Speciale Un Natale Nero-Verde da Razer

Il Natale 2016 secondo Razer
Luca GambinoDi Luca Gambino (2 Dicembre 2016)
Stiamo per entrare nel periodo caldo dell'anno, quello dove dovrete decidere cosa regalare ad amici/parenti/fidanzati/e e come ogni anno siamo qui per consigliarvi al meglio su come spendere i vostri soldi per accontentare anche il più patito dei nerd appassionati di videogames. Sono arrivati in redazione tre prodotti che sono davvero in grado di farvi trascorrere un felice Natale 2016. Vediamo quali.

Deathadder Chroma

Il Deathadder è probabilmente il miglior mouse gaming mai prodotto. Punto. Come se però già questo non bastasse, Razer ha ben visto di lavorare ancora sul progetto, andando a migliorare alcuni aspetti di un dispositivo a cui, onestamente, mancava davvero poco e niente. Quali le novità, quindi? Innanzitutto un nuovo sensore ottico, che porta il Deathadder ad un campionamento di ben 16000 Dpi. Una precisione chirurgica che si sposa con il rinnovato switch meccanico studiato appositamente per aumentare la reattività e la precisione dei tasti destro e sinistro. Anche in questo caso gli ingegneri Razer hanno migliorato il già ottimo sistema adottato per le precedenti versioni del Deathadder, portando ad oltre il 99% la percentuale di successo del click.

Come potete evincere dalle immagini a corredo, il Deathadder è sostanzialmente un mouse per destrorsi. Pur avendo un design “neutro”, alcuni tasti funzione sono posti proprio sul lato destro, tagliando fuori quindi l'utenza mancina. Ma soprattutto questo prodotto Razer si rivolge ad un pubblico che non necessita di una quantità smodata di tasti sul dispositivo, concentrando il proprio campo di utilizzo su FPS, action games, strategici non particolarmente complessi e avventure di qualsivoglia natura. Ovviamente chi è alla ricerca di un mouse per MOBA o MMORPG farebbe meglio a dirigere le proprie attenzioni su prodotti come il Naga, che ha una configurazione sicuramente più congegnale per questo genere di giochi.
Un Natale Nero-Verde da Razer - Immagine 2
Questa nuova versione del DeathAdder rientra nella nuova filosofia “Chroma” dell'azienda statunitense, che punta a portare colore e luce sui nostri desktop. Al contrario della vecchia versione, che brillava del solo verde Razer, il nuovo corso consente all'utente di poter gestire in piena libertà non solo la colorazione di fondo del mouse, ma anche alcuni effetti che portano il dispositivo a brillare a periodi alterni, anche con differenti colorazioni rispetto a quella di base. Un orpello estetico che però sono in tanti a gradire. Noi preferiamo concentrarci sul cavo cordato da 1, 8 metri che consente di avere una connessione perfetta con il vostro dispositivo, soprattutto perché il cavo non avrà l'antipatica tendenza ad “arricciarsi” come fanno invece i normali cavi in plastica, a tutto vantaggio di un utilizzo intensivo del mouse, senza inutili distrazioni.

Sul campo di battaglia il Deathadder si comporta esattamente come promesso da Razer. Preciso nel tracking degli avversari, chirurgico nel click, solido nella costruzione e piacevole da tenere in mano anche grazie al superficie zigrinata che consente un grip adeguato e sicuro. Novità di quest'anno sono anche i due tasti posti al di sotto della rotellina, che consentono di cambiare al volo la sensibilità adattandola a qualsiasi situazione di gioco/applicazione lavorativa. Si, perché oltre ad essere un insuperabile compagno di battaglia, il Deathadder è anche un supporto insostituibile nelle normali attività lavorative, sia in campo Office che in attività grafiche dove la sua precisione è sicuramente apprezzata da tutti gli addetti del settore.

Razer Gigantus

Quanto detto giusto qualche riga qui sopra è assolutamente veritiero ma bisogna fare anche la dovuta precisazione che qualsiasi mouse, se utilizzato su una superficie non adatta, limita le proprie prestazioni vanificando qualsiasi tipo di miglioramento meccanico o elettronico. Ecco perché il nostro consiglio è quello di considerare il tappetino come una qualsiasi altra periferica di gioco, a cui chiedere il meglio per amplificare e migliorare le proprie prestazioni giocose e non. Il Gigantus risponde a due esigenze dei videogiocatori riuscendo a fornire una superfice molto “smooth” ma controllata allo stesso tempo.
Un Natale Nero-Verde da Razer - Immagine 1
In più il Gigantus presenta una superficie di ben 40x40 cm che farà la felicità di tutti coloro utilizzino sensitivity molto basse e necessitano quindi di superfici molto ampie dove poter far scorrere la propria periferica di gioco. Chiude l'ottimo quadro la superficie gommata alla base del tappetino che ne garantisce la stabilità anche di fronte alle sollecitazioni più energiche. Nel software di gestione delle periferiche Razer, il Synapse, potrete anche far si che il vostro mouse venga “associato” al tappetino in questione per ottenere una calibrazione perfetta e risultati ancora più precisi.

