Speciale Heroes of the Storm

Il Drone che fa la Differenza!
Simone RampazziDi Simone Rampazzi (24 Marzo 2017)

Dai mondi verdeggianti fantasy di Warcraft, alle terre più inospitali popolate da famigerati zerg in Starcraft, il Nexus di Heroes of the Storm è riuscito a regalarci tantissimi aggiornamenti dal momento della sua pubblicazione, che hanno rinfoltito il roster di personaggi utilizzabili ispirati agli universi creati da Blizzard: Diablo, Warcraft, Starcraft ed Overwatch.

Dopo aver speso diverso tempo in compagnia di eroi dal diverso ruolo, è toccato quest’oggi accompagnare le nostre battaglia con uno specialista di tutto rispetto. Piccolo, ma se usato bene piuttosto letale, il drone protoss arrivato dal mondo di Starcraft riesce ad incrementare la forza in lane, qualora venga combinato abilmente con altri compagni di squadra affiatati.

Heroes of the Storm - Immagine 1

Le sue abilità sono molto simili a quelle di Zagara, soltanto che al posto di vomitare biotumori in giro per la mappa, il nostro caro Probius si occupa di evocare gli antichi piloni di energia protoss, utilissimi per creare una zona di controllo dove egli stesso, ed i suoi compagni all’occorrenza, potranno ottenere diversi bonus a seconda dei talenti scelti.

Evoca Pilone è proprio il tratto distintivo del personaggio e tale capacità gli permette di poterne generare due contemporaneamente, con un countdown di creazione di quindici secondi di distanza l’uno dall’altro. Tali piloni permettono, durante le fasi iniziali, di poter non solo acquistare costantemente dei preziosi punti mana per lanciare le abilità, ma anche di poter evocare un Cannone Fotonico (tasto E) capace di raddoppiare la potenza di fuoco in lane, per un massimo di undici secondi. Dopo di che la torretta scompare, permettendo di evocarne un’altra qualora sia necessario.

Il bilanciamento pensato dagli sviluppatori, al fine di non rendere Probius eccessivamente potente, è stato quello di limitare lo spawn di Cannoni ad una sola unità, affidandogli inoltre un quantitativo di vita piuttosto esiguo, ragion per cui il farming in lane può essere incentivato qualora non ci siano tank o assassini dalla distanza nelle vicinanze. Esistono dei talenti per potenziare la presenza della torretta in campo, ma vedrete presto che una build efficace punterà a potenziare l’abilità Varco Dimensionale (tasto W).

Heroes of the Storm - Immagine 2

Quest’ultima non fa altro che creare un vero e proprio varco sulla mappa, con un range piuttosto generoso, capace non soltanto di rallentare le unità nemiche nei paraggi del 20%, ma anche di esplodere qualora il giocatore sia abbastanza abile da colpirla con l’Impulso Disgregatore (tasto Q). La build iniziale del personaggio permette di accedere a due cariche di Varco Dimensionale già dall’inizio, ma con i primi talenti vi accorgerete da subito che questa abilità può fare la differenza se usata con intelligenza.

Già dal primo livello, infatti, la Warp Resonance permette di ottenere un bonus all’esplosione di cento danni dopo aver colpito dieci nemici, coadiuvato per altro dall’ottenere una terza carica quando avrete coinvolto, sempre nella detonazione del varco, almeno venti avversari. Al livello sette sarà possibile ottenere Rift Shock, il quale fornirà un incremento al danno base di Probius del 20% nei confronti degli eroi nemici colpiti dall’esplosione, mentre al livello sedici avrete accesso a Gravity Well, perfetta per rallentare gli avversari del 60%, lasciandoli così alla merce dei vostri compagni di squadra.

Le abilità eroiche sono due: Sovraccarico Pilone e Portale Zero. La prima, come suggerito già dal nome, fornisce la possibilità di attivare i piloni posizionati sul campo per renderli delle unità offensive, capaci di infliggere un discreto quantitativo di danni ai nemici nei paraggi mentre la seconda, più tattica forse se usata a dovere, crea una barriera fotonica che danneggia i nemici rallentandoli con un malus dell’80%.

Immaginatelo combinato con un Lich King, o con altri personaggi che sfruttano abilità eroiche piuttosto “lente” nel lancio. Facendo un’attenta disamina vi renderete presto conto che Probius è uno specialista molto complicato da usare, soprattutto perché massimizza il suo ruolo soltanto avendo un’ottima tempistica legata ai tempi di lancio delle abilità non solo suoi, ma anche di tutti gli altri avversari sul campo.

Utilizzarlo in solitaria è una mossa fin troppo azzardata, pertanto è bene decidere di affrontare la lane in compagnia dei vostri compagni di squadra (soprattutto tank), che possono difendervi in caso di attacchi mirati da parte di assassini a distanza. Non andateci troppo leggeri, insomma, anche perché l’unico modo per sopravvivere sarà quello di tenere in vita i piloni da voi generati, al fine di ottenere i bonus sopracitati. Al livello 13, tornando a parlare di talenti restando in tema, avrete la possibilità di scegliere diversi bonus dai vostri piloni: danno, potenza abilità o scudi. Scegliete con attenzione cosa vorrete fare, perché da questo livello in poi potrete fare particolarmente la differenza, soltanto però se avrete posizionato i piloni nel modo giusto.

Heroes of the Storm - Immagine 3

Probius si è rivelato un eroe piuttosto complesso da utilizzare. Uno specialista che richiede giocatori navigati, soprattutto attenti alle tempistiche che il gioco impone nelle fasi più concitate. La possibilità di evocare i piloni regala al personaggio una buona dose di impegno extra, ma se il Nexus non vi spaventa potrebbe rivelarsi un personaggio letale nelle mani giuste.

Heroes of the Storm

Heroes of the Storm PC Cover
Empire
I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Benvenuti al Lynch Park!

Sense8

1

Sense8

I Sense8 sono tornati

Girlboss

1

Girlboss

Storia di una donna di successo

Empire
Ever Oasis
Ever Oasis

Una piacevole fiaba ricca di speranza

Valkyria Revolution

6

Valkyria Revolution

Lo spin-off action di Valkyria Chronicles arriva in Europa: SEGA mostra coraggio nel voler innovare, ma non basta.

Heroes of the Storm
Heroes of the Storm

L'Angelo della Morte approda nel Nexus

Get Even

14

Get Even

A volte è meglio dimenticare..

Rime
Rime

Tequila Works ci sorprende con un nuovo "racconto emozionale"