina decisa a dimostrare che il wrestling è una vera tecnica di combattimento e Christie, una ladra che ha appena compiuto un furto in una banca di Hong Kong. L'organizzatore del torneo, Donovan, è in realtà un losco figuro che usa l'evento per poter attuare il suo piano, costruire un'arma umana. Il combattente più forte dell'universo.

    Critica: Paragonare un film di tal genere a prodotti come Street Fighter - Sfida Finale di Steven E. de Souza e al live action di Mortal Kombat girato da Paul W. S. Anderson è d'obbligo. Parliamo di film che non rendono onore ai videogiochi da cui sono tratti, che forse hanno puntato più sul nome altisonante che sulle qualità del cast o sulla possibilità, attraverso regia e sceneggiature almeno decenti, di sfornare titoli non solo per i fans sfegatati di queste serie di videogiochi. Ma DOA - Dead or Alive, rispetto agli altri due, è una spanna sopra grazie ad una regia (Corey Yuen, regista di The Transporter) più attenta ai particolari e a combattimenti, che poi sono il fulcro di questi prodotti, più appaganti sul piano visivo. Ciò è aiutato anche dalle avvenenti attrici che dimostrano di non avere solo doti fisiche. Il film rimane comunque un'opera dedicata agli appassionati.



    FLOP 5


    1. Street Fighter - Sfida finale

    Trama: Mr. Bison ha preso il controllo di Shandaloo, un paese asiatico utile alla finzione scenica, e minaccia di sterminare una sessantina di caschi blu se non verranno accolte le sue richieste. Per impedire che il cattivone di turno la faccia franca si impegneranno in un turbinìo di combattimenti corpo a corpo e acrobazie i famosi pg del picchiaduro 2D tanto amato dalle masse, Guile, Chun Li e Ryu.

    Critica: I film con protagonista Jean Claude Van Damme non saranno delle perle ma è molto meglio vedersi uno di essi che affrontare la visione di questo film diretto da Steven De Souza. Un classico dei videogames è stato letteralmente sputtanato, anche i film con Stevan Seagal forse regalano qualcosa in più. Forse il regista pensava che sarebbe bastato inserire Guile, Mr. Bison, Ryu e far fare alle loro controparti reali le arti marziali mettendoci qua e là delle battute da film di serie Z per ottenere un successo. Si sbagliava.

    continua

  5. #5
    Senior Member L'avatar di michele longobardi
    Data Registrazione
    Mon Jul 2006
    Località
    Castellammare Di Stabia
    Messaggi
    4,909

    Predefinito

    2. Mortal Kombat - Distruzione totale

    Commento unico: La lotta tra bene e male simboleggiati da una parte dai combattenti dell'Ordine della Luce e dall'altra dai guerrieri dell'Outworld. Il film, di John Leonetti, riprende da dove finì il primo MK, diretto da Anderson, ma riesce a rendere ridicolo ciò che già non era entusiasmante. Tutto è fuori luogo, combattimenti che non rendono onore alla saga videoludica, ripetitivi, noiosi e ''abbelliti'', questo era l'intento del regista, con effetti grossolani. La trama presenta molti buchi e gli interpreti non spiccano. Mentre nel primo qualcosa poteva essere salvato (la presenza di Christopher Lambert nei panni di Raiden era già qualcosa) qui davvero c'è poco da salvare.



    3. Max Payne

    Trama: Il detective del NYPD, Max Payne, rientrando a casa, trova sua moglie e sua figlia assassinate in maniera brutale. Per il suo stato di depressione, viene sollevato dagli incarichi operativi e messo dietro una scrivania a raccogliere fascicoli. Ma una sera fa l'incontro della bella Natasha Sax che l'indomani viene ritrovata morta. Stessa sorte capita ad Alex Balder, collega di Max, che gli chiede di incontrarlo a casa sua. Giunto lì, Max trova l'uomo morto. Gli affari interni sospettano del detective e così a Max non resta che indagare da solo su questi eventi misteriosi. Grazie all'aiuto della sorella di Natasha, scoprirà intrighi legati ad una droga denominata Valkyria, prodotta da una farmacia militare in cui lavorava anche sua moglie.

