Preview Victory Boxing Contender

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (10 Novembre 2001)
I giochi di boxe arcade, diciamoci la verità, sono mediamente assai più divertenti di quelli pseudo-simulativi. Forse perché tipicamente infarciti di personaggi dai nomi e dalle fattezze improbabili, hanno sempre avuto un discreto fascino sul popolo videoludico, soprattutto per il divertimento che sovente sanno regalare nelle partite in doppio. La Victor Interactive Software prova a sferrare il colpo decisivo alla concorrenza con questo Victory Boxing Contender. C'è ancora spazio e, soprattutto, ancora tempo per un gioco di questo tipo sull'ormai pensionanda PSone?

NON FA MALE, NON FA MALE!
VBC si presenta al giocatore nel modo più classico: potrete scegliere tra la modalità Main Event e quella Exibithion. Nel primo caso si tratta di scegliere uno dei pugili a disposizione per tentare la scalata al titolo e, una volta ottenuta la vittoria, sbloccare così altri pugili. La modalità esibizione vi permette invece di scegliere, oltre al vostro pugile, anche quello avversario. Utile per far pratica (e magari trovare i punti deboli degli altri boxeur), nonché per sfidare un amico. Naturalmente ogni pugile è dotato di certe caratteristiche: Forza, Potenza, Stamina e Velocità. I "contenders" sono abbastanza variegati: come sempre, si va da quello velocissimo ma poco potente, all'armadio a quattro ante che fa malissimo ma che è lentissimo, passando per quello che ha tutte le caratteristiche nella media
Victory Boxing Contender - Immagine 1
Ecco la visuale in prima persona. Quei moncherini sono proprio i nostri
ROCKY JOE
Chiaramente il fulcro del gioco è rappresentato dalla modalità Main Event. Una volta scelto il pugile che più vi aggrada, avrete a disposizione sostanzialmente due opzioni: iniziare la scalata al titolo oppure allenarvi col vostro trainer. Purtroppo le opzioni per il training sono davvero ridotte all'osso. In pratica si imparano nuove combo e nuovi colpi speciali e ci si può impratichire con le tecniche di base (ovvero come portare i colpi e parare/schivare quelli avversari). Tra l'altro, siccome le combo e le super mosse nuove vengono insegnate una alla volta e a distanza di qualche combattimento l'una dall'altra, dopo il primo training non vi resta che mettervi alla prova. Si parte dal quindicesimo posto in classifica, con l'obiettivo di arrivare ad essere i numeri uno, affrontando avversari in ordine crescente di bravura (quindi dal più brocco al campione in carica)
0 commenti