Anteprima Tom Clancy's The Division

La Divisione di Ubisoft si mostra ancora una volta
Davide OttagonoDi Davide Ottagono (11 giugno 2014)
Oltre ai già noti Assassin's Creed e Far Cry, c'è un altro gioco Ubisoft che si è timidamente fatto strada sotto i riflettori delle conferenze dei giorni scorsi. Parliamo di The Division, ultimo parto (pace all'anima sua) del fortunato filone di racconti fantapolitici di Tom Clancy. Per chi non avesse seguito le vicissitudini del titolo, sottolineamo da subito come si tratti di una particolare mistura di generi: un po' free-roaming, un po' sparatutto, un po' Gioco di Ruolo. Un gioco completo sotto tutti gli aspetti che sembra voler elevare la connettività e la forza di squadra ad un livello mai visto prima.

Vestiremo i panni di un agente della "Divisione", un gruppo speciale che cerca di salvare New York da un virus che ha preso piede alcuni anni prima. Gli agenti sono autonomi, sono capaci di gestire situazioni impossibili anche in grande inferiorità numerica, e hanno i permessi per investigare e "rendere sicure" le aree della città. Al posto di "rendere sicure" inseriteci "spazzare via ogni potenziale minaccia criminale", magari spiega meglio il concetto. New York, dopo l'epidemia, è una città allo sbando. I cittadini si sono rintanati nelle case (o, semplicemente, sono morti) e bande di ogni genere scorrazzano liberamente per la città infrangendo ogni legge possibile e immaginabile. Fermarli è un lavoro sporco, ma qualcuno deve pur farlo.
Come abbiamo detto prima, The Division - sotto sotto - è anche e soprattutto un Gioco di Ruolo. Significa che i giocatori acquisiranno nuove abilità proseguendo nell'avventura, vitali per poter accedere alle aree più complesse e per avere la meglio sui nemici meglio equipaggiati. Dipendentemente dall'ambiente circostante, il protagonista e il suo gruppo (che può essere composto anche da amici in carne ed ossa) si impegneranno a preparare piani d'attacco vincenti che pian piano li porteranno a conquistare pezzi sempre più grossi di città.

Non solo bisognerà potenziarsi al meglio per ottenere il miglior armamentario sulla piazza, ma anche per difendersi dalle molecole virulente presenti nelle aree più contagiose. Nell'universo di The Division, New York è diventata una giungla urbana senza leggi e regole, popolata da gruppi ostili che cercano di approfittare della crisi. I Ripulitori sono uno di questi. Ma di clan ce ne sono tantissimi, tutti diversi e uno più verosimile dell'altro. Scegliete bene come proseguire, perchè ad ogni azione equivale una conseguenza, e il destino della città sarà completamente affidato nelle vostre mani. New York risorgerà o crollerà? Sarete voi a scrivere il finale di questo interessante libro.
  • Tom Clancy's The Division - Immagine 12
  • Tom Clancy's The Division - Immagine 13
  • Tom Clancy's The Division - Immagine 14
I civili stessi sono il cuore pulsante di questo gioco. La loro sofferenza sarà rappresentata in mille modi, e non solo per rendere il mondo più reale ed immersivo; sono un continuo promemoria della catastrofe che ha colpito la più grande metropoli del mondo e della motivazione per cui la Divisione lotta ogni giorno per donare ad ognuno di loro un posto migliore in cui vivere. Sparse per la città, avremo anche dei diversi centri di comando dal quale potremo gestire le nostre operazioni e le future mosse. Questi centri sono dei veri e propri rifuggi inattaccabili in cui potremo riposarci e prendere finalmente una boccata d'aria. Inizialmente, queste basi militari erano utilizzate dal governo per tenere sotto controllo la minaccia, ma sono poi state abbandonate o conquistate dalle fazioni nemiche. Riconquistando questi edifici, il giocatore potrà aumentare la sicurezza dei distretti circostanti e mettere un tetto sopra la testa dei vari rifugiati.

Il personaggio potrà essere potenziato in tutta libertà, andando quindi incontro alle esigenze dei giocatori più disparati. Così facendo, si potranno costruire anche gruppi piuttosto eterogenei, con membri tutti diversi tra loro e con abilità complementari a quelle dei loro alleati. Non ci sono vere e proprie classi, quindi il sistema di progressione resta comunque aperto ad infinite possibilità. L'unico limite sarà la fantasia, e questo è già un grandissimo vantaggio. Di abilità ce ne sono a milioni, e spazieranno da un impulso elettromagnetico che evidenzierà i nemici anche attraverso le pareti ad un raggio accecante che li costringerà ad uscire dalla loro copertura. Velocità, aggressività e tattica sembrano essere le parole d'ordine. E cooperazione, ovviamente.
Tom Clancy's The Division - Immagine 15
Ubisoft ha ammesso più volte di aver costruito The Division con in mente principalmente la cooperativa e il multigiocatore. Ovviamente, il gioco potrà essere iniziato e concluso completamente in solitaria, ma così potrete perdere buona parte dei suoi punti forti. Potrete visitare le strade di New York quando volete, come volete e con chi volete, e questa è una dovuta precisazione. In compagnia, da soli o mescolando le due cose a sprazzi, poco importa. Assortire una buona squadra sarà vitale per poter tenere testa alle minacce più spaventose di The Division. Grazie ad una vasta scelta di potenziamenti, sarà facile per il gruppo adattarsi ad ogni situazione e venire a capo anche degli scontri più duri.

Ubisoft ha voluto precisare come il ciclo giorno/notte non sia solo un fattore estetico, ma un vero e proprio elemento di cui tenere conto prima di partire all'assalto. Così come l'illuminazione, anche il meteo variabile giocherà un proprio ruolo nel livello di percezione dei nostri nemici. Assaltare un complesso di notte, magari con una tormenta di neve, ci renderà infatti più difficili da localizzare. C'è anche da tenere conto però come, col calare del sole, anche le bande malavitose daranno il meglio di sè. Attenzione, perchè da un momento all'altro - da cacciatori - potrete diventare le prede. E quei tizi sono davvero senza pietà.

Tutto ciò non sarebbe stato possibile se il motore grafico, creato appositamente per l'occasione, non fosse stato all'altezza. Parliamo di un poderoso Snowdrop Engine che, grazie alla potenza della nuova generazione di console, riesce a dare il meglio di sè anche sotto notevoli sforzi (come il calcolo di un'enorme città in tempo reale). Luce realistica, nebbia volumetrica, differenti tipi di illuminazione tra interni ed esterni; e il risultato è davvero spettacolare. Non vediamo l'ora di vederne ancora, anche perchè .- parola del team di sviluppo - questo è solo la punta dell'iceberg.
Passando magari un po' in sordina (anche a causa dello slittamento della data d'uscita), The Division è in realtà il vero titolo Ubisoft da tenere d'occhio su console next-gen. Innovativo, tosto e pieno di possibilità, sembra dare uno schiaffo alla concorrenza free-roaming riuscendosi a distinguire abbastanza da risultare intrigante. Come sempre, restando speranzosi e ottimisti, aspettiamo ulteriori informazioni.

Tom Clancy's The Division

Disponibile per: PC, Xbox One, PS4
Tom Clancy's The Division PS4 Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11

MotoGP 19
MotoGP 19

Intelligenza artificiale su due ruote