Gamesurf

F1 Manager: nei panni di un novello Mattia Binotto

Le strategie del muretto, la gestione dei piloti, gli imprevisti in pista. Ora passa tutto nelle tue mani: saprai reggere alla pressione? Preparatevi per F1 Manager, dal 25 Agosto

di Andrea Casetti

La stagione 2022 di Formula 1 verrà ricordata per il cambio di regolamento che introduce le vetture ad effetto suolo, con una rivoluzione aerodinamica che in molti casi ha portato a riprogettare altre parti (componenti della Power Unit, sospensioni…) per fare spazio ai fondamentali quanto voluminosi flussi d'aria che passando sotto la scocca realizzano la deportanza.

La conseguenza diretta si è evidenziata in un certo rimescolamento dei valori espressi, a testimonianza dell'efficienza e della genialità con cui sono stati spesi i limitati budget sulle modifiche per adattarsi al nuovo regolamento. In estrema sintesi sono cambiati i valori in pista, con un rimescolamento delle carte che hanno portato ad esempio la nostra Ferrari ad essere finalmente di nuovo competitiva, mentre la Mercedes sta subendo più del previsto.

In questo contesto si pone l'ultima fatica di Frontiers Developments, F1 Manager 2022, in uscita il prossimo 25 agosto, in cui a differenza del titolo Codemasters vi viene tolto dalle mani il volante per affidarvi il ruolo di team principal.

Simulatore di muretto

Se vi state chiedendo come si può trasformare il ruolo di team principal in un videogioco è presto detto: dovrete sostanzialmente definire gli obiettivi del team anche sulla base degli sponsor con cui avrete siglato i contratti, i quali vi elargiranno soldi con cui definerete il budget da investire nello sviluppo della macchina, negli stipendi e in tutte le infrastrutture che orbitano attorno alle gare.

Oltre a tutto ciò dovrete anche definire la strategia per la gara, ma anche assistere alla sua evoluzione giro per giro (a velocità naturale oppure accelerata a vostro piacimento, fino a un 16x) e cambiare eventualmente pianificazione dei pit stop e gestire l'approccio dei singoli piloti (richiedendo maggiore aggressività piuttosto che il risparmio delle gomme) in base all'evoluzione della situazione in pista.

Un ulteriore incarico sarà quello di monitorare le prestazioni dei due piloti ed eventualmente decidere se assoldare un altro pilota, magari andando a pescare dalle categorie minori.

Anteprima in streaming

Lo scorso 20 luglio abbiamo avuto l'opportunità di assistere a una live stream in cui gli sviluppatori hanno sostanzialmente trasmesso una intervista dove Chris Grooves, Carlos Lopez e Steve James ci hanno mostrato alcuni dettagli della loro ultima fatica, impersonando uno dei dieci team ufficiali facenti parte del campionato in corso, in quanto ovviamente il titolo gode dei privilegi derivanti dalla licenza ufficiale per la stagione 2022. Scegliendo la Ferrari abbiamo potuto constatare come il punteggio complessivo derivi da più gruppi di caratteristiche: Pace, Consistency e Racecraft, che a loro volta possono essere spacchettati rispettivamente in cornering, reactions e breaking, accuracy, control e smoothness, adaptability, overtakngz e defending. Ciascun parametro potrà essere sviluppato a mezzo dei classici Developments Points.

Ma non solo i piloti potranno essere oggetto dei vostri sviluppi: anche i vari Race Engineer, l'Head of Aerodinamica e il Technical Chief potrepanno essere upgradati, aiutandoli quindi a fornire prestazioni superiori gara dopo gara.

Di particolare importanza risulta essere ovviamente l'affinità tra il pilota e il Race Engineer, così come il feedback da parte dei piloti che indica l'efficacia con la quale vengono affrontate le sessioni di pratica.

I presupposti per un buon titolo ci sono tutti

Quanto visto risulta essere estremamente interessante, a convincere è soprattutto la profondità con cui viene ricostruita la realtà delle gare di Formula 1 includendo anche il classico "dietro le quinte", il coinvolgimento derivante dalla licenza ufficiale e la riproduzione degli effettivi valori in campo (che evolveranno man mano, di pari passo alla stagione in corso), e senza dimenticare un comparto tecnico che a un primo impatto visivo è capace davvero di convincere.

Vedremo se gli sviluppatori britannici saranno davvero capaci di confermare le buone sensazioni proposte fin qui. Restate sintonizzati, accenderemo le nostre Power Unità il 25 agosto.