Speciale Heavy Rain

Abbiamo testato le capacità motorie di Quantic Dreams
Tommaso AlisonnoDi Tommaso Alisonno (1 Dicembre 2010)
A Febbraio di quest'anno abbiamo finalmente messo le mani sull'attesissimo titolo dei Quantic Dreams che ha fatto parlare di sé sin dal prima presentazione di PS3: parliamo di quell'Heavy Rain che ha reintrerpretato il concetto di avventura, o meglio ancora di Dramma Interattivo, puntando su un vasto utilizzo dei Quick Time Events, oltre a un'ambientazione, a un'atmosfera, a dei personaggi ed a una trama di prim'ordine, studiati per trasmettere emozioni e sensazioni prima che intrattenimento. Sony, dal canto suo, ha reso noto sin dall'ultimo E3 che il titolo avrebbe avuto ben presto un aggiornamento che avrebbe permesso di fruirne attraverso il nuovissimo Playstation Move.
Heavy Rain - Immagine 2
Per bussare si solleva la mano e si spinge, naturalmente
Heavy Rain - Immagine 3
Qui, invece, si spinge e basta
Heavy Rain - Immagine 4
L'icona della pallina indica il movimento del Move con il tasto T premuto
Eccoci pertanto al cospetto di Heavy Rain Move Edition: cominciamo subito col dire che la nuova “versione” del gioco non costerà un centesimo a chi già dovesse possedere HR, in quanto è disponibile tramite il Playstation Network un DLC totalmente gratuito (di circa 1.2 Giga) che trasformerà letteralmente il gioco standard nella nuova versione, compresa la variazione delle schermate del titolo e dei menù. Ad ogni modo, a prescindere da come l'abbiate ottenuta, la Move Edition è ancora totalmente giocabile col controller tradizione; ma focalizziamoci sulla nuova interfaccia.

Cominciamo subito a dire che solo l'accoppiata PSEye/Move non sarà sufficiente a giocare: dovrete tenere nell'altra mano il Navigation controller o perlomeno un tradizionale Sixaxis/Dualshock3; questo perché per gestire il movimento del personaggio avrete comunque bisogno di uno stick analogico, ed anche perché diversi QTE andranno a interessare i tasti dorsali. Il secondo elemento interessante che emerge dalla configurazione è che, a differenza da molti giochi basati sulla telecamera, HRME prevede che il giocatore sia seduto, e non in piedi, di fronte al PSEye. Un'ultima notazione, maturata con l'esperienza diretta, è quella di evitare la presenza di fonti di luce intense (ad esempio una finestra che da sul sole) che possano falsare la percezione della sfera luminosa, mentre non causano problema le luci diffuse.
Il gioco procede su per giù in maniera analoga alla versione tradizionale, ma naturalmente ora tutte le iterazioni sono state riscritte. Dal punto di vista dei tasti da premere assistiamo a una riduzione: laddove HR sfruttava tutti e otto i tasti del Sixaxis, HRME ne utilizza solo quattro, cioè il tasto Move, il Trigger T e i succitati dorsali del secondo controller. Tutta quella serie di comandi, invero molto numerosi, che erano originariamente associati all'analogico destro, invece, sono ora effettuati tramite il Motion Controller.

È necessario naturalmente imparare a interpretare le nuove icone: un pallino semplice indica la necessità di puntare il Move verso lo schermo e premere il tasto T prima di eseguire il movimento richiesto, sia esso uno spostamento laterale, una rotazione o una spinta; una rappresentazione verticale o orizzontale del Move indicherà invece che prima di premere T sarà necessario porre la periferica nella medesima posizione, e così via.

Il risultato è quello di un'interfaccia più semplice dal punto di vista delle icone, quindi probabilmente più user-friendly per quei giocatori che non hanno grande esperienza del controller Sony, e contemporaneamente dotata di una nuova chiave d'interpretazione per il gameplay unico di Heavy Rain: è indubbiamente vero che i comandi di movimento siano più “naturali” rispetto alla rotazione di uno Stick analogico. Certo, il gioco alla fin fine è lo stesso, ma riesce in questa nuova incarnazione ad avvicinarsi ad un numero ancora maggiore di utenti, oltre che fornire ulteriore divertimento a chi già l'ha portato a termine.
Heavy Rain - Immagine 5
Mettere il Move in verticale e sollevarlo per iteragire
Heavy Rain - Immagine 6
E' il momento di sferrare un cazzotto
Heavy Rain - Immagine 7
Ancora una volta molte azioni comporteranno l'uso di più tasti insieme, ma nella versione Move ne dovrete gestire solo quattro
L'edizione Move di Heavy Rain aggiunge al gioco un pizzico di interattività in più che lo rende, seppur di poco, ancora un po' più immersivo del lavoro di base, che è notoriamente già molto “stiloso” di per sé. Il risultato è un capolavoro riproposto in modo da essere appetibile anche ai giocatori più casual, oltre che un nuovo modo di giocarlo per chi l'ha già terminato in tutte le salse. Un vero valore aggiunto per il capolavoro di Quantic Dreams.

Heavy Rain

Heavy Rain PS3 Cover
Empire
The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

The 100
The 100

Analizziamo i contenuti di questa terza stagione

Stranger Things

9

Stranger Things

Il sequel (quasi) perfetto!

Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Empire
Far Cry 5

1

Far Cry 5

Siamo tornati in Montana!

Resident Evil Revelations 2

3

Resident Evil Revelations 2

L'orrore sbarca in forma portatile!

Linea Sparco Gaming
Linea Sparco Gaming

Nella splendida cornice del Monza Rally Show, Sparco Gaming ha presentato la nuova seduta da gioco per il 2018

Steep

1

Steep

Le Olimpiadi coreane in questo nuovo DLC!

Kingdom Come: Deliverance
Kingdom Come: Deliverance

Abbiamo fatto un salto nel medioevo!