    Critica: Il film in questione propone su schermo le avventure del poliziotto Max Payne protagonista dell'omonimo videogioco sviluppato dalla famosa Rockstar North. Il gioco ci dava la possibilità di attraversare luoghi chiusi o aperti tendenzialmente cupi e bui in cui sforacchiare i nemici tra salti e un largo uso del bullet-time (la possibilità di rallentare il tempo per rendere la scena più spettacolare). Offriva anche una trama all'altezza che viene ripresa a pieno nel film e che si mostra nella sua malinconica crudezza. Ma il gioco è comunque un tipico action 3D e questa azione nel film proprio non c'è. Il poliziesco noir di John Moore non ha tutte le carte in regola per coinvolgere lo spettatore. Certo, ottimi giochi di luce, una regia alquanto precisa, un'interpretazione degli attori notevole, ma se si va a vedere un film d'azione, ci sarà un motivo e soprattutto ci saranno delle aspettative. Queste aspettative non sono ricompensate. Molti dialoghi, qualche colpo di scena raccontato però in maniera anonima e una monotonia latente che cattura lo spettatore quando meno se l'aspetta. Si poteva fare meglio e si doveva visto che fino ad oggi le trasposizioni dai videogiochi non hanno ancora regalato grandi soddisfazioni.


    4. Resident Evil (saga)

    Commento unico: Resident Evil è una delle saghe videoludiche più longeve e amate della storia. Il primo survival horror (per altri è Alone in the Dark) ha però avuto alti e bassi, soprattutto negli ultimi episodi dove la componente horror è stata sostituita da una più action. Perchè questa premessa? Il perchè è semplice, un film che vuole portare sul grande schermo una saga così peculiare non deve fermarsi alla trama, ai personaggi ma deve catturare quella che è l'essenza dell'opera da cui prende spunto. Un vero appassionato di RE vuole scene tinte di horror, con zombi (se non proprio alla stregua di quelli creati da George Romero) ma che almeno non siano lì solo per mostrare le qualità atletiche e con armi alla mano dei protagonisti. Sembra quasi che Anderson (il regista del primo Mortal Kombat, già proprio lui) abbia captato solo l'essenza action dotata da Capcom alla serie negli ultimi episodi e che si sia perso quella più importante, quella vera, fatta di atmosfere più uniche che rare. Quindi abbiamo sì, l'Umbrella Co. che con il suo T-virus infetta l'intera città di Raccoon City, abbiamo una Milla Jovovich che se la cava nei panni di Alice, capo sicurezza dell'Alveare, Jill Valentine (RE: Apocalypse) più sexy che in gamba in questa pellicola, il gigantesco e terrificante Nemesis e Claire Redfield (Extraction), ma paradossalmente non abbiamo Resident Evil. Regia, sceneggiatura, sonoro non sono male ma se il contesto non gira...

    5. Super Mario Bros.

    Commento unico: Il peggior tie-in in ambito videludico potrebbe bastare per indentificare il pattume che ci si ritroverebbe davanti in caso della visioe di questo film. Talmente squallido che anche i registi (sono più di uno, pazzesco) non sono bemn identificati, Rocky Morton, Annabel Jankel (la filmografia di costoro rimane un vaso di Pandora), l'unico più accreditato, Roland Joffè (La lettera scarlatta, Captivity, Vatel) per uno scherzo della sorte o di non si sa chi, non è accreditato. La trama è un'accozzaglia di eventi che non si capisce come possano riportare alla figura dell'idraulico italiano baffuto della Nintendo. Non sarà semplice fare un film su un personaggio che va in giro a rompere muretti col pugno e schiacciare tartarughe ma proprio per questo si conta sulla fantasia del regista. Speranza vana. Il meteorite che avrebbe in teoria fatto estinguere i dinosauri, in realtà ha diviso il mondo in due universi paralleli, quello che conosciamo e quello abitato da... beh... homini dinosauri, capeggiati da Koopa, che sorpresa. Una pietra è l'oggetto della contesa tra Koopa e i due fratelli Mario Mario e Luigi Mario che in ambientazioni non proprio coloratissime si muoveranno insieme a due donzelle, Daniela e Daisy, per impedire i piani dell'uomo dinosauro. Si è capito poco o niente, vero? Non preoccupatevi, il problema non è vostro, ma di chi ha fatto il film.

