Speciale Offerte PlayStation Plus di Novembre 2013

La fiera della fantascienza
Tommaso AlisonnoDi Tommaso Alisonno (15 Ottobre 2013)
Mentre il mondo attende impaziente l'arrivo della Next Gen, Sony fa del suo meglio per non lasciare che PS3 venga “troppo presto” dimentica e per fare ciò si prepara a lanciare su Your Instant Game Collection due titoli di tutto rispetto. Il primo è il risultato del connubio tra Platinum Games e Kojima Production, il secondo è l'accattivante titolo d'esordio dei Dontnod: i titoli, sicuramente, li conoscete già... Due giochi nuovi al posto di tre che vanno via? Si, ma anche no: tra i due titoli per PS Vita, che trovate segnalati come sempre a fondo articolo, ce n'è uno che gode infatti dell'opzione cross-buy.

L'aggiornamento è fissato per il 23 Ottobre: ecco i dettagli.


Gioco del mese di NOVEMBRE 2013: METAL GEAR RISING: REVENGEANCE

Tre anni. Tanto è durata la travagliata gestazione di MGR: Revengeance, lo “spin-off” fortemente voluto (e supervisionato) da Hideo Kojima, improntato sulla rivisitazione in chiave action dell'universo di Metal Gear Solid. Ambientato quattro anni dopo gli eventi narrati in Metal Gear Solid 4, MGR: Revengeance descrive i fatti immediatamente successivi alla caduta dei Patriots. Abbandonato definitivamente il ruolo di agente della Fox, l'ex membro scelto Raiden ha deciso di far parte della Maverick Security Consulting, una PMC paramilitare decisamente atipica, votata per lo più al mantenimento dell'ordine appena stabilito attraverso operazioni di scorta armata per le maggiori personalità di spicco del mondo politico.

Seppur profondamente diverso sotto il profilo del gameplay puro, Revengeance ha il “merito” di sprizzare Metal Gear Solid da tutti i pori: stiamo parlando della chiara influenza esercitata da Hideo Kojima all'interno del progetto Revengeance, al fine di offrire al giocatore l'ennesimo viaggio introspettivo in un mondo in cui bene e male non hanno mai contorni troppo netti. Abbandonata la classica impostazione da stealth-game tipica di Metal Gear Solid in favore di un sistema di gioco decisamente più diretto e frenetico, in MGR: Revengeance la parola d'ordine è “Zandatsu”, o taglia ed affetta se preferite. Giocare al titolo firmato Platinum Games significa, di fatto, affrontare un percorso ad ostacoli fatto di continui combattimenti corpo a corpo, all'interno del quale sfruttare a dovere le combo disponibili basate sull'uso alternato della parata, del colpo veloce e di quello potente, in attesa di poter dar libero sfogo alla famigerata Modalità Blade.
Immagine 2
Metal Gear Rising: Revengeance
Tale opzione consente in sostanza di rallentare l'azione e di concentrare i fendenti eseguibili liberamente attraverso l'uso di entrambi gli stick sui punti vitali del malcapitato di turno, per un tripudio di scintille e smembramenti degni del peggior Jack lo Squartatore. E' altrettanto vero che tale opzione non rappresenta la sola alternativa a disposizione di Raiden: sebbene il numero di combo disponibili non raggiunga il livello di eccellenza riscontrato in altre produzioni del team, MGR: Revengeance può fregiarsi di un sistema di combattimento decisamente completo e vario. In puro stile Metal Gear Solid, non manca, inoltre, l'opportunità di arricchire il proprio arsenale con granate a frammentazione e EMP, lanciarazzi, l'immancabile scatola di cartone e perfino cornici digitali osé per distrarre i nemici.

Non è un Metal Gear Solid nel senso più stretto del termine e come detto non voleva nemmeno esserlo. Metal Gear Rising: Revengeance va pertanto valutato per quello che è il suo target, ovvero un titolo dinamico e divertente, impegnativo quanto basta e capace di regalare svariate ore di sano, truculento, divertimento. Certo, Platinum Games ha dimostrato di saper essere ancora più incisiva in fatto di Action Game adrenalinici, ma ci si augura che questo possa essere solo l'inizio di una nuova, sfavillante serie di titoli dedicati al demone bianco.


Altre Novità di NOVEMBRE 2013


REMEMBER ME

Nella Neo Parigi del 2084, la società Memorize tiene in scacco la popolazione attraverso un macchinario chiamato Sensen che permette di manipolare i ricordi, facendo dimenticare quelli brutti e mantenendo solo quelli positivi: ovviamente questo è solo un pretesto per poter controllare il volere delle persone e non passerà molto perché questo strumento si trasformi in un potentissimo mezzo per poter regalare il benessere a pochi sfavorendo le masse. In questo clima incandescente noi controlleremo Nilin, una ragazza della resistenza “errorista” che ha visto la sua memoria quasi completamente cancellata: riuscita a scappare dalla prigione della Bastiglia, l'abile ragazza dovrà riscoprire il suo passato e sopratutto portare a termine il compito per cui lei e i suoi compagni combattono.

Il titolo si presenta come il più classico degli action-adventure in terza persona con una commistione praticamente perfetta tra elementi platform e combattimenti in grado di offrire un buon grado di profondità. A questi elementi base bisogna aggiungere la possibilità da parte di Nilin di rubare e remixare i ricordi altrui e una serie di gadget che la ragazza recupererà nel corso delle sue peripezie che apriranno nuovi squarci all'interno del gameplay. Importantissimi saranno lo spammer, una sorta di innesto al braccio sinistro che permette di sparare proiettili o di caricare un colpo più potente, ed il potere di rubare ricordi e rivivere le reminiscenze in terza persona, in modo da scoprire codici segreti, password o passaggi nascosti.
Immagine 7
Remember Me
Quello che funziona in Remember Me è proprio questo: l'equilibrio che gli sviluppatori sono riusciti a trovare all'interno della giocabilità. Il sistema di combattimento, nonostante si basi sul tempismo, offre un certo grado di personalizzazione grazie ai “pressen”, ossia dei tasti che permettono al giocatore di comporre le combo in base alle proprie esigenze. Il potere più particolare di Nilin è però quello di remixare i ricordi: potremo entrare nella mente dei malcapitati di turno per modificare il ricordo di un deteminato evento, modificando di conseguenza anche il presente, attraverso un mini gioco.

Tirando le somme, Remember Me dimostra una natura estremamente particolare in grado di regalare una boccata d'aria al genere action in terza persona. Non ci troviamo davanti ad un titolo perfetto, ma il coraggio e la bravura del team francesce Dontnod riuscirà a stupire anche voi.

Sky TG24: guarda la diretta
Empire
Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Suburra

3

Suburra

La lotta per il potere in una Roma allo sbando

Prison Break

6

Prison Break

Il grande ritorno di Michael Scofield.

Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Empire
Thor: Ragnarok
Thor: Ragnarok

Intrattenimento per tutta la famiglia a suon di cazzotti e martellate

LEGO Ninjago Il film
LEGO Ninjago Il film

E' Meraviglioso! (cit)

L'uomo di neve
L'uomo di neve

Fassbender scalda i freddi ghiacci norvegesi

It (Reboot)

9

It (Reboot)

Lo vuoi un palloncino?

Blade Runner 2049

6

Blade Runner 2049

Un Blade Runner differente!