Preview DISSIDIA: Final Fantasy

Square Enix torna su PSP per farci salvare l'universo di Final Fantasy!
Fabio FundoniDi Fabio Fundoni (24 luglio 2009)
Vent'anni di gloria
Chissà quanti all'uscita del primo Final Fantasy, nel 1987, si sarebbero aspettati che a distanza di 22 anni saremmo stati ancora qui a parlare di questo brand. E invece il gioco è riuscito a conquistare un posto al sole, superando la dimensione del semplice videogame per diventare un marchio conosciuto a 360 gradi. Dopo innumerevoli capitoli e spin-off, durante i festeggiamenti per il suo ventennale, Square Enix ha annunciato l'inizio dello sviluppo di un gioco creato per omaggiare la sua creatura più fortuna. Ecco dunque Dissidia: Final Fantasy, nato per offrire a tutti gli appassionati un'esperienza capace di chiamare in causa i più famosi protagonisti della saga con tanto di rispettive nemesi, spesso molto più carismatiche dei classici eroi.

Nella più classica delle trame, il mondo è devastato dall'eterna battaglia tra bene e male. Simboli di questa lotta senza confine sono il malvagio dio Chaos e l'eterea dea Cosmos. Per cercare di prevalere sul proprio antagonista, entrambi hanno evocato dieci tra i più forti campioni di luce e oscurità, dando vita a due eserciti quasi imbattibili. Venti guerrieri pronti a lottare sino alla morte, ognuno con alle spalle una storia diversa fatta di dubbi, esperienze e convinzioni. Inutile dire che tutti i personaggi in gioco provengono dai vari capitoli di Final Fantasy, dando vita ad un roster composto da eroi e antieroi che trovano una loro dimensione in questo particolarissimo crossover dove compaiono nomi del calibro di Cloud Strife, Sephiroth, Tidus, Kefka Palazzo e tanti altri character che hanno fatto la storia del marchio, entrando nei cuori dei giocatori.
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 1
Ragazzino, abbassa la lama e torna ai tuoi dilemmi adolescenziali!
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 2
Eroi diversi, stili di vita differenti!
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 3
"Salve, sono l'imperatore. Il mio nuovo truccatore si chiama Nomura..."
Sono stati chiamati in ballo un rappresentante del bene e uno del male per ognuno dei primi dieci capitoli usciti nella saga principale (più alcune gradite sorprese), mentre a supporto, tramite tutorial o situazioni similari, fanno la loro comparsa anche altri personaggi di secondo piano che i veri fan non faranno fatica a riconoscere. Terreno di scontro non sarà il tanto amato gioco di ruolo che abbiamo imparato ad apprezzare in tutti questi anni, ma un ibrido che coglie a piene mani dai picchiaduro 1 VS 1 in tre dimensioni, senza dimenticare alcune spruzzate action e un cuore pulsante che molto deve alla tradizione JRPG.

Due sfidanti, tre dimensioni
Chi di voi giocava con la prima PlayStation forse ricoderà Ergheiz, particolare esperimento di Square dove tutto si basava su combattimenti in tempo reale immersi in arene 3D, dove si segnalava la presenza di alcuni personaggi di Final Fantasy. Dissidia rappresenta palesemente l'evoluzione del precedente titolo, dettata non solo dalla necessità di trovare un campo in cui poter inserire tanti protagonisti di giochi diversi, ma anche dalla ormai consolidata esperienza della casa di produzione che, in tutti questi anni, ha dimostrato di saper dire la sua su diversi fronti.

Insomma, torniamo nuovamente a misurarci con combattimenti in tempo reale, ma questa volta sulla piccola e potente PSP. Tanto per eliminare futili dubbi, il gioco non nasconde mai la sua natura di episodio nato esplicitamente per festeggiare il ventennale della saga. Ne deriva dunque una trama più che scontata, che fa perno su un semplice escamotage atto a dare una motivazione per la presenza di tutti questi eroi ma i incontratisi nelle storie principali. Ci troviamo alle prese con una linea narrativa molto debole, parzialmente bilanciata dal tentativo di approfondire alcuni aspetti della psicologia personale dei nostri eroi, che non sempre però riesce a limitare le mancanze di fondo.

In ogni caso l'acquisto di un picchiaduro è raramente legato alle fortune della sua trama. Decisamente più interessante è porre l'accento sul gameplay, che ci fa passare repentinamente dalla gestione tipica dei giochi di ruolo nipponici ai combattimenti action. La modalità “storia” permetterà di impersonare uno dei dieci campioni del bene per lottare contro le forze oscure. Partendo da una situazione molto simile ai titoli strategici a turni, dovremo muovere il nostro personaggio in una griglia, selezionando di volta in volta le caselle su cui mettere piede. In base a dove saremo finiti potremo trovare dei premi o avversari, senza dimenticare la possibilità di incontrare porzioni di terreno misteriose dove se ne scoprirà il contenuto solo entrandovi.