  6. #6
    Senior Member L'avatar di selva_oscura
    Data Registrazione
    Fri Oct 2010
    Messaggi
    107

    Predefinito

    Salve a tutti, redigo qui di seguito la mia personale classifica.


    TOP 5


    1. ASSASSIN'S CREED LINEAGE
      Probabilmente la migliore rivisitazione ludica in campo cinematografico. Anche se non è uscito nelle sale cinematografiche, non si può dire che non si tratti di un film. Trama interpolata con prequel e sequel, scenari, vestizione e somiglianza con i protagonisti del game rasenti dalla perfezione. Molte scene realizzate in computer grafica rendono ancor di più il mix fra ludico e realtà e la scelta connotativa di attori europei spinge una marcia in più alla pellicola. Grazie ad una breve introduzione il cortometraggio rimane comprensibile anche ad alcuni "non giocatori" rientrando così anche nella categoria Film indipendenti. Rivisitazione completa dunque di effetti connotativi di alcuni personaggi e brevi contentini su eventi contenuti nel sequel del gioco, fanno del titolo in questione, non solo un cortometraggio da vedere a fini ludici, ma anche un film seppur breve per i non appassionati.

    2. SILENT HILL
      Secondo ad AC2 solo per alcuni punti di vista, che hanno lievemente inabissato il titolo. Fedele in ogni fotogramma, Silent hill ci appare nella sua naturalezza come non mai, assomigliando ad un mare calmo e piano, ma reso torbido e minaccioso dal suono di una sirena. L'atmosfera palpante di tensione è percepibile fin dall'inizio, mantenendo per tutta la durata un alto livello thrilleriano. L'alternarsi di continui tagli d'emozioni, suscita repentinamente nello spettatore, una calma apparente, rotta da momenti adrenalinici da cardiopalma. Come punti di demerito figurano una trama un po' pesante durante lo stacco finale, ed una mancanza di avversari degna di nota. Alcuni di essi verranno riprodotti fedelmente come le infermiere o l'indimenticabile antagonista con la testa a piramide ma altri non verranno citati. Il film è in perfetta assonanza con il titolo ludico, trasmettendo agli spettatori il significato d'essere cittadino di Silent Hill.

    3. HITMAN - L'ASSASSINO
      Ottime le musiche rievocate come l'Ave Maria indimenticabile di Schubert, moderata ma profonda e l'inserimento di tratti caratteristici del nostro Agente 47. Mancanza però di cenni aggiuntivi sul passato del protagonista, elemento trainante la storia nei game ed una trama leggermente arzigogolata. Punto cruciale di fondamentale importanza invece, risulta l'attore : ringiovanito di più di 15 anni, si scosta fin troppo dal modello originale, sia per tratti somatici, che per costituzione e altezza, dando l'impressione in un primo momento che si narri le vicende del personaggio in età puberale. Ciò nonostante risulta essere un buon prodotto che se adeguato a dovere, garantirà un sequel cinematografico degno di nota.

