Speciale Infinity

Una piattaforma in costante aggiornamento...
Roberto VicarioDi Roberto Vicario (2 Dicembre 2016)
Infinity, Il servizio di video on demand di Mediaset, è una piattaforma in grado di offrire ai suoi abbonanti un catalogo di contenuti che conta la bellezza di oltre 5000 titoli tra film, serie tv, cartoni animati e molto altro ancora.

Un servizio in costante aggiornamento e che, come ci è stato spiegato, vive costantemente sotto la lente di ingrandimento del miglioramento e della fruibilità rivolta chiaramente all'utente finale. Proprio per questo motivo, in previsioni anche del Natale, abbiamo deciso di fare un salto negli studi di Cologno Monzese di Mediaset per fare due chiacchiere con Michele Pinto uno dei responsabili della piattaforma Infinity.
Infinity - Immagine 3

Tra rinnovamento e copertura totale

Quante cose possono cambiare in un anno? Parecchie stando a quanto ci ha raccontato Michele Pinto, responsabile della piattaforma Infinity. I punti toccati durante la nostra chiacchierata sono stati davvero parecchi, e visti nel loro complesso testimoniamo come Mediaset creda tantissimo nell'on demand, e soprattutto nella sua piattaforma Infinity. Tre i pilastri su cui ci si è mossi principalmente: abilitazione dei device, delle feature relative a quest'ultimi, e non ultima nella qualità video.

Proprio in questa direzione si viene vista la compatibilità con Air Play (arrivata questa estate) così che da permettere la fruizione dei contenti HD su Apple TV; ma anche la compatibilità con multi screen di Samsung, tecnologia che permette, in maniera similare a Chromecast e Air Play, di far dialogare tra loro i device della casa coreana. Una funzione richiesta dai consumatori e che arriverà prima di Natale. Infine, ma non per questo meno importante, la possibilità di streammare i contenuti da PC oltre la loro normale risoluzione, in modo che collegando un PC alla televisione, si possa stremmare in alta qualità.

Espansione vuol dire anche allargare le proprie possibilità ed è per questo che si stanno facendo migrare le piattaforme LG su HTML 5, in modo da rendere fruibile lo streaming di contenuti 4K e HD con sistemi più moderni e simili a quelli di Samsung e Sony. Infine, con l'arrivo dell'app su Android TV (che verrà rilasciata il prossimo anno), la copertura dei device disponibili su mercato sarà quasi totale.
Infinity - Immagine 1

Come si migliora un'esperienza?

Parlando invece di fruibilità, molto è stato fatto pensando ai first screen, che ormai sono sempre più smart e indipendenti da dispositivi supplementari. Su TV le interfacce sono passate da bianco a nero, e questo per premiare maggiormente il grande schermo. Inoltre, proprio grazie a questo cambiamento, i dati dicono che il time to play, ovvero il tempo passato dall'utente nella scelta dei contenuti, è calato drasticamente, tutto a vantaggio della fruizione degli stessi sul proprio schermo. Si continua anche a lavorare sul raccomandation engine, ed in particolare su algoritmi basati su metadati che offrono consigli in base a quanto visto visto in precedenza e ai nostri gusti.

Passi avanti sono stati fatti ovviamente anche su device come smartphone e tablet, piattaforme che inizialmente davano diversi problemi - in termini di bug - e che ora possono godere di ben il 90% dei problemi risolti; una navigazione migliorata per un pubblico che è piuttosto esigente.

Palrando di quello che verrà invece, segnaliamo un progetto in vista del prossimo anno che punta a rinnovare totalmente l'interfaccia PC; questa verrà rivista partendo dal lavoro fatto sui first screen, ma guardando ad un'ottica ovviamente funzionale all'ambiente personal computer.

Terzo punto su cui si è lavorato e si continua a lavorare costantemente è la qualità video. Oltre alla fruizione dei contenuti 4K UHD e HDR, a cui dedicheremo uno speciale a parte, si lavora costantemente sul rinnovamento dei codec e sulla distribuzione di contenuti non solo HD ma super HD. Questo passaggio è legato non solo ai nuovi prodotti offerti, ma anche alla rilavorazione dei contenuti già presenti nel catalogo.

E se anche l'occhio vuole la sua parte, chi ci legge sarà felice di sapere che Infinity ha lavorato e continua a lavorare sulla qualità di locandine e testate, scelta fatta per migliorare la qualità visiva e rendere appetibile un prodotto ancor prima che venga iniziato lo streaming.
Infinity - Immagine 2

Cura e attenzione nei dettagli

Attraverso questa chiacchierata con Michele Pinto abbiamo capito come Mediaset tenga tantissimo alla sua “creazione”; un amore che si evince anche in tanti altri piccoli dettagli che, presi singolarmente possono quasi sembrare banali e scontati, ma che nel complesso formano quella qualità e quell'eccellenza fondamentali in un settore così qualitativamente competitivo. Pensiamo ad esempio al miglioramento dei comandi e degli input dati dall'utente (come ad esempio la necessità di cambiare lingua), oppure all'introduzione del “watch next”, oppure all'area protetta per i bambini.

Chiudiamo questa prima parte del nostro speciale dedicato ad Infinity parlandovi di Premiere, una delle iniziative che sta riscuotendo maggior successo e favori da parte del pubblico. Grazie a Premiere, infatti, gli utenti possono godere, una volta alla settimana e in forma del tutto gratuita, di uno dei contenuti facenti parte del catalogo a noleggio. Un catalogo che, lo ricordiamo, atterra sulla piattaforma Infinity a soli sei mesi dall'apparizione nelle sale cinematografiche.

Quello del TVOD è un punto molto fermo all'interno della strategia di Infinity e che mira ad essere uno dei tratti distintivi rispetto alla concorrenza. Vi basti pensare questo: sottoscritto il mese gratuito di prova, immediatamente, l'utente avrà a disposizione 4 contenuti TVOD in Super HD, 23 film in HDR o 35 in UHD (tutti in finestra TVOD) e ovviamente tutto il catalogo SVOD. Un'offerta che francamente non può lasciare indifferenti.
Qualità, attenzione a dettagli e sviluppo. Tre parole molto importanti per una piattaforma, come quella di Infinity, che mira alla qualità e all'eccellenza nel campo dello streaming. La chiacchierata in Mediaset ci ha permesso di tastare con mano quanto di buono è stato fatto nell'ultimo anno in termini di miglioramenti e risoluzione di problemi, e il nostro consiglio rimane quello di dare una chance ad Infinity se siete amanti dello streaming e del "watch anywhere".