Preview The Banner Saga

Al vichingo non si comanda
Simone RampazziDi Simone Rampazzi (3 gennaio 2014)
Avvicinarsi ad un titolo prettamente “tattico” non è mai troppo facile, soprattutto se vanno prese in considerazione tutta una serie di condizioni ruolistiche che il gioco deve mantenere, a favore dell'utenza chiaramente, per farsi apprezzare appieno.

The Banner Saga, titolo creato dalle menti floride della triade Thomas-Jorgensen-Watson (per chi non lo sapesse, ex sviluppatori di BioWare) si intromette con forza nel panorama videoludico cercando di apparire graficamente non eccessivo, ma tecnicamente promettente. L'ambientazione fantasy proposta radica le sue fondamenta in un contesto atipico, proponendoci non più elfi, nani o goblin ma bensì una buona mistura di personaggi in salsa vichinga alle prese con il nemico sovrannaturale di turno, ovvero i Dredge, misteriose creature portate dall'oscurità votate alla distruzione.

Per fronteggiare l'imminente minaccia riceveremo l'aiuto dei Varl, creature mitologiche più robuste dei comuni mortali, muniti di grosse corna animali a chiaro segno della loro provenienza leggendaria. Sarà quindi nostro arduo compito muovere i nostri passi in queste terre sature di magia e fronteggiare questa minaccia nel migliore dei modi, scegliendo attentamente non solo caratteristiche ed abilità del nostro party, ma anche compiendo scelte multiple per mantenere in piedi la nostra carovana senza creare alcun tipo di malcontento.
The Banner Saga - Immagine 1
Arrivare alla fine di uno scontro in alcuni casi sarà più arduo, ma le ricompense a seguito delle uccisioni fatte ne varranno la pena
Proprio venendo incontro all'esigenza di un giocatore più maturo, propriamente appassionato al genere suddetto ed avvezzo ad un ritmo poco incalzante, ma certamente più ponderato e tattico, sono pronti a correre in nostro aiuto una serie di tecnicismi semplici e rapidi da memorizzare. Il titolo ci sbalza infatti tra sessioni di storia di stampo prettamente gestionale, dove il nostro compito sarà garantire (quasi come un buono jarl) la stabilità e la contentezza del nostro esercito, a sessioni di combattimento a turni su griglia, dove è consigliata un'attenta analisi del battleground, ovvero numero dei nemici, abilità utilizzabili, il tutto per cercare di sopravvivere in queste impervie terre innevate.

I nostri eroi avranno la possibilità di muoversi, come in una scacchiera, per un certo numero di caselle, potendo conseguentemente attaccare con la loro abilità base. Il sistema divide le caratteristiche Armatura e Salute (la medesima indica anche la forza), dandoci la possibilità di approcciare il nemico a nostro piacimento, indebolendo magari il primo fattore per infliggere più danni, basandoci sulla formula Strenght - Armor = Damage. Per ogni aumento di livello, grazie alle uccisioni, il gioco ci permette di distribuire dei punti abilità, saggiamente posizionabili non solo nelle caratteristiche sopracitate, ma anche su Willpower, Exertion e Break, la terza molto utile per infliggere danni diretti all'armatura nemica. Le classi sono molto semplici da approcciare e da Starter Units possono evolvendosi, dopo una serie di uccisioni, in Promoted Units.
The Banner Saga - Immagine 2
Il pannello centrale vi mostra tutto ciò che vi serve sapere quando sarete in viaggio tra un luogo e l'altro. Fate attenzione al morale delle truppe, esso determinerà la differenza tra una spedizione riuscita ed un totale fallimento
The Banner Saga - Immagine 3
Durante il gioco vi saranno concessi molti tips per aiutarvi a familiarizzare con le unità ed il gioco, così da non lasciare i neofiti appresso a tediosi tutorial e/o spiegazioni
The Banner Saga - Immagine 4
Le tavolozze sono sapientemente colorate e mostrano tutta la loro bellezza anche con qualche set in movimento, trasmettendo un enorme pathos al giocatore
The Banner Saga - Immagine 5
La mappa è ottimamente disegnata e molto vasta, speriamo che nella versione completa avremo la possibilità di esplorarne ogni anfratto
Durante la nostra avventura avremo la possibilità di visitare un discreto numero di luoghi, passando da città ricche di vita a campi isolati dove poterci ristorare a seguito di una lunga marcia, buttando l'occhio su una serie di costruzioni con cui potremo interagire, magari reclutando nuove unità nella Mead House, oppure promuovendo le nostre nel Proving Grounds e chiaramente, all'occorrenza, comprare un po' di viveri nel Marketplace. Sembra chiaro l'intento degli sviluppatori nel voler creare un gioco impegnato che non voglia colpire necessariamente le masse, ma farsi strada in un mercato più selettivo e ricercato (va aperta una parentesi sulla questione Kickstarter, più di 720mila dollari guadagnati grazie ai finanziatori).