    4. MORTAL KOMBAT
      Uno dei prodotti di punta in termini di trasposizione in pellicola. Ottime inquadrature, location in stile picchiaduro anche se a tratti un po' posticce ed azione senza tregua fanno di codesto un buon titolo da avere. Lo scontro tra Scorpion e Subzero nella foresta è solo una delle innumerevoli dimostrazioni del potere avente dai personaggi, i quali rendono una buona impersonificazione degli stessi. La trama segue il titolo e scorre fluida per l'intera durata garantendo un divertimento assicurato.

    5. TOMB RAIDER
      Ispirato al videogioco ed accomunato a Indiana Jones, vanta di una buona reattività del pubblico. L'eroina, interpretata in maniera egregia da Angelina Jolie prende un'anima e carattere, risultando per alcuni versi ben lontana dallo stereotipo atteso dai critici. Incantevole paesaggismo e ridondante interazione con esso, rendono la protagonista una bomba ad orologeria pronta a farsi strada per le peripezie del tragitto. Acconciatura in stile Lara, musiche un pò meno adatte ed una rosa di eventi mostranti sul grande schermo la vita di una ricercatrice, rendono i quasi 120min di film un turbinio di emozioni, correndo sul filo dell'azione e della scoperta allo stesso tempo.




    FLOP 5


    1. DOOM
      Nonostante sia stato riprodotto in maniera fedele per quanto concerne le location, armi ed antagonisti, il risultato finale è stato un vano tentativo emulativo del gioco. Tra i difetti peculiari di maggior rilievo, si possono riscontrare l'eccessiva staticità e tangibilità dei personaggi legati ad uno stereotipo oramai diffusosi dopo il primo Alien. Fin dall'inizio evolutivo della storia, lo spettatore avverte irrimediabilmente una sensazione di Déjà vu trovando conferma durante la proiezione, in numerosi cliché. Le ambientazioni eccessivamente buie accentuate da fredde tonalità della pellicola, fanno solo da contorno ad una realizzazione grafica mal riuscita dei vari nemici insieme ad una scenografia fin troppo minimale. Ovviamente, le sensazioni percettive ed emotive del film, risultano profondamente eterogenee rispetto a quelle del videogame, richiamato palesemente ed in maniera inopportuna negli ultimi istanti della pellicola con una breve sequenza in soggettiva.


    2. STREET FIGHTER
      Le promesse erano tante, ma solo alcune e poche di esse hanno potuto vedere la luce. Degna di nota la vestizione, fedele all'originale, anche se in netto contrasto con i personaggi ai quali appartiene. La mancanza di un rilevante carattere degli stessi e di dialoghi fittizi, sprofondano il potenziale della storia in un flop annunciato. Le aspettative di un titolo simile, evocavano un'idea aggressiva accompagnata da caratterizzati combattimenti e trama reggente; tutti caratteri mancanti nel prodotto finale. La maggior imputazione verso questo prodotto, è da attribuirsi a tre scelte di produzione errate. Prima fra tutte la scelta del protagonista, in questo caso Guile, deludendo qualsivoglia fan accostando personaggi come Ryu e Ken a ruoli secondari. In secondo luogo la svista forse davvero tale, di inserire Balrog tra i "buoni", discostandosi così dalla trama originale e per finire, una mancanza di carattere anche nei combattimenti, cadendo addirittura in un anacronistico ed inusuale richiamo a Godzilla, durante lo scontro fra Honda e Zangief con tanto di città in plastico riprodotta. Una realizzazione più fedele di tecniche combattive, trama non blanda ed accostamento al fumetto, avrebbero reso questa pellicola un film da vedere.

