Tiscali

Preview Top spin

Simone BianchiniDi Simone Bianchini (3 settembre 2004)
Per tutti gli amanti del tennis videoludico all'ennesima potenza Project and Magic inaugura la propria produzione su home computer con l'attesissima conversione di uno dei best-seller per X-BOX della passata stagione, il pluripremiato Top Spin. Nato per rimpinguare le casse della software house francese, placare la sete di tennis simulato che da anni piaga l'utenza votata all'uso di home computer ed esaltare le già spiccate, eufemisticamente parlando, attitudini alla spettacolarizzazione joypad mediata del titolo sportivo targato Atari (contemporaneamente), Top Spin approda finalmente nei tray dei nostri goffissimi case illuminati al neon con l'obiettivo dichiarato di far parlare di se. PAM prende l'utenza per la gola e gli regala uno spettacolo audiovisivo francamente senza precedenti (o quasi) nell'ambito dei titoli sportivi. E' stato così ai tempi della release xboxiana, figuriamoci ora che il motore del gioco, opportunamente riveduto e corretto, può trovare terreno fertile nelle potenzialità delle schede grafiche di ultima generazione e compiere un ulteriore passo i avanti verso la TV a pagamento. Mancano solo Clerici e Tommasi insomma, ma speriamo in una futura patch che sopperisca alla lacuna. Top Spin, benchè denoti qualche calo del frame rate, specie se testato su macchine meno performanti (ma teniamo tutti quanti in considerazione il fatto che quanto visionato dal team di Gamesurf non è altro che una beta) è in grado di raggiungere, su sistemi high-end, livelli di bellezza inusitati.
Top spin - Immagine 1
Top spin - Immagine 2
Top spin - Immagine 3
Le arene poligonali, che sovente paiono esercizi di architettura sperimentale, mostrano un dettaglio sbalorditivo e fanno da cornice a scambi degni del penultimo Roland Garros fra giocatori modellati magistralmente, in tutto e per tutto simili alle controparti reali come mai prima d'ora. L'alopecia di “Pistol” Pete Sampras, la mascella californiana di Jean Michelle Gambill e le conturbanti fattezze di Annina Kournikova difficilmente passeranno inosservate all'appassionato di tennis che non farà molta fatica a riconoscere i propri beniamini. Il numero di poligoni gestiti dall'engine messo insieme dalla softco francese è davvero ragguardevole e permette al titolo di sfoggiare un'enorme quantità di particolari esaltati dalla pulizia delle texture e dalla generale nitidezza di tutto quanto viene portato a video. L'uso massiccio di Anti Aliasing quindi, cesella il tutto. Cosi' si avranno primi piani al limite del fotorealismo, muscolature scolpite o rotondità suadenti, attrezzature ultra-dettagliate che non sfigurerebbero nel catalogo di qualche multinazionale, pubblico e arbitri interamente poligonali (chi più chi meno), superfici dei campi soggette e degradamento, palline, frigoriferi e raccattapalle disseminati sull'area di gioco, persone e talvolta qualche grattacielo attorno al perimetro.

Capitolo a parte va doverosamente riservato al discorso animazioni che probabilmente contribuiscono a delineare un nuovo standard per quanto concerne le simulazioni tennistiche. I giocatori sono in grado di passare da una posizione d'attesa a quella che precede il colpo, impattare la pallina e riportarsi in stand by senza spezzettare in alcun modo il movimento e, soprattutto, adeguandosi in maniera splendida a qualunque altezza della pallina, che verrà colpita in maniera leggermente differenziata anche a seconda della posizione del corpo al momento dell'esecuzione del colpo dando luogo a molteplici sfumature di una stessa animazione.
L'eleganza con cui i tennisti si scambiano manate che viaggiano a centinaia di chilometri orari, giusto un pelo sopra il net, è in grado di far innamorare di questo sport anche il più risoluto dei detrattori, come solamente un'ora e mezza di Federer-Moya su Decoturf II saprebbe fare.

Il tutto gestito (a patto di possedere un sistema adeguato) con una fluidità che non conosce soluzione di continuità. Benchè i movimenti della telecamera non siano così ingerenti, anche (anzi, soprattutto) dal punto di vista più ravvicinato si può godere di uno spettacolo straordinario, apprezzare ogni pulsione della struttura scheletrica che compone il giocatore e leggere lo stato d'animo nel suo viso durante una delle onnipresenti cutscene. Con esponenziale incremento del livello di immersione e coinvolgimento emotivo.
Per definire l'impressione che suscita ogni singola partita a Top Spin, dal punto di vista cosmetico, l'unica parola adatta è “impressionante”. Ma è una volta che si scende in campo che il titolo targato Microsoft mostra i suoi veri punti di forza.
Top spin - Immagine 5
Top spin - Immagine 6
Top spin - Immagine 7
12
0 commenti

Top spin

Disponibile per: Xbox, PS2, PC
Top spin PC Cover
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
The Sinking City

5

The Sinking City

Frogwares ci promette la follia di Lovecraft

Samurai Shodown

7

Samurai Shodown

Il grande ritorno di un autentico mito

Car Mechanic Simulator

1

Car Mechanic Simulator

Tutto il fascino del lavoro del meccanico senza dovervi sporcare di grasso..

eFootball PES 2020

1

eFootball PES 2020

Abbiamo provato il nuovo capitolo del calcistico di Konami!

Verona Comic Fest 2019

1

Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!