Anteprima Schizm: mysterious journey

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (12 Giugno 2001)
Un doveroso tuffo nel passato, con un occhio al futuro

Tutti gli "avventurieri", più o meno esperti, rimangono quasi sempre in attesa del gioco definitivo, lo "stato dell'arte", quello con il potere di tenerti letteralmente "incollato" al monitor enigma dopo enigma e che spesso può significare notti insonni e sonnolente mattinate. La storia dei videogames è costellata di "big shots", capolavori indiscussi e talvolta controversi, che affondano le proprie radici in quelle meraviglie informatiche costituite da lunghe sequenze di frasi prive di qualsiasi immagine, in cui anche solo riuscire a raggiungere una locazione nascosta o risolvere un intricatissimo quesito, riempiva il cuore di una sana e totale gratificazione. Questi piccoli gioielli sono, oramai, un dolce ricordo nostalgico. Il continuo e velocissimo evolversi del mercato ha portato il progresso videoludico verso punte impensabili, almeno fino a dieci anni fa.
Ed è proprio per questo che nei nostri PC sono state installate un'infinità di avventure storiche ed indimenticabili, a cominciare dalla contorta e divertentissima saga di Zak McCraken (come "chi è"!?), praticamente il capostipite dei giochi LucasArts e predecessore di cult-game quali la serie di Monkey Island o Grim Fandango, per continuare con prodotti più avanzati ed eccezionali come Myst e Riven, passando per altri similari successi quali Amerzone e il recentissimo The Longest Journey.
Schizm: mysterious journey - Immagine 1
Veduta di uno degli stupefacenti paesaggi di Schizm
La grafica ha naturalmente cominciato ad avere il sopravvento sul semplice testo e non abbiamo dovuto attendere poi tanto per stupire realmente di fronte alle meraviglie a cui ci hanno abituati i mastri programmatori. Sembrerebbe che il filone "avventura" prosegua spedito nell'utilizzare il fortunato sistema "punta e clicca" che, senza togliere nulla al gusto di spremere le meningi nel tentativo di risoluzione degli enigmi, consente oltremodo una maggiore interazione con gli ambienti e con gli oggetti contenuti nelle variopinte locazioni.
Quanto vi presentiamo in queste righe vuole essere, almeno per ora, l'ultima novità in fatto di prodotti di siffatto genere.
Gli studi polacchi L.K. Avalon, gli stessi che qualche tempo fa ci hanno piacevolmente sorpreso con REAH: Face the Unknown, forti del supporto del colosso olandese Project 3 (ex 2!) Interactive e grazie alla distribuzione dell'ormai famosa Dinamic Multimedia, stanno per immettere sul mercato SCHIZM: Mysterious Journey e hanno deciso di farlo davvero in grande stile, senza trascurare tutti quegli elementi che rendono speciale un'avventura, partendo ovviamente dalla trama, per finire con alcuni mirabolanti effetti speciali con i quali, questa volta, promettono assolutamente di far faville.
0 commenti