    3. MAX PAYNE
      Tratto dall'omonimo gioco, è risultato fin troppo permissivo su alcune scelte stilistiche e privo di senso di angoscia e inquietudine che accompagnavano il videogiocatore. Buona fedeltà di alcuni personaggi, abiti, location e neve annessa, ma scelta sbagliata dell'attore protagonista che a mio avviso sarebbe dovuta cadere su Thomas Jane, dando appunto l'idea di un duro uomo vissuto con famiglia. Come ogni remake da gioco, molte sono le imprecisioni, come il finale, alcuni personaggi e perfino il colore dell'oggetto cardine che muove entrambi, pellicola e game: la Valchiria. L'uso del bullet-time è sempre ben gradito ma non può essere usato da collante per scene migliorabili fisicamente ed una trama che troppo ha di lineare. Non risulta chiara quindi, la scelta del regista... che egli abbia voluto seguire il gioco? oppure scostarsi da esso per un film comunque diverso? Lieve aggiunta di stile noir alla Sin city e dialoghi più consolidati avrebbero fatto di esso un eccellente prodotto.

    4. RESIDENT EVIL
      Lontano dalla storia che caratterizzava il prodotto di casa Capcom, la pellicola appare come una reinterpretazione concettualmente diversa e leggermente fuori dagli schemi. Viene estremizzato il concetto d'azione e blasonato il pigmento di terrore ed inadeguatezza che trasmetteva la cara vecchia Racoon city. Appare come un classico film sugli zombie con sporadici riferimenti ad Umbrella Co. ma niente che possa essere veramente riconducibile alle emozioni suscitate dai primi due giochi della serie.

    5. FAR CRY
      Uno scempio simile non era stato di certo annunciato. Un film che di Far Cry porta solo il nome totalmente estraneizzato al gioco originale. Riferimenti ai soldati geneticamente modificati e paradossi frequenti rendono questo prodotto non degno di definirsi remake o sequel in chiave cinematografica, diventando un prodotto di massa e sconsigliato agli appassionati del genere ludico.



    PS. Ho incluso AC2 in quanto definito "film" da qualsiasi pubblicazione.
    ho cercato di essere quanto più impersonale possibile, spero che il mio corso di giornalismo sia servito a qualcosa

  7. #7
    Junior Member
    Data Registrazione
    Tue Dec 2008
    Messaggi
    336

    Predefinito

    Top 5 dei migliori film in ambito videoludico:

    1. Silent Hill : Anche se come film riprendeva scorci tra il primo ed il terzo capitolo della sega, le ambientazioni e le inquadrature di certe azioni riproponevano minuziosamente tutta le vera essenza di questo horror firmato Konami.
    2. Assassin Creed Lineage: Seppur breve come cortometraggio, Le origini di Ezio sono state ben dettagliate e caratterizzate, insomma una piccola perla!
    3. Mortal Kombat: la saga : Anche se MK distruzione totale avesse perso un pò del suo smalto rispetto al predecessore dove vedeva una splendida Talisa Soto nei panni di Kitana e Christopher Lambert nel monaco Raiden,l'idea è stata pur sempre accettabile.
    4. Final Fantasy Advent Children: C'è poco da spiegare su questo capolavoro digitale basato su una storia fantastica, effetti mozzafiato e musiche affascinanti
    5. Tomb Raider: la serie: Che dire? Angelina Jolie è stata ben azzeccata nell'interpretare il ruolo della sexy Lara Croft, azione al punto giusto.

    Top 5 dei film più flop della storia videoludica:

    1. Super Mario: Ma mi spiegate cosa centra una città futuristica? non ripropone niente lo stesso stile di una saga ormai immortale.
    2. Doom : The Rock è stato il peggior attore che abbia potuto interpretare un film simile che già a priori nella visione non avewva ne capo ne coda, per non parlare di un finale totalmente insensato.
    3. Alone in the dark: Beh Edward Carnby si rivolterebbe dalla tomba dopo un affronto simile
    4. Dragon Ball Evolution: Avrebbero fatto prima ad ingaggiare un cast tutto made in China che attori americani che non rientravano nella parte! totalmente orribile, senza senso.
    5. Prince of Persia: Il film si è basato principalmente su una "pompatura" di effetti speciali, ma la vera trama del principe era scialba.

