Anteprima Far Cry 2

Mal d'Africa
Pietro PudduDi Pietro Puddu (6 ottobre 2008)
La strada per l'eliminazione dello Sciacallo, l'ineffabile figura che manovra i fili della guerriglia intestina in una tormentata nazione centro-africana, ha inizio con una gita in macchina, in compagnia di un tassista improvvisatosi cicerone che passerà in rassegna le specialità del luogo - miseria, miliziani e incendi in ogni dove; da una parte si tratta di un espediente di regia standard, piuttosto comune di questi tempi nel genere in soggettiva, dall'altra riesce a porre subito in evidenza la prestanza del motore grafico, offrendo una panoramica su binari delle terre arse dal sole, tanto belle da intimidire, che aspettano solo d'essere esplorate e vissute. Una sorta di vetrina delle potenzialità, nella breve attesa di potersi calarsi interamente nella parte.
Far Cry 2 - Immagine 1
A dispetto delle apparenze, i razzi hanno una potenza dirompente non eccezionale e andranno indirizzati con precisione
Far Cry 2 - Immagine 2
Attaccare in maniera sconsiderata aumenta esponenzialmente il rischio di rimanerci secchi; si è sempre in inferiorità numerica e la potenza di fuoco è limitata
Far Cry 2 - Immagine 3
Una condotta furtiva premia con comode uccisioni alle spalle; il buio della notte sarà amico
Far Cry 2 abbraccia quella filosofia che tende a vedere il gioco soprattutto come ambientazione, come un contesto da sperimentare dall'interno, allontanandosi dalla più stretta definizione di FPS delle origini. La volontà di catturare il giocatore nella rappresentazione di un mondo si esprime in prima istanza audiovisivamente; l'orizzonte a perdita d'occhio, le fronde mosse dal vento, la luce del tramonto filtrante tra i rami di acacie e baobab, i bufali cafri e le antilopi, il ciclo del giorno e della notte e delle condizioni atmosferiche costituiscono un insieme che riesce ad andare oltre le singole carenze di dettaglio o il livello d'interattività limitato.

Se il lontano cugino identificabile in Crysis mostra una componente sandbox in prevalenza associata alla pianificazione degli assalti, alla condotta di gioco entro uno sviluppo comunque lineare, Far Cry 2 ha invece acquisito un'impostazione free-roaming, una vasta mappa liberamente percorribile in cui procacciarsi e perseguire missioni (primarie od opzionali) secondo un ordine non prestabilito.
Quel che ne risulta appare assimilabile al canovaccio di un GTA traslato dalla metropoli alla savana, con la tipica attività di pellegrinaggio da un punto di interesse all'altro alternata a scontri a fuoco risolutori.

I viaggi sono di norma così prolungati da rendere indispensabile e continuo l'uso di veicoli, terrestri, acquatici o perfino aerei; il modello di guida su quattro ruote è essenziale, se non scarno, con curve perfettamente agevoli anche procedendo a tavoletta, spazi di frenata azzerati e fisica degli urti quasi inesistente (anche nel caso di frontali contro un albero o un'altra jeep lanciata a tutta velocità). E' una delle avvisaglie del senso di vuoto che potrebbe dominare le fasi di transizione, una sorta di bassa densità ludica che la bellezza dell'ecosistema rischia, da sola, di non colmare.
Far Cry 2 - Immagine 4
La fisica è implementata su un serie limitata di elementi delle scenario; i veicoli saltano in aria che è un piacere
Far Cry 2 - Immagine 5
Lungo la propria strada capiterà di imbattersi in pattuglie di miliziani attaccabrighe
Far Cry 2 - Immagine 6
Il protagonista è un uomo che non deve chiedere mai, di conseguenza reprime urla fantozziane per non far brutta figura durante le medicazioni
L'anima da shooter è risvegliata dall'abbattersi negli accampamenti di soldati ostili, la cui distruzione o razzia rientrerà sovente nei propri incarichi - nel caso l'incontro sia invece fortuito, si dovrà comunque combattere per guadagnarsi la sopravvivenza e di conseguenza il passaggio.
Seppur arricchite da un buona serie di tocchi di classe scenici, basti pensare alle crude animazioni con cui il protagonista pratica stoicamente su se stesso il pronto soccorso, e forti dell'ampio respiro offerto dalle locazioni aperte, le meccaniche frontali non permettono di spingersi oltre un semplice approccio arcade. I nemici compensano la modesta IA con una capacità di scorgere la minaccia da distanza considerevole ed una mira che lascia quasi pensare a proiettili in grado di trapassare le coperture solide.