Una volta raggiunto un nemico, entreremo nel vivo dell'azione. Saremo immediatamente catapultati in una delle arene che si riveleranno come ambienti creati in tre dimensioni, grazie ad un buon sfruttamento dei poligoni che ha permesso la nascita di luoghi di discreta grandezza e completamente sfruttabili, al punto che potremo persino distruggerne gran parte, camminare sui muri e scivolare su particolari superfici (cosa sono quelle facce? Stiamo pur sempre usando dei combattenti formidabili!).

Non si vive di solo JRPG
Niente turni, solo azione. O meglio: soprattutto azione. Infatti potremo scegliere (dopo qualche partita) di giocare in maniera diretta o limitarci a dare comandi sommari seguendo visivamente qual che accadrà sul campo di battaglia. Inutile dire che il vero divertimento è quando si prendono le redini per proprio guerriero e si incomincia a menare la mani di santa ragione sul cattivone di turno. Se invece il vostro sogno è sempre stato quello di prendere il controllo di un genio del male non preoccupatevi: potrete farlo in modalità arcade o multiplayer. Certo, la storia ci chiederà di scegliere uno tra i dieci campioni del bene, nel disperato tentativo di far pendere l'ago della bilancia verso la vittoria di Cosmos, ma avrete l'occasione per saggiare la forza di tutti i personaggi chiamati in causa.
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 4
Due epoche a confronto
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 5
Vi assicuro che questo sassolino rosso potrà farvi molto male
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 6
Square non ha lesinato gli effetti speciali
Di volta in volta dovremo scontrarci con un singolo avversario, rappresentato da uno dei protagonisti o da un suo clone. Infatti, per ovviare al numero limitato di combattenti, si è deciso di inserire i cloni di ognuno di essi, caratterizzati da una colorazione particolare e facilmente riconoscibile, in modo da rendere più varia la storia. Lo scontro verte su due statistiche: l'Audacia e i punti vita. Nonostante la vittoria arriverà portando a zero la vita del nemico, sarà necessario prestare la giusta attenzione all'Audacia. Con il tasto “cerchio” della nostra PSP, potremo colpire e diminuire progressivamente questo particolare parametro, andando di pari passo ad aumentare il nostro.
Infatti l'Audacia ha il potere di far crescere (o regredire) l'attacco e la difesa, permettendo così di ritrovarsi a sfruttare un discreto bonus contro un nemico ormai alle strette. Facendo arrivare a zero quella dell'antagonista, lo ridurremo in una stato estremamente vulnerabile, pronto per ricevere attacchi fisici che lo porteranno ad una rapida sconfitta.

Dovremo poi tenere sempre d'occhio anche la barra “Ex” che, una volta caricata, permetterà l'utilizzo di particolari bonus, come colpi speciali dall'effetto devastante. Per portare al massimo l'indicatore, sarà necessario recuperare dei “nuclei Ex” che appariranno durante il combattimento in vari posti dell'arena. Attaccare o cercare i nuclei, rendendosi facili bersagli? A voi la scelta! Logicamente ogni personaggio ha una serie di peculiarità che lo renderanno unico, le quali andranno dalla differenza delle mosse sino a diverse predisposizioni fisiche che vedremo all'opera tra movimenti e salti. È facile capire che sarà differente utilizzare le magie di Terra o destreggiarsi con lo spadone di Cloud. Nonostante questo è però necessario sottolineare come il tutto rischi di diventare in un qualche modo monotono, principalmente per l'utilizzo dei cloni di cui sopra, caratterizzati comunque da una buona intelligenza artificiale. Altro lato negativo sono le telecamere, non sempre perfette e talvolta poco utili per capire le mosse nemiche.