  8. #8
    Voglio i versetti! L'avatar di John Fitzgerald Gianni
    Data Registrazione
    Thu Sep 2009
    Località
    River Euphrates
    Messaggi
    17,869

    Predefinito

    Top 5
    Premetto che è stato veramente difficile trovare questi benedetti top 5 in un mare di melma che sovrasta i film videoludici.
    Proviamoci però.


    5-Super Mario Bros.
    Lo vidi la prima volta da piccolo e mi piacque molto.
    Ora a posteriori mi rendo conto che con Mario e cricca ha poco a che fare però i dinosauri sono fighi ahahahah.
    Poi Bob Hoskins rulleggia sempre.
    Voto:6,5

    4-Dead or Alive.
    Tanto pelo per un film con poche pretese e pure divertente.
    Voto:7


    3-Prince of Persia.
    Un buon film ma anche in questo caso ci azzecca veramente poco col gioco.
    Sta di fatto che lo scopo del film (e dei film di Bruckheimercin generale) è di divertire senza troppo pretendere e, anche se non è minimamente al livello dei pirati di Depp, ci riesce pure bene.
    Sulla recitazione da sottolineare il sempre bravo Ben Kingsley, lo scarso (in questo film) e pacioccoso (nonostante la palestra) Gyllenhall e quella figona di Gemma Atterton.
    Voto:7

    2-Max Payne.
    Non ho ancora giocato il gioco però questo film è molto interessante.
    Niente di trascendentale ma un buon film d'azione.
    Però ci sono alcune scelte del regista che dire discutibile è dir poco come, ad esempio, far vedere sempre queste valchirie senza chiarire che si sta guardando "con gli occhi" del drogato di turno lasciando trasparire un piccolo "mavaffa" quando l'intreccio inizia a sciogliersi.
    Piccola nota per il protagonista.
    Il fu Marky Mark si dimostra ancora una volta un attore capace e chissene se non assomiglia al personaggio del gioco.
    Voto:7+



    1-Pokémon: La rivincita di uno.
    Non linciatemi
    Quindi io sono un fanboy sfegatato dei pokémon tant'è che ho tutti i titoli della serie principale a partire da Giallo e pure vari spin off (pinball, MD...) ma il cartone lo ho sempre mal sopportato anche da cucciolo.
    Eppure questo è un bel film.
    Non è Miyazaki, intendiamoci, ma è molto interessante come prodotto.
    La storia è leggermente più "adulta" (perdonate il termine) che quella della serie ed è ben congegnata.
    Oltretutto è pure abbastanza spettacolare e la perte finale dello scontro fra Lugia ed i tre uccelli leggendari è valsa il costo del biglietto di oramai dieci anni fa.
    Ho scelto questo rispetto al film su Mewtwo perché quello su Mewtwo non lo vedo da anni mentre questo lo ho visto anche un annetto fa.
    Voto:8

    Flop 5.
    Qui c'è il problema opposto: troppi titoli per soli 5 posti.

    5-Doom
    E io che credevo che the Rock aka Dwayne Johnson potesse essere un attore.
    Cioè ma io dico fra tutti i giochi con una bella trama che ci sono al mondo cosa mi venite a prendere?
    Un gioco della id.
    Questo è andarsela a cercare.
    Non credo ci sia di peggio...
    Voto:5



    4-Silent Hill
    Troppa confusione.
    Voto:4

    3-Tomb Raider.
    Che delusione.
    Lo vidi pieno d'entusiasmo ma dopo poco iniziai a provare un senso di disagio che mi ha fatto odiare questo film per aver trattato così male uno dei miti della mia infanzia.
    Non basta un bel corpo per fare un film.
    Voto:4

    2-Street Fighter
    Maronna che schifo!
    Una trama improbabilissima, e pure scontata, per una recitazione degna dei Bronzi di Riace.
    Cioè quello che mi provoca un fastidio assurdo è che, nonostante sia evidente che un film così non può reggersi in piedi, gli autori si ostinino a dargli un tono di serietà rendendolo ancor più ridicolo.
    Aridatece Seagal!
    Voto:3




    And the worst is....