Anche se il comparto grafico non comprende al suo interno animazioni da capogiro, texture in alta definizione o magari selezioni particellari come il PhysX, Banner Saga riesce a regalarci un vero e proprio spettacolo per gli occhi, con delle tavole sapientemente disegnate e votive in grado di riprodurre il pathos necessario per farci immergere in questo straordinario mondo nordico perennemente soggiogato dall'invero. Tutta la storia, nonché le animazioni ed i combattimenti, sono tutti sapientemente disegnati da mani esperte, in grado di imprimere un'incredibile espressività ai personaggi, coadiuvata dalla giusta colorazione in tonalità prevalentemente fredde, che nei fondali regalano un immersione notevole senza aver bisogno praticamente di nulla. Persino l'audio risulta particolareggiato, promuovendo musiche a tema che hanno saputo allietare le nostre sessioni di gioco, senza tediarci con effetti ridondanti o doppiaggi sottotono privi di qualità.

Al momento il titolo è completamente in lingua inglese e data la forte componente gestionale, dialoghi mode on, speriamo che il titolo venga anche tradotto in lingua nostrana, così da permettere una più completa immersione tra le variegate possibilità concesse dal titolo.

In conclusione, non ci resta che aspettare la release completa del gioco, sperando in qualche gradita aggiunta, in primo luogo a favore della mappa (ricca di luoghi che non ci è stato possibile visitare) nonché alla possibilità di effettuare ulteriori scelte, così da aumentare la longevità del titolo in maniera esponenziale, ri-giocabilità compresa.
The Banner Saga - Immagine 6
Il pannello eroe vi permette di visionare tutte le capacità dei vostri vichinghi
The Banner Saga - Immagine 7
Ogni luogo visitato avrà qualche edificio consultabile, come scritto in sede di articolo
The Banner Saga - Immagine 8
Alcune scelte sembreranno semplici da compiere, ma entrate nell'ottica che ogni passo vi porterà verso una direzione diversa, a seconda delle risposte date.
The Banner Saga - Immagine 9
Il tutorial iniziale vi metterà in mano tutto ciò che vi serve per affrontare il magico mondo di Banner Saga
The Banner Saga ha tutti i presupposti per diventare un ottimo intrattimento in stile tactics-a-turni, capace di far immergere il giocatore verso mondi magici dallo stile artistico egregio.

The Banner Saga

Disponibile per: PC , PS4, Xbox One
The Banner Saga PC Cover
Empire
Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Empire
Atelier Lulua: The Scion of Arland
Atelier Lulua: The Scion of Arland

Torniamo ad Arland per seguire le avventure della giovane Lulua

Total War: Three Kingdoms
Total War: Three Kingdoms

La lotta dei tre regni secondo Creative Assembly

Sniper Elite V2 Remastered
Sniper Elite V2 Remastered

Cecchini ad alta risoluzione

Assetto Corsa Competizione

1

Assetto Corsa Competizione

Manca ormai poco ad Assetto Corsa Competizione. L'abbiamo provato in anteprima ed ecco le nostre impressioni

Team Sonic Racing

1

Team Sonic Racing

Sonic torna a sfrecciare sui kart!