Gamesurf

Ghostwire Tokyo, l’anteprima: affronta l’ignoto nel nuovo videogioco Tango Gameworks

Ghostwire: Tokyo è la nuova avventura dinamica targata Tango Gameworks: scopriamo subito la trama, la data d’uscita, l’ambientazione e la meccanica di gioco.

Tiscali GameSurf

Ghostwire: Tokyo - tra elementi tipici della cultura nipponica e avvenimenti soprannaturali - è il nuovo videogioco sviluppato da Tango Gameworks e pubblicato da Bethesda Softworks. Questo attesissimo titolo uscirà il 25 marzo 2022 su PS5 e PC. Siete curiosi di scoprire i dettagli di questo gioco d’azione? Nella nostra anteprima analizzeremo tutte le caratteristiche principali.

La trama di Ghostwire: Tokyo, le malvagie forze soprannaturali invadono la città

Iniziamo questa nostra anteprima con la trama del videogioco. Ghostwire: Tokyo è ambientato nella capitale giapponese. Quasi tutti i cittadini sono misteriosamente scomparsi e alcuni spiriti ultraterreni (i “Visitor”) hanno invaso Tokyo. Il protagonista, ovvero Akito, stringe un’alleanza con lo spirito di un detective.

L’eroe di questa storia possiede alcuni poteri soprannaturali che utilizza per sconfiggere le spaventose entità che infestano Tokyo. Akito può utilizzare un potente arsenale di abilità elementali per svelare la verità. Il villain del videogame è un uomo - Hannya - con il volto coperto da una maschera.

Per il momento conosciamo solo la premessa narrativa: comprensibilmente, gli sviluppatori hanno evitato di diffondere troppi dettagli che avrebbero altrimenti potuto smorzare l’attesa.

L’ambientazione e il genere

Ghostwire: Tokyo è ambientato in una città stravolta dalla catastrofe spettrale: gli spiriti senza volto sono ovunque. Una spettacolare rivisitazione della straordinaria città che incuriosisce gli appassionati. Un climax decrescente - beh, sì “decrescente” perché i videogiocatori tendono ad ambientarsi - scandito da pericolosi spettri che hanno invaso una città rimasta sospesa nel tempo.

Mettendo un attimo da parte la componente sovrannaturale, il videogame consente di esplorare i luoghi più caratteristici di Tokyo - tra cui l'incrocio di Shibuya e la Tokyo Tower - ricostruiti nei minimi dettagli. Questi ambienti sono chiaramente visibili nel video gameplay diffuso dagli sviluppatori. Non sappiamo se realmente tutte le località siano così dettagliate, ma le prime immagini sembrerebbero confermare questa teoria.

Sarebbe in effetti interessante poter esplorare la megalopoli orientale - con la sua eccentricità e immersa nella cultura nipponica - attraverso un moderno videogioco. Per scoprire se il team di Tango Gameworks sia riuscito a replicare digitalmente l’intera città di Tokyo sarà necessario attendere il lancio del titolo. Nonostante non sia un open world, i videogiocatori sono costantemente incentivati a esplorare i grandi ambienti e l’intreccio di stradine.

Tango Gameworks ha dichiarato che Ghostwire: Tokyo è un gioco d’azione in “stile sandbox”. Questo videogioco potrebbe quindi consentire agli utenti di utilizzare diversi approcci, esplorare liberamente i livelli e modificare determinati elementi.

Le meccaniche di gioco: il karate incontra la magia

Ghostwire: Tokyo è un videogioco d’azione e avventura in prima persona. Il protagonista può utilizzare delle abilità psichiche e paranormali per sconfiggere gli spettri che infestano Tokyo. I proiettili energetici sono sprigionati direttamente dalle mani: le dita assumono delle posizioni ispirate al Kuji-kiri. Si tratta di una sequenza di particolari mudra che - in alcune discipline e religioni orientali - hanno dei significati esoterici. Il controller DualSense della PS5 - e il feedback aptico, che simula la sensazione dell'ambiente circostante - rende l’esperienza ancora più coinvolgente. I videogiocatori potranno sentire l’energia accumularsi.

L’obiettivo principale è indebolire i nemici con questi proiettili energetici, rivelando il loro “cuore corrotto”. Per distruggere gli spettri sarà necessario strappare questa oscura sfera. Durante l’avventura sono numerose le tipologie di Visitor. I nemici possiedono delle caratteristiche diverse: alcuni cercano di avvicinare il personaggio; altri sono in grado di colpire da una determinata distanza.

I videogiocatori possono scegliere approcci diversi. Nel primo video gameplay scopriamo che il protagonista ottiene un arco che consente di colpire i nemici senza farsi individuare (approccio stealth). Affrontando i Visitor più agguerriti sarà possibile scoprire il moderno sistema di combattimento frenetico e stimolante.

Quando esce Ghostwire: Tokyo?

La data di uscita di Ghostwire: Tokyo è fissata per il 25 marzo 2022. Il nuovo videogioco arriverà inizialmente su PlayStation 5 e PC. Dopo circa un anno (quindi presumibilmente nel 2023), il titolo dovrebbe approdare anche su Xbox Series S|X.

Gli sviluppatori

Il produttore esecutivo di questo videogame è Shinji Mikami, un autore conosciuto per aver creato Resident Evil e aver contribuito ad alcuni franchise Capcom. Mikami - il papà del survival horror moderno - è il regista anche di The Evil Within e The Evil Within 2.

Ghostwire: Tokyo (pubblicato da Bethesda Softworks) è il nuovo progetto sviluppato da Tango Gameworks (società giapponese fondata da Shinji Mikami nel 2010). L’azienda è conosciuta anche per i seguenti videogiochi:

  • The Evil Within: un survival horror uscito nel 2014. Un detective indaga su una forza oscura che ha contaminato inizialmente un ospedale psichiatrico e successivamente l’intera città.
  • The Evil Within 2: uscito nel 2017. Tre anni dopo gli eventi del Beacon Mental Hospital, Sebastian Castellanos ha lasciato il Dipartimento di Polizia di Krimson per scoprire la verità sulla misteriosa organizzazione Mobius.

Ghostwire Tokyo: Preludio, la visual novel gratuita

In attesa di poter finalmente iniziare questa avventura, Bethesda e Tango Gameworks hanno pubblicato una visual novel gratuita - sviluppata da un team completamente diverso - che funge da prologo. Ghostwire Tokyo: Prelude - The Corrupted Casefile (disponibile su PS4, PS5 e, dall’8 marzo 2022, su PC) segue le gesta di KK, un detective intenzionato a indagare su alcune misteriose sparizioni.