    1-House of the Dead
    ...ah, si, c'è Uwe Boll.
    Questà calamità naturale ha deciso di prendere di mira i giochi accapparrandosi più licenze possibili per merdificarle.
    Tra le sue vittime illustri citiamo Alone in the Dark, Dungeon Siege e House of the Dead.
    Il titolo ad esempio che prendo è proprio quest'ultimo.
    E io che mi lamentavo di Doom...
    Dovete sapere che HotD è...
    Beh, House of the Dead è un gioco da cabinato!
    Cioè uno di quei giochi mordi e fuggi che butta giù una trama così giusto per fare un minimo da collante al gioco!
    Boll, ora dimmi che cavolo ti hanno fatto (rispettivamente) i giochi, il cinema e l'umanità per meritare questo.
    Poi il film oltre ad essere tutto slegato e senza senso è pure spiacevole da vedere perché quando si riesce ad accumulare un minimo di atmosfera lui che fa?
    Ti mette una schermata rossa o addirittura spezzoni del gioco!
    Spezzoni pixellosi di un gioco di quando andavo alle elementari!
    Voto:2
    Ultima modifica di El Fundo; 28-12-2010 alle 01:46 Motivo: edit errore di battitura
    Citazione Originariamente Scritto da GiovanniAuditore ironico Visualizza Messaggio
    la grafica è l'ultima cosa che guardo in un videogame, se ho un computer di ultimissima generazione è perché voglio giocare fluido a diablo1.
    Lastfm

  9. #9

    Predefinito

    Top 5

    5)Mortal kombat
    Buon prodotto ben realizzato, adrenalinico quanto basta e con i personaggi riproposti abbastanza fedelmente rispetto al gioco.

    4)Final Fantasy VII : Advent Children
    Buon film d’animazione girato interamente in grafica computerizzata ripropone abbastanza fedelmente le vicende della sua controparte video ludica.

    3)Resident evil: apocalypse
    Da considerarsi un successo all’interno della saga cinematografica di R.E. l’unico film che riesce a rispecchiare in modo decente i personaggi e le ambientazioni della serie originale.

    2)Hitman
    La somiglianza e il carisma di Timothy Olyphant con l’Agente 47 sono due punti forti del film, a questi si aggiungono una buona trama e tanta azione un mix di elementi che ai veri appassionati della saga originale non possono che far felici.

    1)Prince of Persia: Le sabbie del tempo
    Uno dei migliori film tratti da un videogioco per due semplici ragioni: gli attori assomigliano impressionalmente ai protagonisti del gioco, ed i produttori sono riusciti a ottenere le stesse ambientazioni ed il clima che si vive nel videogioco.

    Flop 5

    5)Wing commander - Attacco alla terra
    Film low budget con deludenti effetti speciali e fisica degli eventi a dir poco oscena, non è per niente un buon prodotto ma neanche il più brutto dei film.

    4)Street fighter – Sfida finale
    Trama ridicola, personaggi assurdi e ambientazioni oscene sono questi gli elementi principali che caratterizzano questa cosa che qualcuno osa chiamare “film”.

    3)House of the dead
    Mostruosità create dalla mente di quel genio del (nostro) male che si fa chiamare Uwe Boll. Questo film è talmente inguardabile che solo per questo rientrerebbe nella categoria horror! Uno dei primi flop di U.B. e purtroppo per noi non è neanche l’ultimo……

    2)Alone in the dark
    …..infatti dopo 2 anni dal clamoroso insuccesso di House of the dead, Uwe Boll ci ripropone un film tratto da un altro grande successo: Alone in the dark, ma l’incapacità di Boll di riproporre giochi sottoforma di film crea un prodotto che è ormai conosciuto da tutti come uno dei peggiori film della storia, bel colpo Uwe!!!