Le circostanze adrenaliniche e la spavalderia da novelli Rambo si possono mettere da parte preferendo un avvicinamento guardigno sotto la copertura della vegetazione o un cecchinaggio dal favore di postazioni rialzate; se non si presta particolare attenzione, il tutto tende invariabilmente a degenerare nella bagarre e in una confusione che comprometterà le raffinatezze strategiche. L'equipaggiamento prevede quattro varianti d'armi, procurate nuove nei negozi di contrabbando o estorte al nemico in un certo stato d'usura (a rischio d'inceppamento); la professione del mercenario sarà messa un po' in crisi dall'impossibilità di figurarsi in anticipo i dettagli logistici dell'incarico, così ci potrà ritrovare muniti di fucile di precisione in situazioni da corpo a corpo o di fucile a pompa su un altopiano che domina il covo da sgominare - l'improvvisazione sarà l'unica risorsa.

L'arte d'appiccare il fuoco, una delle feature più attese, passa per il lancio di bottiglie molotov, l'impiego del lanciafiamme o il provocare un'esplosione; la propagazione delle fiamme è convincente (dipenderà ad esempio dallo stato di umidità del terreno) e può essere effettivamente sfruttata come momentaneo diversivo, stando attenti a non farsi del male da soli, ma le proporzioni del fenomeno sono forse inferiori a quanto ci si potesse figurare. Gli incendi tendono ad estinguersi entro un raggio contenuto - è un esigenza comunque comprensibile, dato che se incontrollati finirebbero con il mandare in fumo ettari ed ettari di flora.

Il sistema di salvataggio non prevede né il checkpoint sistemico (sarà concessa una seconda chance dopo la dipartita in battaglia solo nel caso si disponga della funzione d'aiuto di un personaggio amico) né il quick-save, obbligando a fare tappa presso i rifugi o le armerie distribuiti in giro per il territorio. Considerando gli imprevisti riservati ogni due per tre dall'azione, le distanze cospicue tra i porti salvi ed i caricamenti non certo fulminei, il giocatore inciamperà suo malgrado in qualche passaggio a vuoto e frustrazione di troppo.
Far Cry 2 - Immagine 7
Il lanciafiamme soddisferà il piromane che è in tutti noi; per fortuna non sarà tecnicamente possibile mettere a ferro e fuoco tutta l'Africa
Far Cry 2 - Immagine 8
Anche in Far Cry 2 non potevano mancare i bidoni esplosivi, per la gioia di grandi e piccini. Boom!
Far Cry 2 - Immagine 9
Dove non arrivano le ruote motrici, può il motoscafo; spettacolare il passaggio lungo il fiume nella valle del canion
Far Cry 2 impressiona per la notevole scala del mondo di gioco e per il fascino intrinseco di un setting africano ricreato vividamente, ma in fase di prova preliminare non ha del tutto entusiasmato sul versante del puro gameplay, dando l'impressione di soffrire fasi di stanca tipiche dell'impostazione free-roaming, meccaniche d'azione in parte poco approfondite ed un sistema di salvataggio problematico. La natura aperta ed una intesità di opportunità ludiche proporzionale al tempo di gioco investito potrebbero pagare i ritmi lenti della prima parte dell'avventura; simili fattori verranno valutati nella versione definitiva in uscita a fine ottobre.
0 commenti

Far Cry 2

Disponibile per: PC, Xbox 360 , PS3
Far Cry 2 Xbox 360 Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?