Anteprima Sekiro: Shadows Die Twice

La morte è solo l'inizio
Fabrizio CirilloDi Fabrizio Cirillo (12 giugno 2018)

Quando sul palco di Microsoft è partito il primo trailer del gioco, in molti davano per scontato che il nuovo titolo firmato Activision fosse in realtà un gradito ritorno, ovvero Tenchu. Ed invece in casa From Software hanno deciso di stupire i presenti annunciando lo sviluppo di Sekiro: Shadows Die Twice, gioco multipiattaforma che sarà pubblicato nel corso del prossimo anno.

Sekiro: Shadows Die Twice - Immagine 1
Sekiro: Shadows Die Twice - Immagine 2

La morte bussa almeno due volte

Siamo alla fine del 1500, in pieno periodo Sengoku. Un'era violenta fatta di morte e sanguinose battaglie per la supremazia sul territorio, un'era nella quale la magia potrà fare la differenza fra la vita e la morte. Nel vostro caso specifico, il fato o chi per esso deciderà per voi una morte diversa da quella "subita" per opera del vostro stesso signore, dandovi così la possibilità di riscattare il vostro onore e difendere il popolo da un potere oscuro che minaccia la sopravvivenza stessa dell'intero Giappone, seppur privato di un arto.

L'evoluzione della specie

Stando alle frammentarie informazioni rilasciate dal team di sviluppo, Sekiro: Shadows Die Twice  dovrebbe porsi a metà strada tra il classico Tenchu e il Ninja Gaiden di turno, offrendo al giocatore l'opportunità sia di affrontare sezioni di gioco puramente action che di cimentarsi con situazioni decisamente meno sincopate. Contrariamente ai classici titoli firmati From Sofware, l'anima portante di Sekiro: Shadows Die Twice resta tuttavia la componente action e dimostrazione ne è l'elemento attorno al quale verterà l'intero gioco, ovvero la presenza di un braccio completamente artificiale dotato di caratteristiche del tutto distintive.

L'arto in questione può essere utilizzato sia come elemento di difesa (sarà possibile trasformarlo anche in scudo) che come vera e propria arma, ma grazie alle sue doti  potremo anche optare per un approccio un po' più ragionato e più vicino all'essenza stessa del già citato Tenchu. Procedere nell'ombra utilizzando il braccio come vero e proprio rampino o come "arma silenziosa" permetterà, infatti, di infiltrarsi fra le linee nemiche e raggiungere rapidamente l'obbiettivo, fermo restando che l'eliminazione dei boss più importanti dovrà necessariamente passare dal classico scontro uno contro uno in campo aperto.

In questo senso ben si spiega anche la scelta di utilizzare il suffisso Shadows Die Twice all'interno del titolo. In Sekiro, il fato ha riservato al giocatore una morte diversa da quella dei comuni mortali, cosa che permetterà al nostro alterego di tornare continuamente in vita, almeno fino al compimento del proprio destino. Come si tradurrà all'atto pratico non è dato ancora sapere, ma con ogni probabilità dovrebbe trasformarsi nel classico respawn condito per l'occasione dalla perdita dei perks acquisiti in corso d'opera.

Sekiro: Shadows Die Twice - Immagine 3

From Software ci riprova presentando un gioco che sta scatenando parecchie aspettative. Sekiro: Shadows Die Twice sembrerebbe possedere, infatti, tutti gli elementi per emergere dal mare magnum dei titoli action presenti sul mercato, portando alla ribalta qualcosa di nuovo senza rinunciare a quel pizzico di nostalgia.

Sekiro: Shadows Die Twice

Disponibile per: Xbox One , PS4, PC
Sekiro: Shadows Die Twice Xbox One Cover
Empire
Tom Clancy's Jack Ryan
Tom Clancy's Jack Ryan

Il ritorno alle origini di uno dei personaggi più amati del grande schermo

Orange is the New Black
Orange is the New Black

Quest'estate non cambiare: stesso carcere, stesso canale!

Empire
Transference
Transference

Coscienze digitali e sentimenti turbolenti

Fifa 19

1

Fifa 19

Calcio d'inizio stagionale per il calcistico di EA!

Valkyria Chronicles 4
Valkyria Chronicles 4

Abbiamo provato Valkyria Chronicles 4, già disponibile online con una corposa demo.

Super Mario Party

1

Super Mario Party

Abbiamo lanciato quattro dadi in compagnia di Mario e soci.

NBA 2K19
NBA 2K19

La perfezione del fuoriclasse!