Anteprima Emperor: Battle for Dune

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (2 dicembre 2000)
Proprio nei giorni in cui Red Alert 2 si apprestava d uscire nei negozi nelle sue varie versioni (tra cui quella per collezionisti), dai Westwood Studios è giunto un interessante annuncio riguardante il seguito di un gioco famosissimo, progenitore della strategia come la si conosce oggi: si tratta, ovviamente, del fantastico Dune II. Uscito diversi anni or sono, questo gioco narrava gli scontri tra tre importanti casate, finalizzati al controllo di Arrakis e della sua preziosissima Spezia. Il tutto era reso molto divertente e avvincente sia dalla struttura di gioco, ai tempi originalissima, sia da elementi esterni come i fantastici vermi giganti che vagavano nascosti tra le sabbie del pianeta. A distanza di parecchio tempo, Westwood ha finalmente deciso di mettersi al lavoro in modo da regalare alle schiere di fan di questo videogioco (unanimamente riconosciuto come un capolavoro) un degno seguito: Emperor: Battle for Dune (quel Dune 2000 uscito lo scorso anno, infatti, più che un seguito è stata una riedizione di Dune II basata sull'engine grafico e tecnologioco di Red Alert)
Emperor: Battle for Dune - Immagine 1
Ottimi gli effetti grafici delle armi
VIVA I POLIGONI
Un primo e assai importante sintomo di cambiamento si nota senza dubbio nell'aspetto grafico che abbandona (per le prima volta nella storia di Westwood Studios) l'ormai consunta tecnica Voxel (per gli sprite) e grafica bidimensionale (in finto 3D isometrico) per gli sfondi a favore di una moderna grafica tridimensionale. Un cambiamento di una certa rilevanza, visto che Westwood è sempre stata attaccatissima alla grafica Voxel (e, per fare un esempio, anche il recentissimo Red Alert 2 usa questa tecnologia grafica per le sue unità) ma ha evidentemente ritenuto opportuno modernizzarsi, in vista di una concorrenza in grado di sfornare capolavori, ma soprattutto in vista di copiose lamentele da parte di videogiocatori che la accusavano di produrre sempre lo stesso gioco con una grafica leggermente migliorata. La tridimensionalità regna quindi sovrana sui campi di battaglia di Emperor: Battle for Dune e bisogna anche dire che la qualità dei paesaggi e dei mezzi è di tutto rispetto. Tuttavia è necessario far notare come questa tridimensionalità si ponga in maniera radicalmente differente rispetto ad altri giochi dell'ultima generazione: infatti, mentre in questi ultimi è possibile prendere il controllo di una singola unità guidandola in prima persona, in Emperor: Battle for Dune questo non sarà possibile. Questo perché gli sforzi sono stati concentrati verso un affinamento dell'aspetto strategico del gioco e quindi non è stata inserita quest'opzione che avrebbe dato al tutto una sfumatura decisamente più arcade
0 commenti

Emperor: Battle for Dune

Emperor: Battle for Dune PC Cover
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
Sekiro: Shadows Die Twice

3

Sekiro: Shadows Die Twice

Morire per capire, ecco la filosofia di Sekiro

Stadia
Stadia

Tutte le informazioni sul progetto gaming di Google

One Piece World Seeker

5

One Piece World Seeker

Una nuova avventura per Monkey D. Rufy

Tom Clancy's The Division 2
Tom Clancy's The Division 2

Agenti, Washington D.C. ha bisogno di voi

PlayStation Now

8

PlayStation Now

Una prima occhiata al nuovo servizio streaming (ma non solo) di Sony