Fuori dalla guerra
Tra una battaglia e l'altra, dovremo prestare la dovuta attenzione a tutti quei parametri in stile JRPG che daranno spessore al gioco. Vincendo i combattimenti saliremo di livello, acquisendo nuove abilità e migliorando le nostre capacità. Starà poi a noi decidere che mosse equipaggiare (comprese le classiche evocazioni), senza dimenticare armi, armature e un sofisticato sistema di accessori, che saranno disponibili in diverse tipologie e potranno dare vita a particolari combo di effetti in base a come li utilizzeremo. Chiudono il cerchio il negozio (in cui potremo fare spese nei momenti di riposo), la possibilità di creare item compiendo particolari azioni in battaglia e la presenza degli immancabili chocobo. I simpaticissimi gallinacci che ormai sono quasi un simbolo per la saga di Final Fantasy, svolgono questa volta il ruolo di variabile bonus. Per intenderci, in base a come compileremo la nostra “scheda giocatore” (potremo persino decidere il giorno della settimana in cui giocare di più e ricevere alcuni moltiplicatori per il punteggio) vedremo il nostro chocobo cercare di raggiungere la tanto amata erba ghisal, il cibo preferito dei nostri pennuti. Ogni volta che vi riusciranno riceveremo un bonus di punteggio applicabile al combattimento successivo, ma solo nel caso di vittoria. Insomma, un bello sprone per dare il massimo!

Come avrete capito, di carne al fuoco ne abbiamo davvero tanta. Per restare fedele alla sua natura di gioco celebrativo, Dissidia offre inoltre un nutritissimo catalogo di contenuti sbloccabili tramite punti che acquisiremo giocando. Avremo a disposizione tantissimo materiale, che partirà dai modelli poligonali utilizzati sino alle musiche della serie, passando per le schede dei personaggi. Una chicca che non farà felici molti fan.

Allo stesso modo non potrà non essere notato l'impatto grafico del titolo, una nuova dimostrazione di forza di Square Enix che, dopo l'ottimo Crisis Core, mette nuovamente alla frusta l'hardware PSP per trarne un piccolo gioiello visivo, fatto di protagonisti resi ottimamente (tutti passati sotto lo stile grafico di Nomura) e di piacevoli effetti speciali. Solo alcune arene risultano sottotono, presentandosi un po' troppo spoglie, sebbene sempre piacevoli da vedere. D'altissimo livello anche l'audio, che si fregia delle più famose melodie legate a Final Fantasy, riproponendole con alcune lievi variazioni che non ne minano la bellezza. Come dimenticare brani del calibro di One Winged Angel? Pregevole anche il doppiaggio, presente in inglese a margine di una completa traduzione in italiano dei testi scritti.

Dissidia: Final Fantasy si offre come un prodotto di grande interesse soprattutto per chi è cresciuto a “pane & Final Fantasy”, data l'anima legata a doppio filo con le facce (virtuali) più affascinanti della saga. Il gameplay ha dato prova di una buona intelaiatura, sebbene risulti minato dalle telecamere non sempre perfette e da una certa monotonia per il gioco in singolo, parzialmente mitigata dalla grande quantità di elementi da scoprire e dalla possibilità di sfidare altri giocatori umani, opzione divertente e intrigante, principalmente per il fatto di poter far scontrare i personaggi evoluti secondo il proprio gusto contro quelli degli amici. Il multiplayer è presente nella classica modalità in locale, ma il gioco godrà anche della tanto discussa possibilità di sfruttare la connessione “ad hoc”, cioè il poter andare in rete utilizzando una PlayStation 3 come tramite, scaricando alcuni appositi files che dovrebbero giungere in Europa solo ad Ottobre.
Insomma, un prodotto consigliato che frena solo due passi prima dell'eccellenza. In ogni caso un'ottima prova della sempreverde casa nipponica. E ora, se qualcuno vuole sfidare il mio Cloud... non deve che farsi avanti!
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 7
Se fossi nei panni di Tidus, un po' di paura l'avrei...
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 8
Le armi sembrano godere di buona varietà
DISSIDIA: Final Fantasy - Immagine 9
Ecco una delle mosse speciali
Object La battaglia finale tra Chaos e Cosmos si avvicina e, per la gioia di molti, si preannuncia come una interessante commistione tra quello che potrà essere un punto fermo nel parco giochi di PSP e un raffinato fan service dedicato agli appassionati di Final Fantasy. Se Square Enix rappresenta una sicurezza dal punto di vista della realizzazione tecnica, rimane da capire quanto potrà reggere e divertire il gameplay. La battaglia finale tra Chaos e Cosmos si avvicina e, per la gioia di molti, si preannuncia come una interessante commistione tra quello che potrà essere un punto fermo nel parco giochi di PSP e un raffinato fan service dedicato agli appassionati di Final Fantasy. Se Square Enix rappresenta una sicurezza dal punto di vista della realizzazione tecnica, rimane da capire quanto potrà reggere il gameplay in stile action-picchiaduro, mescolato ad elementi di tradizione ruolistica. L'attesa aumenta con l'avvicinarsi di Settembre; e come potrebbe essere altrimenti, visto che con questa guerra si decideranno le sorti di tutto l'universo?

DISSIDIA: Final Fantasy

DISSIDIA: Final Fantasy PSP Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?