Kraken V2

Quello dell'audio è un aspetto che spesso in tanti tendono a prendere sottogamba, mentre invece merita un trattamento privilegiato. Le nuove Kraken riescono ad essere una risposta adeguata alle esigenze dei più perché riescono, ad un prezzo contenuto, a soddisfare le esigenze dei meno “audiofili” con una proposta davvero allettante. Perché questa precisazione? Perché se è vero che ci siamo trovati davvero molto bene con le suddette cuffie nel versante gaming, altrettanto non possiamo dire una volta indossate per ascoltare la nostra musica preferita, soprattutto per un livello dei bassi inaspettatamente inadeguato e troppo "appiattito". Troppo esigenti? Forse, ma tant'è. Tanto più che l'offerta Razer proprio sulla Kraken si compone di una proposta “base”, testata da noi, e una “pro” che implementa anche una virtualizzazione del surround 7.1 dove probabilmente sono state allocate più risorse. Intendiamoci, le Kraken sono delle signore cuffie a cui però forse manca quello “sprint” in più per essere davvero complete.
Un Natale Nero-Verde da Razer - Immagine 3
Limitatamente al lato gaming possiamo comunque dirvi che sono praticamente perfette, soprattutto in virtù del padiglione da 50mm che ricopre interamente le orecchie e isola il giocatore dal mondo esterno a tutto vantaggio del focus sul gioco. Ci è particolarmente piaciuto il microfono retrattile, che rientra in sede nel momento in cui non dovete utilizzare la chat vocale in gioco o su Skype, dando al prodotto Razer un design sempre molto ordinato e “cool”. Buoni i materiali utilizzati anche se archetto e padiglioni sono interamente realizzati in plastica. Robusta, intendiamoci, ma plastica. Ottima invece la scelta di “scomporre” in due parti il generoso cavo di connessione.

Nella prima parte, infatti, il cavo presenta un solo connettore da 3, 5 millimetri che vi consentirà di utilizzare le Kraken anche sulle console, potendo collegare le cuffie sia al pad Microsoft che a quello Sony, ma funzionano ottimamente anche su cellulare, dove abbiamo apprezzato la totale soppressione del rumore del microfono. Il suddetto connettore è a sua volta collegato ad una prolunga che ha invece come terminale i classici jack per cuffie/microfono da adattare a qualsiasi computer. Abbiamo provato anche connettere i due jack ad un adattatore USB riuscendo a far funzionare il dispositivo senza alcun problema. Insomma, ottime cuffie per il gioco, un po' meno per utilizzi multimediali.
Razer ci ha abituato a periferiche di gioco perfette sotto tutti i punti di vista e anche queste tre proposte, che vi lanciamo per il prossimo Natale del 2016 non si sottraggono alla regola. Resta forse qualche dubbio sulla cuffie, ma solo su versante multimediale, mentre in quello gaming sono assolutamente eccellenti. Se siete alla ricerca di un qualcosa che vi permette di aggiornare il vostro desktop gaming, fateci un pensiero. Altrimenti fate leggere “casualmente” questo articolo a chi di dovere, ormai il Natale è alle porte.
Sky TG24: guarda la diretta
Empire
Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Suburra

3

Suburra

La lotta per il potere in una Roma allo sbando

Prison Break

6

Prison Break

Il grande ritorno di Michael Scofield.

Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Empire
LEGO Ninjago Il film
LEGO Ninjago Il film

E' Meraviglioso! (cit)

L'uomo di neve
L'uomo di neve

Fassbender scalda i freddi ghiacci norvegesi

It (Reboot)

6

It (Reboot)

Lo vuoi un palloncino?

Blade Runner 2049

6

Blade Runner 2049

Un Blade Runner differente!

Kingsman: Il Cerchio d'oro
Kingsman: Il Cerchio d'oro

Gli agenti al 'disservizio' di Sua Maestà ritornano in scena