    1)Super Mario Bros.
    Primo film tratto da un videogioco e primo grande flop del genere! Con Super Mario non centra proprio niente infatti di simile ha solamente il nome.

  10. #10
    Junior Member L'avatar di littlexaus
    Data Registrazione
    Wed Mar 2010
    Messaggi
    561

    Predefinito

    Eccomi. Faccio due premesse brevi brevi cioè 1) la mia chart sarà incentrata solo su quello che ho visto e non su quei film che non ho visto (per esempio, TUTTI quelli del mitico Uwe Boll) e 2) trovare 5 virtuosi è stata una fatica incredibile, mentre viceversa sui peggiori non basterebbe un trattato che tende a infinito, altro che flop 5! ecco le mie chartzz:

    FLOP 5:

    5: Prince of Persia: Le sabbie del tempo. Un carrozzone di effetti speciali mal riuscito. Consigliato solo alle fan di Jake Gyllenhaal.

    4: Tomb Raider: La culla della vita. Ok. Sarà anche uno dei film "videoludici" che ha incassato di più al botteghino ed Angelina è ormai l'unica attrice di hollywood che fa film action di un certo tipo, ma questo film non starebbe in piedi neanche con il super-attack.

    3: Final Fantasy: The Spirits Within. Ricordo di esserlo andato a vedere al cinema in una torrida serata estiva e di esserne rimasto veramente deluso. Bello da vedere ma ben poco altro. Non a caso questo film mandò in crisi e determinò il “fallimento” della neonata sezione “Picture” di Squaresoft.

    2: Street Fighter (1994). Come rovinare un videogioco, c'è da dire altro? Ho ancora i brividi a ripensarci! Ogni volta che lo ripassano in tv cerco di evitarlo sistematicamente!

    1: sarà banale, ma SUPER MARIO BROS.. Mario Cyberpunk? Ma che senso ha un film del genere? Me lo chiedo ancora ora, non sono ancora riuscito ad avvicinarmi a cosa sia potuto passare per la testa ai produttori di quel film, ricordo solo che da piccolo lo vidi e mi fece una paura incredibile, oltre farmi schifo pure anche quando ero ben disilluso e molto sognatore!

    Passiamo ora ai TOP 5:

    5: Hitman. Un film che riesce, più o meno decentemente, a riportare le storie dell'agente 47 sul grande schermo. Senza infamia e senza lode.

    4: Bright Falls: questa serie, che serve da teaser per Alan Wake, di 6 brevi episodi rilasciata su Xbox Live e su internet riesce ad anticipare molto bene le atmosfere che saranno poi del gioco.

    3: Resident Evil (2002) + Resident Evil: Apocalypse. Non volevo sprecare vari posti della top, ma si, non centrano quasi nulla con il videogioco, però credo rimangano dei buoni film “horror” fantascientifici.

    2: Resident Evil: Degeneration. Questo film in computer grafica passato abbastanza sotto traccia credo sia una delle migliori rappresentazioni cinematografiche con ispirazione videoludica sulla piazza. Fa da intermezzo tra Re4 e il 5 capitolo, con molte chicche per gli appassionati, soprattutto con una storia interessante e molta attinenza al videogioco.

    1: Silent Hill. Christophe Gans mi fa venire i brividi solo a nominarlo, però c'è da dire che con questa licenza è riuscito a replicamente l'ambiente inquietante ed angosciante del videogioco. Convincente. (Ah, paura, molta paura per il sequel 3D)

    ecco fatto. Concludo con una mia teoria a riguardo del poco successo di questi film. Il problema della qualità media scarsissima è dovuto al fatto che sono quasi tutti "americanate". Vorrei avere la possiblità in futuro di vedere un Resident Evil o un Silent Hill, per dirne due a caso, nelle mani di un regista giapponese, anche scelto a caso, e sarei sicuro che il risultato sarebbe migliore.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •