Speciale Brilliance Monitor LCD con NVIDIA G-SYNC

Abbiamo testato un ottimo monitor con supporto G-Sync
Valerio De VittorioDi Valerio De Vittorio (29 Gennaio 2015)
Verso la fine del 2013 NVIDIA annunciò una tecnologia molto interessante, battezzata come G-Sync. Un anno e mezzo dopo, finalmente si diffondono i monitor che la supportano, come il Philips Brilliance LCD Monitor (272G5DYEB). In questo speciale vi raccontiamo come funziona il G-Sync e se lo schermo proposto da Philips possa essere degno dei vostri sudati risparmi.
Brilliance Monitor LCD con NVIDIA G-SYNC - Immagine 4
Il supporto pienamente regolabile è un valore aggiunto davvero notevole di questo pannello 27 pollici

G-Sync questo sconosciuto

Se siete giocatori è facile che abbiate familiarità con concetti quali Tearing e V-Sync. Ma facciamo comunque un ripasso che non guasta mai. Sin dai tempi dei monitor CRT, ovvero a tubo catodico, ci teniamo stretti una frequenza di aggiornamento pari a 60Hz, ovvero il numero di proiezioni generate al secondo dal vostro fido schermo. Nonostante il passaggio agli LCD e altre tecnologie per pannelli piatti, tale base non è stata intaccata se non recentemente con alcuni monitor a refresh più alto, spesso indicati per il supporto al 3D che vuole il doppio degli Hz. Le nostre schede video, però, non sono capaci di generare frame con costanza, calando o aumentando il numero di immagini al secondo in base alla complessità della scena calcolata. E' qui che può subentrare il fastidioso tearing, ovvero l'immagine spezzata, un effetto causato da una cattiva sincronia tra i frame inviati dalla GPU e le proiezioni del monitor, che tentando di raccordarsi, si spezzano, appunto.
Il G-Sync è una tecnologia che funziona davvero e il monitor Philips la gestisce perfettamente

Esistono alcuni stratagemmi per evitare questo problema, il più noto e diffuso dei quali è il V-Sync, che forza i frame al secondo per farli corrispondere al refresh del monitor, ecco perché spesso e volentieri i nostri giochi girano a 30 FPS o 60 FPS e non ad esempio 45. Nonostante alcune evoluzioni, il principio del V-Sync rimane lo stesso, con indubbi vantaggi estetici ma limiti prestazionali. I gamer professionisti, infatti, non lo attivano mai, per evitare un ritardo tra i comandi e la risposta dei giochi.
Grazie alla tecnologia G-Sync, una semplice scheda inserita nel monitor elimina in un colpo solo tearing e lag. E' possibile per i modder installarla in alcuni schermi, ma molto più interessante per noi giocatori è destreggiarci tra i monitor offerti dai vari produttori che un po' timidamente stanno proponendo sul mercato diverse configurazioni più o meno interessanti, come il Philips Brilliance LCD Monitor protagonista del nostro speciale.

Philips si getta nella mischia

Il prodotto Philips si propone come un'ottimo pannello da 27 pollici. Estratto dalla scatola, il montaggio è semplicissimo, abbiamo la base da avvitare al supporto che a sua volta si incastra dietro al pannello e con una vite si fissa. Posizione, angolo ed altezza sono completamente regolabili, così che in un attimo troverete l'impostaizone più confortevole in base alle vostre esigenze. I materiali sono solidissimi, sotto questo aspetto non abbiamo nulla di negativo da rimproverare al costruttore che ha confezionato un prodotto davvero elegante, semplice e valido. I collegamenti sono altrettanto semplici, abbiamo un ingresso DisplayPort com'è di norma per poter usufruire del G-Sync, che con il cavo incluso nella confezione, potete subito collegare alla scheda video NVIDIA, la quale lo riconosce in automatico impostando la risoluzione video ed attivando il G-Sync. Se non dovesse accadere, dal pannello dei controlli potete sempre impostarlo voi con un semplice click. Nei vai giochi potreste dover disattivare voi l'eventuale V-Sync manualmente, invece.
Brilliance Monitor LCD con NVIDIA G-SYNC - Immagine 3
Ecco il monitor di Philips
Da notare la presenza di ben quattro porte USB 3.0 sul lato destro dello schermo, che ha in dotazione anche il relativo cavo di collegamento per farle comunicare col PC. Un'aggiunta sicuramente gradita, tanto che con la rotazione del monitor, questi ingressi aggiuntivi sono facilissimi da raggiungere. Invece siamo rimasti scottati dalla mancanza di altri ingressi video, almeno una porta HDMI sarebbe stata gradita per poter utilizzare il monitor in circostanze diverse dal gioco su PC, magari collegando una console. Purtroppo bisogna dire che al momento questa è una mancanza diffusa nei monitor G-Sync, salvo qualche rara eccezione.
Purtroppo la risoluzione si ferma a 1080p

Un'altra scelta non del tutto condivisibile è la risoluzione, che si ferma ai 1080p, uno standard accettabile ma per un monitor così grande sarebbe stato meglio spingersi almeno fino 2560x1440, per non arrivare ad un costoso pannello 4K. Per il resto il pannello offre prestazioni eccellenti, con colori ottimi, neri profondi ed una risposta rapidissima, di 1 millisecondo a 144Hz. Inoltre è rivestito in materiale anti riflesso. Insomma, fatto salvo per la risoluzione, il prodotto è praticamente ineccepibile in quanto a qualità dell'immagine. Buono anche l'angolo di visione, che garantisce una buona resa anche se non perfettamente frontali allo schermo.

I settaggi permessi dai quattro tasti sensibili al tocco posti in basso a destra sono piuttosto limitati e non esistono pre-impostazioni per ridurre la luminosità in base alle esigenze del momento, un accorgimento che ci avrebbe fatto molto piacere trovare. Inoltre non è prevista una modalità a basso consumo, forse perché questo è già ridottissimo, si parla di soli 33 watt.

Durante i nostri test con giochi come l'ultimo Dying Light, Project CARS, Assetto Corsa, ma anche i ben più leggeri Crysis 3, Bioshock Infinite e Mirror's Edge, siamo rimasti molto soddisfatti delle prestazioni del monitor. Disattivando totalmente la sincronia verticale abbiamo goduto di immagini perfette, fluide, senza stuttering ed una risposta ai comandi eccellente. In parole povere, G-Sync funzione ed il pannello Philips sa essere un buon compagno di giochi. C'è da dire che fermarsi ai 1080p può rappresentare un vantaggio per utenti meno esigenti che posseggono una scheda video non potentissima, così che in Full HD possono spingere in alto il conteggio dei frame e godersi i propri titoli preferiti ben al di sopra dei 60 FPS. Infatti, un concorrente del Philips Brilliance LCD Monitor (272G5DYEB) di livello come il Asus ROG Swift PG278Q, offre alcune funzioni aggiuntive e risoluzione 2560x1440, ma costa anche circa cento euro in più.
Il prodotto Philips si propone come un'ottimo pannello da 27 pollici
Brilliance Monitor LCD con NVIDIA G-SYNC - Immagine 2
Questa semplice scheda ideata dagli ingegneri di NVIDIA sembra la panacea per i giocatori seri
Il monitor Philips Brilliance LCD 272G5DYEB ci ha colpiti ma con qualche riserva. Per meno di 600 euro vi portate a casa uno schermo da 27 pollici di ottima fattura, con una base regolabile solida e versatilissima (supporta anche la posizione verticale per intenderci), una resta cromatica molto buona e risposta invidiabile. G-Sync è una tecnologia davvero valida e l'implementazione nel prodotto Philips è perfetta. Peccato per l'assenza di ingressi video aggiuntivi e per la risoluzione ferma ai 1080p, elementi che abbattono leggermente il prezzo, ma potrebbero spingere alcuni utenti a fare uno sforzo economico maggiore e puntare a prodotti di fascia più alta.
Empire
The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

The 100
The 100

Analizziamo i contenuti di questa terza stagione

Stranger Things

9

Stranger Things

Il sequel (quasi) perfetto!

Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Empire
Monster Hunter World
Monster Hunter World

Siamo entrati in contatto con il nuovo mondo!

Titan Quest: Ragnarök
Titan Quest: Ragnarök

Un gradito ritorno che però non convince fino in fondo

Injustice 2
Injustice 2

I supereroi si menano anche su PC

Xenoblade Chronicles 2

12

Xenoblade Chronicles 2

La saga di Takahashi torna con un nuovo capitolo più colorato e divertente, che decolla ma non convince fino in fondo.